Advertising home TOP

Collapse

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Seabourn Sojourn - Recensione

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Seabourn Sojourn - Recensione

    L’unità di Seabourn che trascorrerà l’estate nel Mediterraneo, toccando anche porti italiani, è la Sojourn, nave di 32.346 tonnellate varata nel 2010. Si tratta della secondogenita di tre gemelle (Odyssey e Quest), ristrutturata nel 2015. Come le altre unità della sua classe, Sojourn è stata progettata dagli studi Yran & Storbraaten norvegesi e realizzata dai cantieri italiani Mariotti. 198 metri di lunghezza per 25,6 di larghezza la fanno sembrare piccolina rispetto ai giganti del mare cui ci stiamo rapidamente abituando. Eppure Sojourn è in grado di offrire ai suoi 450 passeggeri (capacità massima 540) un notevole numero di spazi pubblici e grande comfort a bordo.
    A bordo si respira una grande quiete, alla quale contribuiscono i colori sobri ed eleganti ed un arredo estremamente curato ma al tempo stesso molto semplice. Dettagli raffinati si susseguono in tutte le zone della nave, dal ristorante al casinò, ai saloni comuni e agli esterni. Ma non si riscontrano mai eccessi o elementi vistosi, proponendo anzi uno stile quasi minimalista, dove l’eleganza intende esser vissuta ed interpretata piuttosto che ostentata. Nelle aree pubbliche interne si incontrano particolari di classe e fiori sempre freschi, tappezzerie parimenti classiche e semplici, sebbene in perfetta sintonia con gli arredi.









    La Sojourn dispone di 225 suites, suddivise in ben 15 diverse categorie. L’88% delle sistemazioni ha balcone privato, le altre hanno finestra con vista sul mare. 7 di queste sono accessibili ai disabili, distribuite su tutti i ponti cabine. 38 infine sono le cabine comunicanti, che permettono cioè di unire due suite in un unico grande ambiente. Alcune delle suite matrimoniali hanno il divano convertibile in terzo letto e vi è la possibilità di richiederne anche un quarto, sebbene le dimensioni delle sistemazioni standard rendano disagevole questa soluzione. Nel caso in cui venisse comunque adottata, il quarto letto è generalmente tolto al mattino e nuovamente allestito alla sera.
    Comune a tutte le suites è la presenza di un’area soggiorno, il bagno con doccia e vasca, prodotti da bagno, lenzuola in cotone egiziano e menu di cuscini, tavolo a due posti e scrivania, consolle trucco con specchio, stazione CD/DVD/TV, minibar rifornito a piacimento e gratuito, cassaforte, atlante, ombrello. Il servizio in suite è 24 ore al giorno e si possono consumare tutti i pasti nella propria sistemazione. Il benvenuto a bordo consiste in fiori freschi, champagne e frutta.
    Le Suite Penthouse hanno un tavolo da pranzo da 4 posti, 2 TV ed una consolle trucco più grande. Le Owner Suites hanno un secondo bagno per gli ospiti, una vasca idromassaggio, una postazione bar, wifi gratuita. Le Suite Wintergarden hanno un tavolo da 6 posti, balcone grande, solarium con idromassaggio e lettini, 2 camere da letto e due bagni di cui uno con idromassaggio, il bagno ospiti con doccia, 2 bar, 3 TV e connessione internet.





    I ponti passeggeri di Sojourn sono 10. In questi si distribuiscono 10 fra lounges e bar, 2 piscine, 7 jacuzzi.
    Dal 2015 la Terrazza Spa che si trovava al ponte 10 poppa nave è stata parzialmente trasformata in 4 Penthouse Spa Suites, riducendo così la superficie complessiva dell’area benessere. Rimane comunque un’area Terrazza accessibile a tutti i passeggeri che fanno ingresso alla Spa.
    Al ponte 2 Sojourn propone al pubblico la spettacolare “Marina”, una piattaforma che si apre a poppa per consentire varie attività acquatiche, tutte gratuite. A bordo si usa definire “Marina Day” la giornata in cui la nave è all’ancora vicino alla costa e si mette a disposizione dei passeggeri l’area poppiera con varie attrezzature, fra le quali lettini, una piccola piscina e zona relax. La Marina è tuttavia il punto di partenza per la recente novità “Ventures by Seabourn”: escursioni in canoa o con gommoni che prendono il via direttamente dalla piattaforma in compagnia con esperti di biologia, vita sottomarina, ricercatori vari. Spettacolari queste avventure quando proposte in Norvegia, Antartide, Islanda.
    Al ponte 4 si trova The Restaurant, il ristorante principale che offre colazione, pranzo e cena con ricette gourmet e varie specialità. L’ambiente è elegante ma non sofisticato, caratterizzato da alternanze di bianco e di nero e bei marmi dai colori sobri. Vi si reca a cena in abbigliamento “casual elegant” ogni sera, mentre, circa una volta a settimana, si richiede l’abito di gala.







    Sojourn non propone una Lobby centrale come diffusa su molte navi da crociera ma una sorta di grande soggiorno con zone per sedere, dove trovano collocazione la Reception, il servizio Concierge ed altri servizi.







    Al ponte 5 si trova il Casinò, con 4 tavoli e 15 machines, collocato su una zona piuttosto comoda ed ampia, piacevolmente illuminata dalle finestrature sul mare. A centro nave si trovano due piccole sale conferenze/meeting rooms, una delle quali è anche adibita a scambio di libri e vi sono numerose riviste a disposizione. “The Club” è la più grande lounge di poppa, con funzione di nightclub grazie alla pista da ballo e piccolo palcoscenico per spettacoli di musica dal vivo. Ancora a poppa, esternamente, si trova il “Club Pool”: una piccola piscina e 2 Jacuzzi, una zona con lettini prendisoli e alcuni tavoli con sedute, serviti dal The Club’s Bar.









    Al Ponte 6 si trova il “Grand Salon”, il teatro della nave. La struttura lo rende accogliente e semplice, come una grande lounge con una zona scenica non sopraelevata. Alla sera si propongono spettacoli di cabaret, esibizioni musicali e, nelle ore pomeridiane conferenze, presentazioni ed eventi riservati ai repeaters. A prua si trova la Whirpool Spa con una piccola area Sole.



    Al Ponte 7 si trova la “Card Room”, disponibile anche per eventi privati su richiesta e per cene organizzate per volontà dei passeggeri. Sullo stesso livello si incontrano i 3 negozi di bordo: “The Boutique” è dedicata all’abbigliamento, alcuni marchi prestigiosi di profumi e di cosmetici. Il “Seabourn Shop” propone invece articoli a logo della compagnia, souvenirs, idee regalo. “The Collection” è invece il negozio con orologi, gioielleria ed una stanza privata per l’acquisto di diamanti ed altre pietre preziose. Alcune vetrine invogliano i passeggeri all’acquisto distribuendosi nel corridoio principale.



    Al Ponte 7 anche il “Coffee Bar” con invitanti pasticcini proposti in vetrina ed una selezione di caffè. Vi si trovano anche panini, dolci e gelato. Il Bar si trova all’interno della Seabourn Square, una grande e luminosa Lounge con una parete dedicata alla Biblioteca ed una serie di postazioni Internet.





    Al Ponte 8 si trova il “Patio Grill”, che serve pranzo e cena in un contesto informale. Al pomeriggio vi si sfornano snacks e pizza. Adiacente al Grill si trova l’area piscina, dotata di due vasche, 2 Jacuzzi, un palco per feste ed esibizioni musicali, area tavoli e lettini prendisole. Le bibite sono servite dal Patio Bar, naturalmente gratuite in ogni genere. A seconda degli itinerari, in questa zone si predispone anche un’area barbeque che serve agli ospiti frutti di mare e carni alla brace. Alternativa al Buffet e al Ristorante principale, al ponte 8 si trova il “Restaurant 2”, un ambiente piccolo ed elegante dai toni scuri ma accoglienti. E’ anch’esso gratuito ma occorre prenotare ed il menu varia ogni giorno.













    Il “Colonnade” è invece il buffet principale. I tavoli sono piuttosto ravvicinati e difficilmente vi si può trovare intimità. Ciononostante la mis en place e l’atmosfera sono curate ed eleganti. I piatti proposti in esposizione sono veramente invitanti ed apparentemente di eccellente qualità. E’ aperto per colazione, pranzo e cena e dispone di una cucina a vista molto bella dove si può osservare la preparazione dei piatti richiesti. Vi è un’area esterna sia a poppa sia sul fianco nave.









    Al Ponte 9 si incontra lo “Sky Bar” che serve la balconata della zona piscina centrale. Grande superficie è poi quella occupata dalla “Spa at Seabourn”, il complesso wellness diviso su due livelli di oltre 1000 metri quadrati. Alla zona Terrace si aggiungono 6 stanze per trattamenti, un bagno turco, due saune, una Thermal Suite, una piccola piscina coperta ed il Salone di bellezza. La Palestra è piuttosto grande in relazione al numero di passeggeri a bordo. Dispone di tutte le principali attrezzature più moderne e gode di una bella vista sul mare attraverso le ampie finestrature che caratterizzano l’intero salone. Il “Motion Studio” è una zona del Fitness Center riservata a lezioni private e corsi di aerobica.





    L’ “Observation Bar” occupa la zona prodiera del ponte 10, ed offre una panoramica a 270° sulla prua della nave. Ci sono numerose sedute ed un elegante pianoforte bianco, dal quale alla sera provengono note di intrattenimento che accompagnano esibizioni musicali dal vivo. Si trova su questo livello lo “Sky Light”, una zona con copertura in vetro sovrastante il “Sojourn Atrium”.



    Al Ponte 11 si trova la “Sun Terrace”, una zona prendisole che dispone di soli 36 lussuosi lettini per i passeggeri. “The Retreat” offre un ulteriore angolo di relax ed intimità accessibile dagli ascensori di prua. Occorre però frequentarlo quando non sono in programma tornei sportivi o altri giochi come il minigolf, la dama e lo shuffleboard.
    Seabourn offre crociere all-inclusive dove la gran parte delle consumazioni e dei servizi sono compresi nella tariffa di crociera. La compagnia è fra le più lussuose al mondo ed offre assistenza e servizi di alto livello, considerando anche il rapporto passeggeri/equipaggio che si avvicina ad essere di 1 ad 1. Gli ambienti e l’atmosfera di bordo ci sembra tuttavia tutt’altro che ingessata e sembra poter mettere chiunque a proprio agio. Non si offre assistenza in lingua italiana ufficialmente, sebbene non sia raro imbattersi con membri dell’equipaggio italiani durante la crociera. Gli itinerari proposti sono estremamente interessanti e fuori dal consueto, spaziano da settimane a lunghe crociere intorno al mondo. I prezzi non sono, conseguentemente, fra i più accessibili ma rispecchiano il livello dei servizi offerti e si trovano spesso occasioni molto invitanti prenotando cabine garantite.

    Una nave che almeno una volta nella vita, vale la pena provare!
    Last edited by Magellano; 04-June-2016, 15:42.
    Gabriele


    "Allora c'erano molti spazi in bianco sulla Terra, e quando ne vedevo uno che sulla carta mi sembrava invitante [...] ci puntavo il dito e dicevo: da grande andrò qui".
    Conrad J., Cuore di Tenebra, 1902

    Aida - Azamara - Royal - P&O - Costa - Msc - TUI - Cunard - Celestyal - Silversea - Oceania - Princess

  • #2
    Grazie mille per il reportage caro Gabriele! Una domanda: rispetto a Silversea con cui hai viaggiato, sei riuscito a trovare analogie e soprattutto differenze con il prodotto Seabourn? Quali sarebbero?
    Nicola Fanchin
    ### Fondatore & Forum Master ###

    Comment


    • #3
      Silversea è il principale competitor a quanto sostengono a bordo. Effettivamente le analogie sono molte. Solo suite e solo esterne, all-inclusive, navi piccole. Altre compagnie luxury presentano differenze. Crystal ha unità più grandi, nelle quali si perdono le dimensioni "d'uomo". Ponant e Hapag sono dedicate ad un pubblico fortemente selezionato come nazionalità.
      Seabourn prevede la Spa a pagamento a differenza di Silversea ma è anche una Spa più grande e moderna. Mi pare che le tariffe standard siano più elevate, soprattutto in Oriente.
      Una delle valutazioni più interessanti da fare sarebbe quella della gastronomia ma purtroppo non viaggiando, e non pranzando a bordo, non mi è possibile fare valutazioni. Posso azzardare nel ritenere Seabourn superiore dall'allestimento di alcune pietanze che ho visto passando al buffet. Ma sarebbe veramente riduttivo ritenere questa mia sensazione un dato attendibile.
      Gabriele


      "Allora c'erano molti spazi in bianco sulla Terra, e quando ne vedevo uno che sulla carta mi sembrava invitante [...] ci puntavo il dito e dicevo: da grande andrò qui".
      Conrad J., Cuore di Tenebra, 1902

      Aida - Azamara - Royal - P&O - Costa - Msc - TUI - Cunard - Celestyal - Silversea - Oceania - Princess

      Comment

      Working...
      X