Advertising home TOP

Collapse

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

- Vento d'Oceano e seduzioni andaluse - MSC Opera - 4 Gennaio 2020 -

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Originariamente Scritto da capricorno Visualizza Messaggio
    Si parte così tra uno svolazzare di gabbiani e i saluti delle persone giunte ad ammirare la nave da vicino, molto vicino. Infatti appena Opera molla gli ormeggi e si allontana dal molo che la ospitava, i cancelli del porto vengono aperti e le persone possono così avvicinarsi alla riva....




    Bellissima foto, di altri tempi...di veri appassionati dell'andar per mare! Quando era possibile avvicinarsi sottobordo, vedere da vicino la nave salpare...
    Pensare che adesso ti proibiscono anche di fotografare da dietro i cancelli...

    Un plauso all'Autorità portuale di Cartagena, che ha permesso questa possibilità alla gente del posto, garantendo comunque la sicurezza.
    "Lo spettacolo del mare provoca sempre un'impressione profonda: esso è l'immagine di quell'infinito
    che attira incessantemente il pensiero e nel quale il pensiero incessantemente si perde"
    (Madame de Stael)

    Comment


    • Lo stesso mio pensiero Gabriele. Da noi non è possibile tutto ciò e le nostre amate navi le possiamo vedere solo da lontano.
      Oriana

      ### Moderatrice del forum ###

      " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

      Comment


      • 13 Gennaio 2020 - Navigazione





        " Siamo tutti velisti solitari
        con l'anima che tende sempre al volo

        come la prora della barca a vela
        che in parte è immersa

        greve e prigioniera
        nel " mare della vita",

        ma in gran parte
        alta s'eleva al Cielo
        e a lui sospira"


        da il canto del marinaio
        di F.Paolucci.





        Siamo giunti così all'ultimo giorno intero di navigazione di questa nostra crociera. Tempo di bilanci, positivi naturalmente per me. Forse la crociera più rilassante delle ultime che ho fatto e totalmente appagante per ciò che ho visto. Se escludiamo quella fatta tanto tempo fa in un itinerario speciale che oramai è e resterà un sogno nel tempo che verrà, mi riferisco alla crociera verso il Mediterraneo Orientale con incluse le Meteore. Itinerario che spero si possa un tempo ripristinare. Itinerario forse più di nicchia per i luoghi e le escursioni proposte, ma credo che anche per i non amanti in particolar modo dell'arte antica, dei siti archeologici, dei musei e quant'altro, possono trovare dei bellissimi momenti tra le specialità dei luoghi e le atmosfere dei paesaggi.

        Ma torniamo a noi....

        Questo itinerario è assolutamente da ripetere magari inserendo altri scali....sogno lo so, ma mi piacerebbe che i tour operator che redigono le escursioni in nave prendessero in considerazione altro; o che le compagnie stesse allargassero i propri orizzonti cercando di contemplare magari altre isole che non sempre le stesse, anche se pur bellissime, Tenerife e Gran Canaria. Ci sono un'infinità di luoghi che valgono veramente molto e che danno molto,ad esempio nella piccolissima isola De Las Palmas, Hierro, Fuerteventura e Lanzarote. Potrebbero alternare gli scali ogni 10 giorni ad esempio. Queste isole offrono un ambiente unico, quasi incontaminato e selvaggio.

        Per quanto riguarda il Marocco, ecco...vista la vicinanza con Cartagena, avrei auspicato un po' più di tempo a Tangeri ad esempio, ciò avrebbe significato la possibilità di raggiungere due particolari cittadine nel vicino entroterra: Tetouan ( che comunque la compagnia ne aveva data la possibilità con un'escursione) e Chefchaouen, molto più lontana ma che con più tempo a disposizione sarebbe potuto essere.

        Come dicevo all'inizio di questo viaggio, la nave non ha molte pretese. Opera non ha quello che le nuove unità della compagnia offrono, ma in fatto di accoglienza, attenzione al cliente, alla pulizia e tant'altro non è da meno. Occupazione quasi al completo e come sperimento già da diversi anni su crociere di lunga durata rispetto alle classiche di sette giorni, vi è una presenza massiccia di ospiti stranieri. Nel nostro caso a differenza di altri anni, pochi quasi nulli i tedeschi, ma di altri provenienti da Stati uniti, Russia, Asia in numero più cospicuo e naturalmente in ordine sparso Francia e il resto d'Europa. Questo non ha implicato nessun problema né nessun disguido, come spesso leggo di cambiamento di menù per adeguarsi ai loro gusti ed esigenze .Su Msc la prevalenza è l'approccio per menù internazionale, con una particolare attenzione alla cucina italiana...perchè, parliamoci chiaro, lo straniero che viene in Italia Vuole soprattutto la cucina italiana e l'accoglienza che solo il nostro Paese sa dare.




        La giornata comincia con la lentezza assoluta di un giorno in pieno sole, uno di quelli che non ti scordi facilmente perchè sono i colori che mutano all'improvviso e la percezione di essi ha qualcosa di magico...eppure è solo mare !....ma è di quelli che ti restano dentro....













        " Qui dalla finestra io vedo il mare
        la dove il mare non c'è.
        E all'orizzonte le barche solcare adagio
        le onde.

        Vedo bambini giocare accarezzati dal
        vento.
        Ed io tra di loro mi vedo bambino per
        un momento.

        Sento una brezza leggera sfiorare appena
        la pelle.
        Poi con un soffio improvviso, rapire i miei
        pensieri.

        Come granelli di sabbia misti alla
        schiuma ed il sale
        che un'onda dopo l'altra il mare porta
        via.

        Si, io dalla mia finestra vedo il mare
        anche se il mare non c'è.

        E quando il giorno si spegne ed il sole
        s'appresta a dormire
        sono i miei pensieri a volare
        nell'immenso azzurro che c'è."


        Anonimo









        Navigheremo per tutta la giornata nel mare Mediterraneo e costeggeremo le isole Baleari dalle due di notte e saranno visibili fino alle ore 12.00 ad una distanza di venti miglia. Verso le 22.30 approcciamo Bonifacio, il passaggio delle Bocche di Bonifacio durerà più o meno due ore, ove sarà possibile vedere la Corsica sulla sinistra e la Sardegna sulla nostra dritta.

        Distanza da Cartagena a Civitavecchia: 662 miglia nautiche.





        Il Viaggio, continua......
        Last edited by capricorno; 11-February-2021, 07:15.
        Oriana

        ### Moderatrice del forum ###

        " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

        Comment


        • - 14 Gennaio - Civitavecchia


















          Arriviamo alle prime luci dell'alba e Opera rallenta notevolmente la sua andatura, è sempre così, ogni volta che arriviamo in questo porto è sempre con largo anticipo.
          Non potremo comunque scendere sino all'avviso del via libera da parte delle autorità portuali.

          Anche se quasi sempre Civitavecchia è contemplata come scalo, è sempre un piacere per me giungere qui, perché è motivo di ritrovare amici del Forum e passare del tempo con loro. Oggi è giornata lavorativa e non sarà possibile per loro raggiungermi.

          Che fare dunque?

          Un passo indietro...

          Va detto che la rosa di escursioni che offre la Compagnia è ampia, ma come succede per tutte le volte che faccio scalo qui , alla fine le sole escursioni che vengono effettuate sono solo per Roma. Quindi se volete vedere Tarquinia, Bracciano o altro che non sia Roma, vi dovrete organizzare in altro modo.
          Per uscire dal porto si deve utilizzare il bus portuale gratuito ( navetta ) che farà spola di continuo per tutta la giornata, tra il porto ed il piazzale dove arrivano tutte le navette. Oggi non siamo soli in porto, a differenza degli ultimi scali, qui c'è una nutrita sosta di navi, medio piccole e tutte straniere, tranne noi.
          Occorrerà quindi scendere per tempo poiché la navetta si riempie subito, e tra l'andare ed il tornare una buona mezz'ora, se non più, se ne va....

          Adoro Roma ma solo una volta sono andata in visita da qui e onestamente è più il tempo di percorso, che il tempo effettivo trascorso in città, per cui cerco di utilizzare meglio questa opportunità di scalo. Per meglio intendo per il tempo a disposizione e non ultimo, la zona limitrofa a Civitavecchia che, credetemi, ha molto da offrire.

          Ero dell'idea di tornare a Tarquinia per ultimare ciò che non ho potuto vedere, ma poi anche perchè ne sentivo il desiderio, in più tempo permettendo, ci sarebbe saltata fuori anche una visita in un borgo lì vicino....insomma per farla breve, come qualche volta mi accade....cambio radicalmente idea, spinta e dibattuta tra un altro luogo che da tempo accarezzo......per la serie: andiamo all'avventura!!!....senza nulla di programmato, rispetto alla visita preparata a tavolino di Tarquinia...ma si, dai!!....Tarquinia può attendere, anzi, Tarquinia sarà oggetto di un discorso molto più ampio da farsi in un prossimo ( neanche molto) futuro. Tutta la Tuscia mi affascina per la particolarità del territorio, per la bellezza selvaggia ed incontaminata di scenari che si spalancano su anfratti, rupi di tufo e piccoli borghi, poi per la storia che trasuda da ogni sua roccia o pietra o qualsivoglia cosa, quindi deve avere più tempo!

          Arriviamo al Piazzale Largo della Pace dove ci lascia la navetta e dove la ritroveremo al ritorno e da qui ci rechiamo all'autonoleggio per il ritiro dell'auto, e da qui....direzione Cerveteri!




          " Ho sempre pensato; quando sarò libero, senza vincoli, viaggerò.

          Ma no ho ricette per viaggiare, inciampo spesso, dappertutto.
          Mi piace perdermi, faccio molte deviazioni.
          Spesso decido la destinazione strada facendo, oppure cambio del tutto.

          Non si può fare esperienza di troppe cose viaggiando;
          penso sia meglio concentrarsi su poco, o anche nulla, non fare attenzione ai monumenti.
          Ai musei, ma solo tenere gli occhi aperti ed ascoltare....

          E non è così facile. "

          Peter Handke









          Il Viaggio continua......

          ​​​​
          Last edited by capricorno; 13-February-2021, 14:48.
          Oriana

          ### Moderatrice del forum ###

          " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

          Comment


          • In poco meno di venti minuti prendendo l'autostrada, siamo a Cerveteri, direzione: Necropoli della Banditaccia.

            Ci accoglie il lungo viale che si inoltra nel verde della boscaglia, sino ad arrivare ad un parcheggio sterrato, solo noi e nessun altro....ma d'altronde non mi meraviglio, chi mai si avventura in siti come questo? Il turismo, quello di massa ha altre mete...

            Ci rechiamo all'ufficio biglietteria, dove oltre al biglietto ci viene data una mappa del sito con un percorso segnalato attraverso i tumuli più significativi e una specie di telecomando. Questo ci permetterà di ascoltare, solo in alcuni tumuli, una spiegazione esaustiva da parte di Piero Angela. Si, proprio lui e chi meglio di lui saprebbe spiegare meglio!

            Si entra dunque con quel pizzico di emozione... almeno lo è per me, attraverso la Storia....










            Vista dall'alto questa zona appare simile a tanti paesaggi dell'Alto Lazio, ma sotto questo manto verde che circonda Cerveteri, si nasconde un vero tesoro. Migliaia di tombe etrusche scavate nel tufo che si sono conservate per duemila anni.

            Questi ambienti straordinari e inquietanti, sono arrivati sino a noi ancora intatti. Qui i corpi dei defunti venivano portati per il loro viaggio nell'aldilà e come per gli antichi Egizi, anche gli etruschi scavarono questi ambienti sotterranei, riempiendoli di oggetti preziosi.
            Questo incredibile lavoro di scavo è stato possibile perché migliaia di anni fa, qui era tutto un ribollire di vulcani. Le eruzioni ricoprivano a più riprese di tufo tutta l'area in cui si trova ora Cerveteri.

            In certi punti lo strato raggiunse lo spessore di 30 metri. Gli Etruschi lo scavarono tutto a mano, d'apprima scavando un lungo canalone e ai lati scolpirono delle strutture circolari che avrebbero ospitato le strutture delle tombe. Tutto quello che ancora oggi vediamo non è stato costruito ma bensì scavato.



















            Nacque così una specie di piccola città scolpita: la città dei morti, poco lontana dalla città dei vivi e che aveva con essa molte somiglianze.
            Queste grosse strutture circolari erano i tumuli, visibili da lontano destinati alle famiglie più importanti; attorno ad essi, sempre scavati nel tufo, un intreccio di strade e stradine. Ad un certo punto vennero realizzate delle tombe più piccole e più semplici, anche perché lo spazio tendeva a scarseggiare, le tombe cosiddette a " dado" e si possono vedere ai lati di vere e proprie di strade...come se fossero delle " villette a schiera".

            Passando ancora del tempo e sempre per mancanza di spazio, si cominciò a scavare sempre più in profondità scendendo sotto il livello stradale e queste tombe sono i cosiddetti ipogei.























            ​​​​​​​Il Viaggio continua.......
            Last edited by capricorno; 13-February-2021, 15:20.
            Oriana

            ### Moderatrice del forum ###

            " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

            Comment


            • Per me l'arrivo a Civitavecchia vuol dire che la crociera è terminata ed è giunto ilgiorno dello sbarco. Sono stati giorni piacevoli ed interessati trascorsi con amici (anche forumini) che hanno contribuito molto a che la vacanza risultasse alla fine davvero bella. Il giorno precedente, quello di navigazione, è stato dedicato al completo relax, alternando passeggiate sui ponti superiori, a piccole soste sui lettini scaldandosi al tiepido sole o condividendo con i nostri amici, nella discoteca a poppa del ponte 12 , le proprie impressioni sulla crociera appena effettuata.

              Click image for larger version

Name:	DSCN2337.JPG
Views:	87
Size:	55.4 KB
ID:	1823104
              Click image for larger version

Name:	DSCN2342.JPG
Views:	86
Size:	69.5 KB
ID:	1823105

              Click image for larger version

Name:	DSCN9068h (1).jpg
Views:	86
Size:	53.9 KB
ID:	1823101
              Click image for larger version

Name:	IMG_20191110_174218.jpg
Views:	84
Size:	76.6 KB
ID:	1823102
              Click image for larger version

Name:	DSCN9430h (5).jpg
Views:	86
Size:	69.8 KB
ID:	1823103


              Gianni
              “Ama tutti, credi a pochi e non far del male a nessuno.”

              Comment


              • Come ha detto Oriana la nave, che a me piace per i suoi colori pastello e le sue linee semplici, non ha molte prestese ma offre un ottimo servizio e rende piacevole la navigazione.

                Per me è stata la seconda volta su Opera e per la seconda volta scendo soddisfatto del viaggio intrapreso.

                Click image for larger version  Name:	IMG_20180417_075743.jpg Views:	0 Size:	52.7 KB ID:	1823107
                Click image for larger version  Name:	IMG_20191110_084917.jpg Views:	0 Size:	63.6 KB ID:	1823110
                Click image for larger version  Name:	IMG_20191110_081716.jpg Views:	0 Size:	76.8 KB ID:	1823111
                Click image for larger version  Name:	DSCN9041h (15).jpg Views:	0 Size:	54.2 KB ID:	1823109
                Click image for larger version  Name:	DSCN9068h (6).jpg Views:	0 Size:	78.1 KB ID:	1823108

                Gianni
                “Ama tutti, credi a pochi e non far del male a nessuno.”

                Comment


                • Grazie Gianni, belle immagini!
                  Per te due, per me la terza volta su Opera e l'ho sempre trovata in ottima forma, malgrado il passare degli anni.

                  Hai detto bene, raffinata semplicità e colori che ti avvolgono, ti fanno stare bene e il contatto con il mare è assicurato. Oltre gli spazi di poppa, con quei bellissimi affacci, non è male anche la passeggiata al ponte delle scialuppe, non è continua come su Magnifica( la nave che in assoluto preferisco di più) ma qui trovi ancor meno gente ed è piacevole fermarsi al riparo ad osservare il calar del sole.

                  Oriana

                  ### Moderatrice del forum ###

                  " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

                  Comment


                  • Confermo e condivido le impressioni su Opera di Gianni e Oriana.
                    Gianni, che belle foto degli interni!
                    Pur non avendo fatto crociere su questa unità, bensì sulle altre tre gemelle, l'ho visitata nei giorni di presentazione dopo il varo, e l'ho ammirata per lo stile elegante, sobrio e raffinato. Pecca un pò per le cabine, decisamente piccole, comunque sufficienti per due persone che vivono di più la nave e gli scali.

                    Oriana, mi è piaciuto il cambio di programma improvviso fatto a Civitavecchia: vedo che ha dato buoni risultati, per l'interessante visita alla necropoli.
                    La prossima volta Tarquinia ti attende, vediamo se sarà possibile visitarla insieme...
                    "Lo spettacolo del mare provoca sempre un'impressione profonda: esso è l'immagine di quell'infinito
                    che attira incessantemente il pensiero e nel quale il pensiero incessantemente si perde"
                    (Madame de Stael)

                    Comment


                    • Certo che si, Gabriele! Ci tengo particolarmente alla tua compagnia!
                      Oriana

                      ### Moderatrice del forum ###

                      " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

                      Comment

                      Working...
                      X