Pagina 10 di 10 PrimaPrima ... 8910
Risultati da 136 a 139 di 139

Discussione: Roma...il mio viaggio , nella Grande Bellezza.

  1. #136
    Utente livello Platinum L'avatar di capricorno
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    5,878
    Crociere effettuate
    19



    Il tema dell'intera composizione è il mare. La scenografia è dominata da una scogliera rocciosa che occupa tutta la parte inferiore del palazzo, al cui centro troviamo la grande nicchia delimitata da colonne che fa risaltare le figure, come se fossero sotto un'arco di trionfo.
    Qui si erge la grande statua di Oceano, di Pietro Bracci, dalle forme poderose e dallo sguardo fiero ed altezzoso.





    Il dio, ammantato da un drappo che lo avvolge appena è colto mentre incede su un cocchio a forma di conchiglia, trainato da due cavalli alati, soprannominati " cavallo agitato " e " cavallo placido " , in riferimento agli analoghi stati del mare, a volte calmo, a volte burrascoso.









    Ai lati della grande nicchia centrale troviamo altre due nicchie più piccole occupate dalle statue della serenità, a destra di Oceano, e dell'abbondanza a sinistra. Quest'ultima rappresentata mentre regge il simbolico corno, colmo di frutti e monete.
    Sempre ai lati dell'arco principale sopra le due nicchie, sono collocati due pannelli a basso rilievo, raffiguranti Agrippa nell'atto di approvare la costruzione dell'acquedotto dell' Acqua Virgo e la vergine che mostra ai soldati, il luogo dove si trovano le sorgenti dell'acqua.
    Le quattro grandi colonne corinzie sorreggono il prospetto superiore sul quale si trovano rispettivamente, in corrispondenza di ogni colonna, quattro statue allegoriche più piccole. Da sinistra, l'abbondanza della frutta, la fertilità dei campi, la ricchezza dell'autunno e l'amenità dei giardini..... chiaramente riferiti al potere dell'acqua, rigeneratrice e fonte di vita.
    Nel mezzo sormontata dall'imponente stemma araldico di Papa Clemente XIII, sorretto da due rappresentazioni della fama, è posta la grande iscrizione commemorativa che il pontefice volle apporre un po' frettolosamente....

    Magari attraverso questo video, riuscite a cogliere meglio i particolari dell'opera....










    Il restauro da poco compiuto l'ha restituita a nuovo splendore.....la sera e la notte le donano parecchio, molto suggestive le luci....


    Il video della restituzione alla città dopo il restauro....




    Gettare una moneta, come vuole la leggenda, ma si deve porre le spalle alla fontana , gettare la moneta e girarsi vederla prima che tocchi l'acqua...solo così il desiderio si trasformerà in realtà...

    Un giorno tornerete a Roma....ci ho pensato più volte, ma anche se non l'ho gettata, più volte ci sono tornata!

    Questo è uno dei miei luoghi del cuore e ritorno sempre e volentieri qui.
    L'aspetto delle cose varia a secondo dei momenti, delle stagioni e del variare delle ore del giorno.....
















    Sono sensazioni visive che creano meravigliose fantasie nella mente;
    il variare della luce aumenta l'emozione che si fa vibrante, attraverso la sottile variazione della luce che crea i bagliori sull'acqua...


























    La notte è forse l'ora in cui si percepisce tutta la forza di questa fontana, quando i " rumori" attorno calano di intensità e resta solo l'eco del suo scroscio...il buio la rende misteriosa, quasi silenziosa seppur nella roboante cascata dell'acqua.

    Ma è forse quell'attimo prima del tramonto che le regala quella veste che tanto bene le sta'....







    Ma , sapete che nelle vicinanze c'è un mondo nascosto?






    No??.....eppure dovreste saperlo, non siamo in una città qualsiasi....e Roma ha mille volti...

    Facciamo correre all'indietro l'orologio del tempo....


    La città dell'acqua....un sito archeologico poco conosciuto rispetto ai grandi siti archeologici dell'antica Roma, anche poco pubblicizzato, se vogliamo dirla tutta, a pochi metri da fontana di Trevi.

    In un vicoletto....vicino questa scritta...




    ...sotto ad una modesta casa si trovano questi scavi molto particolari.












    Si tratta degli scavi di Vicus Caprarius ( un'antica strada romana) hanno portato alla luce le rovine di una Domus e di una cisterna dell'acqua di epoca adrianea che si collegava alla cisterna dell'Acqua Virgo.
    Questo sito è situato a otto metri di profondità e a pochi passi dall' area concitata di Fontana di Trevi.

    Tra l'altro al di sopra dello scavo sorge un palazzo!...prendetevi tempo anche per notare le strutture di sostegno al di sopra dello scavo stesso.

    Le acque sorgive che un tempo alimentavano la cisterna, ora sgorgano dalla fontana rococò....e sul fondo dello scavo si nota l'innesto del condotto dell'acqua Virgo.





    In questa immagine si vede ancora l'acqua sul fondo..




    Il sito offre l'opportunità di osservare il susseguirsi cronologico dei livelli su cui è costruita Roma. Scesi pochi scalini vi troverete immersi in un mondo sconosciuto, magico, irreale.... è il passato che ritorna a parlarci di un mondo sconosciuto ma vivo ai nostri occhi ed è assolutamente fantastico!











    Il contesto stratigrafico ha evidenziato che la ricca Domus tardo antica, nell'edificio nord fu colpita alla metà del V secolo, da un devastante incendio; esso va ricondotto al saccheggio che Roma subì nell'anno 455 da parte dei Vandali.
    In seguito ai gravi danni subiti, il pianterreno della residenza fu abbandonato e sigillato da una imponente colmata di terra alta circa quattro metri.
    Tale colmata costituisce il contesto stratigrafico unitario di rinvenimento dei reperti marmorei, musivi e suppellettili esposte nel piccolo museo allestito in loco.








    Ingenti sono stati i ritrovamenti di monete, costituiti da 873 piccole monete in bronzo che appartengono ad emissioni degli imperatori da Costanzo a Valentiniano ( 293- 306; 425- 455 d.C.).





    Il tesoretto rinvenuto è certamente poca cosa quanto a potere d' acquisto, ed è stato rinvenuto in uno degli ambienti di servizio della ricca Domus. È ipotizzabile che il proprietario fosse un dipendente o un servo, comunque di limitate disponibilità economiche. Tale contesto dimostra il repentino abbandono della Domus e rappresenta la documentazione archeologica di un periodo storico segnato da ripetuti saccheggi ,specie ( dalle fonti storiche) di queste dimore signorili come questa posta lungo il Vicus Caprarius....












    Ultima modifica di capricorno; 05-April-2019 alle 22:52
    Oriana

    ### Moderatrice del forum ###

    " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."


    • Pubblicità


        
       

  2. #137
    Utente livello Gold L'avatar di Didi
    Data Registrazione
    Nov 2013
    Messaggi
    1,733
    Città
    milano
    Grazie Oriana per averci illustrato uno scavo archeologico che difficilmente avremmo conosciuto.

  3. #138
    Utente livello Gold L'avatar di mimmo
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    2,454
    Città
    San Marzano (sa)
    Citazione Originariamente Scritto da Didi Visualizza Messaggio
    Grazie Oriana per averci illustrato uno scavo archeologico che difficilmente avremmo conosciuto.
    neanche quella bella frase avremmo visto

  4. #139
    Utente livello Gold
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    3,278
    Oriana, non finisci mai dì stupirci

    Grazie per condividere con noi queste antiche meraviglie


    • Pubblicità


        
       

Pagina 10 di 10 PrimaPrima ... 8910

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •