Advertising home TOP

Collapse

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

HAL Oosterdam - ago 2016 - Med. Orientale | In vacanza con la moto, ma con stile...

Collapse
This topic is closed.
X
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • #61
    Giorno 4 | A tutto gas tra aerei e calette

    È tardo pomeriggio. Il sole ha già assunto il suo tipico colore rosso che rende ogni tramonto indimenticabile, ma io sono in ufficio. Nel bel mezzo della riunione con i colleghi parte una musica assordante che interrompe tutti. In un lampo tutto svanisce e quando riapro gli occhi è buio pesto… Disorientata allungo la mano e scopro che la musica proviene dal mio cellulare. In pochi istanti mi rendo conto che stavo sognando e quella musica era la mia sveglia. Per una volta la realtà è decisamente meglio del sogno. Sveglio Fabio e saltiamo giù dal letto, sono le 7.00 e siamo pronti ad affrontare la giornata alla scoperta di Corfù.
    Usciamo sul ponte più alto a fare colazione e…sorpresa! Il cielo è pieno di nuvoloni neri e scopriamo che ha appena smesso di piovere.
    Ci rattristiamo un attimo: il programma di oggi prevede principalmente spiagge e mare.
    Non facciamo in tempo a terminare la colazione che il cielo pare aprirsi quindi, con più ottimismo, corriamo in cabina e scendiamo.
    Non facciamo in tempo a sbarcare che inizia a piovere e ci ripariamo sotto il gazebo che Holland mette a disposizione. Speriamo sia una pioggerella passeggera…
    Nel frattempo modifichiamo il nostro piano: rimandiamo il bagno a Paleokastritsa e decidiamo di dirigerci a Kanoni, che in origine doveva essere l’ultima tappa della giornata.
    Raggiungiamo il nostro mezzo, che è piuttosto bagnato e in poco tempo siamo a Kanoni.
    Scattiamo un po’ di foto dal bar lungo la strada panoramica e poi scendiamo per un’altra stradina e passeggiamo fino alla chiesetta.









    Ci spostiamo poi sul ponte accanto alla pista dell’aeroporto, che è molto trafficato: ogni 10 minuti circa atterra un aereo e noi ci appostiamo per scattare un po’ di foto (o forse sarebbe meglio dire un album fotografico agli aerei )…






    Il cielo intanto si è aperto ed è uscito il sole, diamo un’occhiata all’orologio e… è tardissimo! Gli aerei ci hanno distratto e siamo rimasti a Kanoni molto più del previsto.
    Riprendiamo quindi il nostro scooter e lasciamo il paese, che nel frattempo si è riempito di pullman di turisti.
    Prossima tappa: Paleokastritsa.
    C’è un po’ di vento ma, a parte quello, il viaggio è piacevole e abbastanza rapido. Ci fermiamo un paio di volte per delle soste fotografiche e poi arriviamo alla spiaggia.
    C’è un piccolo porticciolo con diverse imbarcazioni che portano alla scoperta delle grotte e altre spiagge raggiungibili solo via mare.
    Il sole va e viene ma i nuvoloni sono sempre dietro l’angolo quindi decidiamo di esplorare subito le grotte prima che il tempo ce lo impedisca.
    Con 10 euro a testa saliamo sulla barchetta per un tour molto carino. Il nostro conducente/guida è un po’ burbero, ma è anche questo il bello!























    Scesi dalla barca ci rilassiamo un paio d’ore in spiaggia. Avevamo letto che l’acqua da queste parti è gelata, in realtà si sta piuttosto bene.
    Il meteo è davvero ballerino: mentre siamo in acqua cadono alcuni goccioloni di pioggia ma poi torna subito il sole.



    Prima di rientrare verso Kerkira, decidiamo di visitare il monastero sopra Paleokastritsa. La strada è in salita e piena di curve e a piedi è piuttosto impegnativa, ma con il nostro potente mezzo arriviamo in pochi minuti.
    Il monastero è chiuso e decidiamo di spostarci lungo un sentiero che ci porta a un belvedere. Il cartello segnala “il punto panoramico più bello d’Europa”.
    Dopo meno di 15 minuti di cammino (il sentiero è percorribile anche con le infradito), arriviamo nel punto a picco sul mare e il panorama è davvero suggestivo.














    Rimaniamo qualche minuto in contemplazione ma si è fatto piuttosto tardi. Non c’è tempo per una sosta alla spiaggia di Glyfada, come avevamo pensato in origine, quindi optiamo per un breve passaggio a Ipsos. Ci fermiamo giusto il tempo per gustare un buonissimo Pita Gyros vista mare: sarà il più buono provato in tutta la vacanza.
    Ci incantiamo a guardare il mare e, quando guardiamo l’ora, è tardissimo. Tra mezzora c’è il “tutti a bordo” e noi siamo ancora a 15 minuti di strada dal porto e dobbiamo ancora fare benzina e riconsegnare lo scooter!
    Sfrecciamo via e riusciamo a fare tutto in tempo.
    Alle 16.25 risaliamo in nave e alle 17.00 in punto lasciamo Corfù. Ci godiamo la partenza e ci rilassiamo in piscina prima di prepararci per andare a cena al ristorante Vista.

    Dopo cena, solita passeggiata per la nave, sia tra i bar che sul ponte esterno. Poi tisana (del resto dobbiamo adeguarci agli altri ospiti )e a letto! Domani ci aspettano le spiagge di Katakolon

    Continua…

    Comment


    • #62
      Spero almeno che il simpatico barcaiolo vi abbia spiegato che la grotta (nella foto subito dopo di lui) e' la grotta di Nausica. Si suppone che li Nausica abbia trovato lo stremato Ulisse....

      Per quanto riguarda il mare freddissimo, effettivamente quest' anno c'e' stato un miracolo, oppure il cambiamento climatico...
      Amici che sono stati sia a Corfu', sia nella parte continentale lato Ionio confermano che lo Ionio era caldo come un brodo quest' estate. Ma anche dalla parte Italiana almeno dove ho fatto io le vacanze (stretto di Messina), i primi 20 giorni d' Agosto il mare era caldissimo, e credimi uno stretto caldo non e' una cosa abituale.

      Vedo che vi siete fatti diverse scorpacciate di pita-gyros... dai, buon appetito

      Smile is the common language in all languages....

      Comment


      • #63
        Originariamente Scritto da Nautilus Visualizza Messaggio
        Spero almeno che il simpatico barcaiolo vi abbia spiegato che la grotta (nella foto subito dopo di lui) e' la grotta di Nausica. Si suppone che li Nausica abbia trovato lo stremato Ulisse....

        Per quanto riguarda il mare freddissimo, effettivamente quest' anno c'e' stato un miracolo, oppure il cambiamento climatico...
        Amici che sono stati sia a Corfu', sia nella parte continentale lato Ionio confermano che lo Ionio era caldo come un brodo quest' estate. Ma anche dalla parte Italiana almeno dove ho fatto io le vacanze (stretto di Messina), i primi 20 giorni d' Agosto il mare era caldissimo, e credimi uno stretto caldo non e' una cosa abituale.

        Vedo che vi siete fatti diverse scorpacciate di pita-gyros... dai, buon appetito


        strepitoso pita-gyros! Il bello è che tutti quelli che abbiamo provato, pur con gli stessi ingredienti, avevano consistenza e sapori differenti. Però erano tutti buonissimi

        Comment

        Working...
        X