Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 16 a 28 di 28

Discussione: Riflessione personale

  1. #16
    Utente livello Platinum
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    11,469
    Città
    Montecelio
    Crociere effettuate
    19
    Citazione Originariamente Scritto da Rodolfo Visualizza Messaggio
    Siamo sicuri che sulle navi Royal le cinture di salvataggio siano nei contenitori sul ponte di raccolta e non siano più nelle cabine? Io ricordavo fosse una prova effettuata su una o più navi della Compagnia, ma poi è stato esteso a tutte le altre?
    Rodolfo i giubbotti sono sia in cabina (sopra l' armadio) sia ai ponti esterni (e non solo credo), almeno sino a Giugno 2011 Mariner OtS.

    PS:stessa cosa su Noordam Settembre 2011
    2005CarnivalVictory2006ExplorerOtS-VoyagerOtS2007EmpressOtS-SplendourOtS2008JewelOtS-CelebrityGalaxy2010NavigatorOtS2011MarinerOtS-Noordam2012AnastasiaOftheSeas2013MSCMagnifica2014CostaPacifica-CelebrityReflection2015NCLStar2016CostaDiadema-Eurodam2017MajesticPrincess2018MSCMeraviglia-CrownPrincess-CrownPrincess2019MSCSeaView


    • Pubblicità


        
       

  2. #17
    Nuovo utente
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    5
    Città
    roma
    Su due navi della RCC i giubbotti sono nelle serrandine...così ho letto in un attendibile sito che tratta l'argomento. in que momenti di emergenza è dura...le cabine dei ponti più bassi risultano allagati quando la nave era ancora stabile...se avessi avuto una cabina nel ponte uno e due.. certo non sarei tornata indietro..questo forse giustifica il costo più basso di queste soluzioni adottato da tutte le navi???
    E' vero..quando si spegneranno i riflettori sulla Concordia la gente avrà dimenticato.. salirà a bordo dicendo "ma perchè proprio a me?" . Rivedere alcune norme, funzionalità e ed il sistema croceristico sarebbe opportuno, anche perchè è un settore trainanante con un indotto gigantesco.. oltre alle vite a bordo c'è da salvare anche dei posti di lavoro.

  3. #18
    Utente livello Platinum
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    11,469
    Città
    Montecelio
    Crociere effettuate
    19
    Citazione Originariamente Scritto da StefaniaS Visualizza Messaggio
    .. oltre alle vite a bordo c'è da salvare anche dei posti di lavoro.
    guarda che i posti di lavoro sono salvi, la maggior parte di chi ci lavora a bordo non può fare niente altro
    2005CarnivalVictory2006ExplorerOtS-VoyagerOtS2007EmpressOtS-SplendourOtS2008JewelOtS-CelebrityGalaxy2010NavigatorOtS2011MarinerOtS-Noordam2012AnastasiaOftheSeas2013MSCMagnifica2014CostaPacifica-CelebrityReflection2015NCLStar2016CostaDiadema-Eurodam2017MajesticPrincess2018MSCMeraviglia-CrownPrincess-CrownPrincess2019MSCSeaView

  4. #19
    Nuovo utente
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    5
    Città
    roma
    Citazione Originariamente Scritto da Cokj72 Visualizza Messaggio
    guarda che i posti di lavoro sono salvi, la maggior parte di chi ci lavora a bordo non può fare niente altro
    Non mi riferivo solo ai marittimi!!!

  5. #20
    Utente livello Junior L'avatar di mamari
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    134
    Città
    Vasto
    Citazione Originariamente Scritto da Italian Cruiser Visualizza Messaggio
    Si può continuare a costruire in grande... prestando però ancora più attenzione alla sicurezza.

    Non dimentichiamo che la tragedia di Costa Concordia è stata determinata da un uomo: Schettino. Sarebbe successo lo stesso anche se fosse stato al Comando di un'unità più piccola.
    Lasciamo stare per un momento la causa dell'incidente e focalizziamoci sul fatto che mettere più di 4000 persone in una nave sia veramente troppo pericoloso.....mettiamola in un altro modo: un'esplosione a bordo, un grande incendio, un problema non segnalato di ingresso d'acqua a prua, un fulmine che cade sul ponte più alto e provoca un grande incendio, un altro Schettino, un terrorista impazzito, una bomba perchè no, un aereo kamikaze..e ci possiamo mettere credo altri 1000 fattori esterni che potrebbero provocare l'affondamento (in molti di questi casi anche in mare aperto e non a costa) della nave, in tempi più o meno rapidi...il problema principale rimane che su di questa nave ci sono più di 4000 persone, il problema è che la nave non sempre affonda come il Titanic e l'abbiamo visto bene, ma si ripiega su di un lato...le scialuppe si dimezzano. Il panico, il numero elevato di persone......i bambini schiacciati, tutti che pensano a salvare la propria pelle, figuratevi lo fanno i Capitani!..ecco, si crea una situazione sicuramente ad altissimo rischio. E ragazzi, il rischio c'è. Dal mio punto di vista, fino al 13 gennaio 2012 non ci abbiamo mai creduto profondamente, non ci abbiamo mai pensato veramente. Ora la cosa che mi rattrista di più è che non ci sarà più quella spensieratezza di prima.....si saliva in quella specie di castello incantato e si sognava per una settimana......ora credo che tutti, ci saliranno comunque, ma tutti tutti avranno un momento in cui guarderanno bene nell'armadietto vicino alla porta se ci sono i salvagenti...tutti faranno maggiore attenzione ai movimenti strani della nave. Io, vi dico la verità, ogni sera, ma proprio ogni sera prima di addormentarmi, nelle tre crociere che ho fatto prima del 13 gennaio, pensavo per un pochino a come mi sarei comportata coi miei bimbi in caso di emergenza..poi cercavo di non pensarci. Ora non so come la prenderei...........forse è vero che ridurre drasticamente la stazza delle navi, magari moltiplicarne il numero ma ridurne di 10 volte la capacità e la grandezza di esse, potrebbe essere il modo per migliorare eventuali situazioni di emergenza..anche se non so se sarebbe una soluzione. NOn so, è capitata una cosa troppo grande. Troppo triste. Io più che guardare le immagini girate sule navi di Costa e piangere non faccio. Mi viene solo da dire "poverini". Poverini a tutti i camerieri che tenevano con amore in ordine gli armadietti, i ristoranti, le cabine..tutti i particolari curatissimi..i cestini di frutta nelle cabine...i mini bar..le creme della Spa. Tutto sott'acqua. E' successo qualcosa di troppo grande e non so se riuscirò più a guardare una nave senza avere un tuffo al cuore, un pò di malinconia. Poverini. E vi dirò che anche i dirigenti di Costa mi fanno pena. L'unico che per ora non mi fa pena è Schettino. Non entrerò nel merito, ma lui è veramente l'unico che non mi fa pena. Per il resto mi sento veramente vicina a tutta la Famiglia Costa che comunque ha reso indimenticabili molti momenti della mia vita.
    Ultima modifica di mamari; 28-January-2012 alle 22:43

  6. #21
    Super Moderatore L'avatar di Rodolfo
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    37,068
    Città
    Venezia
    In effetti sono considerazioni sulle quali riflettere. Secondo me quel che hai detto ha un senso.
    Chi va per mare naviga, chi sta a terra giudica.

    Rodolfo
    ### Moderatore Globale ###

  7. #22
    tano
    Guest
    Sicuramente ci sará una riflessione da parte di tutte le compagnie che userano l´accaduto sulla Concordia come esperienza per migliorarsi, dello stesso modo che successe sul Titanic, sull´Andrea Doria , sul Admiral Nakhimov e tante alte tragedie sui mari.
    Peró non confondiamo servizio con sicurezza che sono due argomenti differenti, ultimamente sto notando che si parla su Costa del suo servizio che negli anni é andato in discesa relazionandolo al disastro della Concordia.
    Neanche tengo in considerazione che il servizio nel Nord Europa é superiore e di conseguenza la sicurezza, come il panico sia creato da un pubblico tedesco o Olandese sia differente a quello Italiano o dei paesi Mediterranei, anzi di quello che sono sicuro che in Mediterraneo l´egoismo delle persone é minore.
    Panico, panico é, in qualsiasi situazione.
    É successo alla Costa Concordia come poteva succedere ad una nave piccola, é successo in un modo strano, nel modo che meno me l´avrei immaginato, la mia grande paura é il fuoco.
    Comunque teniamo presente che l´evacuazione é stata perfetta e questo mi dá la certezza che le navi sono ancora il modo piú sicuro di fare vacanze.
    Quante volte ho detto, quando si torna a casa, sia qualsiasi tipo di vacanza si fa, bisogna essere contenti, e quando si parte bisogna essere conspevoli che tutto puó capitare, infatti vi ricordate dello tsunami di qualche anno fa ?
    La Concordia é successo, siuramente la riflessione per migliorare c´é bisogno di farla, ma credo che si sta esagerando.

    Un saluto.

  8. #23
    Nuovo utente L'avatar di Claudio1964
    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    23
    Città
    Umbria
    Condivido anche io la riflessione di Stefania S. Navi troppo grandi, troppa gente a bordo, poi secondo me bisogna valutare anche il rapporto personale/passeggeri.
    Ho avuto la fortuna di viaggare con l'Eugenio Costa, 33.000 tonnellate, 1000 passeggeri e 600 membri dell'equipaggio. Il livello francamente era diverso.
    1989 EUGENIO COSTA - 2009 COSTA VICTORIA - 2010 COSTA CONCORDIA
    2011 NAVIGATOR OF THE SEAS - 2012 MSC DIVINA - 2013 COSTA FORTUNA

  9. #24
    Utente livello Platinum L'avatar di pmanlio
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    9,518
    Citazione Originariamente Scritto da vascomane79 Visualizza Messaggio
    D'accordo su tutta la linea ma il progresso, ahimè, non si può arrestare...
    Citazione Originariamente Scritto da Rodolfo Visualizza Messaggio
    Ma progresso non vuol necessariamente dire sempre più grande. Preferirei sempre più sicuro. So che si tratta solo di parole.
    Per me l'impressione è che 'progresso' voglia dire soldi..
    Non che la sicurezza sia trascurata, ma quando ci fu l'incidente del Titanic, tra le cose che si capirono c'era anche quella che il Titanic era troppo grande per il suo timone, di conseguenza la capacità di manovra era ridotta, si capiì anche che i nuovi scafi 'risucchiavano' le altre navi, quindi c'era da approfondire anche questo tema, si capiì quindi che qualche anno era meglio attenderlo prima di mettere in mare dei veri giganti non ancora ben conosciuti..

    Ed infatti tre mesi dopo ne uscì un'altra più grande, cosa concepibile, visto che era in cantiere, e dopo però una più grande di quella e così via..

    Sul discorso delle crociere, per ora mi sono 'salvato' e devo dire grazie alla Costa, che ha proposto bei itinerari su belle navi, di dimensioni umane (Marina, Europa, Romantica, Victoria) ma questo sarà sempre più un mondo di nicchia, e forse è proprio la gente a non volerlo..

    Un saluto
    Manlio

  10. #25
    Super Moderatore L'avatar di Rodolfo
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    37,068
    Città
    Venezia
    Secondo me non c'era nulla da capire che già non si sapesse. L'effetto canale son sicuro si fosse già manifestato con imbarcazioni molto più piccole del Titanic e quindi conosciuto; si manifesta di continuo con le normali, piccole imbarcazioni nei canali di Venezia. Lo stesso dicasi per il timone; questioni di scelte, magari di errori progettuali, ma non di mancate conoscenze.

    Tanto per dire, la ex Costa Tropicale, la ex MSC Rhapsody erano equipaggiate di due eliche e di un solo timone centrale sapendo benissimo che le massime capacità evolutive di una nave si ottengono con un timone sistemato nel flusso di scarico dell'acqua prodotto dalle eliche. Navi di fine secolo ventesimo; questioni di scelte.
    Chi va per mare naviga, chi sta a terra giudica.

    Rodolfo
    ### Moderatore Globale ###

  11. #26
    Utente livello Platinum L'avatar di pmanlio
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    9,518
    Citazione Originariamente Scritto da Rodolfo Visualizza Messaggio
    Secondo me non c'era nulla da capire che già non si sapesse. L'effetto canale son sicuro si fosse già manifestato con imbarcazioni molto più piccole del Titanic e quindi conosciuto; si manifesta di continuo con le normali, piccole imbarcazioni nei canali di Venezia. Lo stesso dicasi per il timone; questioni di scelte, magari di errori progettuali, ma non di mancate conoscenze.
    Quando la nave lasciò il porto di partenza con il suo passaggio provocò lo spostamento di un altro scafo, che ruppe le bitte e per poco non collise con il Titanic stesso.. fu fermato dai rimorchiatori..

    Non credo che avessero previsto bene effetti come questo, per il timone, si disse che era troppo piccolo per una nave così..

    Va detto che l'Olimpic dimostrò benissimo la bontà del progetto di base..

    Un salutone!!
    Manlio

  12. #27
    Super Moderatore L'avatar di Rodolfo
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    37,068
    Città
    Venezia
    Perchè Manlio, ora che si sa, di questi incidenti non ne avvengono più? Potremmo averne avuto uno molto di recente ad una nave passeggeri.

    Prova digitare questa stringa e vedrai che di queste collisioni ce ne sono anche ai nostri giorni; più di quanti si possa immaginare.

    "bank suction ship collision"

    Probabile sarà stato così per il timone: non ho detto che non fosse vero. Io ho detto che non credo non lo sapessero.
    Chi va per mare naviga, chi sta a terra giudica.

    Rodolfo
    ### Moderatore Globale ###

  13. #28
    Utente livello Junior
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Messaggi
    72
    Città
    sardegna roma
    Crociere effettuate
    9
    concordo sopratutto sull'esigenza di ritornare al "piccolo"
    Le prime crociere della vita spesso le si fa con navi enormi... quasi a pensare che più sono grandi più sono belle... poi ti rendi conto che non è così


    • Pubblicità


        
       

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •