Advertising home TOP

Collapse

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Settimana ...Grandiosa: istruzioni per l'uso

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Settimana ...Grandiosa: istruzioni per l'uso

    Una settimana ....Grandiosa sulla nuova ammiraglia della Msc. Imbarco a Palermo e sbarco 7 giorni dopo con tappe a Malta, poi navigazione, Barcellona, Tolone (in sostituzione di Marsiglia bloccata dallo sciopero dei portuali), Genova, Civitavecchia. Il classico giro nel Mediterraneo Occidentale con imbarchi di italiani, spagnoli, francesi con una notevole presenza anche di giapponesi. Ed ecco - più che un diario di viaggio - una guida con istruzioni per l'uso, una raccolta di sensazioni ed emozioni sulla nuova ammiraglia della flotta, ancora non molto conosciuta in quanto consegnata il 31 ottobre scorso e battezzata qualche giorno dopo ad Amburgo.
    Si tratta della prima nave della classe Meraviglia plus (ne seguiranno altre due), una evoluzione della classe Meraviglia con in comune la caratteristica Promenade, qui ancora più lunga, lo sfavillante viale con bar, negozi e ristoranti. E un magico soffitto a Led su cui vengono proiettati spettacolari immagini ed effetti di luce. Il luogo ideale per feste, parate e momenti di ritrovo. Lunga 331 metri, può ospitare fino a un massimo di 6334 passeggeri in 2421 cabine. Ma andiamo con ordine con quelli che ci sono sembrati i due fiori all’occhiello dell’offerta a bordo: la ristorazione e gli spettacoli.
    prof

  • #2
    Ecco la Promenade col tetto sfavillante

    Inviato dal mio FRD-L09 utilizzando Tapatalk
    prof

    Comment


    • #3
      La nave vista da casa nostra all'arrivo a Palermo

      Inviato dal mio FRD-L09 utilizzando Tapatalk
      prof

      Comment


      • #4
        I ristoranti
        Istintivamente, quando sento dire che su una nave ci sono molti ristoranti di specialità, mi viene da pensare che il livello dei ristoranti principali non sia tanto elevato proprio per indurre i clienti a cenare altrove. Invece mi preme aprire questo paragrafo con un elogio per il livello dei ristoranti principali: avevamo come turno a cena il Perla grigia e a pranzo, in alternativa al buffet, il Red Crab.
        Il menù è strutturato all’americana (antipasto, piatto principale, dessert) ma non fatevi intimidire: se volete, potete ordinare sia un primo che un secondo (figurano entrambi tra i piatti principali). Adocchiate nel menù il simbolo del mattarello che contraddistingue la pasta fatta a bordo con particolari ricette: da non perdere soprattutto quella ripiena. Due le serate di gala nella settimana che abbiamo vissuto sulla Grandiosa a fine gennaio con menù arricchiti soprattutto con gamberoni e altro pesce. Mia moglie ha ritrovato una delle sue passioni, l’ossobuco, e anche gli altri tagli di carne erano di rilievo. Possibile sempre un itinerario vegetariano, con piatti anche inconsueti dalle nostre parti come il falafel mediorientale servito con l’hummus. Qualità sempre di tutto rispetto, e servizio celere, in circa 50 minuti siamo sempre stati serviti con le 3/4 portate ordinate.
        prof

        Comment


        • #5
          L'ossobuco

          Inviato dal mio FRD-L09 utilizzando Tapatalk
          prof

          Comment


          • #6
            Un esempio di pasta ripiena

            Inviato dal mio FRD-L09 utilizzando Tapatalk
            prof

            Comment


            • #7
              Il secondo di pesce

              Inviato dal mio FRD-L09 utilizzando Tapatalk
              prof

              Comment


              • #8
                Il buffet
                In generale preferiamo il ristorante anche a pranzo per evitare la confusione ma stavolta abbiamo voluto provare anche il buffet della Grandiosa che occupa, a ferro di cavallo, tutta la poppa al ponte 15, uno spazio enorme, ed è circondato (come in molti altri locali) da ampie vetrate che danno molta luminosità. I corridoi sono larghi, la sistemazione delle pietanze è ben ordinata e si ripete in modo simmetrico con cartelli ben visibili in alto in modo da scegliere con calma dove dirigersi: antipasti, insalate, primi (tre diversi ogni giorno), secondi di pesce e carne etc fino all’angolo dell’ottima pizza (provate quella a carbone). All’ingresso, con lavorazione a vista, la mozzarella station che assicura ottimi prodotti. Un salto merita anche l’angolo etnico, per chi ama il cibo speziato, e ci sono state anche sorprese come un enorme buffet di torte e altri dolci a pranzo del giorno di navigazione.

                Con sincerità posso dire che - pur in presenza di numeri notevoli - non abbiamo mai avuto problemi a trovare un tavolo libero, per merito dei numerosi camerieri prontissimi a sparecchiare e ripulire in continuazione. Un’altra idea che funziona: un cicalino al centro del tavolo per chiamare il cameriere che prende le ordinazioni delle bevande. Pochi secondi e si è sempre presentato qualcuno (anche la mattina per ordinare espresso e cappuccino). All’interno del buffet, vicino all’ingresso, c’è un enorme bar e forse questo è il motivo per cui i caffè ci sono arrivati al tavolo a fine pranzo velocemente e sempre caldi. Il buffet resta aperto 20 ore su 24, e serve anche gli spuntini di mezzanotte o il the delle 17.
                prof

                Comment


                • #9
                  Il buffet di dolci

                  Inviato dal mio FRD-L09 utilizzando Tapatalk
                  prof

                  Comment


                  • #10
                    I ristoranti di specialità

                    A questo punto vi chiederete perché andarci e invece vale comunque la pena. Abbiamo provato l’Atelier Bistrot che è forse il più caratteristico: ambientazione e cucina francese, dalla zuppa di cipolle alla quiche lorraine ma se volete andare al sodo non perdetevi la pasta con l’aragosta! In una parete all’ingresso c’è una mostra di autentiche opere di Degas (le famose ballerine). Notevole la carta degli champagne (anche al bicchiere). Oltre al ristorante, la prima parte del locale (più vicina alla Promenade) funziona anche da bar con musica dal vivo. Un’ottima occasione di sosta per l’aperitivo con tavolini sempre liberi quando avete bisogno di una pausa dopo le vasche sulla Promenade. Gli altri ristoranti sono la steakhouse Butcher’s Cut (alcuni amici ne hanno parlato benissimo), i due ristoranti giapponesi (per il sushi ma a parte c’è anche il Teppanyaki), un locale di tapas (Hola!, affidato allo chef stellato Ramòn Freixa) e c’è anche un pub inglese con adeguato menù di birre. Si trovano tutti lungo la Promenade tra sesto e settimo ponte.
                    prof

                    Comment


                    • #11
                      La pasta con l'aragosta mangiata all'Atelier Bistrot

                      Inviato dal mio FRD-L09 utilizzando Tapatalk
                      prof

                      Comment


                      • #12
                        Gli spettacoli

                        Gli show del Cirque du Soleil sono uno dei punti di forza. In esclusiva per Msc potete vedere gli spettacoli Excentrique, divertente e graffiante, e Cosmos, più suggestivo, dedicato all’uomo nello spazio. Arte circense rielaborata con grande classe e inventiva più effetti speciali notevoli. Il tutto al Carousel Lounge (ponte 7), uno spazio dedicato e coinvolgente con un palcoscenico rotondo che permette grande visibilità. Si può scegliere la formula drink and show (15 euro) o quella con la cena (35 euro, i tavoli sono però più distanti dal palco). I posti sono numerati quindi non c’è motivo di accalcarsi. Si prenota dai totem o in certi orari presso un desk dedicato. I posti vengono assegnati automaticamente dal sistema in ordine di prenotazione. Chi prenota prima, in sostanza, ha i posti più vicini.
                        prof

                        Comment


                        • #13
                          Il palco del Cirque du Soleil

                          Inviato dal mio FRD-L09 utilizzando Tapatalk
                          prof

                          Comment


                          • #14
                            Un’inizio di recensione davvero... Grandioso, ad iniziare dall’imponente vista della nave da casa!!
                            Costa Allegra Agosto 2002: Genova Napoli Kytera Rodi Patmos Mykonos Malta Corfù / Costa Fortuna Aprile 2006: Savona Civitavecchia Alessandria Limassol Rodi Izmir Pireo Katakolon / Costa Atlantica Giugno 2009: Fiordi Norvegesi / Costa Deliziosa Agosto 2018: Venezia Bari Corfù Santorini Mykonos Spalato / Costa Magica Giugno 2019: Capitali del Baltico

                            Comment


                            • #15
                              Grazie Prof, solo a guardare il buffet dei dolci ingrasserei già 2 Kg.

                              Bella anzi bellissima la tua recensione.

                              Comment

                              Working...
                              X