Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Azamara Quest - Best of Italy

Collapse
This topic is closed.
X
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Azamara Quest - Best of Italy

    Eccomi qui, proviamo a scrivere qualcosa sulle crociere passate...
    Ovviamente, a cominciare dalla prima, nell'estate 2009, sull'Azamara Quest.
    E' vero, di tempo ne è passato, ma credo che le informazioni che vi darò potrenno comunque esservi utili,
    dal momento che Azamara in Italia non è una compagnia molto conosciuta (anzi, per nulla!).
    Ovviamente non potrò essere molto precisa, non ricordo tutto per filo e per segno, ma cercherò di fare del mio meglio.
    E' doveroso fare una premessa: io ed il mio fidanzato abbiamo deciso di partire per una crociera...last minute!
    Infatti il 20 luglio, volendo partire i primi di agosto, ancora non avevamo deciso come muoverci.

    Seguiti da un disponibilissimo titolare di una adv della ns città, ci è stata proposta questa compagnia,
    che offriva ad un ottimo prezzo una delle ultime cabine disponibili.
    L'Azamara è una compagnia americana, con clientela esclusivamente americana, che dispone soltanto di
    due navi, la quest e la journey. Entrambe sono navi piuttosto piccole, con un numero limitato di cabine,
    ma il servizio è ottimo: il rapporto ospite-personale è di 2:1.
    Il titolare della adv ci aveva avvertito che quella con azamara sarebbe stata una crociera di lusso.
    Quando ho cominciato a protestare riguardo all'inadeguatezza del mio guardaroba, lui mi ha tranquillizzata assucurandomi
    che, pur essendo una nave a 5 stelle, sarebbe stata una crociera "degagé", quindi assolutamente non formale.

    Decidiamo di partire, e il 10 agosto ci rechiamo in macchina a Civitavecchia. Lasciamo la macchina al parcheggio,
    ed un po' intimoriti dal viaggio che ci aspettava, chiediamo informazioni sulla compagnia ai simpaticissimi ragazzi
    che gestiscono il parcheggio auto del porto. Niente: sconosciuta a chiunque, questa Azamara.

    Al momento di imbarcarci, dopo le operazioni di check-in , velocissime peraltro (come mai, in futuro!)
    saliamo sull'Azamara Quest. A vederla da sotto e in confronto alle altre navi presenti nel porto,
    la Quest sembra una mosca in confronto alle altre mastodontiche e nuovissime navi.

    Ma signori miei, una volta saliti..si trova davvero il lusso.
    E' pur vero che era la nostra prima crociera, ma col senno di poi, non ho più trovato un ambiente così, su nessuna nave.
    Il ponte centrale, dove c'è la piscina, è pieno di lettini imbottiti con morbidi cuscini,
    chaise longue a due posti posizionate davanti alle enormi vetrate che danno sul mare, asciugamani enormi e morbidissimi, bianchi!
    Due per ogni sdraio, già posizionati... durante la crociera il personale si occuperà di sostituirli spesso, di far sparire quelli bagnati e
    di fartene trovare di asciutti ogni volta che raggiungi il tuo lettino...


    By angrystar at 2011-12-31


    By angrystar at 2011-12-31

    Il resto del lusso lo racconterò dopo
    Con gioia, subito dopo scopriamo di avere ricevuto un upgrade: da una cabina interna siamo passati
    ad un'esterna+con vista panoramica: non male come prima crociera!
    Siamo al ponte 4, a due passi dalla reception.
    Molto carina, ogni giorno il personale ci faceva trovare un cesto di frutta fresca. Che coccola!

    L'itinerario che seguiremo è il seguente: Civitavecchia, Sorrento(2 giorni), Taormina, Ravenna(2 giorni), Venezia(2 giorni),Dubrovnik, Olbia, La Spezia, Livorno.
    Abbiamo avuto due giorni completi di navigazione e devo dire che il rimanere anche 48 ore in certe città ti permette di vivere la crociera in un modo totalmente diverso. Puoi vedere le città che visiti anche di notte, senza limiti di orario...
    Quasi mai la Quest ha attraccato nei vari porti, anzi: a parte Venezia, abbiamo sempre ancorato, e i tender facevano avanti e indietro continuamente per tutto il tempo della sosta...anche tutta la notte quando si presentava l'occasione.

    Inoltre la compagnia ha sempre messo a disposizione dei passeggeri delle navette GRATUITE che ci portavano fino al centro città nel caso in cui la zona di sbarco
    fosse molto lontana dai centri abitati.

    Se dovessi definire la vita sulla nave potrei usare una sola parola: RILASSANTE.
    Gli ospiti della Quest erano tutti piuttosto in là con gli anni e l'atmosfera che si respira a bordo è di tranquillità assoluta.
    Ci saranno stati si e no 5 bambini in tutta la nave, e anche l'animazione è molto soft.
    Per me, che non l'amo particolarmente, questo aspetto è stato molto importante.
    La musica è sempre ad un volume contenuto, c'è spesso un richiamo al jazz (che io adoro) e mi rendo conto che
    questo a molti potrebbe non piacere. Tutta questa situazione non è affatto dispiaciuta a me e al mio fidanzato,
    che arrivavamo stressatissimi da un anno lavorativo piuttosto duro, e per noi è stato un toccasana.

    I camerieri sul ponte non fanno altro che correre avanti e indietro assicurandosi che tu abbia sempre qualcosa di fresco
    da bere a portata di mano...ma attenzione: questo non è spillare soldini ai passeggeri!
    Sono prontissimi infatti a portarti un bicchiere d'acqua o di succo di frutta serivito dai dispenser presenti al buffet e ti
    chiedono la keycard solo se proprio non possono fare diversamente. Insomma, sono lì per servirti.
    non si fa in tempo a lasciare un bicchiere vuoto sul tavolino accanto alla sdraio, che subito sparice.
    Insomma, abbiamo passato 15 giorni serviti e riveriti...
    Un piccolo aneddoto: durante una delle die giornate di navigazione, siamo saliti sù al sun deck per prendere il sole.
    C'era molto vento, ma essendo il 15 di agosto il caldo era davvero eccessivo.
    Ad un certo punto vediamo arrivare due elementi del personale, ecco cosa hanno riservato agli ospiti che
    prendevano il sole: uno ti porgeva una salvietta ghiacciata e poi ti indicava un grosso cesto che il suo collega
    portava, e che conteneva alcuni spray freddi per dar sollievo alla pelle; a quel punto ti invitava a scegliere quale
    aroma preferivi tra i vari spray (mi pare fossere fruttati) e una volta scelto ti spruzzava sulla pelle questo rinfrescante.

    Se non è lusso questo.....?!

    Ovviamente questi sono i passaggi che saltano di più all'occhio, ma c'è da dire del bello e del brutto sull'Azamara,
    piano piano arriverò a tutto.
    Ma ora il tempo stringe, continuerò il racconto al più presto. Buonanotte!

    Vale
    Last edited by angrystar; 31-December-2011, 15:30.

  • #2
    Ottimo inizio!!! Appena puoi, continua. Complimenti. Ciao.
    Chi va per mare naviga, chi sta a terra giudica.

    Rodolfo
    ### Moderatore Globale ###

    Comment


    • #3
      grazie del resoconto. Mi ero stufato di leggere diari di viaggio (e di sognare) di AzamaraClub sul forum Americano
      2005CarnivalVictory2006ExplorerOtS-VoyagerOtS2007EmpressOtS-SplendourOtS2008JewelOtS-CelebrityGalaxy2010NavigatorOtS2011MarinerOtS-Noordam2012AnastasiaOftheSeas2013MSCMagnifica2014CostaPacifica-CelebrityReflection2015NCLStar2016CostaDiadema-Eurodam2017MajesticPrincess2018MSCMeraviglia-CrownPrincess-CrownPrincess2019MSCSeaView

      Comment


      • #4
        Grazie Rodolfo

        Cokj, felice di essere utile!
        Purtroppo il viaggio risale a due anni fa, ho foto sparse su diversi pc e pen drive,
        cercherò di caricarne qualcuna, non sono granchè... ma meglio di niente


        Continuo col racconto, andiamo per argomenti...

        Il personale e la pulizia.
        Come vi accennavo, personale gentilissimo e disponibilissimo, fin troppo servile in certi casi.
        Tutto il personale parla solo ed esclusivamente inglese, qualcuno un po' di francese o spagnolo.
        Questo ha creato qualche problemino perchè il mio inglese non è granchè, ed il mio fidanzato
        non lo parla proprio...ma in tutti i casi ci siamo fatti capire
        Housekeeper fantastici, pulizia estrema.
        Oltre al cesto di frutta fresca, che veniva cambiata ogni giorno,
        ad ogni passaggio del personale in stanza trovavamo una brocca d'acqua naturale con accanto il secchiello del ghiaccio,
        altra coccola che poi non mai più avuto occasione di ricevere in futuro.
        Nel bagno c'erano ogni giorno fiorellini freschi e nella doccia ho trovato tre boccette contenenti
        shampoo, balsamo e bagnoschiuma idratante marchiati Elemis...
        all'inizio ho pensato che fossero a pagamento in caso di utilizzo, ma poi ho voluto provarli: prodotti buonissimi e...
        non soltanto gratuiti, ma ogni volta che venivano aperti, il personale li sostituiva con boccette nuove e piene!
        Ecco qualche foto della stanza:





        Il cibo.
        Come vi accennavo, per noi è un aspetto molto importante.
        In generale devo dire che che la qualità del cito era decisamente alta.
        Sempre col famoso "senno di poi" posso dire che nessun altra compagnia offre
        cibi di così alto livello. Cominciamo dal mattino: colazione a buffet con ogni ben di Dio possibile,
        croissant, cereali, una "pancake station" che offriva anche crepes e waffles, spremuta d'arancia fresca,
        ed una vasta offerta di salato...
        Per il pranzo stessa faccenda, buffet abbastanza ampio, con un angolino dedicato alla pasta, fatta al momento,
        angolino "grill" e per il resto pollo, insalate, pesce, frutta fresca, gelato, ecc..
        Dolci abbastanza "tristi", ma dagli americani non ci si può aspettare molto
        La cena: ci sono due possibilità. Il buffet come a pranzo oppure il ristorante à la carte "discoveries".
        In alternativa ci sono l'Aqualina e il Prime C, ristoranti a pagamento che però noi non abbiamo mai provato.
        Al buffet è possibile mangiare fino alle 21,30.
        Al buffet e disponibili 24h/24: caffè, thè freddo, succhi di frutta, latte, ed ovviamente acqua.
        Per il ristorante non c'è necessità di prenotazione ma spesso può succedere che ti facciano attendere al bar.
        Il ristorante discoveries offre un menu che comprende antipasti, piatto principale e dolce.
        Ovviamente però è tutto in inglese.
        Ora, questo non sarebbe un problema se il menu fosse scritto normalmente...
        tipo "costata di manzo con contorno di patate". Invece no...immaginatevi un pranzo in trattoria,
        quando per ordinare un piatto di fusilli in bianco con un po' di grana
        dovete chiedere al cameriere "torchon di grano duro scottati, in olio di nember e fiocchi di latte della val padana".
        Ecco, immaginatevi tutto ciò in inglese. Io e Tony non avevamo idea di quello che stavamo ordinando.
        Ma c'è da dire che non è mai mancato l'agnello, il filetto e la costata, e comunque ci hanno sempre presentato tagli
        di carne pazzeschi...davvero ottima la qualità.
        Peccato che poi, da bravi americani, si perdessere con cose tipo lo sciroppo di menta sulla bistecca. Sigh.
        L'acqua naturale veniva servita dai camerieri senza bisogno di ordinarla e gratuitamente.
        Ampia la scelta dei vini, di cui gli altri ospiti si beavano alla grande
        Durante la giornata, precisamente dalle 11 alle 17 (o 18?!) apriva il "pool grill",
        che offriva ogni tipo di taglio di carne possibile ed immaginabile...bastava scegliere ciò che si preferiva
        e l'addetto lo cuoceva al momento. Salse e patatine d'ogni sorta. Niente male, no???
        Durante i momenti di assenza del buffet e durante la notte erano sempre disponibili frutta fresca, latte freddo e biscottini (i tipici cookies).
        Piccola parentesi sul caffè: non hanno idea di cosa sia un espresso. In nessun bar sono stati in grado di farci un caffè corto. E non aggiungo altro

        Devo dire che ci siamo trovati piuttosto bene a parte le "americanate" del discoveries... io ho
        comunque sempre insistito per andare a cenare al buffet...almeno ero sicura di quello che avrei avuto nel piatto

        La nave.
        Come vi accennavo, nave semplice ed elegante...molto piccola rispetto a quelle che avrei poi visto in futuro.
        Piccolo il casinò, piccole le piscine (ma non poi così tanto rispetto a quelle di navi più grandi).





        Questi i lettini di cui ho scritto sopra...





        Spazi comuni piuttosto contenuti, visti i pochi passeggeri.
        Divieto di fumare su tutta la nave, tranne che in due spazi riservati: uno al ponte 9 vicino alla piscina,
        l'altro al chiuso, se non ricordo male presso uno dei bar (non sono sicura di quest'ultima affermazione però).
        Anche in cabina vietatissimo il fumo. Tony ha acceso una sigaretta in bagno il primo giorno,
        pensando che il fumo in cabina fosse permesso, e dopo poche ore abbiamo trovato una letterina in cabina che ci
        invitava gentilmente a non fumare più. Ovviamente il reietto non ci ha mai più provato.
        Invece abbiamo saputo che due giovani ospiti americane che si ostinavano a fumare in cabina, dopo diversi richiami
        prima con le buone e poi con le cattive....che ci crediate o no sono state lasciate a terra.
        A Livorno gli hanno fatto trovare le valigie giù dalla nave. Pazzesco no?
        La spa non l'abbiamo provata, per via delle difficoltà a farci capire, purtroppo.
        Lo spettacolo serale è unico, quasi sempre una commedia o un musical in lingua inglese ovviamente...
        Quindi se non mastichi bene la lingua non ci capisci nulla
        A dire il vero non c'è nemmeno un vero teatro, ma il "cabaret": un enorme lounge con poltrone e tavolini ed un palco rialzato. Punto.
        Bellissimo il "looking glass", un grosso lounge al ponte 10, prua con una vista frontale e laterale spettacolare!










        L'itinerario.
        Io ed il mio fidanzato al momento di partire ci siamo chiesti: da dove cominciamo?
        Quando ci è stato proposto l'itinerario "best of Italy" abbiamo pensato che non c'era posto migliore per
        cominciare a viaggiare se non la nostra bellissima Italia, che non avevamo visitato granchè...
        Ed abbiamo preso la palla al balzo.

        Niente da dire, fermarsi per 48 ore nello stesso posto è impagabile.
        Puoi andare a cena fuori, goderti la città di notte, non hai la paranoia del rientro...
        insomma, tutta un'altra musica!

        Sorrento molto carina ma c'è poco da vedere... più che fare un giro sul trenino locale e visitare la città...
        la sera del primo giorno abbiamo cenato fuori in una pizzeria molto carina con la terrazza sul golfo...vista spettacolare!
        Il secondo giorno abbiamo preso il treno per pompei e siamo andati a vedere gli scavi...la verità?
        Troppo caldo davvero. Un'afa micidiale, non ricordo quasi nulla purtroppo.
        Taormina: splendida ma 8 ore per visitarla sono davvero poche.
        Poi Venezia e Dubrovnick (unica tappa estera) ci sono piaciute tantissimo...
        cenare vicino al canal grande, è stato bellissimo! Credo però che in quei due giorni, Venezia abbia
        registrato i più alti tassi di umidità mai provati... Allucinante!!! O.o
        Arrivati a la Spezia ci siamo spostati a Porto Venere, molto carina e caratteristica...
        essendo una tappa di due giorni, alla sera siamo stati invitati a cena in un ristorantino molto carino
        da una coppia di canadesi con cui avevamo fatto amicizia
        (nonostante tutto riuscivamo a comunicare, quindi il mio inglese non dev'essere poi tanto male )
        Ristorante tutto vetri, proprio in riva al mare, chiccosissimo...bella serata!

        Ci ha lasciato un po' "così" Ravenna, ma lo attribuisco a gusto personale...Io e Tony non
        siamo molto i tipi da chiesa-museo-guida...quindi fermarsi 48 ore lì non ci è piaciuto molto
        mentre per moltissimi ospiti americani, Ravenna rientrava nella top-three delle destinazioni raggiunte.

        Le tappe che non ci sono piaciute in assoluto sono state Olbia e Livorno, perchè per visitare posti interessanti era necessario spostarsi
        coi mezzi o meglio acquistare un'escursione... e qui mi soffermo qualche momento.
        Le escursioni, ovviamente, erano solo in lingua inglese. Non c'era alternative.
        E poi...che prezzi!

        Una cosa carina però, e molto interessante, che poi non ho mai più ritrovato su altre navi,
        è stata questa: ad ogni tappa un consulente turistico della zona saliva sulla Quest e si fermava 3/4 ore
        per dare informazioni, mappe, cartine e biglietti per il bus a chiunque lo desiderasse..e gratuitamente!!!
        Bello no?
        La nostra fortuna ovviamente era che tutti i consulenti erano italiani, quindi capivamo tutto alla perfezione
        ed abbiamo avuto informazioni preziose per le nostre visite nei vari porti.

        Bene, mi sono dilungata abbastanza...tiro le somme.

        Crociera indimenticabile, forse pechè è stata la prima.
        Certo, c'erano alcune pecche per noi italiani...ma d'altronde eravamo gli unici due italians su tutta la nave!

        Posso senz'altro definirla una crociera di lusso, ma attenzione...
        amanti dell'animazione e degli spettacoli teatrali..lasciate perdere l'azamara!
        Sulla Quest si respira un'aria di tranquillità, pacatezza e relax assoluti,
        non c'è ombra di atmosfere festaiole se non in poche ristrette occasioni!
        Questo aspetto devo dire è stato da noi apprezzato, perchè era ciò di cui avevamo bisogno in
        quel momento... forse se lo rivivessi adesso mi annoierei..chi lo sa.

        Una vacanza particolare in fin dei conti e...un'esperienza da provare...perchè no?!

        Buona giornata

        Vale

        Comment


        • #5
          Bell'esperienza ben raccontata!
          Complimenti racconta ancora.
          Alberto

          ### Moderatore del forum ###


          “Se vuoi conoscere un uomo viaggia con lui. Se vuoi conoscere te stesso viaggia da solo. Se vuoi capire il tuo paese metti casa in un altro paese." Bob Shacochis

          Comment


          • #6
            Grazie Rodolfo, grazie Alco

            Cokj, felice di essere utile!
            Purtroppo il viaggio risale a due anni fa, ho foto sparse su diversi pc e pen drive,
            cercherò di caricarne qualcuna, non sono granchè... ma meglio di niente


            Continuo col racconto, andiamo per argomenti...

            Il personale e la pulizia.
            Come vi accennavo, personale gentilissimo e disponibilissimo, fin troppo servile in certi casi.
            Tutto il personale parla solo ed esclusivamente inglese, qualcuno un po' di francese o spagnolo.
            Questo ha creato qualche problemino perchè il mio inglese non è granchè, ed il mio fidanzato
            non lo parla proprio...ma in tutti i casi ci siamo fatti capire
            Housekeeper fantastici, pulizia estrema.
            Oltre al cesto di frutta fresca, che veniva cambiata ogni giorno,
            ad ogni passaggio del personale in stanza trovavamo una brocca d'acqua naturale con accanto il secchiello del ghiaccio,
            altra coccola che poi non mai più avuto occasione di ricevere in futuro.
            Nel bagno c'erano ogni giorno fiorellini freschi e nella doccia ho trovato tre boccette contenenti
            shampoo, balsamo e bagnoschiuma idratante marchiati Elemis...
            all'inizio ho pensato che fossero a pagamento in caso di utilizzo, ma poi ho voluto provarli: prodotti buonissimi e...
            non soltanto gratuiti, ma ogni volta che venivano aperti, il personale li sostituiva con boccette nuove e piene!
            Ecco qualche foto della stanza:





            Il cibo.
            Come vi accennavo, per noi è un aspetto molto importante.
            In generale devo dire che che la qualità del cito era decisamente alta.
            Sempre col famoso "senno di poi" posso dire che nessun altra compagnia offre
            cibi di così alto livello. Cominciamo dal mattino: colazione a buffet con ogni ben di Dio possibile,
            croissant, cereali, una "pancake station" che offriva anche crepes e waffles, spremuta d'arancia fresca,
            ed una vasta offerta di salato...
            Per il pranzo stessa faccenda, buffet abbastanza ampio, con un angolino dedicato alla pasta, fatta al momento,
            angolino "grill" e per il resto pollo, insalate, pesce, frutta fresca, gelato, ecc..
            Dolci abbastanza "tristi", ma dagli americani non ci si può aspettare molto
            La cena: ci sono due possibilità. Il buffet come a pranzo oppure il ristorante à la carte "discoveries".
            In alternativa ci sono l'Aqualina e il Prime C, ristoranti a pagamento che però noi non abbiamo mai provato.
            Al buffet è possibile mangiare fino alle 21,30.
            Al buffet e disponibili 24h/24: caffè, thè freddo, succhi di frutta, latte, ed ovviamente acqua.
            Per il ristorante non c'è necessità di prenotazione ma spesso può succedere che ti facciano attendere al bar.
            Il ristorante discoveries offre un menu che comprende antipasti, piatto principale e dolce.
            Ovviamente però è tutto in inglese.
            Ora, questo non sarebbe un problema se il menu fosse scritto normalmente...
            tipo "costata di manzo con contorno di patate". Invece no...immaginatevi un pranzo in trattoria,
            quando per ordinare un piatto di fusilli in bianco con un po' di grana
            dovete chiedere al cameriere "torchon di grano duro scottati, in olio di nember e fiocchi di latte della val padana".
            Ecco, immaginatevi tutto ciò in inglese. Io e Tony non avevamo idea di quello che stavamo ordinando.
            Ma c'è da dire che non è mai mancato l'agnello, il filetto e la costata, e comunque ci hanno sempre presentato tagli
            di carne pazzeschi...davvero ottima la qualità.
            Peccato che poi, da bravi americani, si perdessere con cose tipo lo sciroppo di menta sulla bistecca. Sigh.
            L'acqua naturale veniva servita dai camerieri senza bisogno di ordinarla e gratuitamente.
            Ampia la scelta dei vini, di cui gli altri ospiti si beavano alla grande
            Durante la giornata, precisamente dalle 11 alle 17 (o 18?!) apriva il "pool grill",
            che offriva ogni tipo di taglio di carne possibile ed immaginabile...bastava scegliere ciò che si preferiva
            e l'addetto lo cuoceva al momento. Salse e patatine d'ogni sorta. Niente male, no???
            Durante i momenti di assenza del buffet e durante la notte erano sempre disponibili frutta fresca, latte freddo e biscottini (i tipici cookies).
            Piccola parentesi sul caffè: non hanno idea di cosa sia un espresso. In nessun bar sono stati in grado di farci un caffè corto. E non aggiungo altro

            Devo dire che ci siamo trovati piuttosto bene a parte le "americanate" del discoveries... io ho
            comunque sempre insistito per andare a cenare al buffet...almeno ero sicura di quello che avrei avuto nel piatto

            Comment


            • #7
              Ragazzi ho scritto un poema...ma non me lo lascia postare...forse perchè contiene delle foto?
              O per la lunghezza? Ho provato a postarlo in due parti ma non cambia nulla...
              Proviamo così, al massimo vi posto il racconto senza foto...

              Comment


              • #8
                Grazie Rodolfo, grazie Alco

                Cokj, felice di essere utile!
                Purtroppo il viaggio risale a due anni fa, ho foto sparse su diversi pc e pen drive,
                cercherò di caricarne qualcuna, non sono granchè... ma meglio di niente


                Continuo col racconto, andiamo per argomenti...

                Il personale e la pulizia.
                Come vi accennavo, personale gentilissimo e disponibilissimo, fin troppo servile in certi casi.
                Tutto il personale parla solo ed esclusivamente inglese, qualcuno un po' di francese o spagnolo.
                Questo ha creato qualche problemino perchè il mio inglese non è granchè, ed il mio fidanzato
                non lo parla proprio...ma in tutti i casi ci siamo fatti capire
                Housekeeper fantastici, pulizia estrema.
                Oltre al cesto di frutta fresca, che veniva cambiata ogni giorno,
                ad ogni passaggio del personale in stanza trovavamo una brocca d'acqua naturale con accanto il secchiello del ghiaccio,
                altra coccola che poi non mai più avuto occasione di ricevere in futuro.
                Nel bagno c'erano ogni giorno fiorellini freschi e nella doccia ho trovato tre boccette contenenti
                shampoo, balsamo e bagnoschiuma idratante marchiati Elemis...
                all'inizio ho pensato che fossero a pagamento in caso di utilizzo, ma poi ho voluto provarli: prodotti buonissimi e...
                non soltanto gratuiti, ma ogni volta che venivano aperti, il personale li sostituiva con boccette nuove e piene!

                Ecco qualche foto della cabina:


                By angrystar at 2011-12-31


                By angrystar at 2011-12-31

                Il cibo.
                Come vi accennavo, per noi è un aspetto molto importante.
                In generale devo dire che che la qualità del cito era decisamente alta.
                Sempre col famoso "senno di poi" posso dire che nessun altra compagnia offre
                cibi di così alto livello. Cominciamo dal mattino: colazione a buffet con ogni ben di Dio possibile,
                croissant, cereali, una "pancake station" che offriva anche crepes e waffles, spremuta d'arancia fresca,
                ed una vasta offerta di salato...
                Per il pranzo stessa faccenda, buffet abbastanza ampio, con un angolino dedicato alla pasta, fatta al momento,
                angolino "grill" e per il resto pollo, insalate, pesce, frutta fresca, gelato, ecc..
                Dolci abbastanza "tristi", ma dagli americani non ci si può aspettare molto
                La cena: ci sono due possibilità. Il buffet come a pranzo oppure il ristorante à la carte "discoveries".
                In alternativa ci sono l'Aqualina e il Prime C, ristoranti a pagamento che però noi non abbiamo mai provato.
                Al buffet è possibile mangiare fino alle 21,30.
                Al buffet e disponibili 24h/24: caffè, thè freddo, succhi di frutta, latte, ed ovviamente acqua.
                Per il ristorante non c'è necessità di prenotazione ma spesso può succedere che ti facciano attendere al bar.
                Il ristorante discoveries offre un menu che comprende antipasti, piatto principale e dolce.
                Ovviamente però è tutto in inglese.
                Ora, questo non sarebbe un problema se il menu fosse scritto normalmente...
                tipo "costata di manzo con contorno di patate". Invece no...immaginatevi un pranzo in trattoria,
                quando per ordinare un piatto di fusilli in bianco con un po' di grana
                dovete chiedere al cameriere "torchon di grano duro scottati, in olio di nember e fiocchi di latte della val padana".
                Ecco, immaginatevi tutto ciò in inglese. Io e Tony non avevamo idea di quello che stavamo ordinando.
                Ma c'è da dire che non è mai mancato l'agnello, il filetto e la costata, e comunque ci hanno sempre presentato tagli
                di carne pazzeschi...davvero ottima la qualità.
                Peccato che poi, da bravi americani, si perdessere con cose tipo lo sciroppo di menta sulla bistecca. Sigh.
                L'acqua naturale veniva servita dai camerieri senza bisogno di ordinarla e gratuitamente.
                Ampia la scelta dei vini, di cui gli altri ospiti si beavano alla grande
                Durante la giornata, precisamente dalle 11 alle 17 (o 18?!) apriva il "pool grill",
                che offriva ogni tipo di taglio di carne possibile ed immaginabile...bastava scegliere ciò che si preferiva
                e l'addetto lo cuoceva al momento. Salse e patatine d'ogni sorta. Niente male, no???
                Durante i momenti di assenza del buffet e durante la notte erano sempre disponibili frutta fresca, latte freddo e biscottini (i tipici cookies).
                Piccola parentesi sul caffè: non hanno idea di cosa sia un espresso. In nessun bar sono stati in grado di farci un caffè corto. E non aggiungo altro

                Devo dire che ci siamo trovati piuttosto bene a parte le "americanate" del discoveries... io ho
                comunque sempre insistito per andare a cenare al buffet...almeno ero sicura di quello che avrei avuto nel piatto

                La nave.
                Come vi accennavo, nave semplice ed elegante...molto piccola rispetto a quelle che avrei poi visto in futuro.
                Piccolo il casinò, piccole le piscine (ma non poi così tanto rispetto a quelle di navi più grandi).


                By angrystar at 2011-12-31


                By angrystar at 2011-12-31


                By angrystar at 2011-12-31


                Spazi comuni piuttosto contenuti, visti i pochi passeggeri.
                Divieto di fumare su tutta la nave, tranne che in due spazi riservati: uno al ponte 9 vicino alla piscina,
                l'altro al chiuso, se non ricordo male presso uno dei bar (non sono sicura di quest'ultima affermazione però).
                Anche in cabina vietatissimo il fumo. Tony ha acceso una sigaretta in bagno il primo giorno,
                pensando che il fumo in cabina fosse permesso, e dopo poche ore abbiamo trovato una letterina in cabina che ci
                invitava gentilmente a non fumare più. Ovviamente il reietto non ci ha mai più provato.
                Invece abbiamo saputo che due giovani ospiti americane che si ostinavano a fumare in cabina, dopo diversi richiami
                prima con le buone e poi con le cattive....che ci crediate o no sono state lasciate a terra.
                A Livorno gli hanno fatto trovare le valigie giù dalla nave. Pazzesco no?
                La spa non l'abbiamo provata, per via delle difficoltà a farci capire, purtroppo.
                Lo spettacolo serale è unico, quasi sempre una commedia o un musical in lingua inglese ovviamente...
                Quindi se non mastichi bene la lingua non ci capisci nulla
                A dire il vero non c'è nemmeno un vero teatro, ma il "cabaret": un enorme lounge con poltrone e tavolini ed un palco rialzato. Punto.
                Bellissimo il "looking glass", un grosso lounge al ponte 10, prua con una vista frontale e laterale spettacolare!


                By angrystar at 2011-12-31



                By angrystar at 2011-12-31


                By angrystar at 2011-12-31


                By angrystar at 2011-12-31

                L'itinerario.
                Io ed il mio fidanzato al momento di partire ci siamo chiesti: da dove cominciamo?
                Quando ci è stato proposto l'itinerario "best of Italy" abbiamo pensato che non c'era posto migliore per
                cominciare a viaggiare se non la nostra bellissima Italia, che non avevamo visitato granchè...
                Ed abbiamo preso la palla al balzo.

                Niente da dire, fermarsi per 48 ore nello stesso posto è impagabile.
                Puoi andare a cena fuori, goderti la città di notte, non hai la paranoia del rientro...
                insomma, tutta un'altra musica!


                By angrystar at 2011-12-31

                Sorrento molto carina ma c'è poco da vedere... più che fare un giro sul trenino locale e visitare la città...
                la sera del primo giorno abbiamo cenato fuori in una pizzeria molto carina con la terrazza sul golfo...vista spettacolare!
                Il secondo giorno abbiamo preso il treno per pompei e siamo andati a vedere gli scavi...la verità?
                Troppo caldo davvero. Un'afa micidiale, non ricordo quasi nulla purtroppo.
                Taormina: splendida ma 8 ore per visitarla sono davvero poche.
                Poi Venezia e Dubrovnick (unica tappa estera) ci sono piaciute tantissimo...
                cenare vicino al canal grande, è stato bellissimo! Credo però che in quei due giorni, Venezia abbia
                registrato i più alti tassi di umidità mai provati... Allucinante!!! O.o
                Arrivati a la Spezia ci siamo spostati a Porto Venere, molto carina e caratteristica...
                essendo una tappa di due giorni, alla sera siamo stati invitati a cena in un ristorantino molto carino
                da una coppia di canadesi con cui avevamo fatto amicizia
                (nonostante tutto riuscivamo a comunicare, quindi il mio inglese non dev'essere poi tanto male )
                Ristorante tutto vetri, proprio in riva al mare, chiccosissimo...bella serata!

                Ci ha lasciato un po' "così" Ravenna, ma lo attribuisco a gusto personale...Io e Tony non
                siamo molto i tipi da chiesa-museo-guida...quindi fermarsi 48 ore lì non ci è piaciuto molto
                mentre per moltissimi ospiti americani, Ravenna rientrava nella top-three delle destinazioni raggiunte.

                Le tappe che non ci sono piaciute in assoluto sono state Olbia e Livorno, perchè per visitare posti interessanti era necessario spostarsi
                coi mezzi o meglio acquistare un'escursione... e qui mi soffermo qualche momento.
                Le escursioni, ovviamente, erano solo in lingua inglese. Non c'era alternative.
                E poi...che prezzi!

                Una cosa carina però, e molto interessante, che poi non ho mai più ritrovato su altre navi,
                è stata questa: ad ogni tappa un consulente turistico della zona saliva sulla Quest e si fermava 3/4 ore
                per dare informazioni, mappe, cartine e biglietti per il bus a chiunque lo desiderasse..e gratuitamente!!!
                Bello no?
                La nostra fortuna ovviamente era che tutti i consulenti erano italiani, quindi capivamo tutto alla perfezione
                ed abbiamo avuto informazioni preziose per le nostre visite nei vari porti.

                Bene, mi sono dilungata abbastanza...tiro le somme.

                Crociera indimenticabile, forse pechè è stata la prima.
                Certo, c'erano alcune pecche per noi italiani...ma d'altronde eravamo gli unici due italians su tutta la nave!

                Posso senz'altro definirla una crociera di lusso, ma attenzione...
                amanti dell'animazione e degli spettacoli teatrali..lasciate perdere l'azamara!
                Sulla Quest si respira un'aria di tranquillità, pacatezza e relax assoluti,
                non c'è ombra di atmosfere festaiole se non in poche ristrette occasioni!
                Questo aspetto devo dire è stato da noi apprezzato, perchè era ciò di cui avevamo bisogno in
                quel momento... forse se lo rivivessi adesso mi annoierei..chi lo sa.

                Una vacanza particolare in fin dei conti e...un'esperienza da provare...perchè no?!

                Buona giornata

                Vale

                PS. Il problema erano proprio le foto! Peccato!
                Last edited by angrystar; 31-December-2011, 15:35.

                Comment


                • #9
                  veramente grazie, del diario.

                  PS:se non lo avete già fatto ti suggerisco d' iscrivervi al Club "Le Club Voyage"
                  2005CarnivalVictory2006ExplorerOtS-VoyagerOtS2007EmpressOtS-SplendourOtS2008JewelOtS-CelebrityGalaxy2010NavigatorOtS2011MarinerOtS-Noordam2012AnastasiaOftheSeas2013MSCMagnifica2014CostaPacifica-CelebrityReflection2015NCLStar2016CostaDiadema-Eurodam2017MajesticPrincess2018MSCMeraviglia-CrownPrincess-CrownPrincess2019MSCSeaView

                  Comment


                  • #10
                    Grazie a te Cokj. Non ci siamo iscritti in effetti... provvederemo

                    Comment


                    • #11
                      Grazie mille per il bel diario che ci stai regalando.... sono curiosa di vedere un po' di foto

                      Comment


                      • #12
                        bel diario da provare sicuramente una crociera cosi',per quanto riguarda ravenna,che a noi puo' sembrare niente di che ma ti assicuro che l'anno scorso la nave si è svuotata completamente c'èra un'offerta di escursioni notevole e tutte di qualita'.
                        magica fortuna victoria concordia fantasia serena magnifica e di nuovo magnifica poi di nuovo magica e un'altra volta fantasia,splendida,preziosa,meraviglia,deliziosa.

                        Comment


                        • #13
                          Grazie

                          Francy, ne ho aggiunta qualcuna, ma ne ho proprio pochine come vi accennavo...
                          dovrei fare una ricerca approfondita tra i vari pc

                          Sandro, hai perfettamente ragione! Infatti a Ravenna e dintorni c'è un sacco da vedere....
                          la verità è che siamo noi due che non amiamo molto le escursioni con guida turistica ma la pecca è nostra!

                          Comment


                          • #14
                            Grazie a Valentina per il simpatico diario. Azamara è una compagnia praticamente sconosciuta dalle nostre parti. E' di proprietà di Rcl ma
                            il marketing americano non ha ancora voluto "italianizzarla" come ha fatto negli ultimi anni col marchio principale e come comincia ora a fare con Celebrity. In ogni caso mi pare che il bel racconto di Valentina dimostri che, sia per il trattamento a bordo sia per l'itinerario, Azamara merita senz'altro una "prova"
                            prof

                            Comment


                            • #15
                              Originariamente Scritto da prof Visualizza Messaggio
                              E' di proprietà di Rcl ma il marketing americano non ha ancora voluto "italianizzarla"
                              ci ha provato, ci ha provato. Ma non ci è riuscita
                              2005CarnivalVictory2006ExplorerOtS-VoyagerOtS2007EmpressOtS-SplendourOtS2008JewelOtS-CelebrityGalaxy2010NavigatorOtS2011MarinerOtS-Noordam2012AnastasiaOftheSeas2013MSCMagnifica2014CostaPacifica-CelebrityReflection2015NCLStar2016CostaDiadema-Eurodam2017MajesticPrincess2018MSCMeraviglia-CrownPrincess-CrownPrincess2019MSCSeaView

                              Comment

                              Working...
                              X