Advertising home TOP

Collapse

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Oceania Riviera

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Oceania Riviera

    La crociera Inaugurale di Oceania Riviera sarà posticipata, la nuova crociera inaugurale sarà di 12 notti (non più di 10 notti) chi ha già prenotato non avrà nessun aumento, inoltre disporrà di un credito a bordo di 250$, tale credito rimarra a disposizione dei crocieristi anche se non vorrann oconfermare la nuova crociera inaugurale e vorranno spostare la loro prenotazione di nave e/data

    http://www.cruisecritic.com/news/news.cfm?ID=4564
    2005CarnivalVictory2006ExplorerOtS-VoyagerOtS2007EmpressOtS-SplendourOtS2008JewelOtS-CelebrityGalaxy2010NavigatorOtS2011MarinerOtS-Noordam2012AnastasiaOftheSeas2013MSCMagnifica2014CostaPacifica-CelebrityReflection2015NCLStar2016CostaDiadema-Eurodam2017MajesticPrincess2018MSCMeraviglia-CrownPrincess-CrownPrincess2019MSCSeaView

  • #2
    E per lo sciopero sarà rinviato ulteriormente il viaggio inaugurale. Chissà le penali a carico di Fincantieri.

    http://www.cruisecritic.com/news/news.cfm?ID=4726
    Chi va per mare naviga, chi sta a terra giudica.

    Rodolfo
    ### Moderatore Globale ###

    Comment


    • #3
      ... e io pago ...
      2005CarnivalVictory2006ExplorerOtS-VoyagerOtS2007EmpressOtS-SplendourOtS2008JewelOtS-CelebrityGalaxy2010NavigatorOtS2011MarinerOtS-Noordam2012AnastasiaOftheSeas2013MSCMagnifica2014CostaPacifica-CelebrityReflection2015NCLStar2016CostaDiadema-Eurodam2017MajesticPrincess2018MSCMeraviglia-CrownPrincess-CrownPrincess2019MSCSeaView

      Comment


      • #4
        La nave «Riviera» sarà consegnata in ritardo: l’armatore rinvia le crociere, Fincanti

        Articolo in italiano

        http://www.ilgiornale.it/genova/la_n...e=0-comments=1

        Finora era solo un'ipotesi - malaugurata ipotesi -, da ieri è una certezza. Che riguarda anche il futuro di Fincantieri come azienda simbolo di qualità e affidabilità: «Oceania Cruises», la compagnia di navigazione che ha fatto costruire nello stabilimento di Sestri Ponente la lussuosa «Riviera» e ne ha già venduto le prime crociere in base alla consegna fissata per contratto a marzo 2012, è costretta a prendere atto che non avrà la nave nei tempi stabiliti. La conferma l'ha avuta dalla stessa Fincantieri in conseguenza dei ritardi dovuti alle manifestazioni sindacali (di un solo sindacato, la Fiom Cgil) che hanno interrotto il lavoro dell'ultima unità commissionata ai cantieri di via Soliman e ne hanno compromesso il varo. Vantandosene, anche, quei geni della Fiom - complimenti! -, e minacciando addirittura il sequestro dell'unità, come se fosse «cosa loro» e non un patrimonio industriale che appartiene al passato, al presente e al futuro della società e dei suoi lavoratori veri (cioè, quelli che lavorano, non quelli che, garantiti dalla cassa integrazione a 1800 euro lordi al mese, picchettano e bloccano chi vuol lavorare).
        Fincantieri, in balìa della Fiom, è costretta a comunicare i ritardi ormai incolmabili nella costruzione della «Riviera», costringendo a sua volta l'armatore a riprogrammare le crociere. Una nota su carta intestata della «Oceania Cruises» conferma che il viaggio inaugurale della «Riviera» è stato posticipato dal 24 aprile al 16 maggio, e che tutti gli ospiti interessati dallo spostamento saranno contattati dalle proprie agenzie viaggi o da Oceania Cruises direttamente per trovare partenze alternative. Ancora: gli ospiti prenotati avranno la possibilità di prenotare un'altra crociera e ricevere un bonus-credito per future crociere da 250 a 1.000 dollari per ospite in base alla categoria del soggiorno. Qualora gli ospiti non desiderino riprenotare, saranno completamente rimborsati. «Siamo sinceramente dispiaciuti per gli inconvenienti che questo può causare ai nostri ospiti» spiega Kunal S. Kamlani, presidente della società. E aggiunge: «Stiamo lavorando a stretto contatto con il cantiere affinch´ Riviera sia completata e siano rispettati gli elevati standard di qualità e servizio di Oceania». Nessun accenno sulle cause del ritardo: la diplomazia impone un aplomb di stampo anglosassone. Ma chi è pronto, oggi, a scommettere un euro, o anche solo un centesimo, su una futura commessa di Oceania Cruises a Fincantieri?
        L'amministratore delegato della società cantieristica, Giuseppe Bono, tenta di mitigare il disagio: «Ci rincresce che gli scioperi abbiano causato questo ritardo. Tutta Fincantieri è impegnata a creare navi di qualità superiore e consegneremo a Oceania Cruises una nave meravigliosa senza ulteriori ritardi». Chissà se il signor Bruno Manganaro, capopopolo della Fiom, condivide la stessa prospettiva ed è pronto - così, tanto per solidarietà operaia - a mettere anche lui mano al portafoglio per rifondere la penale da 300mila euro per ogni giorno di ritardo nella consegna. E sì, perch´ a tanto ammonta la conseguenza in denaro del «sequestro» minacciato e confermato dell'unità da crociera che era arrivata praticamente alla pulitura e lucidatura finale. Senza contare - e invece bisognerà contarlo, eccome - il danno di immagine che deriva a Fincantieri in vista di altri potenziali committenti.


        I lavoratori (veri) di Fincantieri, i genovesi, le persone di buon senso sanno esattamente chi devono ringraziare per questo bel servizio fatto all'economia di una città e di un Paese. Che hanno bisogno urgente di superare la crisi. Ma forse è proprio questo che non vogliono i demagoghi agitatori di professione: per loro c'è gloria solo nel casino.
        "Nella nave piccola c'è la crociera buona"
        Le mie Crociere
        -
        Le mie Navi (da Crociera e non) - Le mie Escursioni e Visite libere in Crociera
        Cristian aka Dr. Pianale ### Co-Fondatore di Crocieristi.it ###

        Comment


        • #5
          Grazie Cristian...quest'articolo è veramente da brividi.

          300.000 euro al giorno non sono uno scherzo, considerato soprattutto tutto il tempo che hanno perso con gli scioperi...non si tratterà certo di un ritardo di un giorno.

          altro articolo:
          http://shippingonline.ilsecoloxix.it..._oceania.shtml

          ...la consegna slitta di 21 giorni
          Last edited by La76; 26-January-2012, 10:08.
          Laura

          "...Lei restava a guardar le navi, a interessarsi alla vita di bordo......E sollevando con gli occhi tutta l'anima a guardare nell'ultima luce la punta degli alti alberi, i pennoni, il sartiame, provava in sè con una gioia ebbra di freschezza e uno sgomento quasi di vertigine, l'ansia del tanto cielo e del tanto mare che quelle navi avevano corso, partendo da chissà quali terre lontane." (L. Pirandello)

          Comment


          • #6
            Prove in mare terminate con successo per la Riviera.
            Soddisfatto il Comandante, Luca Manzi.
            Battesimo: 11 maggio a Barcellona.

            Un saluto

            http://www.meretmarine.com/article.cfm?id=119220

            Comment


            • #7
              Toh, Comandante italiano.
              Chi va per mare naviga, chi sta a terra giudica.

              Rodolfo
              ### Moderatore Globale ###

              Comment


              • #8
                Originariamente Scritto da Dr. Pianale Visualizza Messaggio
                Articolo in italiano

                http://www.ilgiornale.it/genova/la_n...e=0-comments=1

                ... non quelli che, garantiti dalla cassa integrazione a 1800 euro lordi al mese, picchettano e bloccano chi vuol lavorare...
                Senza entrare nel merito della questione, mi sa tanto che "il giornale" abbia scritto una grossa imprecisione il lordo della cassa integrazione è di meno di 1.050 ed al netto circa 900 + assegni familiari. Anche io sono stato cassaintegrato, in campo diverso e senza fare tanto scalpore, per cui l'ho sperimentato sulla mia pelle, non per sentito dire.
                Alberto

                ### Moderatore del forum ###


                “Se vuoi conoscere un uomo viaggia con lui. Se vuoi conoscere te stesso viaggia da solo. Se vuoi capire il tuo paese metti casa in un altro paese." Bob Shacochis

                Comment


                • #9
                  Originariamente Scritto da Dr. Pianale Visualizza Messaggio
                  Articolo in italiano

                  http://www.ilgiornale.it/genova/la_n...e=0-comments=1

                  Finora era solo un'ipotesi - malaugurata ipotesi -, da ieri è una certezza. Che riguarda anche il futuro di Fincantieri come azienda simbolo di qualità e affidabilità: «Oceania Cruises», la compagnia di navigazione che ha fatto costruire nello stabilimento di Sestri Ponente la lussuosa «Riviera» e ne ha già venduto le prime crociere in base alla consegna fissata per contratto a marzo 2012, è costretta a prendere atto che non avrà la nave nei tempi stabiliti. La conferma l'ha avuta dalla stessa Fincantieri in conseguenza dei ritardi dovuti alle manifestazioni sindacali (di un solo sindacato, la Fiom Cgil) che hanno interrotto il lavoro dell'ultima unità commissionata ai cantieri di via Soliman e ne hanno compromesso il varo. Vantandosene, anche, quei geni della Fiom - complimenti! -, e minacciando addirittura il sequestro dell'unità, come se fosse «cosa loro» e non un patrimonio industriale che appartiene al passato, al presente e al futuro della società e dei suoi lavoratori veri (cioè, quelli che lavorano, non quelli che, garantiti dalla cassa integrazione a 1800 euro lordi al mese, picchettano e bloccano chi vuol lavorare).
                  Fincantieri, in balìa della Fiom, è costretta a comunicare i ritardi ormai incolmabili nella costruzione della «Riviera», costringendo a sua volta l'armatore a riprogrammare le crociere. Una nota su carta intestata della «Oceania Cruises» conferma che il viaggio inaugurale della «Riviera» è stato posticipato dal 24 aprile al 16 maggio, e che tutti gli ospiti interessati dallo spostamento saranno contattati dalle proprie agenzie viaggi o da Oceania Cruises direttamente per trovare partenze alternative. Ancora: gli ospiti prenotati avranno la possibilità di prenotare un'altra crociera e ricevere un bonus-credito per future crociere da 250 a 1.000 dollari per ospite in base alla categoria del soggiorno. Qualora gli ospiti non desiderino riprenotare, saranno completamente rimborsati. «Siamo sinceramente dispiaciuti per gli inconvenienti che questo può causare ai nostri ospiti» spiega Kunal S. Kamlani, presidente della società. E aggiunge: «Stiamo lavorando a stretto contatto con il cantiere affinch´ Riviera sia completata e siano rispettati gli elevati standard di qualità e servizio di Oceania». Nessun accenno sulle cause del ritardo: la diplomazia impone un aplomb di stampo anglosassone. Ma chi è pronto, oggi, a scommettere un euro, o anche solo un centesimo, su una futura commessa di Oceania Cruises a Fincantieri?
                  L'amministratore delegato della società cantieristica, Giuseppe Bono, tenta di mitigare il disagio: «Ci rincresce che gli scioperi abbiano causato questo ritardo. Tutta Fincantieri è impegnata a creare navi di qualità superiore e consegneremo a Oceania Cruises una nave meravigliosa senza ulteriori ritardi». Chissà se il signor Bruno Manganaro, capopopolo della Fiom, condivide la stessa prospettiva ed è pronto - così, tanto per solidarietà operaia - a mettere anche lui mano al portafoglio per rifondere la penale da 300mila euro per ogni giorno di ritardo nella consegna. E sì, perch´ a tanto ammonta la conseguenza in denaro del «sequestro» minacciato e confermato dell'unità da crociera che era arrivata praticamente alla pulitura e lucidatura finale. Senza contare - e invece bisognerà contarlo, eccome - il danno di immagine che deriva a Fincantieri in vista di altri potenziali committenti.


                  I lavoratori (veri) di Fincantieri, i genovesi, le persone di buon senso sanno esattamente chi devono ringraziare per questo bel servizio fatto all'economia di una città e di un Paese. Che hanno bisogno urgente di superare la crisi. Ma forse è proprio questo che non vogliono i demagoghi agitatori di professione: per loro c'è gloria solo nel casino.
                  Ricordo un caso analogo in Germania nel 1996, e sapete con che nave ? La Costa Victoria alla Bremer Vulkan, famoso cantiere Tedesco di Bremen, anche qui scioperi e minaccie di non dare la nave.
                  Sapete come é finita ? Che la Costa Olympia, la nave ordinata dopo fu sospesa ai 35 % dei lavori con la rinuncia da parte di Costa , la Bremer fallí lasciando tanti lavoratori in cassa integrazione.

                  Un saluto.

                  Comment


                  • #10
                    Tano, non ricordo, ma non era un'altro il motivo di rinuncia? In ogni caso la conclusione sarebbe stata la più negativa per il cantiere.
                    Chi va per mare naviga, chi sta a terra giudica.

                    Rodolfo
                    ### Moderatore Globale ###

                    Comment


                    • #11
                      Rodolfo probabilmente hai ragione ci fu anche un altro motivo ma non ricordo, comunque credo che se non ci fossero stati gli scioperi dei cantieri, se i lavori fossero stati senza mai fermarli, se la nave sarebbe stata pronta per il 1997, probabilmente oggi ci sarebbe in Costa la Olympia.

                      Un saluto.

                      Comment


                      • #12
                        In Italia spesso lo sciopero più che per legittime rivendicazioni... viene utilizzato per altri scopi, tutt'altro che nobili. Vale comunque il vecchio detto... in tempo di grave crisi non si sciopera... ma pare che tanti prendano ad esempio dalla vecchia Alitalia.

                        Detto questo... i lavori su quella che avrebbe dovuto essere Costa Olympia furono sospesi nel luglio 1996... dopo il fallimento del Cantiere... e ci mancò davvero poco che anche Costa Victoria non fosse consegnata... fortunatamente era già in fase di allestimento da Lloyd Werft. Non fu comunque Costa a rifiutare di far completare Olympia... ma Carnival in un secondo momento... nel 1996 aveva già iniziato le procedure per acquistare Costa. Carnival... saggiamente comprese... che era un progetto fuori dal tempo... una nave del 1996 con 0 balconi privati... un'assurdità !... Olympia fu acquistata da NCL... rimorchiata sino a Lloyd Werft... e da questi completata come Norwegian Sky... con radicali modifiche rispetto a Costa Victoria... NCL non si "dimenticò" i balconi.

                        Comment


                        • #13
                          Adesso ho trovato un articolo vecchio su Costa Olympia.
                          Allora l´annulamento della nave, cioé della Costa Olympia é stato fatto dal dott. Nicola Costa il 2 luglio 1996, sicuramente anche per l´avanzate trattative con la Carnival della cessione della compagnia Genovese.
                          Peró l´annulamento é stato fatto per le cattive acque che in quel momento passava la Bremer Vulkan, con il non aiuto da parte delle banche.
                          Costa per continuare il progetto doveva comperare la parte construita e portarla ad un altro cantiere.
                          Sapete in un primo momento a chi interessava la Costa Olympia : Alla MSC !!!!
                          Sapete dove ho saputo della compra o trattative da parte della Carnival della Costa Crociere ?
                          Sulla Allegra in una crociera in Sud America nel dicembre 1996.
                          Sapete chi me l´ha detto ?
                          L´attuale Comandante Roberto Begnini.

                          Un saluto.

                          Comment


                          • #14
                            Nel 1996 la notizia della cessione di Costa a Carnival girava su tutte le navi... la compagnia aveva già aperto trattative con Royal Caribbean... poi finite in un nulla di fatto.

                            Se ci fosse stato reale interesse per completare Olympia... sarebbe bastato girarla a Lloyd Werft... come fatto più tardi da NCL. Credo che la decisione del Dr Nicola Costa fosse condizionata dalla cessione della compagnia... era stato lui a volere fortemente l'ordine delle 2 navi... per ottenere il predominio di Costa sui mercati europei.

                            Tornando a Riviera... con Marina è l'unità di punta di Oceania Cruises. E considerato come stanno andando le cose per la sua consegna... Fincantieri rischia seriamente di vedere compromesse le sue opportunità di ottenere in futuro altre commesse per navi di lusso. Anche Azamara, Crystal e Regent prima o poi dovranno ordinare nuove navi per le loro flotte.

                            Comment


                            • #15
                              Speriamo che per l'11/5 sia pronta!
                              Con te partirò...

                              https://www.facebook.com/matteo.martinuzzi.3

                              Comment

                              Working...
                              X