Announcement

Collapse
No announcement yet.

Costa Crociere e Banco Alimentare

Collapse
X
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • Costa Crociere e Banco Alimentare

    COSTA CROCIERE E FONDAZIONE BANCO ALIMENTARE ONLUS
    PORTANO IN MARE LA LOTTA ALLO SPRECO ALIMENTARE

    Parte a Savona il progetto di collaborazione tra Costa Crociere e Fondazione Banco Alimentare Onlus, che per la prima volta permetterà il recupero e il riutilizzo a fini sociali delle eccedenze alimentari a bordo delle navi da crociera.

    Savona, 22 luglio 2017 – Costa Crociere e Fondazione Banco Alimentare Onlus presentano il progetto di collaborazione che per la prima volta consentirà il recupero e il riutilizzo a fini sociali delle eccedenze alimentari prodotte a bordo delle navi da crociera. L’iniziativa è partita ufficialmente oggi a bordo di Costa Diadema, ammiraglia della compagnia italiana, durante lo scalo di Savona, e prevede la raccolta a bordo del cibo preparato ma non servito nei ristoranti della nave, e la sua distribuzione a un’organizzazione locale che fornisce assistenza a ragazzi in difficoltà.


    All’inaugurazione erano presenti l’Onorevole Maria Chiara Gadda, promotrice e relatrice della legge 166/2016 a favore delle donazioni di eccedenze alimentari e il Senatore Andrea Olivero, Vice Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.


    “Essere qui oggi dimostra che la legge contro gli sprechi alimentari, in vigore dallo scorso settembre, sta dando i suoi frutti e l’azione del Governo è stata puntuale ed efficace e soprattutto ha innescato un cambiamento culturale sul tema della lotta allo spreco del cibo e al sostegno alla povertà. Dobbiamo essere coscienti della responsabilità diffusa che c’è su questo tema e che coinvolge tutti, con pesi e modalità diversi, le istituzioni, i cittadini, i volontari e il mondo dell’impresa perché ognuno, per la propria parte, può contribuire ad un cambio di rotta.” ha dichiarato il Vice Ministro Andrea Olivero.


    «Sono emozionata e per me è un grandissimo motivo di orgoglio constatare che l’innovazione introdotta dalla Legge 166/2016, approvata dal Parlamento italiano a larghissima maggioranza e fortemente sostenuta dal Governo, stia dando i suoi frutti. Questa è la dimostrazione che la Politica serve, eccome: il Parlamento ha saputo mettere a sistema bisogni e buone pratiche. Oggi, con questo progetto ambizioso, si dà un importante messaggio: recuperare le eccedenze anche nelle situazioni più complesse non solo non è una utopia, ma è possibile se ciascuno decide di assumersi la propria parte di responsabilità» ha dichiarato l’Onorevole Maria Chiara Gadda.


    "Dopo l’entrata in vigore della Legge Gadda contro lo spreco alimentare - afferma Andrea Giussani, Presidente della Fondazione Banco Alimentare Onlus - abbiamo lavorato con Costa Crociere 8 mesi per strutturare un processo di gestione delle eccedenze alimentari che ci permettesse di recuperare cibo di altissimo valore qualitativo e nutrizionale. Oggi ci riempie di gioia sapere che questo cibo non verrà sprecato ma verrà consegnato ad una struttura che assiste minori, in un momento in cui anche Istat conferma che la povertà minorile è passata dal 3,9% del 2005 al 12,5% del 2016. Da oggi in poi le nostre energie si concentreranno nell’estendere questa best practice anche agli altri porti in Italia, sperando di trovare sempre la collaborazione di tutti gli attori, come è successo a Savona”.


    “Siamo molto orgogliosi di questa iniziativa, che rappresenta una novità assoluta nel mondo delle crociere e che Costa ha fortemente voluto. Il Banco Alimentare, partner autorevole e punto di riferimento nella lotta contro lo spreco alimentare, ci consentirà di donare alle persone più bisognose il cibo in eccesso. Partiamo con Savona e la nostra ammiraglia Costa Diadema, ma l’obiettivo comune è di coinvolgere sempre più navi e porti in Italia e nel Mediterraneo. Il lavoro di preparazione allo sbarco del cibo, in virtù della sua unicità, ha visto direttamente impegnate l’Agenzia delle Dogane e la Sanità Marittima nella messa a punto delle procedure di conferimento, e dimostra la capacità di fare sistema nel concretizzare le opportunità offerte dalla Legge 166/2016. Tutto ciò costituisce un punto di partenza per chi vorrà unirsi a noi nel settore marittimo” - ha dichiarato Neil Palomba, Direttore Generale di Costa Crociere.


    Costa Diadema è impegnata per tutto l’anno in crociere di una settimana nel Mediterraneo, che fanno scalo a Savona tutti i sabati. Ogni venerdì precedente l’arrivo della nave a Savona, dopo la fine della cena, verranno raccolti tutti i piatti preparati nei ristoranti e mai serviti agli ospiti, i così detti “ready to eat”. I pasti saranno riposti in appositi contenitori di alluminio, che verranno sigillati e etichettati per garantirne la tracciabilità, e poi conservati nelle celle frigorifere di bordo. Il mattino seguente, dopo l’attracco della nave a Savona, i contenitori saranno sbarcati e consegnati ai volontari del Banco Alimentare, che li porteranno a Varazze, presso la Fondazione L’Ancora, che gestisce una casa alloggio, in cui soggiornano 20 minori, oltre a fornire aiuto alimentare ad oltre 280 persone in difficoltà, tra cui rifugiati.


    “L’impatto sociale della Legge Gadda è molto importante per le organizzazioni come la nostra - sostiene Fausto Romano, Direttore della Fondazione L’Ancora Onlus - che accompagna le persone bisognose nell’attraversamento delle fasi più difficili della loro vita. La Fondazione L’Ancora ONLUS ha risposto con entusiasmo alla collaborazione con Costa Crociere e Banco Alimentare nel dar vita al progetto di raccolta e distribuzione delle eccedenze alimentari, che ci consentirà di ricevere cibo vario e di ottima qualità. Infine, ma non da ultimo, dal punto di vista educativo il tema del contenimento dello spreco e del cibo come dono rappresenta uno strumento importante di dialogo e di crescita con i ragazzi”.


    Il progetto di Costa Crociere e Fondazione Banco Alimentare Onlus, che si inserisce nel contesto di sostegno alla povertà ed esclusione sociale, è stato possibile anche grazie alla legge 166/2016 contro gli sprechi alimentari e farmaceutici promossa dall’on. Maria Chiara Gadda ed entrata in vigore il 14 settembre 2016. Il provvedimento riorganizza il quadro normativo di riferimento che regola le donazioni degli alimenti invenduti con misure di semplificazione, armonizzazione e incentivazione, permettendo di donare qualsiasi tipo di bene alimentare con più facilità e in maniera altrettanto controllata e sicura, ma soprattutto stabilisce la priorità del recupero di cibo da donare alle persone più povere del nostro Paese.






    Fondazione Banco Alimentare Onlus
    Banco Alimentare dal 1989 recupera in Italia alimenti ancora integri e non scaduti che sarebbero però destinati alla distruzione, perché non più commercializzabili. Salvati dallo spreco, riacquistano valore e diventano risorsa per chi ha troppo poco. La Rete Banco Alimentare opera ogni giorno in tutt’Italia attraverso 21 Organizzazioni Banco Alimentare dislocate su tutto il territorio nazionale, coordinate dalla Fondazione Banco Alimentare Onlus. L'hanno scorso Banco Alimentare ha distribuito oltre 66.000 tonnellate di alimenti. Di questi, 1.100.000 piatti pronti di cibo cotto e 326 tonnellate di pane e frutta sono recuperati ogni giorno, dalla ristorazione organizzata, mense aziendali, ospedaliere e scolastiche. Ogni giorno gli alimenti vengono ridistribuiti gratuitamente a 8.035 strutture caritative che aiutano circa 1.600.000 persone bisognose in Italia, di cui 135.000 bambini da 2 a 7 anni. L'attività di Banco Alimentare è possibile grazie al lavoro quotidiano di oltre 1.800 volontari.


    Costa Crociere è una compagnia italiana che fa parte di Carnival Corporation & plc, il più grande gruppo crocieristico al mondo. Da 69 anni le navi della flotta Costa portano in tutti i mari del mondo l’ospitalità e le autentiche vacanze in stile italiano, all’insegna di cibo squisito, vini selezionati, esperienze di shopping uniche e una vasta offerta di famosi marchi italiani. Attualmente la flotta Costa comprende 15 navi in servizio, tutte battenti bandiera italiana. Nel 2019 e 2021 è prevista la consegna di altre due nuove navi di ultima generazione, alimentate a gas naturale liquefatto (LNG), il combustibile fossile più “pulito” al mondo. La strategia di sviluppo sostenibile di Costa Crociere pone grande attenzione ai temi della nutrizione e delle filiere alimentari. Negli ultimi anni, a bordo delle navi della compagnia italiana, sono stati realizzati interventi molto efficaci per ridurre al minimo le eccedenze alimentari, che si svilupperanno ulteriormente grazie a una serie di iniziative che punteranno a coinvolgere anche gli ospiti delle navi.
    Maurizio
    Co-fondatore di Crocieristi.it

  • #2
    Maurizio grazie per averci reso partecipi di questa lodevole iniziativa.

    Proprio oggi seguivo il servizio sulle reti d' informazione. Lo abbiamo sempre ribadito in tantissime discussioni qui sul nostro forum, le problematiche dello spreco ed eccedenze alimentari.
    Con questa iniziativa utile e lodevole,si compie il primo passo e mi auguro che questa formula venga presa in considerazione come esempio tangibile che qualcosa di buono è possibile compiere, anche attraverso questa via. Auspico venga estesa ad altre unità della flotta , mi pare di capire che è su Diadema in forma sperimentale, e in altri porti di scalo, ove ci siano sul territorio entità bisognose di aiuto.


    Un saluto.
    Last edited by capricorno; 22-July-2017, 14:48.
    Oriana

    ### Moderatrice del forum ###

    " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

    Comment


    • #3
      Altro accordo per ridurre lo spreco alimentare a bordo.


      Costa Crociere e Winnow insieme per ridurre lo spreco alimentare in mare

      La partnership, che è una vera e propria novità nel settore crocieristico, migliorerà la qualità dell’esperienza gastronomica offerta agli ospiti, confermando l’impegno di Costa nella riduzione 
dello spreco di cibo sulle sue navi.

      Genova, 19 settembre 2017 – Costa Crociere si allea con Winnow con l’obiettivo di combattere lo spreco alimentare e rafforzare ulteriormente il suo impegno nel campo della sostenibilità. Questa partnership, che è un’ulteriore novità proposta nell’industria crocieristica da Costa – compagnia italiana parte del gruppo Carnival Corporation & plc (NYSE/LSE: CCL; NYSE: CUK), la più grande compagnia crocieristica del mondo – consentirà di continuare ad offrire un’esperienza gastronomica eccellente, investendo allo stesso tempo sulla riduzione degli sprechi alimentari durante la produzione dei pasti a bordo.
      La missione di Winnow, azienda che opera nel tech, è supportare le aziende del settore dell’ospitalità nella lotta allo spreco alimentare, che può essere affrontato mettendo in condizione gli chef e il loro staff di lavorare in modo più creativo ed efficiente.
      “Costa Crociere trova in Winnow un partner chiave, che permette un’implementazione a 360 gradi di un approccio sostenibile per la riduzione dello spreco di cibo durante il processo di preparazione”, ha dichiarato Stefania Lallai, Sustainability and External Relations Director di Costa Crociere. “La partnership è in linea con il nostro impegno ad offrire ai nostri ospiti la migliore esperienza gastronomica possibile. Winnow ha un ruolo cruciale nella mappatura e nella revisione dei processi a bordo, così come nell’evoluzione e nello sviluppo dei nostri metodi di preparazione. Crediamo fermamente che con l’aiuto di Winnow riusciremo a cambiare la cultura all’interno delle nostre cucine, trasformando per sempre le modalità di preparazione del cibo sulle navi da crociera di tutto il mondo”.
      Costa Diadema, ammiraglia della compagnia crocieristica italiana, è la prima nave a bordo della quale si sta sperimentando il progetto, che sarà poi implementato su tutte le navi Costa in Europa e in Asia.
      “Costa Crociere ha immediatamente compreso il prezioso aiuto che Winnow avrebbe potuto fornire nella riduzione dello spreco alimentare e il vantaggio che ciò comporta anche per la salvaguardia del nostro pianeta.” ha detto Marc Zornes, CEO e cofondatore di Winnow. “Questa è una grande opportunità per il settore delle navi da crociera, e con gli strumenti giusti sarà possibile trasformare l’intera industria crocieristica. Condividiamo totalmente la visione di Costa Crociere e siamo molto lieti di poter essere al loro fianco come prima compagnia ad affrontare il tema dello spreco alimentare nelle crociere”.

      Costa Crociere è una compagnia italiana che fa parte di Carnival Corporation &plc, il più grande gruppo crocieristico al mondo. Da 69 anni le navi della flotta Costa portano in tutti i mari del mondo l’ospitalità e le autentiche vacanze in stile italiano, all’insegna di cibo squisito, vini selezionati, esperienze di shopping uniche e una vasta offerta di famosi marchi italiani. Attualmente la flotta Costa comprende 15 navi in servizio, tutte battenti bandiera italiana. Nel 2019 e 2021 è prevista la consegna di altre due nuove navi di ultima generazione, alimentate a gas naturale liquefatto (LNG), il combustibile fossile più “pulito” al mondo. Lo sviluppo della strategia di sostenibilità di Costa Crociere pone grande attenzione al problema della nutrizione e della produzione del cibo. Negli ultimi anni, a bordo delle navi della compagnia, sono state introdotte misure molto efficaci per la riduzione delle eccedenze alimentari, che saranno sviluppate ulteriormente grazie a una serie di iniziative che punteranno a coinvolgere anche gli ospiti.

      Winnow è una compagnia tech produttrice di tecnologie all’avanguardia, che hanno l’obiettivo di aiutare gli chef a misurare, monitorare e ridurre drasticamente lo spreco di cibo. Le cucine che lavorano con Winnow sanno esattamente che tipo di rifiuti producono, grazie a un tablet touch screen che permette di identificare che cosa viene gettato via. Una bilancia elettronica registra il peso e manda un messaggio a chi la utilizza, dando il costo del cibo che finisce tra i rifiuti. Il contatore è connesso a un software cloud che registra e analizza lo spreco giornaliero. Questo dà agli chef le informazioni necessarie a migliorare il loro processo di produzione per ridurre lo spreco di cibo, risparmiare denaro e rafforzare il loro impegno per l’ambiente. I dati aiutano gli chef a prendere decisioni migliori, coinvolgere il personale e a dargli motivazioni più chiare stabilendo degli obiettivi. Semplice e intuitivo, il sistema Winnow è stato realizzato specificatamente per cucine di grandi dimensioni.
      Maurizio
      Co-fondatore di Crocieristi.it

      Comment


      • #4
        Grazie a Maurizio per aver aperto questo thread molto importante riguardo lo spreco di cibo sulle navi da crociera.

        L'iniziativa è partita da oggi in modo ufficiale a bordo di Costa Diadema per il riutilizzo delle eccedenze alimentari prodotte a bordo, durante lo scalo di Savona è stato raccolto il cibo preparato nei ristoranti e non servito, ed è stato poi distribuito ad una organizzazione locale che da assistenza ai ragazzi in difficoltà.

        Comment


        • #5
          Originally posted by Miryam View Post
          Grazie a Maurizio per aver aperto questo thread molto importante riguardo lo spreco di cibo sulle navi da crociera.

          L'iniziativa è partita da oggi in modo ufficiale a bordo di Costa Diadema per il riutilizzo delle eccedenze alimentari prodotte a bordo, durante lo scalo di Savona è stato raccolto il cibo preparato nei ristoranti e non servito, ed è stato poi distribuito ad una organizzazione locale che da assistenza ai ragazzi in difficoltà.

          Potrebbe essere tutto piu' semplice e dare risultati ancora migliori se non ci fosse di mezzo la elefantiaca burocrazia italiana.
          Maurizio
          Co-fondatore di Crocieristi.it

          Comment


          • #6
            Riceviamo e pubblichiamo un aggiornamento.


            COSTA CROCIERE E BANCO ALIMENTARE
            RAFFORZANO LA COLLABORAZIONE NELLA LOTTA ALLO SPRECO.
            CIVITAVECCHIA ENTRA NEL PROGRAMMA DELLE DONAZIONI ALIMENTARI DELLE NAVI COSTA


            Civitavecchia, 1 dicembre 2017 – Prosegue il progetto di collaborazione tra Costa Crociere e Fondazione Banco Alimentare Onlus per il recupero e il riutilizzo a fini sociali delle eccedenze alimentari prodotte a bordo delle navi da crociera.

            Oggi a bordo di Costa Diadema, ammiraglia della compagnia italiana, durante lo scalo di Civitavecchia, è stato presentato un nuovo capitolo del progetto di collaborazione, grazie al quale si potrà raccogliere il cibo preparato ma non servito nei ristoranti della nave, e garantirne la distribuzione a un’organizzazione locale che fornisce assistenza a ragazzi in difficoltà.

            A 5 mesi dall’esperienza iniziata a Savona, che ad oggi ha permesso di destinare 8.500 porzioni a persone in difficoltà, anche Civitavecchia entra nel programma delle donazioni alimentari delle navi Costa.

            L’Onorevole Maria Chiara Gadda, promotrice e relatrice della legge 166/2016 a favore delle donazioni di eccedenze alimentari ha portato la sua prestigiosa testimonianza. “Sono molto felice di essere qui oggi per inaugurare la seconda tappa di un percorso che, sono certa, approderà presto in altri porti d’Italia e mi auguro d’Europa. Questo testimonia concretamente che recuperare cibo buono e sano, con un fine importante come la solidarietà sociale, è possibile sempre, anche nei luoghi più impensati, come una nave da crociera, o nei luoghi di vacanza e di divertimento. La legge antispreco oggi consente di farlo con maggiore semplicità, ma allo stesso tempo è necessario che vi sia la determinazione e la volontà di cooperare tra attori pubblici, privati e del non profit, che decidono di mettersi insieme per costruire il bene comune.” - ha dichiarato l’Onorevole Maria Chiara Gadda.

            “Da oggi altri 36 ragazzi potranno beneficiare di preparazioni culinarie di altissima qualità, sia dal punto di vista del gusto che dal punto di vista del loro valore nutrizionale e questo non può che renderci orgogliosi e ripagarci degli sforzi fatti per raggiungere questo importante obiettivo – ha detto Marco Lucchini, Segretario Generale della Fondazione Banco Alimentare. Siamo già pronti ad impegnarci per concretizzare i prossimi sviluppi di questo importante progetto che speriamo possa presto raggiungere il porto di Palermo”.

            “Oggi aggiungiamo un nuovo tassello al nostro impegno nella lotta contro lo spreco alimentare. Siamo partiti da Savona la scorsa estate e oggi, con l’introduzione nel programma anche di Civitavecchia, intendiamo dare un segno concreto della nostra volontà ad estendere il programma ad altri porti in Italia. Siamo molto orgogliosi di questa iniziativa che rappresenta una novità assoluta nel mondo delle crociere ed è resa possibile grazie ad un partner autorevole e punto di riferimento come il Banco Alimentare. Il nostro impegno continua per estendere ulteriormente il programma anche ad altre navi della flotta Costa e ad altri porti di scalo nel Mediterraneo. A testimonianza dell’importanza di “fare sistema”, intendo sottolineare e ringraziare per la collaborazione, il lavoro svolto dall’Agenzia delle Dogane, dalla Sanità Marittima nella messa a punto delle procedure di conferimento e da tutti quegli attori che hanno reso possibile questo progetto.” - ha dichiarato Giuseppe Carino, Vice President Guest Experience di Costa Crociere.

            Costa Diadema è impegnata per l’intero anno in crociere di una settimana nel Mediterraneo, che fanno scalo a Civitavecchia tutti i venerdì. Ogni giovedì precedente l’arrivo della nave a Civitavecchia, al termine della cena, verranno raccolti tutti i piatti preparati nelle aree ristorazione e non serviti agli ospiti, i così detti “ready to eat”. I pasti saranno riposti in appositi contenitori di alluminio, che verranno sigillati e etichettati per garantirne la tracciabilità, e poi conservati nelle celle frigorifere di bordo. Il mattino seguente, dopo l’attracco della nave al porto di Civitavecchia, i contenitori saranno sbarcati e consegnati ai volontari del Banco Alimentare, che li porteranno presso la ONLUS “La Repubblica dei Ragazzi”, una comunità sita sull’Aurelia a Civitavecchia che ospita ragazzi con gravi problemi familiari fornendo loro assistenza e formazione educativa.

            “Da più di 70 anni accogliamo minori con difficoltà a livello sociale. Nella nostra struttura viene applicato un modello educativo innovativo come quello dell’autogoverno che responsabilizza i ragazzi affidando loro la gestione di alcuni aspetti organizzativi della vita comunitaria, aiutandoli a crescere nella propria autonomia. Come si può immaginare il mantenimento della struttura è particolarmente oneroso. Per questo motivo ogni aiuto, come quello che adesso abbiamo iniziato a ricevere da Costa Crociere attraverso il Banco Alimentare, ci permette di rispondere in modo adeguato alle diverse necessità quotidiane” - ha dichiarato Padre Rafael Diaz, Direttore de “La Repubblica dei Ragazzi Onlus”.

            Il progetto di Costa Crociere e Fondazione Banco Alimentare Onlus, che si inserisce nel contesto di sostegno alla povertà ed esclusione sociale, è stato possibile anche grazie alla legge 166/2016 contro gli sprechi alimentari e farmaceutici promossa dall’on. Maria Chiara Gadda ed entrata in vigore il 14 settembre 2016. Il provvedimento riorganizza il quadro normativo di riferimento che regola le donazioni degli alimenti invenduti con misure di semplificazione, armonizzazione e incentivazione, permettendo di donare qualsiasi tipo di bene alimentare con più facilità e in maniera altrettanto controllata e sicura, ma soprattutto stabilisce la priorità del recupero di cibo da donare alle persone più povere del nostro Paese.



            Fondazione Banco Alimentare Onlus
            Banco Alimentare dal 1989 recupera in Italia alimenti ancora integri e non scaduti che sarebbero però destinati alla distruzione, perché non più commercializzabili. Salvati dallo spreco, riacquistano valore e diventano risorsa per chi ha troppo poco. La Rete Banco Alimentare opera ogni giorno in tutt’Italia attraverso 21 Organizzazioni Banco Alimentare dislocate su tutto il territorio nazionale, coordinate dalla Fondazione Banco Alimentare Onlus. L'hanno scorso Banco Alimentare ha distribuito oltre 66.000 tonnellate di alimenti. Di questi, 1.100.000 piatti pronti di cibo cotto e 326 tonnellate di pane e frutta sono recuperati ogni giorno, dalla ristorazione organizzata, mense aziendali, ospedaliere e scolastiche. Ogni giorno gli alimenti vengono ridistribuiti gratuitamente a 8.035 strutture caritative che aiutano circa 1.600.000 persone bisognose in Italia, di cui 135.000 bambini da 2 a 7 anni. L'attività di Banco Alimentare è possibile grazie al lavoro quotidiano di oltre 1.800 volontari.

            Costa Crociere è una compagnia italiana che fa parte di Carnival Corporation & plc, il più grande gruppo crocieristico al mondo. Da 69 anni le navi della flotta Costa portano in tutti i mari del mondo l’ospitalità e le autentiche vacanze in stile italiano, all’insegna di cibo squisito, vini selezionati, esperienze di shopping uniche e una vasta offerta di famosi marchi italiani. Attualmente la flotta Costa comprende 15 navi in servizio, tutte battenti bandiera italiana. Nel 2019 e 2021 è prevista la consegna di altre due nuove navi di ultima generazione, alimentate a gas naturale liquefatto (LNG), il combustibile fossile più “pulito” al mondo. La strategia di sviluppo sostenibile di Costa Crociere pone grande attenzione ai temi della nutrizione e delle filiere alimentari. Negli ultimi anni, a bordo delle navi della compagnia italiana, sono stati realizzati interventi molto efficaci per ridurre al minimo le eccedenze alimentari, che si svilupperanno ulteriormente grazie a una serie di iniziative che punteranno a coinvolgere anche gli ospiti delle navi.
            Maurizio
            Co-fondatore di Crocieristi.it

            Comment


            • #7
              Son soluzioni che non possono che fare del bene.
              Chi va per mare naviga, chi sta a terra giudica.

              Rodolfo
              ### Moderatore Globale ###

              Comment


              • #8
                Ottima iniziativa.

                Comment


                • #9
                  GIORNATA INTERNAZIONALE DI PREVENZIONE ALLO SPRECO ALIMENTARE:
                  COSTA CROCIERE DONA UNA TONNELLATA DI BENI ALIMENTARI ALLA CARITAS DELLA SPEZIA

                  La compagnia italiana è stata la prima a introdurre a bordo delle sue navi il programma 4GOODFOOD per ridurre gli sprechi alimentari del 50%, che ha consentito anche donare oltre 180.000 porzioni di cibo in eccesso per fini sociali. I generi alimentari di prima necessità donati oggi provengono da Costa Fascinosa, nave attraccata stamattina nel porto della Spezia.
                  Genova 29 settembre 2019 – In occasione della Giornata Internazionale di Prevenzione allo Spreco Alimentare, Costa Crociere conferma il suo impegno nella lotta allo spreco donando una tonnellata di beni alimentari alla Caritas diocesana La Spezia-Sarzana-Brugnato.

                  La donazione comprende generi alimentari in eccesso, come burro, pesce essiccato, frutta secca, condimenti, yogurt, tè, bibite, provenienti da Costa Fascinosa, nave della compagnia italiana arrivata stamattina nel porto della Spezia. I beni alimentari sbarcati dalla nave verranno utilizzati dalla Caritas nella sua opera di assistenza alle persone più bisognose sul territorio spezzino. L’iniziativa ha visto la collaborazione e il contributo decisivo della Capitaneria di Porto, Sanità Marittima, Agenzia delle Dogane e della comunità marittima spezzina.

                  In questo modo la compagnia italiana ribadisce il suo impegno nella lotta allo spreco alimentare. Costa Crociere è stata infatti la prima compagnia a implementare un programma specifico di sostenibilità alimentare, chiamato 4GOODFOOD, che ha come obiettivo di ridurre gli sprechi alimentari del 50% a bordo delle sue navi. 4GOODFOOD è un programma integrato, a 360°, che va dalla revisione dei processi di preparazione dei piatti alla gestione delle eccedenze di cibo, attraverso la sensibilizzazione e il coinvolgimento di ospiti, equipaggio e comunità locali. Parte integrante di 4GOODFOOD è la donazione delle eccedenze alimentari per fini sociali in diversi porti italiani e internazionali dove operano le navi Costa. Da luglio 2017, grazie all’applicazione della Legge 166/2016, oltre 180.000 porzioni dei pasti preparati a bordo e non serviti agli ospiti delle navi Costa sono state donate ad organizzazioni impegnate nell’assistenza a persone in difficoltà, grazie alla collaborazione con il network del Banco Alimentare in Italia e all’estero.

                  Le donazioni nei porti italiani sono proseguite anche durante il periodo di pausa delle navi per l’emergenza Covid-19, per un totale di oltre 50 tonnellate di genere alimentari, provenienti anche dalla flotta di AIDA Cruises, marchio italiano del Gruppo Costa. Alla Spezia, si tratta della seconda donazione effettuata alla Caritas da parte di Costa Crociere, dopo quella del 3 aprile di Costa Pacifica.

                  Costa Fascinosa è arrivata stamattina alla Spezia, proveniente da Santa Cruz de Tenerife, con a bordo solo i 154 membri d’equipaggio. La nave rimarrà nel porto ligure in vista della ripartenza delle sue crociere, prevista nella primavera del 2021, con itinerari di 12 giorni diretti a Capo Nord e di 9 giorni nel mar Baltico.
                  Chi va per mare naviga, chi sta a terra giudica.

                  Rodolfo
                  ### Moderatore Globale ###

                  Comment

                  Working...
                  X