Annuncio

Collapse
No announcement yet.

- Vento d'Oceano e seduzioni andaluse - MSC Opera - 4 Gennaio 2020 -

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • - Vento d'Oceano e seduzioni andaluse - MSC Opera - 4 Gennaio 2020 -

    " Quando sei in mare la tua mente è sgombra,
    libera da qualsiasi confusione, sei concentrato.
    Ad un tratto la luce diventa più nitida,
    i suoni sono molto più ricchi e tu sei invaso dalla profonda,
    potente presenza della vita...."
    da Ondeggia Oceano ( G.Byron)
















    - Ed è la mancanza di questa bella sensazione di libertà assoluta la prima di tutte le libertà, quella relativa all'anima, al benessere interiore, ai benefici influssi che questo elemento, il mare, sa donarmi che mi ha spinto a scrivere questo che non vuol essere un diario cronologico di avvenimenti, ma un semplice scorrere dei pensieri, nella fluidità del ricordo.

    Si, il ricordo....

    Questo progredire della situazione in cui tutto il mondo si trova ad essere imprigionato, l'impossibilità di compiere qualsiasi spostamento che si desideri in una consueta giornata lavorativa che di svago, porta tutti noi a cercare di evadere quanto più possibile con la mente. A ricordare con nostalgia uno degli ultimi viaggi , quelli per mare....i fatti oramai risalgono allo scorso gennaio, di quell'infausto anno che abbiamo appena lasciato. Una crociera che sembra sia passato un secolo invece che solo un anno...troppo per chi ama questo genere di viaggio.....la nostalgia di essere per mare è sempre più ponderante nei miei pensieri.

    I colori del mare si fondono all'unisono con la semplice eleganza di questa nave : Opera. Ai più forse non dice nulla o quasi, la tendenza dell'utenza è rivolta alle ultime navi di tendenza che spopolano tra i vari social. Di Opera quasi nessuno ne parla e chi lo fa, lo fa per denigrarla perché vecchia con poco appeal. Spero quindi che questo diario sia seguito se non per la nave anche solo per l'impegno ed il tempo speso per redigerlo..
    Su Opera son salita più di una volta , prima e dopo i lavori che l'hanno interessata per la rimessa a nuovo dopo il suo allungamento. Più volte, non tanto per la nave ma per una serie di coincidenze che mi hanno portato a sceglierla: gli itinerari.

    Sempre molto particolari e lunghi specie in autunno ed in questo periodo dell'anno, gennaio, per me molto congeniale in cui posso permettermi una lontananza maggiore da casa. Ma anche lei, la nave, non mi ha mai delusa. Grande quanto basta, semplice nelle linee fluide, nei colori avvolgenti e pacati che sanno conciliare il bisogno di relax.


    Si parte dunque, è il 4 Gennaio 2020, una giornata fredda non più di tanto, assolata....e questo è già un buon inizio per la città che ci ospita per il brevissimo lasso di tempo dell'imbarco: Genova.



    - 4 Gennaio 2020- Genova.....si parte!












    Genova oramai posso dire di conoscerla abbastanza bene. Ho imparato a conoscerla sotto altri aspetti e non come si presenta. Dietro a quell'ammasso che pare scoordinato, confuso, trasandato di stili all'apparenza scomposti, con troppa cementificazione sulla costa...ma si sa che lo spazio in terra ligure è sfruttato per ogni centimetro quadrato...dietro questo ammasso si celano immensi tesori.

    È una Genova sontuosamente agghindata che ama essere scoperta quasi per caso. Palazzi, chiese che possono competere tranquillamente per bellezza e ricchezza a molti altri palazzi e chiese di città, turisticamente dette d'arte.






























    È una città di contraddizioni. Porto di passaggio per molte genti che nel passato, non troppo lontano, l'ha vista solo ed esclusivamente come terra di nessuno. Quel nessuno che si trovava a lasciare le proprie radici per andare alla ricerca di un futuro migliore. Crogiolo di genti e di culture che l'hanno forgiata ad essere ciò che oggi è: città accogliente per tutti.

    A questa povertà di persone costrette ad allontanarsi dal loro mondo conosciuto e protetto, fanno da contraltare le grandi famiglie nobili, che delle navi, del commercio hanno fatto sì che la loro ricchezza si trasformasse in bene per questa città. Costruendo quel tessuto " nascosto" di cultura, fatta di chiese splendide, dimore sontuose lasciandoci capolavori artistici che le hanno abbellite nel tempo e che ora formano quel Patrimonio culturale a beneficio di tutta la città: Genova la Superba...mai appellativo fu più che mai meritato.



    Si parte così per quest'avventura che ci porterà verso l'Oceano al di là di quello che un tempo venne definito come" le Colonne d'Ercole"...al di là dove gli antichi credevano non esistesse più nulla e dove il mare inevitabilmente doveva piombare negli abissi più profondi, trascinandosi dietro ogni forma di vita.
    Il nulla...ma noi sappiamo che non sarà così... sarà una meraviglia di colori, profumi di esperienze belle che andremo a scoprire strada facendo.
    Sul ponte di poppa di Opera, il saluto meraviglioso del sole al tramonto su una Genova che ancora una volta saluta chi si allontana per mare....































    Genova...

    È una sirena sdraiata sulla riva.
    un faro che illumina dove il sole non arriva...
    Genova...
    è l'ardesia dei suoi tetti,
    è il volo di un gabbiano quando meno te lo aspetti...
    Genova....
    protetta dal monte,
    è il mare sempre all'orizzonte.
    ​​​​​​
    ​​​​​​​( da Racconti versi sparsi e raccolti nel vento. Ame Zena.)









    ​​​​​​​Il viaggio continua....
    Last edited by capricorno; 02-January-2021, 08:36.
    Oriana

    ### Moderatrice del forum ###

    " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

  • #2
    Mi imbarco virtualmente con Oriana, e seguirò volentieri questo diario, con maggior desiderio e attenzione proprio a motivo dell'astinenza crocieristica che ormai dura da un anno...

    La nave è l'ideale per una crociera rilassante e improntata alla cultura e alla predominanza dell'itinerario rispetto al resto. Non ho mai viaggiato su Opera, la conosco solo per una visita nave, ma ho fatto più crociere sulle sue tre gemelle, con piena soddisfazione sia per gli itinerari che per le misure, gli spazi che permettono facilmente il ritrovarsi con i compagni di viaggio, e le disposizioni degli spazi comuni.
    Il progettista, lo Studio De Jorio, all'epoca del varo di Opera (anno 2004) spiegava che le linee curve ed avvolgenti degli ambienti comuni sono state appositamente disegnate per dare l'idea di "continuità" nel passaggio da un locale al successivo. Caratteristica confermata anche dopo l'allungamento a cui è stata sottoposta l'unità, se non sbaglio nel 2016.

    Genova è una città che, per scoprire i suoi lati più belli, necessita una visita senza fretta, e con osservazioni accurate. Diversamente, dà l'idea di un ammonticchiarsi in spazi ristretti di edifici e vie con poco respiro. Non è così, e personalmente l'ho scoperto soltanto alla terza o quarta visita a questa città: che come descritto da Oriana può ben fregiarsi dell'appellativo di "Superba".
    "Lo spettacolo del mare provoca sempre un'impressione profonda: esso è l'immagine di quell'infinito
    che attira incessantemente il pensiero e nel quale il pensiero incessantemente si perde"
    (Madame de Stael)

    Comment


    • #3
      Oriana ci sono pure io

      Comment


      • #4
        Chiedo il permesso di salire a bordo...

        Stessa mia crociera fatta nel novembre 2019 giusto un paio di mesi prima della tua... conosco abbastanza bene questa nave per avervi navigato già un paio di volte... ti seguirò volentieri.

        Gianni
        “Ama tutti, credi a pochi e non far del male a nessuno.”

        Comment


        • #5
          ...eccoci qua... qualche personaggio più o meno noto tra le foto, mi sembra di averlo già riconosciuto... Jonathan Livingston, per esempio...

          Marco

          "Il viaggio non finisce mai, solo i viaggiatori finiscono"
          (Saramago, José)

          Comment


          • #6
            Ciao seguirò anch’io con interesse, viviamo un tempo in cui non possiamo smettere di sognare...
            prof

            Comment


            • #7
              - 5 Gennaio - Navigazione....



              ....Lo sciabordio ci allieta e immaginiamo l'incedere
              senza sosta né paura dell'ignoto.
              Gli uomini si quietano e la pace interiore prende
              il sopravvento.

              E noi che viviamo il mare ci sentiamo abbracciati
              dai nostri pensati lontani affetti.
              Quale appagamento migliore.

              ( da... Il mare nel cuore.
              Dario Bilotti )


















              - È un risveglio pigro il nostro di chi oggi può prendersela comoda.
              Quale miglior inizio di una crociera con la giornata di intera navigazione, agognata sospirata da mesi. Ti permette di entrare a fare parte di quel mondo fantastico che sta tra il sogno e la realtà...il viaggio.
              Ti permette di riconciliarti con te stesso, di prendere confidenza con il mezzo, la nave, per chi è alla sua prima esperienza di crociera. Di ritrovare le proprie emozioni di chi è già abituato a questo meraviglioso modo di viaggiare.
              L'assoluta lentezza e libertà di movimenti ci accompagnerà nel corso della giornata, complice di un clima soleggiato potremo godere del meraviglioso mondo esterno che ci circonda.

              L'itinerario è molto particolare e attentamente studiato già prima della prenotazione, per capirne tutte le potenzialità. Scopriamo così che salteremo a piè pari gli scali di Marsiglia e Barcellona, non contemplati in questo itinerario così ché da lasciar spazio a scali più inediti.

              Un sollievo...che ora però ci fa sorridere, poiché in questo clima di negazione di tutte le possibilità di muoversi, avrei accettato di buon grado di avere l'onnipresente Marsiglia e Barcellona ( che comunque offrono sempre molto) in una tratta verso occidente!
              Ma questa crociera non li considera affatto!
              L'itinerario sarà:

              - Genova - partenza

              - Navigazione

              - Malaga

              - Navigazione

              - Madeira

              - Tenerife

              - Navigazione

              - Tangeri

              - Cartagena

              - Navigazione

              - Civitavecchia

              - Genova - arrivo



              - Come potete vedere comprende uno scenario per veri amanti della navigazione e luoghi veramente splendidi. L'affaccio all'Andalusia con Malaga, il tuffo nell'Oceano con lo splendido scenario di Madeira, dal clima dolce dell'eterna primavera per poi assaporare il contrasto acceso di Tenerife con le sue aspre scogliere di lava. Un timido affaccio all' Africa, con i suoi colori e il profumo intenso di thè alla menta tra i vicoli della misteriosa Tangeri, città affacciata su due mondi.

              Le stradine ricche di storia di Cartagena, una storia intrisa di profumi, sapori, colori e flamenco...per poi planare in acque più tranquille del Mare nostrum con una lunga soleggiata navigazione che ci porterà verso la civiltà antica di Roma.
              Ci sono tutte le premesse a fare si che il nostro tempo sarà un mix di relax, di scoperte e di nuove emozioni.
              Tutte le escursioni avverranno in autonomia, come è il mio solito quando le circostanze lo permettono.

              **************




              - I colori di Opera .....​​​​​










              - Mai eccessivamente stridenti, accentuati dalle linee morbide della composizione interna degli ambienti. Spaziano tra una gamma di colori tenui, diversificati e ben in armonia con gli elementi esterni, quali cielo e mare con accenti dei colori del tramonto e il rosa dell'aurora, sapientemente dosati nei suoi interni. Molto l'uso dell'oro nelle decorazioni poste alle pareti di artisti contemporanei. Oro, come a segnare la preziosità del tempo vissuto in momenti di viaggio





























              Ambienti accoglienti , grandi quanto bastano ad eccezione del lounge più grande, sede di intrattenimento serale e diurno, affollato soprattutto nei momenti precedenti la cena, poiché era sede di passaggio per un ristorante in affaccio su di esso.



              Questa partenza segnava la nave quasi al completo...e oggi con il senno di poi, ci tornano alla mente alcuni atteggiamenti particolari. Ci meravigliammo allorché ad esempio dell'ingresso contingentato al buffet, dove un'addetta ne bloccava l'ingresso alle persone, facendole entrare solo dopo aver ricevuto l'ok dal maitre di sala e dopo aver provveduto lei stessa, all'obbligo di sanificazione delle mani con spray disinfettante. Non era mai successo nelle precedenti crociere.

              Stessa procedura al ristorante. Il buffet tra l'altro risultava per questa nuova procedura, molto lento nell'accesso per cui abbiamo preferito sia a colazione che a pranzo, l'utilizzo del ristorante...molto più veloce. Ambedue i ristoranti erano aperti in aggiunta al buffet, sia a colazione che a pranzo. Anche qui,con ingresso contingentato e sempre accompagnati al tavolo e naturalmente...spray disinfettante sulle mani.

              Su MSC è sempre posto all'ingresso dei vari luoghi dove vi era afflusso di persone, il dispositivo automatico di erogazione del gel disinfettante. In un primo tempo pensavo fosse guasto o vuoto, ma controllando non era così. Ora con il senno di poi ci rendiamo conto del perché. Il virus già circolava e sicuramente il grado di attenzione era già alto e i sistemi di prevenzione già entrati in vigore molto prima che tutti noi ce ne rendessimo conto.....


              La sera arriva, con i suoi colori, con i suoi sapori.......




























              Il viaggio continua.....
              Last edited by capricorno; 02-January-2021, 16:37.
              Oriana

              ### Moderatrice del forum ###

              " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

              Comment


              • #8
                Originariamente Scritto da capricorno Visualizza Messaggio
                - 5 Gennaio - Navigazione....
                Originariamente Scritto da capricorno Visualizza Messaggio

                [omississ...]
                ...ci tornano alla mente alcuni atteggiamenti particolari. Ci meravigliammo allorché ad esempio dell'ingresso contingentato al buffet, dove un'addetta ne bloccava l'ingresso alle persone, facendole entrare solo dopo aver ricevuto l'ok dal maitre di sala e dopo aver provveduto lei stessa, all'obbligo di sanificazione delle mani con spray disinfettante. Non era mai successo nelle precedenti crociere.

                Stessa procedura al ristorante. Il buffet tra l'altro risultava per questa nuova procedura, molto lento nell'accesso ...

                [... omississ...]
                Già su MSC Divina a settembre 2019 gli accessi al Buffet erano gestiti ai vari ingressi e ci era sembrata una cosa "decisamente utile" in quanto con il vassoio "pieno" erano gli stessi camerieri che ti indirizzavano a posti liberi.... contingentati forse era una parola che non "conoscevamo ancora"... e i dispenser per la disinfestaz... disinfez... ehm, sanificazione delle mani mi ricordo di averli sempre trovati agli ingressi di Ristoranti e Buffet... che "tante persone non li utilizzassero facendo finta di non conoscerne l'utilizzo"... vabbeh!!!


                ... Eh!!!... questo viaggio avrebbe potuto raccontarmi qualcosa...


                Piuttosto... non vedo segni di distanziamento nelle aree pubbliche... ma forse questa è un'altra storia...!!!


                Marco
                Last edited by capricorno; 02-January-2021, 16:39.
                "Il viaggio non finisce mai, solo i viaggiatori finiscono"
                (Saramago, José)

                Comment


                • #9
                  Originariamente Scritto da Gabriele C. Visualizza Messaggio
                  Mi imbarco virtualmente con Oriana, e seguirò volentieri questo diario, con maggior desiderio e attenzione proprio a motivo dell'astinenza crocieristica che ormai dura da un anno...

                  La nave è l'ideale per una crociera rilassante e improntata alla cultura e alla predominanza dell'itinerario rispetto al resto. Non ho mai viaggiato su Opera, la conosco solo per una visita nave, ma ho fatto più crociere sulle sue tre gemelle, con piena soddisfazione sia per gli itinerari che per le misure, gli spazi che permettono facilmente il ritrovarsi con i compagni di viaggio, e le disposizioni degli spazi comuni.
                  Il progettista, lo Studio De Jorio, all'epoca del varo di Opera (anno 2004) spiegava che le linee curve ed avvolgenti degli ambienti comuni sono state appositamente disegnate per dare l'idea di "continuità" nel passaggio da un locale al successivo. Caratteristica confermata anche dopo l'allungamento a cui è stata sottoposta l'unità, se non sbaglio nel 2016.

                  Genova è una città che, per scoprire i suoi lati più belli, necessita una visita senza fretta, e con osservazioni accurate. Diversamente, dà l'idea di un ammonticchiarsi in spazi ristretti di edifici e vie con poco respiro. Non è così, e personalmente l'ho scoperto soltanto alla terza o quarta visita a questa città: che come descritto da Oriana può ben fregiarsi dell'appellativo di "Superba".
                  Originariamente Scritto da maria73 Visualizza Messaggio
                  Oriana ci sono pure io
                  Originariamente Scritto da giada50 Visualizza Messaggio
                  Chiedo il permesso di salire a bordo...

                  Stessa mia crociera fatta nel novembre 2019 giusto un paio di mesi prima della tua... conosco abbastanza bene questa nave per avervi navigato già un paio di volte... ti seguirò volentieri.

                  Gianni
                  Originariamente Scritto da MarBor Visualizza Messaggio
                  ...eccoci qua... qualche personaggio più o meno noto tra le foto, mi sembra di averlo già riconosciuto... Jonathan Livingston, per esempio...

                  Marco
                  Originariamente Scritto da prof Visualizza Messaggio
                  Ciao seguirò anch’io con interesse, viviamo un tempo in cui non possiamo smettere di sognare...
                  Benvenuti tutti e permessi accordati!!

                  @ Gabriele
                  Conosci molto bene questa classe di navi , sobrie, grandi quanto bastano...a misura d'uomo.

                  @ Marco Bhe sì... Jonathan, sarà una costante nel corso del viaggio.

                  @ prof
                  Mai, smettere di sognare!!
                  Last edited by capricorno; 06-January-2021, 22:21.
                  Oriana

                  ### Moderatrice del forum ###

                  " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

                  Comment


                  • #10
                    Originariamente Scritto da capricorno Visualizza Messaggio
                    Questo era il nostro angolo preferito per fare quattro chiacchiere con i nostri compagni di viaggio (forumini) sia per prendere l'aperitivo prima della cena sia per il caffè dopo la cena... un angolo tanquillo e non chiassoso...

                    Anche noi a novembre al buffet abbiamo trovato la tua stessa situazione con ingressi contingentati e dispenser agli ingressi per disinfettarsi le mani... ad onor del vero devo dire che non ho mai trovato file all'ingresso del buffet se non una volta all'ora di pranzo dove c'erano 4/5 persone che attendevano di poter accedere mentre al mattino, forse perchè io e mia moglie siamo mattinieri e la nostra colazione era attorno alle 7.00, abbiamo sempre trovato il buffet semi vuoto...

                    Gianni

                    “Ama tutti, credi a pochi e non far del male a nessuno.”

                    Comment


                    • #11
                      C'è proprio bisogno di viaggiare ancora... almeno lo possiamo fare con il tuo diario, ti leggo volentieri!
                      --Elena--

                      Comment


                      • #12
                        - 6 Gennaio - Malaga














                        Nella notte del giardino,
                        sei gitane,
                        vestite di bianco
                        ballano.

                        Nella notte del giardino,
                        incoronate,
                        con rose di carta
                        e visanghe.

                        Nella notte del giardino,
                        i denti perlacei
                        scrivono l'ombra
                        bruciata.

                        E nella notte del giardino,
                        le loro ombre si allungano,
                        e raggiungono il cielo
                        violacee.


                        Danza nel giardino della Petenera...
                        Federico Garcìa Lorca.









                        Andalusia.....un nome melodioso intriso del profumo dei fiori d'arancio, il suono della chitarra, il flamenco e il rosso della muleta del Matador.


                        - È una terra dai mille volti, una regione ricca di cultura, una terra di conquista ma che ti sa anche conquistare. Il suo fascino è il risultato della sua storia. Per secoli ha segnato il confine tra le terre cristiane e quelle mussulmane, tra periodi di pace e di guerra, questi regni hanno arricchito il territorio con l'interazione di diverse culture. Così è facile notare antiche moschee mascherate da chiese, enormi palazzi decorati a stucco e per chi ama la musica un genere musicale passionale, il flamenco , che ha tratti di movenze arabe. È una regione autonoma sulla costa meridionale della Spagna.

                        È una terra estrema la più calda, passionale di tutta la penisola iberica. È un ponte tra due continenti da una parte l'Europa, dall'altra l'Africa. È l'incontro di due mari, il placido rassicurante Mediterraneo e l'impetuoso Oceano Atlantico.

                        Per la sua posizione particolare l' Andalusia ha vissuto un susseguirsi di culture diverse che l'hanno forgiata conferendole l'aspetto odierno. Definita anche Porta d'Europa è la patria delle case bianche, dei fiori variopinti che ricoprono i muri dei cortili, profumo d'agrumi e suono di flamenco. Fanno parte di questa regione alcune delle più belle città della Spagna: Siviglia, Granada, Cordoba e Malaga.








                        - Malaga -
















                        - Malaga è una città deliziosa, profondamente andalusa e al contempo moderna e dinamica. È un buon punto di partenza per esplorare i vari paesaggi altrettanto affascinanti della regione circostante. Città vivace, moderna e insieme luogo di una certa importanza storica, che conserva l​​​​​​' atmosfera spavalda di un porto mediterraneo.

                        Il centro storico è ricco di fascino, con la maestosa Cattedrale gotica incompiuta incorniciata da tradizionali case con balconi e strette vie pedonali. Malaga è una città ideale da esplorare a piedi, il suo skyneline ne riflette perfettamente lo spirito eclettico. Le guglie delle chiese s' innalzano tra tetti di tegole rosse e grandi edifici residenziali, mentre il regale Castello di Gibralfaro, domina la città dalla cima della collina, offrendo un magnifico panorama.




























                        Malaga essenzialmente è una città rinascimentale con grandi viali alberati, palazzi dalle facciate finemente decorate. I principali luoghi di interesse si concentrano nell'affascinante centro storico, raggiungibile facilmente a piedi tramite una bella passeggiata dal punto di attracco della nave oppure con il bus cittadino che da sotto nave, porta fuori dal porto nel piazzale dei bus vicinissimo al centro.

                        Paplo Picasso è il pittore che portò per sempre i suoi colori, la città che gli ha dato i natali prima che diventasse cittadino del mondo. Certamente al tempo in cui visse era molto diversa dall'odierna, meno cementificata. Ma tuttavia resta comunque una delle località più belle di tutta la costa.

                        Gode di una posizione veramente privilegiata, il suo litorale è caratterizzato da lunghissime spiagge e da temperature miti durante tutti i periodi dell'anno e anche oggi è così, malgrado sia gennaio l'aria è quasi primaverile.

                        Le sue origini sono antiche. Fondata dai Fenici nell'800 a.C., passata poi sotto il dominio dei Greci,vedi Cartaginesi, dei Romani e dei Visigoti, Malaga fu conquistata dagli Arabi diventando parte del sultanato di Granada.
                        Le differenti origini romane, fenicie e mussulmane emergono in diverse luoghi della città. Uno su tutti il più emblematico è l' Alcazaba, dove in pochi metri si concentrano le tracce delle conquiste del passato.




















                        ​​​​​​​


                        La Cattedrale troneggia sopra le vie, è un ottimo punto di riferimento da cui iniziare la visita della città. Anche senza una mappa la si raggiunge facilmente dal punto di arrivo del bus, basta seguire i cartelli turistici o la fiumana di gente.



                        - La Cattedrale dell'Incarnazione -

                        " La Manquita "









                        - E' uno dei più importanti monumenti rinascimentali dell'Andalusia. Situata in pieno centro storico a breve distanza dal porto e dalla collina del Gibralfaro, si staglia con la sua ampia volumetria nel panorama cittadino. Tuttavia rimane incompiuta per quanto riguarda la torre campanaria meridionale, per cui viene affettuosamente chiamata " La Manquita ". La sua costruzione ebbe inizio nel XVI secolo quando diversi architetti ( Pedro Lòpez, Diego de Siloè e Diego de Vergara ) cominciarono a trasformare l'antica moschea, di questa oggi rimane il Patio de Los Naranjos, un piccolo cortile con alberi d'arancio profumati dove un tempo c'era la fontana per le abluzioni.






















                        Il colossale progetto ambizioso incontrò numerose difficoltà e richiese due secoli per essere portato a termine. Una volta all'interno è facile comprenderne il motivo. Il meraviglioso soffitto a cupola raggiunge l'altezza di 40 metri e la navata delineata da colonne, ospita un grande coro in legno di cedro. Dalle navate laterali si accede a 15 cappelle che sfoggiano splendide pale d'altare e custodiscono opere d'arte religiosa del XVIII secolo. Una delle torri campanarie fu lasciata incompleta e ciò diede origine all'azzeccato soprannome della cattedrale: La Manquita ( la signora da un braccio solo). Nel Museo della cattedrale è esposta una collezione di reperti religiosi che copre un periodo di 5 secoli.



                        Qualche scatto della facciata e due nozioni basilari: E' suddivisa in due ordini con colonne, corinzie al livello inferiore e composite a quello superiore. L'unica torre campanaria terminata misura 84 metri di altezza. Meraviglia di purezza di ornamenti è uno spettacolo per gli occhi!











                        ​​​​​​​........
                        Last edited by capricorno; 04-January-2021, 09:20.
                        Oriana

                        ### Moderatrice del forum ###

                        " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

                        Comment


                        • #13





























                          Particolare del coro ligneo




                          Interno

















                          Il viaggio continua......
                          Oriana

                          ### Moderatrice del forum ###

                          " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

                          Comment


                          • #14
                            Originariamente Scritto da giada50 Visualizza Messaggio

                            Questo era il nostro angolo preferito per fare quattro chiacchiere con i nostri compagni di viaggio (forumini) sia per prendere l'aperitivo prima della cena sia per il caffè dopo la cena... un angolo tanquillo e non chiassoso...



                            Gianni

                            Vero Gianni, angolino delizioso e tranquillo. Opera ha questo pregio di offrire sia spazi di ampia convivialità che spazi dove poter godere di assoluto relax.




                            Originariamente Scritto da verdeacqua Visualizza Messaggio
                            C'è proprio bisogno di viaggiare ancora... almeno lo possiamo fare con il tuo diario, ti leggo volentieri!
                            Grazie Elena, spero di riuscire a farti viaggiare seppure virtualmente.
                            Oriana

                            ### Moderatrice del forum ###

                            " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

                            Comment


                            • #15
                              Arrivo in ritardo.. ma..
                              E' un vero piacere viaggiare, seppur virtualmente ... ma in questi tempi .....Grazie Oriana
                              Massimo

                              ### Moderatore del forum ###

                              Comment

                              Working...
                              X