Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Persone disabili e che faticano a camminare. Escursioni e consigli vari.

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Persone disabili e che faticano a camminare. Escursioni e consigli vari.

    Ciao a tutti. Ho pensato di aprire questo thread perché ho notato, se non sbaglio, che non si parla nel formum di persone diversamente abili. Come ho scritto nel mio primo messaggio http://forum.crocieristi.it/showthre...le-crocieriste ho una figlia di 18 anni disabile, con plurimi problemi. Dal 2004 facciamo crociere, sempre con Costa. Siamo a 15 (16esima già prenotata!). Ho pensato che fosse utile un thread nel quale scambiare informazioni a beneficio delle persone diversamente abili, o comunque con difficoltà. Chiedo ai moderatori se questa è la collocazione giusta (meglio un sottoforum come per Bambini in crociera? Nelle FAQ? Però il thread non riguarda tutti…)

    Io inizio con alcune osservazioni generali (ripeto, ho viaggiato solo con Costa, ma altri potranno inserire altre compagnie).
    Per le persone sorde: l’esercitazione di emergenza è replicata in TV con la LIS, ma in caso di reale emergenza, non so come una persona sorda sola possa essere avvisata, se è in quel momento in cabina.
    Persone prive di vista: il numero della cabina è scritto in braille, ma non il resto. Ho conosciuta una signora cieca di 80 anni, con una accompagnatrice, che ha fatto una crociera in modo eccezionale. Abbiamo visto insieme Capri: apprezzava profumi, toccava le sculture sulla nave, “ascoltava” il mare. Straordinaria.
    Persone con epilessia: evitate gli spettacoli serali a teatro nelle navi grandi (o informatevi prima). I teatri grandi proiettano spesso luci e fasci di luci intermittenti, che con musica molto alta e ritmata possono favorire un attacco.
    Persone in sedia a rotelle: ci sono cabine apposite, con bagni speciali. La nave è internamente totalmente accessibile. Per le discese a terra, contattate la reception per l’uscita migliore, per evitare le scale. Io ho visto sbarcare in sedia a rotelle persino a Santorini, con nave in rada (non so sinceramente come abbiano fatto). In teatro ci sono posti riservati, come al buffet. Su alcune navi piccole, aree altrimenti non accessibili sono ora dotate di elevatore per carrozzina.
    Persone con difficoltà motorie: segnalando il problema, il personale fa scendere/salire dove vi sono meno scalini. Potrebbero esserci difficoltà di equilibrio in caso di mare mosso.
    Farmaci: se si usano farmaci iniettabili, chiedete al cabinista che vi darà un contenitore speciale per non cestinare la siringa con gli altri rifiuti. Se avete bisogno del frigo per farmaci, chiedete al cabinista che ve lo lascerà aperto anche l’ultima notte.
    Per tutti: segnalate alla compagnia, con apposito modulo firmato dal medico, la vostra condizione. Non esitate a bordo a far presenti le vostre necessità. Ho visto che molti, per pudore, non lo fanno e poi rischiano difficoltà altrimenti evitabili.
    Escursioni: questo secondo me è il punto più delicato. I tour organizzati da Costa riportano il logo “disabile” per le escursioni considerate adatte e segnalano quelle non adatta. Putroppo però… non sempre ciò è attendibile! Io ho trovato escursioni definite di difficoltà moderata che invece mia figlia (che cammina lentamente e fatica con le scale) ha potuto tranquillamente fare, e viceversa luoghi con scalinate definiti…accessibili. Quindi, occorre informarsi bene al’ ufficio tour, che però…non sempre dà risposte corrette. Meglio informarsi bene prima e per questo ho aperto il thread. Niente di meglio che chiedere a chi c’è già stato e ha lo stesso problema. Una persona come mia figlia, ad esempio, può vedere Pompei ma non salire sull’acropoli di Lindos.
    Le persone con disabilità motoria, che devono usare quindi l’ascensore, vengono fatte scendere dalla nave un po’ prima: andate in teatro o nel luogo di riunione un po’ prima e segnalate il problema. Potete anche farvi riservare il posto davanti in bus.
    In diversi musei è possibile avvalersi di sedie a rotelle del museo: questo rende più facile l’escursione, o la gita fai-da-te, perché la persona si stanca di meno e può veder di più. Occorre informarsi prima.
    Nave in rada: noi siamo sempre scese senza problemi, perché ci sono sempre almeno due addetti…robusti che aiutano le persone che faticano a camminare, quindi anche anziani, etc.
    La Costa in questi anni ha via via dedicato sempre più attenzione a chi ha difficoltà –e penso anche le altre compagnie. Un tempo, ad esempio, solo alcune navi (immagino dipendesse dalla sensibilità del Direttore di crociera o dal responsabile delle escursioni) riservavano i posti davanti sul bus (come ho già scritto, così noi una volta perdemmo il bus). Ora lo fanno su tutte. Non ce ne sarebbe bisogno, se la gente fosse educata, ma io ho assistito a scene come questa: Palma di Maiorca, bus per lo spettacolo serale di Son Amar (bellissimo). 4 posti davanti riservati, 2 erano per noi. Gli altri restano liberi mentre la gente educata sale. A bus quasi pieno, arriva la coppia di “furbi”: si siedono nel posto disabili e lui mormora alla moglie: -Vabbè, dico che mi fa male un piede. Il bus si riempie. Alla fine, arriva il signore anziano in sedia a rotelle, per cui erano stati riservati i posti. I furbi con la coda tra le gambe si sono beccati gli ultimi posti in fondo. Una figura ORRENDA.
    Concludo questo lungo post dicendo a chi ha dei dubbi che la crociera è un viaggio adatto a tutti, che consente anche a persone diversamente abili di divertirsi, vedere luoghi nuovi e godersi il mare. Venite!
    Resto a disposizione per info, per quanto posso. Io mi sto informando per S.Pietroburgo (un sogno di mia figlia) e ho raccolto notizie su siti stranieri: qui ci possiamo aiutare. Ciao a tutti e grazie per questo utilissimo forum, dal quale io ho tratto veramente molte informazioni preziose e dove trovo persone con uno spirito “crocieristico” –e non solo- che apprezzo molto.
    Last edited by La76; 25-November-2013, 13:49.
    Costa Victoria, Fortuna, Europa, Romantica, Marina, Concordia, Mediterranea, Pacifica, Concordia, Concordia, Luminosa, Serena, Deliziosa, Atlantica, Classica, Magica, Luminosa, Mediterranea, Deliziosa, Magica, Legend otS, Diadema, Fascinosa, Rhapsody otS, Mediterranea, Diadema, MSC Sinfonia, Fascinosa, Luminosa

  • #2
    Ciao Arwen
    Anch'io sono interessata a una sezione come questa, essendo mamma di una ragazzina con una lieve forma di autismo.
    Di fatto non ha disagi fisici, ma psichici, che a volte mettono lo stesso che la circonda in difficoltà: ad esempio si agita molto se deve attendere in coda il suo turno....

    Magari anch'io potrei contribuire con la mia esperienza, dando consigli utili a che vive la stessa situazione.
    Un abbraccio fortissimo !
    Cinzia
    non possiamo dirigere il vento, ma possiamo orientare le vele

    Comment


    • #3
      Ciao Cinzia,
      penso proprio di sì. Io ho visto più volte in nave ragazzi con problematiche di tipo autistico (ho l'occhio esperto...) e la coda e la ressa proprio non van bene. Certo se la gente non stesse incollata...(soprattutto gli italiani, gli inglesi stanno a mezzo metro).
      Penso che potremmo esserci tutti di aiuto.
      un abbraccio!
      Costa Victoria, Fortuna, Europa, Romantica, Marina, Concordia, Mediterranea, Pacifica, Concordia, Concordia, Luminosa, Serena, Deliziosa, Atlantica, Classica, Magica, Luminosa, Mediterranea, Deliziosa, Magica, Legend otS, Diadema, Fascinosa, Rhapsody otS, Mediterranea, Diadema, MSC Sinfonia, Fascinosa, Luminosa

      Comment


      • #4
        penso che una sezione dedicata ai disabili sia molto utile specialmente a chi si appresta a fare la sua prima crociera,l'anno scorso durante la mia crociera con costa ho visto una comitiva di ragazzi tutti su carrozzina,all'imbarco a savona erano stati i primi,nel buffet avevano i posti riservati vicino ai dispenser,un cameriere girava sempre tra i loro tavoli per vedere se avevano bisogno dell'acqua,al ristorante avevano una zona riservata a loro,in piscina e agli spettacoli non li ho mai visti ma sulle prime poltroncine c'erano posti riservati e credo che fossero per loro.sono stata proprio contenta che costa abbia tolto le barriere e permetta a chiunque di imbarcarsi.

        Comment


        • #5
          Scusate ma io ogni tanto vado controcorrente . Penso che non ci sia bisogno di una sezione apposita, questa va benissimo. La mia compagna è in carrozzina e come te, Arwen, abbiamo fatto solo crociere Costa trovandoci meravigliosamente. Ne abbiamo fatte 4 ( 2 con la mitica Concordia e 2 con la gemella Pacifica ), l'ultima è stata ad aprile 2011, ma abbiamo intenzione di recuperare . La prossima la vorremmo fare a dicembre ma dobbiamo aspettare un paio di settimane per essere sicuri di essere liberi da impegni.

          Comment


          • #6
            Arwen, grazie per la quantità di informazioni che hai fornito.
            Concordo con l'idea di una sezione specifica da proporre in relazione allo sviluppo di questo treadh.
            Loredana

            ### Moderatrice del forum ###

            Tessera Associazione Crocieristi n. 119

            2008 Costa Magica, 2009 Costa Serena, 2010 Msc Splendida, 2011 RCCL Mariner OTS, 2012/2013 RCCL - Navigator OTS, 2014 Celebrity Reflection, 2014 Msc Splendida, 2015 Celebrity Reflection, 2016 Harmony OTS

            Comment


            • #7
              Premesso che non ho problemi motori, trovo questo 3d molto utile ed interessante.
              Io ho notato con piacere, nella mia crociera sulla navigator ots (Royal C.), la presenza di moltissime persone disabili.
              Le cabine e tutta la nave è accessibile. Dalla presenza di tante persone con problemi motori deduco che anche sulle navi Royal non vi siano problemi per chi è sulla sedia a rotelle e per persone non vedenti (ascensore e camera aveva i tasti con linguaggio apposito, per la camera solo la porta di accesso).

              Comment


              • #8
                Arwen, mi piace molto la tua idea...però non è affatto vero che questo è un tema che non riguarda tutti...anzi io vorrei che lo leggessero tutti per rendersi conto di quelle che sono le "difficoltà" e quanto tutti possiamo contribuire per evitarle (come ad esempio capire perchè su un pullman non si devono occupare i posti riservati).
                Ho avuto mia madre in carozzina per 5 anni, quindi so bene di quello che parli.

                Ammiro e apprezzo i genitori che portano i figli disabili in vacanza, per gli adulti spesso il discorso è un po' diverso...spesso i limiti loro stessi li vedono dove non ci sono e non vogliono fare certe esperienze...spero che questo post serva a spiegare che la crociera è un esperienza più che fattibile e faccia venire a queste persone la voglia di partire!
                Laura

                "...Lei restava a guardar le navi, a interessarsi alla vita di bordo......E sollevando con gli occhi tutta l'anima a guardare nell'ultima luce la punta degli alti alberi, i pennoni, il sartiame, provava in sè con una gioia ebbra di freschezza e uno sgomento quasi di vertigine, l'ansia del tanto cielo e del tanto mare che quelle navi avevano corso, partendo da chissà quali terre lontane." (L. Pirandello)

                Comment


                • #9
                  Originariamente Scritto da La76 Visualizza Messaggio
                  Arwen, mi piace molto la tua idea...però non è affatto vero che questo è un tema che non riguarda tutti...anzi io vorrei che lo leggessero tutti per rendersi conto di quelle che sono le "difficoltà" e quanto tutti possiamo contribuire per evitarle (come ad esempio capire perchè su un pullman non si devono occupare i posti riservati).
                  Ho avuto mia madre in carozzina per 5 anni, quindi so bene di quello che parli.

                  Ammiro e apprezzo i genitori che portano i figli disabili in vacanza, per gli adulti spesso il discorso è un po' diverso...spesso i limiti loro stessi li vedono dove non ci sono e non vogliono fare certe esperienze...spero che questo post serva a spiegare che la crociera è un esperienza più che fattibile e faccia venire a queste persone la voglia di partire!
                  Hai ragione, come puoi immaginare condivido in toto. Intendevo dire che il thread dovrebbe essere "visibile" per le persone con difficoltà, in modo che possano scambiare informazioni e organizzarsi al meglio. Ad es., riprotare sul foglio escursioni frasi del tipo: non consigliata ad ospiti con difficoltà motorie è troppo vago. Altre compagnie straniere specificano: ci sono tot scalini per accedere a..., c'è una discesa ripida per ..., c'è una scala di tot scalini senza balaustra etc. Ovvero informazioni precise, che fanno la differenza. Ci sono così tante barriere che noi non notiamo, se non quando ci troviamo a viverle sulla nostra pelle (o dei nostri cari).
                  Io una volta ho visto un gruppo di persone con trisomia 21, giovani e meno, in nave, con i loro accompagnatori. Hanno fatto tutto, dalle escursioni ai balli e sono stati molto ma molto più simpatici ed educati di tanti "normodotati". Penso che sia stata anche per loro un'esperienza unica. Mia figlia adora le crociere (e anch'io!)
                  Costa Victoria, Fortuna, Europa, Romantica, Marina, Concordia, Mediterranea, Pacifica, Concordia, Concordia, Luminosa, Serena, Deliziosa, Atlantica, Classica, Magica, Luminosa, Mediterranea, Deliziosa, Magica, Legend otS, Diadema, Fascinosa, Rhapsody otS, Mediterranea, Diadema, MSC Sinfonia, Fascinosa, Luminosa

                  Comment


                  • #10
                    Purtroppo è vero che per quanto riguarda le escursioni le informazioni sono abbastanza carenti.

                    E' anche vero però che ogni disabile ha esigenze uniche e quindi diventa difficile scrivere qualcosa che va bene per tutti, però ognuno con la propria esperienza può cercare di aiutare e consigliare...anche se a volte non è sempre semplice "vedere" gli ostacoli, ma se posso cercherò di contribuire.
                    Laura

                    "...Lei restava a guardar le navi, a interessarsi alla vita di bordo......E sollevando con gli occhi tutta l'anima a guardare nell'ultima luce la punta degli alti alberi, i pennoni, il sartiame, provava in sè con una gioia ebbra di freschezza e uno sgomento quasi di vertigine, l'ansia del tanto cielo e del tanto mare che quelle navi avevano corso, partendo da chissà quali terre lontane." (L. Pirandello)

                    Comment


                    • #11
                      Direi che le informazioni che hai fornito, sono molto utili; soffermarsi sui problemi di altre persone, sia di chi li porta sulle spalle, sia di chi si impegna a farli pesare meno, è molto importante. Certe considerazioni le avevo fatte solo superficialmente.

                      Odio i "furbi", ma soprattutto quelli che ne approfittano dei più deboli.
                      Chi va per mare naviga, chi sta a terra giudica.

                      Rodolfo
                      ### Moderatore Globale ###

                      Comment


                      • #12
                        Ecco un po’ di informazioni su alcuni scali e escursioni, riferite in particolare a chi ha problemi motori, ovvero cammina ma con difficoltà.
                        Quando la nave ferma in rada e si scende in lancia, non ci sono problemi perché il personale di bordo aiuta (anche sollevando di peso!).
                        Marsiglia: Avignone: diversi scalini alti nel palazzo, fattibile ma con difficoltà. Aix-en-Provance: non ci sono ostacoli.
                        Ajaccio: si può girare senza problemi, ma la casa di Napoleone non è accessibile (scale ripide).
                        Barcellona: in generale accessibile, un po’ stancante il parco Guell: occorre arrivarvi dall’alto e NON dall’ingresso principale, altrimenti la salita è proibitiva. Così invece arrivati alla terrazza panoramica, dove c’è un bar e ci si può riposare, poi si scende. Vale la pena! Escursioni in genere accessibili. Museo marittimo anche. Rambla ovviamente.
                        Palma di Maiorca: per arrivare alla cattedrale salite da dietro (fermata dei taxi): un po’ lungo ma si può fare, così evitate gli scalini.
                        Malaga: accessibile l’escursione. Si cammina, ma senza scale.
                        Siviglia: stupenda. Si cammina, ma senza scale.
                        Casablanca: Si cammina, ma senza scale. Scale nella moschea.
                        Tunisi: accessibile il Museo del Bardo, non tantissimo da camminare alle rovine di Cartagine, in salita Sidi bu Said.
                        Malta: accessibile anche il museo archeologico, per arrivare alla Valletta occorre però il taxi. Escursione ai siti megalitici: fattibile e molto bella.
                        Napoli: Museo archeologico: sedie a rotelle disponibili: Ercolano: fattibile. Pompei: più difficoltosa, perché si deve camminare sui resti delle strade antiche, ma splendida. Vale la pena anche vedendo una piccola parte. Sorrento: no problem.
                        Palermo cattedrale nessun problema, Palazzo dei Normanni ingresso accessibile. Una scala con gradini tollerabili per la cappella dei normanni. Monreale accessibile.
                        Catania: Taormina: fattibile, ma difficoltoso il teatro.
                        Civitavecchia: Roma: in genere i musei hanno sedia a rotelle, sicuramente i Musei vaticani. Accessibile il Colosseo, che ha l’ascensore e nessuna fila per disabili per l’acquisto ticket. Il Foro ovviamente è difficoltoso ma non infattibile. Ostia antica (escursione stupenda purtroppo abolita): come Pompei: camminando adagio e facendo attenzione si può fare.
                        Savona: la città non presenta problemi. Se si va ad Albissola in trenino, poi no problem. Spiagge attrezzate anche con bagni disabili. A Genova l’Acquario è…un lungo percorso ma accessibile.
                        Capri: si può salire in taxi e scendere in funicolare o usare sempre la funicolare (dipende dalla coda…io consiglio la prima soluzione). La camminata verso i Giardini d’Augusto è fattibile e vale la pena!
                        Venezia: qui ci sono problemi di scale, traghetto, code…
                        Ancona: escursione a Urbino: non vedo come si possa definirla accessibile! Chi è stato a Urbino ha presente: salite molto ripide e discese altrettanto…
                        Spalato: Palazzo di Diocleziano: parzialmente accessibile: il mausoleo ha scale ripide, le cantine sono totalmente inaccessibile per scale ripidissime e senza balaustra. Idem il tempio di Giove. Però anche così vale la pena vedere il resto, stupendo.
                        Dubrovnik: accessibile, ovviamente non le mura! La cattedrale ha scale senza balaustra.
                        Corfù: Achilleion: parzialmente accessibile, ovvero solo il piano terra. Poi scale per il primo piano e per il giardino. No problem nella città di Corfù. Barbati beach: la spiaggia è di sassolini, ci sono passarelle di legno, ma è un po’ difficoltoso camminarvi sopra. Mare splendido. Un po’ disagevole, ma vale la pena.
                        Cefalonia: spiaggia di Costa costa beach con sabbia, ma vi si arriva dopo una discesa…poi salita. Fattibile pian piano. Gradini alti per arrivare al bar, ma c’è lo scivolo. Due gradini alti per arrivare alla toilette. Bella spiaggia e mare pure. Io ho preferito barbati beach, ma mia figlia ha preferito Costa costa beach, perché ha la sabbia.
                        Kotor: nessun problema camminare nella bella cittadina. Proibitive ovviamente la salita alle chiesa e le mura.
                        Katakolon: nessun problema nella piccola cittadina. Il museo di Olimpia ha solo il piano terra, il sito è accessibile, solo qualche asperità nel terreno.
                        Atene: Acropoli: io ci sono stata anni fa, quando ancora era inaccessibile. Per la serie una volta nella vita, l’abbiamo fatta, ma gli scalini dei Propilei hanno la balaustra solo alla fine, i primi scalini sono tremendi, idem per l’Areopago. Per chi è in sedia a rotelle è invece accessibile, con una sorta di ascensore e poi di binario. Non mi risulta però che vi siano carrozzine disponibili per chi normalmente non usa la carrozzina, quindi è molto molto difficile (a me ha fatto male il polso per giorni, per la fatica di sostenere mia figlia, in salita e soprattutto in discesa). Museo Archeologico: non ci sono scale. Non so se ci siano ora sedie a rotelle a disposizione, ci sono al nuovo Museo dell’acropoli. Escursione a capo Sounion: facile, si arriva in bus vicino al tempio di Poseidone, c’è una salita sterrata da fare che è disagevole per una sedia a rotelle ma altrimenti fattibile. Goduto il panorama, ci si rilassa al bar.
                        Mykonos: è una lunga camminata. Se volete arrivare ai mulini, dovete stare sulla sinistra, in modo da arrivarvi da dietro: così non sentite la salita e poi scendete verso Little Venice. Noi ce la caviamo con molte soste!
                        Santorini: molto difficoltosa. Per Oia consiglio l’escursione o il taxi. Però a Oia ci sono molte scale, mia figlia si stancava troppo. In questi casi noi scegliamo un bar con vista e poi io schizzo di qua e di là a far foto. Thera: difficoltosa, anche evitando le parti con gli scalini è comunque faticosa per le salite. Quindi bar come sopra. La fila per la funicolare è chilometrica e chi ha problemi non la regge: io ho scoperto però che le persone disabili NON fanno la fila, perché hanno diritto a un accesso preferenziale: sbarcati al porticciolo NON fate la fila né le scale, c’è una ascensore che però va manovrata dagli addetti, occorre che un accompagnatore vada a chiedere. Per la discesa, non fate la fila ma andate al cancello dell’uscita: vi fanno passare, aspettate seduti, poi fate con calma i pochi scalini e vi sistemano al primo posto, così poi scendete subito. Lì ancora chiedete per l’ascensore.
                        Kos: accessibile la cittadina, scale per il platano di Ippocrate. Assolutamente inaccessibile l’Asklepion: lo si può vedere dal basso, ma non salire le ripide scalinate senza balaustra. Zia: nessuno avvisa che per arrivare alla chiesa vi è una lunga strada in salita troppo difficoltosa specialmente con il caldo.
                        Samos: il museo archeologico ha diversi scalini, benchè sia piccolo. L’Heraion è in piano (ma è rimasto pochissimo).
                        Rodi: la città si gira senza problemi, a noi piace sempre, però il Museo archeologico e il Palazzo dei cavalieri sono totalmente inaccessibili: scale ripide e senza balaustra. Ogni volta che vado a Rodi tento, nella speranza che si adeguino, ma ad ora nulla da fare. Lindos: molto carina, l’acropoli ha una vista straordinaria ma è totalmente inaccessibile: gradini molti e molto alti e sconnessi.
                        Smirne: Efeso: noi siamo state due volte, è stupendo. Difficoltoso ma non infattibile. Pergamo: come possa essere definita di livello 2 e non 3 non si capisce. Non siamo andate perché basta vedere le foto…chi c’è andato –persone giovani e robuste – è tornato ko. Quindi, anche se con la morte nel cuore…rinunciamo. Se qualcuno riesce…me lo dica Forse con le ali?)
                        Istanbul: noi abbiamo fatto senza particolari problemi Moschea Blu, S.Sofia, Topkapi, Bazar. Non so se sia fattibile la Cisterna: se qualcuno sa dire quanti scalini e quanto alti…
                        Alessandria: escursione senza problemi, basta non scendere i gradoni del teatro romano. A noi è piaciuta, per mia figlia andare al Cairo sarebbe troppo faticoso.
                        Cipro: Un po’ faticosi i siti archeologici, ma nel complesso fattibili. Bellissimi i mosaici.
                        Taccio della Libia dove eravamo state. Speriamo in futuro il paese si pacifichi e apra al turismo.
                        Avrete capito che noi amiamo la storia e l’archeologia…se siamo con la guida, facciamo così: non potendo tenere il passo (le guide corrono e poi si fermano, mentre mia figlia cammina adagio e si stanca a stare ferma in piedi), noi seguiamo un’andatura costante e faccio sedere mia figlia appena possibile. Non mi fermo a sentire tutte le spiegazioni e spesso procediamo per conto nostro. Io sono prof.di storia quindi non ho problemi. Spesso vediamo più noi degli altri…Mi compro libretto per info aggiuntive da leggere poi con calma.
                        Avrò sicuramente dimenticato qualcosa, ma spero intanto di aver dato informazioni utili. Grazie a chi vorrà aggiungerne.
                        Costa Victoria, Fortuna, Europa, Romantica, Marina, Concordia, Mediterranea, Pacifica, Concordia, Concordia, Luminosa, Serena, Deliziosa, Atlantica, Classica, Magica, Luminosa, Mediterranea, Deliziosa, Magica, Legend otS, Diadema, Fascinosa, Rhapsody otS, Mediterranea, Diadema, MSC Sinfonia, Fascinosa, Luminosa

                        Comment


                        • #13
                          chapeau!!!!
                          post veramente encomiabile!, meriterebbe metterlo in evidenza.
                          magari accorpando altre patologie invalidanti o croniche che ne pensate mod?
                          roberto

                          L'uomo è l'unico animale la cui esistenza è un problema che deve risolvere.

                          Comment


                          • #14
                            Avete gitato veramente tanto, complimenti!
                            Purtroppo non ho molto da aggiungere, le tappe che ho visitato le hai già citate tutte!

                            Stavo pensando che comunque le info che stai dando potrebbero essere utilissime non solo per le persone disabili, ma anche per, ad esempio, persone anziane che fanno magari un po' di fatica a camminare o famiglie con bambini in passeggino...non so, forse cambierei il titolo in un più ampio 'In crociera con ridotte capacità motorie?qualche consiglio utile per vivere le escursioni'...il senso è lo stesso, però magari inviterebbe alla lettura un po' più persone e magari qualche informazione in più...
                            Laura

                            "...Lei restava a guardar le navi, a interessarsi alla vita di bordo......E sollevando con gli occhi tutta l'anima a guardare nell'ultima luce la punta degli alti alberi, i pennoni, il sartiame, provava in sè con una gioia ebbra di freschezza e uno sgomento quasi di vertigine, l'ansia del tanto cielo e del tanto mare che quelle navi avevano corso, partendo da chissà quali terre lontane." (L. Pirandello)

                            Comment


                            • #15
                              concordo,le indicazioni che ci ha dato sono molto utili a tutti

                              Comment

                              Working...
                              X