Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234
Risultati da 46 a 56 di 56

Discussione: Queen Mary LongBeach

  1. #46
    Utente livello Platinum L'avatar di Felix73
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Messaggi
    10,281
    Città
    Milano
    Crociere effettuate
    19
    Socio numero
    103
    Ragazzi, mannaggia, più vi leggo, e più non riesco a prendere una posizione netta sull'argomento. Ci sono ragioni valide in tutti i vostri post.
    Da un lato, è affascinante la ricerca di una "terza via" da parte di Manlio, forse mai battuta e credo meritevole perlomeno di una valutazione approfondita. Però, seppur in estrema ratio, la penso come Rodolfo, non amo vedere una nave prestigiosa "intubata" ed attaccata ad una macchina per tenerla in vita. La sua vita è il navigare. Ma, alla domanda di Manlio "è meglio non averla per niente o è meglio averla comunque a futura memoria seppur intubata", io la tentazione di rispondere "meglio conservarla anche se intubata" c'è l'ho, ed è una tentazione forte. Nel ragionamento di Manlio c'è una visione prospettica nei secoli a venire che è ciò che spesso manca quando siamo tutti presi nel fare valutazioni e ragionamenti aggrappati al presente. Ciò che oggi vediamo come un relitto arrugginito e prossimo alla demolizione domani potrebbe rappresentare ben altro, gli esempi di Victory e del Vasa (anche se questo è forse un pò improprio) ci dicono questo.

    Apprezzo l'approccio americano da questo punto di vista. Che si vada a New York, a Baltimora o a San Francisco come lo scorso Agosto, c'è sempre in porto una nave "storica" ormeggiata, in bella mostra, accessibile e tenuta splendidamente. Forse, come sottolinea Manlio, queste navi fortunate non hanno subito lungo la loro storia quella fase di abbandono che ha reso poi sempre più difficile e costoso il loro recupero. Vedi United States o QM. Credo che questa sia una discriminante fondamentale.

    Ha perfettamente ragione Alda, preservare delle testimonianze a futura memoria e per le generazioni a venire dovrebbe esulare da una logica di puro profitto. Sottoscrivo. Vi deve però essere un interesse storico collettivo e condiviso, e non solo affettivo, affinché una comunità si possa fare carico di sostenerne gli elevati costi di mantenimento. Nessuno di noi si sognerebbe di demolire Pompei per farci un quartiere residenziale solo perchè ha i conti in rosso (è solo un esempio...non so se ha i conti in rosso...ma ciò che auspico è che la tengano un pò meglio rispetto a come è stata "preservata" fino ad ora... e se poi portasse profitti...bè ..tanto meglio).

    Noto però, con grande piacere, che nelle vostre posizioni così differenti, c'è un fattor comune: la passione e l'amore per le navi. Anche il pragmatismo di Rodolfo è una forma di amore per le navi, anzi, per certi versi nè è quasi la versione più estrema e forte: piuttosto che veder una nave fuori dal suo contesto e dalla sua naturale funzione, meglio non vederla più e demolirla.....
    Ultima modifica di Felix73; 28-March-2017 alle 14:49
    Il mare non è mai stato amico dell'uomo, tutt'al più, è stato complice della sua irrequietezza..


    • Pubblicità


        
       

  2. #47
    Super Moderatore L'avatar di Rodolfo
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    34,862
    Città
    Venezia
    Citazione Originariamente Scritto da mal di mare Visualizza Messaggio
    rispettando ,come ovvio,il punto di vista degli altri.............
    "In primis".
    Chi va per mare naviga, chi sta a terra giudica.

    Rodolfo
    ### Moderatore Globale ###

  3. #48
    Utente livello Gold L'avatar di mal di mare
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Messaggi
    4,692
    Città
    milano
    Crociere effettuate
    >40
    Citazione Originariamente Scritto da Rodolfo Visualizza Messaggio
    "In primis".
    Non credo di avere offeso nessuno esponendo il mio punto di vista.................

    Facciamo un altro esempio,che esuli dal Colosseo............

    Se non fosse stato per la visione di un gruppo di persone la Central Station di New York
    sarebbe stata demolita e ridotta a un cumulo di macerie per far posto ad un altro mostro di cemento............
    adesso,anni dopo,tutti i turisti la vanno a visitare ............
    certo,non ha il valore di un opera romana,ma per la città ha un valore storico e architettonico............
    non produce denaro averla mantenuta,ma testimonia una parte interessante della vita di tutti noi.

    Ovvio,per contro,che non si possa pensare,come dice Felix,di mantenere tutto,ma sia necessario
    operare una scelta seguendo dei criteri di unicità,valore storico,valore contestuale etc.........

    Ps.anche se posso capire che sia il denaro il motore di questo mondo in cui vivo,
    mi sento libera di non accettare questa logica e di combatterla con tutti i mezzi in mio possesso................

    I musei sono pieni di manofatti che non sono più operativi e non operano nel loro contesto
    e non per questo si è mai pensato di distruggerli.
    Ultima modifica di mal di mare; 28-March-2017 alle 14:56

  4. #49
    Utente livello Platinum L'avatar di pmanlio
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    9,292
    La grande forza di Pompei, come per assurdo di Venezia, è che non sono mai state distrutte per far posto al 'nuovo'..

    Pompei, sommersa dalla lava, è diventata una macchina del tempo formidabile ma 'morta', Venezia, per volontà dei suoi abitanti, è una macchina del tempo ed è viva, anche se, diciamolo, non credo sia la Venezia dei Dogi, si vede comunque la macchina del turismo in eterno moto..

    La Roma Imperiale, come ci ricorda un proverbio, più che dai Barbari fu distrutta dai Barberini, anche se, va detto, per creare una città rinascimentale di una bellezza incredibile..

    La distruzione consistette nel prendere il marmo dalla vecchia Roma, dal Colosseo, che non era visto altro che come una cava, dalle vestigia di Roma Imperiale..

    Quello che per noi è prezioso per loro non era nulla..

    E' un po il tempo a dare valore alle cose, quello che oggi è trascurabile domani non lo sarebbe più..

    Io credo che tutte le posizioni siano rispettabili, nessuno può discutere il sentimento di un altro, ma per rispondere, anche per 'accalappiare' Max alla mia causa, pongo una domanda

    Tra 500 anni non sarebbe bello avere un transatlantico ed una nave da Crociera?

    Possibile che l'unica logica del nostro mondo debba essere il guadagno e lasciare secoli di plastica ed anidride carbonica ai nostri eredi?

    Quando parlo di nave in bottiglia poi non è che sia sicuro che serva davvero, è una estrema conseguenza, ma in fondo non so se sia necessario davvero ne se, tra pochi anni, si potrebbe fare di meglio e toglierla dalla bottiglia.. la chimica è in evoluzione continua..

    Quello che vedo è che nessuno si è posto il problema di come conservare una grande nave in disarmo, dando tutti per scontata l'idea dell'albergo..

    Ma 'tutti' sono per lo più appassionati, ben pochi economisti/ingegneri/armatori.. oppure sono stati che hanno versato soldi, ma non so se fatta davvero una analisi seria del problema..

    Certamente, ripeto, vedere certe cose anche in museo da emozione, per 'certe cose' intendo anche una marea di materiale proveniente dalle navi della Italian Line.. che ho conosciuto grazie a Mate, ma vederle su una nave invece che in bellissime stanze.. mi piacerebbe assai!!

    E comunque rimane la domanda di base, di una epoca durata almeno dal 1838 (Cunard che concepisce l'idea di una nave passeggeri) fino quasi all'inizio degli anni ottanta (con la riconversione degli ultimi transatlantici, il pensionamento e la rottamazione di altri) cosa rimane?

    Per uno come me è triste pensare che dell'epopea dei Clipper rimanga il solo Cutty Sark, di tutto il periodo che va dalla notte dei tempi al 1600 quasi nulla: le ricostruzioni dei Galeoni sono affidabili come tipologia di imbarcazione, ma nessuno sa come era fatto davvero il Mayflower, le navi a dieci/venti ordini di remi del periodo ellenistico rimangono un mistero..

    Insomma, lasciamolo qualcosa a stì posteri..

    Un salutone!!
    Manlio

  5. #50
    Super Moderatore L'avatar di Rodolfo
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    34,862
    Città
    Venezia
    Citazione Originariamente Scritto da mal di mare Visualizza Messaggio
    Non credo di avere offeso nessuno esponendo il mio punto di vista.................
    Alda, ci siamo già chiariti per telefono, ma il mio "In primis" non voleva altro che condividere la tua osservazione "rispettando,come ovvio,il punto di vista degli altri.............". Prima di tutto il rispetto delle idee degli altri, anche se non si condividono. Ciao Alda.
    Chi va per mare naviga, chi sta a terra giudica.

    Rodolfo
    ### Moderatore Globale ###

  6. #51
    Utente livello Gold L'avatar di mal di mare
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Messaggi
    4,692
    Città
    milano
    Crociere effettuate
    >40
    Per rispondere alla domanda di Manlio su che cosa rimane dell'era dei transatlantici,
    un fenomeno che ha contribuito a cambiare le vite di milioni di persone ,è la storia
    piò o meno romanzata di una nave che con soli 5 giorni di navigazione è entrata nell'immaginario collettivo.................
    pensare quanta storia avrebbe da raccontare la Queen Mary del suo lungo servizio,anche in tempo di guerra..............
    magari un bel film aiuterebbe a salvarla..........

  7. #52
    Utente livello Platinum L'avatar di Felix73
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Messaggi
    10,281
    Città
    Milano
    Crociere effettuate
    19
    Socio numero
    103
    Manlio, già dal mio precedente post si capiva che un pò mi avevi già accalappiato....


    Citazione Originariamente Scritto da pmanlio Visualizza Messaggio

    Tra 500 anni non sarebbe bello avere un transatlantico ed una nave da Crociera?


    Bè..... si. Direi proprio di si.
    Il mare non è mai stato amico dell'uomo, tutt'al più, è stato complice della sua irrequietezza..

  8. #53
    Utente livello Gold L'avatar di mal di mare
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Messaggi
    4,692
    Città
    milano
    Crociere effettuate
    >40
    Sicuramente la nave necessita di interventi immediati,anche nello scafo esterno.....
    L interno ,quello visibile e la parte alberghiera in condizioni migliori,
    Ma non credo che avrei voglia di passare la notte in una di quelle cabine
    A causa della condizione delle moquette dei corridoi.....moquette che non
    Esistevano a bordo....in alcune parti e ancora visibile il pavimento originale
    Una specie di linoleum con le decorazioni art deco che sono state riprese
    Nei tappeti della QM2........

    I saloni usati per ricevimenti e congressi sembrano in ottime condizioni.....
    Molto ben tenuta la sala macchine,che si può visitare salendo e scendendo
    Dalle scalette di ferro originali.......
    Alcune parti degli arredamenti sono state situate in apposite bacheche di vetro
    Come alcuni preziosi orologi o parte del servizio d argento della prima classe.......

    Avrei una domanda per gli esperti.....la prima cosa che si nota salendo a bordo
    E guardando i corridoi.....non sono allineati,hanno una forma potrei dire....leggermente a banana.....
    Curvato verso il basso......cosa che non si rileva nelle navi attuali......
    Esiste un motivo logico per la costruzione o è una deformazione?

  9. #54
    Utente livello Gold L'avatar di Mate
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    1,519
    Città
    Monfalcone
    Crociere effettuate
    38
    Citazione Originariamente Scritto da mal di mare Visualizza Messaggio
    Sicuramente la nave necessita di interventi immediati,anche nello scafo esterno.....
    L interno ,quello visibile e la parte alberghiera in condizioni migliori,
    Ma non credo che avrei voglia di passare la notte in una di quelle cabine
    A causa della condizione delle moquette dei corridoi.....moquette che non
    Esistevano a bordo....in alcune parti e ancora visibile il pavimento originale
    Una specie di linoleum con le decorazioni art deco che sono state riprese
    Nei tappeti della QM2........

    I saloni usati per ricevimenti e congressi sembrano in ottime condizioni.....
    Molto ben tenuta la sala macchine,che si può visitare salendo e scendendo
    Dalle scalette di ferro originali.......
    Alcune parti degli arredamenti sono state situate in apposite bacheche di vetro
    Come alcuni preziosi orologi o parte del servizio d argento della prima classe.......

    Avrei una domanda per gli esperti.....la prima cosa che si nota salendo a bordo
    E guardando i corridoi.....non sono allineati,hanno una forma potrei dire....leggermente a banana.....
    Curvato verso il basso......cosa che non si rileva nelle navi attuali......
    Esiste un motivo logico per la costruzione o è una deformazione?
    Semplice, per la forma dello scafo di allora che non era concepito come un parallelepidedo per sfruttare maggiormente gli spazi come oggi. Inoltre le linee affusolate erano ideate per dar la minor resistenza al mote e in contempo le navi non si prefabbricavano a terra come oggi... quindi la costruzione a blocchi ha favorito ulteriormente le costruzione ad ongoli a sfavore di quella sagomata che viene a costare di più. E questi sono solo alcuni dei motivi...
    Con te partirò...

    https://www.facebook.com/matteo.martinuzzi.3

  10. #55
    Utente livello Gold L'avatar di mal di mare
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Messaggi
    4,692
    Città
    milano
    Crociere effettuate
    >40
    Citazione Originariamente Scritto da Mate Visualizza Messaggio
    Semplice, per la forma dello scafo di allora che non era concepito come un parallelepidedo per sfruttare maggiormente gli spazi come oggi. Inoltre le linee affusolate erano ideate per dar la minor resistenza al mote e in contempo le navi non si prefabbricavano a terra come oggi... quindi la costruzione a blocchi ha favorito ulteriormente le costruzione ad ongoli a sfavore di quella sagomata che viene a costare di più. E questi sono solo alcuni dei motivi...
    Grazie......e un particolare che ti colpisce quando cammini anche sul ponte esterno.....
    Quali sono state le prime navi passeggeri a non avere questo tipo
    Di costruzione non Allineata?

    Ps.un motivo in più per sperare che QM possa rimanere testimone di un epoca passata

    Un vero peccato non aver potuto vedere il ponte di comando chiuso per lavori
    In compenso abbiamo visto la stazione radio con ancora molto del materiale originario
    Ultima modifica di mal di mare; 22-April-2017 alle 01:57

  11. #56
    Utente livello Gold L'avatar di Mate
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    1,519
    Città
    Monfalcone
    Crociere effettuate
    38
    Citazione Originariamente Scritto da mal di mare Visualizza Messaggio
    Grazie......e un particolare che ti colpisce quando cammini anche sul ponte esterno.....
    Quali sono state le prime navi passeggeri a non avere questo tipo
    Di costruzione non Allineata?

    Ps.un motivo in più per sperare che QM possa rimanere testimone di un epoca passata

    Un vero peccato non aver potuto vedere il ponte di comando chiuso per lavori
    In compenso abbiamo visto la stazione radio con ancora molto del materiale originario
    A partire dagli anni 80 con le nuove costruzioni di navi da crociera. Direi il Tropicale di Carnival se la memoria non m'inganna.
    Con te partirò...

    https://www.facebook.com/matteo.martinuzzi.3


    • Pubblicità


        
       

Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •