Announcement

Collapse
No announcement yet.

MSC, il protocollo sanitario per la ripartenza

Collapse
X
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • MSC, il protocollo sanitario per la ripartenza

    Ecco tutte le nuove procedure stabilite da MSC per riorganizzare la ripresa delle crociere.

    Verranno effettuati dei tamponi a tutti i passeggeri, prima dell'imbarco. Nel terminal saranno allestite delle postazioni di controllo e i risultati si avranno in 30 minuti, con un'attesa massima di 1 ora. Verrà negato l'imbarco a chi risulterà positivo.
    https://www.shipmag.it/msc-tamponi-p...ti-la-diretta/

    L'equipaggio verrà sottoposto a 3 tamponi molecolari: uno alla partenza dal loro paese, uno all'arrivo al terminal prima dell'imbarco e l'altro qualche giorno dopo. La nave sarà sanificata profondamente e ci saranno 100 stazioni di disinfettante. La capienza massima sarà ridotta al 70% garantendo 10 m quadri ad ogni passeggero a bordo. Le aree comuni saranno ridotte del 50%. Bisognerà usare delle mascherine quando non si potrà rispettare il distanziamento sociale e saranno fornite da MSC.
    https://www.shipmag.it/msc-lequipagg...ridotti-al-50/

    La temperatura a bordo sarà controllata ogni giorno tramite un braccialetto fornito da MSC. Il 10% delle cabine sono riservate ad eventuali isolamenti.
    Sono vietate le escursioni individuali e si potrà scendere a terra solo con quelle organizzate da MSC. Alcune escursioni saranno incluse nel prezzo della crociera e altre saranno a prezzi ragionevoli.
    https://www.shipmag.it/msc-sara-util...te-la-diretta/

    Attraverso i braccialetti si possono tracciare equipaggio e passeggeri, risalendo così ai contatti nel caso di un sospetto Covid.
    “Le prenotazioni avverrano da smartphone, pannelli sulla nave e la reception che diventa virtuale”. E' stata anche studiata un'assicurazione che protegge contro i rischi del Covid, obbligatoria e compresa nel prezzo della crociera.
    https://www.shipmag.it/i-braccialett...io-la-diretta/

    Per la ripartenza verrano utilizzati dei porti italiani nel Tirreno (Genova, Civitavecchia, Napoli e Palermo) e nell'Adriatico (Trieste e Bari).
    https://www.shipmag.it/msc-ecco-i-po...co-la-diretta/

  • #2
    Teoricamente è piuttosto articolato e restrittivo; il problema è applicarlo e farlo rispettare.
    Non garantisce comunque una certezza assoluta, come qualsiasi altro verrà presentato.
    Chi va per mare naviga, chi sta a terra giudica.

    Rodolfo
    ### Moderatore Globale ###

    Comment


    • #3
      Assolutamente, anzi temo la poca affidabilità dei test così rapidi...

      Comment


      • #4
        Lo trovo anch'io molto articolato seppur rigido e scrupoloso, almeno per iscritto. Non ho idea come possa funzionare all'atto pratico al di là dell'affidabilità dei test, di cui sono perfettamente ignorante in materia.

        Una curiosità...si sa nulla su altri protocolli di altre compagnie? Giusto per capire se l'orientamento è pressoché simile.
        Oriana

        ### Moderatrice del forum ###

        " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

        Comment


        • #5
          Leggendo sommariamente rimango molto perplesso.
          Dovremmo avere tutti una vita vista mare.

          Comment


          • #6
            Andrebbe anche bene, tuttavia, pur non essendo un sanitario, l'articolo sui tamponi all'imbarco mi sembra un po' confusionario....

            Fa confusione tra tampone e test molecolare..... non sono esattamente la stessa cosa, anche perchè il tampone è oro-faringeo e richiede almeno 4 ore per il risultato, il test molecolare è quello sul sangue, che (se non di quelli rapidi) prevede un prelievo (!) e dei tempi, in questo caso sì, più rapidi del tampone... quindi? di che si tratta??

            Sull'attendibilità, le riserve che ho letto da parte di alcuni di voi le sottoscrivo, ma non perchè il test è rapido, ma perché persino il tampone oro-faringeo che viene utilizzato da sempre NON è attendibile al 100%, è solo il metodo più utilizzato fin dall'inizio....
            Vi faccio un esempio, un tampone potrebbe essere negativo perchè il virus non è più nelle vie aeree, ma potrebbe essere presente in altri organi, oppure il tampone potrebbe essere positivo, ma magari si tratta di frammenti di DNA/RNA del virus che però è già "morto", inerte....

            Insomma, bisogna capire che vogliono fare, direi che il test sierologico sul sangue sarebbe la scelta migliore, non il tampone.
            Giramondo, perché viaggiare è vitale.
            Quando voglio una vacanza anche dai viaggi mi concedo una crociera. Chi fa solo crociere, non sa cosa significhi viaggiare
            .

            Comment


            • #7
              Ma il test sierologico ti dice se sei stato esposto in precedenza al virus, almeno così ho inteso.

              Il tampone, anche qui, la persona che lo esegue deve essere idoneamente preparata. Si è letto anche della non capacità di esecuzione corretta e ciò provocherebbe un test non valido.

              Inoltre, ma tra presenze scaglionate al terminal imbarchi e tempo necessario per eseguire i test, diventa un'odissea imbarcarsi.
              Oriana

              ### Moderatrice del forum ###

              " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

              Comment


              • #8
                Originally posted by capricorno View Post
                Ma il test sierologico ti dice se sei stato esposto in precedenza al virus, almeno così ho inteso.

                Il tampone, anche qui, la persona che lo esegue deve essere idoneamente preparata. Si è letto anche della non capacità di esecuzione corretta e ciò provocherebbe un test non valido.

                Inoltre, ma tra presenze scaglionate al terminal imbarchi e tempo necessario per eseguire i test, diventa un'odissea imbarcarsi.
                Il test sierologico dice se hai anticorpi, quindi se sei stato oppure se in quel momento in contatto col virus.
                Se è positivo, andrebbe poi fatto il tampone per capire se il virus è ancora presente oppure no.

                Il tampone (come anche il test sierologico) può essere fatto SOLO da personale sanitario, quindi non immaginatevi personale di bordo (salvo i medici) che si improvvisa a fare tamponi o prelievi.

                Per i tempi, non credo che mezz'ora di tempo sia un problema, di più lo è sicuramente.
                Il problema invece riguarderebbe l'eventuale positivo...... come lo gestisci? Lo rimandi a casa? Lo rimborsi? E con tutti coloro che sono stati in contatto, soprattutto nel terminal crociere, che fai?

                Mah............. sono sempre mooolto dubbioso. Complicatissimo ripartire.
                Giramondo, perché viaggiare è vitale.
                Quando voglio una vacanza anche dai viaggi mi concedo una crociera. Chi fa solo crociere, non sa cosa significhi viaggiare
                .

                Comment


                • #9
                  Domandina alla PIerino, chi di voi, con questi protocolli molto restrittivi a parer mio, è disposto a ripartire???

                  Io preferisco rimanere a terra.
                  Dovremmo avere tutti una vita vista mare.

                  Comment


                  • #10
                    Il problema è capire come sarà il futuro perché temo che la ripartenza così come viene prospettata, debba essere la normalità, almeno per parecchio tempo. È inutile pensare di tornare al pre-covid, quella condizione di normalità non sarà più la normalità futura. Che si fa allora....non si parte più, non si vive più?

                    Io stessa ora come ora non partirei, ma non rinuncio a viaggiare. Non sarà in crociera ma fortunatamente non amo solo quella tipologia di viaggio e con le opportune cautele, si viaggero' ancora. Gran parte del come sarà è tra le nostre mani ed il senso civico e la cautela saranno le armi che tutti noi dobbiamo avere!
                    Last edited by capricorno; 03-August-2020, 15:03.
                    Oriana

                    ### Moderatrice del forum ###

                    " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

                    Comment


                    • #11
                      E quanto mi danno per partire in crociera con loro?
                      Ma perché dovrei decidere di pagare a prezzo pieno una crociera vissuta al nemmeno 50%,sottopormi a tutto questo e sottostare non solo a continui controlli sulla mia persona, ma dovrei pure scendere per forza a terra con le loro escursioni?
                      Penso che la mia crociera già riprogrammata per capodanno la sposterò alla data più lontana possibile...
                      ~ Msc Splendida 2014~Costa Magica 2017~RC Jewel of the Seas 2017~ Msc Armonia 2018~Msc Seaside 2019~ Msc Orchestra 2019~ Msc Lirica 2020~

                      Comment


                      • #12
                        Originally posted by capricorno View Post
                        Il problema è capire come sarà il futuro perché temo che la ripartenza così come viene prospettata, debba essere la normalità, almeno per parecchio tempo. È inutile pensare di tornare al pre-covid, quella condizione di normalità non sarà più la normalità futura. Che si fa allora....non si parte più, non si vive più?
                        Chiedo scusa, la mia risposta è incompleta, "Preferisco rimanere a terra per il momento" volevo intendere.
                        E' anche vero però che alcuni dei protocolli proposti limitano fortemente la libertà personale di ognuno di noi, e per me, come per tanti altri credo, la crociera, come i viaggi in generale, rappresentano la voglia di evadere dalla quotidianità, uscire un po dagli schemi e soprattutto di poter decidere come, dove e quando.
                        Non tralasciando poi l'aspetto economico, la formula che, a meno servizi proposti, o comunque fortemente ristretti, dovrebbe corrispondere una minore spesa per il cliente finale, non trova riscontro, soprattutto guardando i prezzi per il 2021; e su questo punto parlo per esperienza personale.
                        Sul piano sanitario poi, manca solo che ti inoculino un fantomatico vaccino prima di salpare!!!
                        Ovviamente sono opinioni strettamente personali.
                        Dovremmo avere tutti una vita vista mare.

                        Comment


                        • #13
                          Ritengo che la Compagnia stia mettendo in atto un protocollo serio e ragionevole visto il problema covid 19.
                          Poi ognuno di noi prenderà le proprie decisioni se partire o no.
                          "navigare necesse est, vivere non necesse"

                          Comment


                          • #14
                            Almeno sulla carta il piano è dettagliato e potrebbe funzionare. Ma nella applicazione pratica credo che le difficoltà potrebbero essere molte. Per quanto riguarda i test diagnostici vorrei fare un po' di chiarezza. Si parla di tamponi ed esami molecolari: sono la stessa cosa, o meglio il tampone è il tipo di campione e molecolare (anche se sarebbe più corretto parlare di biomolecolare) è il tipo di analisi a cui si sottopone il campione. Questo tipo di analisi permette di evidenziare la presenza del virus nel campione analizzato e come tutti i test non è attendibile al 100% e può dare risultati falsi negativi soprattutto se la carica virale è molto bassa (inizio infezione o fase di convalescenza)
                            L'esame sierologico fatto su un campione di sangue evidenzia invece gli anticorpi. Anche in questo caso l'attendibilità non è del 100% In particolare se l'esito è negativo non significa che non si è infetti: mediamente gli anticorpi compaiono dopo 7-10 giorni dall'infezione; perciò si può essere negativi per gli anticorpi ma avere già il virus in fase replicativa r quindi essere infettanti. Se l'esito è positivo per le IgM e negativo per le IgG significa che l'infezione è recente, in fase iniziale; se è positivo per IgM e IgG siamo in una fase più avanzata della infezione. Se ci sono solo IgG la fase acuta della malattia è superata ma senza tampone non si può sapere se siamo ancora infettanti per gli altri. Quindi per uno screening il più efficace possibile , ma comunque non sicuro al 100%, i due test dovrebbero essere fatti contemporaneamente.


                            Inviato dal mio WAS-LX1 utilizzando Tapatalk

                            Comment


                            • #15
                              Ma poi non sottovalutiamo i costi di uno screening così esteso e continuo....

                              Boh... conviene davvero?
                              Giramondo, perché viaggiare è vitale.
                              Quando voglio una vacanza anche dai viaggi mi concedo una crociera. Chi fa solo crociere, non sa cosa significhi viaggiare
                              .

                              Comment

                              Working...
                              X