Pagina 2 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 16 a 30 di 50

Discussione: Allure Of The Seas - Key West + Caraibi Occidentali - 1-11 Novembre 2018

  1. #16
    Utente livello Bronze
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    295
    Città
    Arezzo
    Crociere effettuate
    9
    3 Novembre

    Siamo ancora a Key West, svegli ad orari improponibili! Ebbene si, stamani la sveglia umana ha suonato alle 4.50 al suono di "Michiiiii sono quasi le 5!!!!" seguito da due bambini che come due molle si fiondano nel nostro comodissimo letto, questa volta King Size. Va bene che avevamo programmato tante cose da fare, ma alle 5 di mattina forse era un po' presto..... E poi non siamo mica a New York! Qua la città dorme eccome! Tant'è che ad un certo punto dobbiamo uscire di camera alla ricerca di una colazione. L'hotel non forniva i pasti ma aveva al suo interno uno Starbucks che però apriva alle 7, quindi abbiamo deciso di incamminarci in auto, visto che le attrazioni da visitare oggi erano a Marathon e Islamorada, paesini intermedi nella catena delle Keys.

    [IMG]20181103_061903 [/IMG]

    [IMG]20181103_062435 [/IMG]

    Piccola parentesi su questa foto: magari non si nota bene ma sono due galli appollaiati tra le feronde di un albero. Per chi non lo sapesse una delle particolarità di Key West sono i galli che circolano liberamente per le strade ed i giardini della città, ereditati dalle passate influenze messicane. Proprio loro erano appassionati di combattimenti fra galli e quindi questi animali sono stati introdotti nell'isola, colonizzandola man mano


    [IMG]IMG_20181103_071931 [/IMG]

    Fiduciosi di trovare una qualche tavola calda o un supermercato dove acquistare qualche ciambellalungo il tragitto, ci allontaniamo da Key West (scopriremo solo la sera che a 100 metri nella direzione opposta c'era un altro starbucks aperto 24 ore su 24). Putroppo scopriremo che il primo locale aperto, di qualsiasi tipo era proprio a Marathon, 50 miglia (80km) dalla partenza! Ci fiondiamo nel primo che troviamo il cui nome non promette niente di buono: "Porky's"; qui ci prendiamo la solita colazione americana sovrabbondante, che una portata era sufficiente per tutta la famiglia. Qui ci rilassiamo a bordo mare (bayside: gli indirizzi nelle isole Keys sono divisi in Bayside, quelli che dalla highway si affacciano all'interno della catena di isole e guardano sulla Florida, e Oceanside, che dalla strada vanno verso il Mar dei Caraibi) osservando dei giganteschi leoni marini che nuotano paciosi in mezzo alle barchette dei pescatori. Proviamo anche il sale per pulire ed inprufumare le mani prodotto in loco, che lasciava la pelle morbidissima (mi pento di non averlo acquistato) e ammiriamo sconvolti ed estasiati una famiglia americana che a quell'ora si mangia degli hamburger che sarebbero avanzati a tutti noi per una settimana.

    [IMG]20181103_084817 [/IMG]

    [IMG]20181103_081116_001[/IMG]

    Dopo tutto ciò sono comunque soltanto le 8.30 e avendo valutato le condizioni meteo non adatte alla spiaggia ci avviamo verso la prima tappa: il Crane Point Museum.


    • Pubblicità


        
       

  2. #17
    Utente livello Platinum L'avatar di Sandro 09
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    5,271
    Città
    chioggia (venezia)
    al volo ci sono anch'io a seguirvi.
    magica fortuna victoria concordia fantasia serena magnifica e di nuovo magnifica poi di nuovo magica e un'altra volta fantasia,splendida,preziosa,meraviglia,deliziosa.

  3. #18
    Utente livello Bronze
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    295
    Città
    Arezzo
    Crociere effettuate
    9
    Citazione Originariamente Scritto da Sandro 09 Visualizza Messaggio
    al volo ci sono anch'io a seguirvi.
    Benvenuto!

    Inviato dal mio SM-A520F utilizzando Tapatalk

  4. #19
    Utente livello Bronze
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    295
    Città
    Arezzo
    Crociere effettuate
    9
    Crane Point Museum and Nature Center è un'area privata protetta, che si affaccia verso la baia, nella quale si può osservare in libertà la fauna e la flora locale percorrendo un sentiero circolare di circa 3 km all'interno della vegetazione. Purtroppo questo parco come molte altre aree delle isole Keys devono ancora riprendersi dai danni causati lo scorso anno dall'uragano Irma, pertanto alcune aree erano chiuse o non ben funzionanti. Arriviamo all'ingresso e ci accoglie un'anziana e simpatica signora che ci sconsiglia di entrare perché secondo lei sarebbe arrivato brutto tempo: ci mostra la sua app meteo sul suo smartphone e ci dice di tornare il giorno seguente. Purtroppo il giorno dopo è domenica ed il parco aprirà alle 12.00 (essendo a gestione familiare, la domenica mattina la signora deve stare con i suoi cari) e quindi dobbiamo trovare una soluzione alternativa: prima ci rechiamo al supermercato per acquistare qualcosa per i bambini, che come al solito in vacanza hanno iniziato il grande digiuno, poi ci avviamo in auto in direzione opposta a Key West alla ricerca di attrazioni adatte al clima incerto che, pur promettendo pioggia, ancora non può dirsi tragico.
    Tra le varie opzioni, più o meno adatte ai bambini ma soprattutto ad una famiglia che con l'inglese si orienta ma non è in grado di apprezzare appieno quanto potrebbe venir spiegato (peccato vista la presenza di numerosi centri di recupero per animali quali delfini, volatili, tartarughe), viene selezzionata Robbie's Marina, piccolo porticciolo in Islamorada, che offre un mercatino Hippie, la possibilità di escursioni nella baia in kayak e barca, nonché la possibilità di dare da mangiare ai pesci! Gli animali in questione sono i tarponi, grossi pesci autoctoni con una bocca enorme che vengono nutriti dai moli del porticciolo: è infatti usanza del luogo vendere dei secchielli di piccoli pesciolini da offrire ai tarponi sporgendosi dal molo di legno, per vedere questi enormi pescioni saltare fuori dall'acqua ed acchiapparli! L'attività ci sembrava adatta ai nostri figli, che si sono divertiti tantissimo cercando di stare attenti a non venir morsicati da questi mostri marini e difenendo il secchiello di pesce dai pellicani che cercavano di rubarlo dalle mani dei turisti. Putroppo non sono riuscito ad immortalare i pesci in volo per acchiappare la preda, ma è stato comunque divertente!

    [IMG]20181103_103944[/IMG]

    [IMG]20181103_104543 [/IMG]

    [IMG]20181103_105816[/IMG]

    [IMG]20181103_110058[/IMG]

    [IMG]20181103_110259[/IMG]

    [IMG]IMG_20181103_110331[/IMG]

    A questo punto, vedendo qualche schiarita nel cielo, decidiamo di tornare a Crane Point per la passeggiata programmata. Purtroppo come ho già accennato in precedenza, troviamo un parco non nelle migliori condiizoni: il laghetto delle carpe era chiuso, anche il pontile con i pesci tropicali. diverse piante lungo il sentiero erano danneggiate e la strada era piena di pozzanghere causate dalla pioggia della sera precedente. Comnque anche qui i bambini si divertono, potendo correre liberamente, raccogliendo sassolini e ramoscelli vari. Noi aduti leggiamo le varie spiegazioni sugli albri presenti, diamo la caccia alle farfalle e stiamo attenti a non incontrare sul nostro percorso ragni e iguane. L'anello viene percorso in tranquillità, accompagnati dal caldo umido che troveremo per tutta la vacanza, con varie soste e scorci non male, fermandoci anche in una panchina fronte mare per pranzare con i famigerati panini e biscottini vari. Tutto quanto praticamente da soli, quindi è stato ancora più piacevole!

    [IMG]20181103_121720[/IMG]

    [IMG]20181103_122908 [/IMG]

    [IMG]20181103_124333[/IMG]

    [IMG]20181103_124833 [/IMG]

    [IMG]20181103_130441[/IMG]

    [IMG]20181103_130625 [/IMG]

    [IMG]20181103_132012 [/IMG]

    [IMG]20181103_133519 [/IMG]

    Alla fine della visita torniamo al nostro macchinone dove ci mangiamo i resti della pizza del giorno precedente (detta così fa un po' schifo, ma siamo stati molto "on the road" questa volta) e carichiamo i nostri discoli stanchi in macchina per un pisolino che sarà lungo almeno un'ora e mezza, il tempo necessario da Marathon per tornare all'hotel. Durante il tragitto, decidiamo di fare una piccola deviazione alla ricerca dei Key Deer, specie di piccoli cervi dalla coda bianca in via d'estinzione, ancora presenti in alcune delle isole: questi animali sono arrivati in antichità nell'arcipelago, quando in era glaciale le isole erano collegate alla terraferma; il ricaldamento terrestre ha poi creato le isole e questi animali sono rimasti intrappolati alle Florida Keys. Di qui un processo di adattamento che ha portato questi animali a diradare il proprio pelo ed a diminuire le proprie dimensioni facendoli diventare delle dimensioni di cani di grossa taglia. Questi animali camminano indisturbati nel Wild Key Deer Refugee, nuotano tra isole vicine e hanno meno paura degli umani rispetto ai normali cervi selvatici. Ci allontaniamo quindi dalla Highway alla caccia di questi animali ma riusciamo a vederne di sfuggita solo uno. In compenso ci troviamo in un'area fortemente danneggiata dall'Uragano Irma con case abbandonate e in fase di ricostruzione. Non sono un amante del "turismo delle tragedie" ma è stata comunque una deviazione molto istruttiva per comprendere la forza della natura ma anche il carattere molto provvisorio della vita del popolo americano, abituato a cotruire e ricostruire, andare e poi tornare, senza troppo badare alle proprie radici.

    [IMG]20181103_151256[/IMG]

    [IMG]20181103_152912[/IMG]

    [IMG]20181103_152920[/IMG]

    [IMG]20181103_153028 [/IMG]

  5. #20
    Utente livello Bronze
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    295
    Città
    Arezzo
    Crociere effettuate
    9
    Alla sera ritorniamo in centro a Key West, speranzosi di un tempo migliore. Veniamo accontentati e passeggiamo per Duval Street per scegliere un posto dove cenare. La scelta cade su Lucy's, locale di surfisti in pensione, un po' hamburgeria un po' sport bar dove ceniamo all'aperto osservando due tipi che con le maschere di Donald Trump e Kim Yong Un fermavano i turisti per fare delle foto (Key West è uno di quei luoghi che pullulano di artisti di strada perché ha anche aree pedonali, rare negli States). La serata scorre tranquilla, tra cena, gelati e souvenirs, finché la navetta ci riporta all'hotel. L'indomani lasceremo le Keys e ci riavvicineremo a Miami per iniziare l'agognata crociera!

    [IMG]20181103_211428[/IMG]

    [IMG]20181103_211133[/IMG]

    [IMG]20181103_211707[/IMG]

  6. #21
    Utente livello Bronze
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    295
    Città
    Arezzo
    Crociere effettuate
    9
    4 Novembre

    Inizia il viaggio per tornare verso Miami. Ovviamente inizia alle 5.30 ma in questo caso, dovendo risistemare i bagagli riusciamo ad arrivare alle 7 di mattina ed attendere l'apertura dello Starbucks dell'hotel. Dopo essser stati "derubati" per 2 caffè, 3 paste e poco altro ci rimettiamo in strada direzione terraferma con l'obbiettivo di fermarci in una spiaggia per un bagno che possa spezzare il viaggio. Lungo il tragitto, a causa del cielo non ancora sereno, decidiamo di andare ancora a caccia di cervi e prendiamo una deviazione che ci porta davanti ad un laghetto, il Blue Hole, intorno al quale era possibile camminare nella speranza, vana, di avvistare o incontrare alligatori, cervi, tartarughe ed iguana. Nonostante i mancati avvistamenti, è stata una sosta piacevole.

    [IMG]DSCN3120 [/IMG]

    [IMG]DSCN3123 [/IMG]

    Proseguiamo nel viaggio e scegliamo, sempre a Marathon, Sombrero Beach, spiaggia in stile caraibico libera, ma attrezzata di tutto quanto possa essere necessario come bagni, docce, tavoli per pic nic ed area giochi. Purtroppo anche qui i segni di Irma sono ancora ben visibili ma non scalfiscono il clima giocoso di tutti i bagnanti. Qui abbiamo un assaggio di quello che speriamo di vedere in crociera: spiaggia bianca, acqua cristallina e sole, tanto tanto sole! I bambini entrano in acqua e non ne vogliono più uscire e la mattina scorre via in felicità! La spiaggia non è stata miracolosamente contaminata dall'alga rossa che ha invaso le coste della Florida e delle Keys: quest'alga, che emana un forte fetore, produce delle sostanze tossiche che hanno fatto strage della popolazione di pesci dell'area; infatti dai viadotti della highway si potevano notare in mezzo al mare delle chiazze rosse, causate dall'inquinamento e dal riscaldamento globale.

    [IMG]DSCN3124 [/IMG]

    [IMG]DSCN3125[/IMG]

    [IMG]DSCN3129[/IMG]

    [IMG]20181104_110158 [/IMG]

    [IMG]20181104_110301[/IMG]

    [IMG]20181104_114615 [/IMG]

    [IMG]20181104_114651 [/IMG]

    Dopo il beach break riprendiamo il viaggio. Fermata per pranzo in fast food Taco Bell/KFC, ancora non l'avevamo fatto ma "andava fatto" e per quanto abbiamo speso poco la qualità era veramente pessima, e tutto d'un fiato nel primo pomeriggio arriviamo a Florida City dove avevamo prenotato un motel, aggiacchiante, vecchio e sporco. Restiamo in camera il minimo indispensabile e ci rechiamo a fare shopping presso un Outlet, seguito da cena stile Barbecue. La zona è commerciale ma con aria molto pericolosa, l'hotel non è il massimo, il materasso anche peggio. Meno male che manca solo una notte e poi arriverà la Meganave! Buonanotte a tutti!

    [IMG]20181105_073051[/IMG]

  7. #22
    Utente livello Gold L'avatar di barbara80
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    2,044
    Crociere effettuate
    7
    in effetti sembra proprio il tipico motel losco dei film..............

    complimenti per il tuo bel modo di narrare
    2011 Costa Serena Profumi di Mediterraneo / 2013 Costa Fascinosa Panorami d'Oriente / 2014 Costa Fascinosa Isole greche / 2016 Costa Favolosa Perle del caribe / 2017 Norwegian Star Grecia Croazia e Montenegro / 2019 Costa Venezia Crociera Vernissage

  8. #23
    Utente livello Bronze
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    295
    Città
    Arezzo
    Crociere effettuate
    9
    Citazione Originariamente Scritto da barbara80 Visualizza Messaggio
    in effetti sembra proprio il tipico motel losco dei film..............
    Grazie Barbara! Ti assicuro che l'interno era molto peggio del fuori, ma non ho avuto la forza di documentarlo!

  9. #24
    Utente livello Bronze
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    295
    Città
    Arezzo
    Crociere effettuate
    9
    5 Novembre

    Finalmente è mattina. Questa volta siamo felici della sveglia anticipata procurata dai bambini, ormani non più per il fuso orario ma per l'eccitazione di salire sulla "Nave più grande del mondo", a loro l'ho venduta così ma se non lo è poco ci manca. Col pensiero della giornata che ci aspetta superiamo agilmente il problema della nottata insonne appena trascorsa per il materasso impossibile ed il caldo terrificante a causa dell'impossibilità di dormire con il condizionatore veramente troppo rumoroso. Ovviamente è troppo presto per l'imbarco ma noi ci dirigiamo subito verso Miami, pervedendo una sosta prima a Miami Beach. Il traffico del lunedì mattina di Miami ci risolve qualche problema di tempo da buttare, dovendo rimanere per oltre 10km in coda sull'autostrada per il traffico dei pendolari (è incredibile come anche con 7 corsie per carreggiata si possano creare degli ingorghi del genere ma vista l'assoluta carenza del trasporto pubblico americano diciamo che questo possa errere giustificato). Arrivati a South Beach facciamo una breve passeggiata in Lincoln Road, strada pedonale con tutti i negozi e ristoranti più in, chiaramente chiusi a quell'ora, e ci facciamo una seconda colazione

    [IMG]20181105_093004 [/IMG]

    [IMG]20181105_111747 [/IMG]

    [IMG]20181105_105234[/IMG]

    [IMG]IMG_20181105_101831 [/IMG]

    Il problema è solo uno: lungo la strada che da Miami porta a Miami Beach L'ABBIAMO VISTA!!!!

    [IMG]IMG_20181105_115055[/IMG]

    [IMG]IMG_20181105_091324[/IMG]

    [IMG]IMG_20181105_091254[/IMG]

    L'abbiamo vista noi, ma soprattutto l'hanno vista i bambini! Il porto di Miami è al completo e questa è il doppio o il triplo di tutte le altre navi! Come se non bastasse,le strade che da Downtown portano a SoBe sono tappezzate di cartelloni pubblicitari giganteschi di Simphony Of The Seas e loro hanno capito che saliranno su di una cosa del genere! E chi li tiene più ormai? La mattinata è trascorsa tra lamenti di ogni tipo, malesseri dolori, impossibilità di camminare e a nulla valevano le nostre spiegazioni che fino alle 12.30 non ci avrebbero consentito di salire a bordo! Resistiamo fino alle 11, poi torniamo alla nostra Dodge per riconsegnarla a Downtown e poi salire su di un taxi che ci accompagnerà al porto.

    Di qui in poi varie mance a chi ti toglie i bagagli dal taxi, a chi ti carica i bagagli sui carrelli per la nave, a chi non richiesto ti accompagna dentro il terminal (è una cosa molto stucchevole e fastidiosa per me) e, grazie al check in online fatto da casa siamo velocemente ai controlli doganali (lentissimi) e finalmente a bordo!

    Che dire del primo impatto se non SBAM! Non è ciò che avevamo visto finora, è un emorme centro commerciale, è l'apoteosi dell'americanità, l'eccesso in tutti i sensi che lascia in me e mia moglie qualche perplessità, innamorati come siamo ancora di Mediterranea della Costa, ma crea uno stato di eccitazione irrefrenabile nei bambini!

    Cerchiamo di superare il primo impatto e di condurli agli ascensori per il tentativo nell'ordine di:
    -prendere possesso della cabina;
    - nutrirli in qualche modo;
    - fargli fare il riposino pomeridiano.
    La missione non riesce perché davanti alla nostra cabina, seppur disponibile, ci sono i bagagli di altri ospiti (alcuni ospiti hanno dovuto cercare da soli i bagagli in giro per la nave anche nei giorni successivi ed alcuni non li hanno proprio ricevuti), al buffet Windjammer c'era una coda infinita e quindi siamo dovuti andare al Park Cafè dove non hanno trovato niente di loro gusto ma ho rimediato andando da Sorrento a prendergli due tranci di pizza, e dentro il letto ci sono andati ma dopo mezz'ora ci hanno fatto capire chiaramente che loro non avrebbero dormito mai e poi mai!

    In tutto ciò arriviamo all'ora dell'esercitazione d'emergenza, che si è tenuta in teatro, con tanto di capo animazione che faceva fare la ola agli ospiti e filmato illustrativo in stile James Bond che dava le solite istruzioni tra una gag e l'altra. Tutto molto strano.... Nel frattempo chiunque della nave sapeva solo dire "uosci uosci wash your hands!" e ti spruzzava il disinfettante per le mani addosso 7800 volte al giorno.
    Arriviamo all'ora di cena non prima di aver fatto visita alla giostra con i cavalli a dondolo, di cui i miei figli faranno ampio uso per tutta la crociera, ed aver esplorato qulache area della nave, giusto per non perdere l'orientamento. Prima di cena ci cambiamo in cabina, perché siamo tra i fortunati ad aver ricevuto tutti i bagagli e ci rechiamo al ristorante principale dove scopriamo che siamo stati assegnati al turno delle 20.00 nonostante avessimo richiesto il My Time Dining (la cosa non si rivelerà comunque negativa e lo descriverò in seguito). Abbiamo conosciuto anche la nostra Cabinista Veronica, signora caraibica simpaticissima, ma con standard di pulizia diversi dai nostri, infatti dopo il primo giorno ho vietato ai miei figli di camminare sulla moquette della cabina con le calze per evitare l'effetto spazzola raccogli peli/capelli lasciati da chissà quanti turni di ospiti precedenti.

    La cena si svolge velocemente chiacchierando con i nostri compagni di tavolo Italiani, siamo in un tavolo da 12 in cui ceneremo per tutta la crociera in 14 alternandoci di volta in volta tra chi dalle suite veniva al ristorante per sentirsi meno solo e chi se ne andava per provare i ristoranti a pagamento. In fondo in tutta la nave eravamo credo 21 Italiani e quindi è stato un piacere fare fronte comune e farci compagnia!
    La serata finisce prematuramente perché i bambini si addormentano entrambi a tavola. Due cameriere passando accanto al tavolo li vedono e creano per ognuno due lettini avvicinando due sedie e stendendoci delle tovaglie! Va detto che, seppur non puntualissimi nei servizi, ho trovato il personale di bordo più gentile mai visto in tutte le altre crociere (questo non vale per responsabili ed ufficiali, ma questa è un'altra storia che racconterò)!

    La giornata finisce qui, con un bambino per uno in braccio dal ristorante alla cabina. In fondo siamo stanchi anche noi ed il giorno seguente sarà di navigazione quindi recupereremo alla grande!

    (seguiranno le foto, perdonatemi)

  10. #25
    Staff Member
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Messaggi
    2,420
    Crociere effettuate
    50
    Davvero un racconto bellissimo e trascinante, comprese le peripezie per tenere a bada e/o far divertire i bambini!
    prof

  11. #26
    Utente livello Bronze L'avatar di molodani
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    274
    Città
    Milano
    Crociere effettuate
    2
    Ahahahah complimenti cero80 sembra di essere lì con te. Divertente e dettagliato

  12. #27
    Utente livello Bronze
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    295
    Città
    Arezzo
    Crociere effettuate
    9
    Vi ringrazio per i vostri commenti!

    Posto qualche foto della prima giornata. L'impatto come dicevo è impressionante perché divrso da tutto quanto mai visto.

    [IMG]DSCN3138 [/IMG]

    Già la sola Promedade è estraniante, perché fa perdere la percezione di essere su di una nave! Soprattutto all'interno data l'esagerata larghezza.

    [IMG]IMG_20181105_125815[/IMG]

    La cabina non impressiona: l'aspetto non è molto lussuoso e con il secondo letto aperto diventa utilizzabile solo per dormire. L'elemento che caratterizza questi ambienti e tutto il resto della nave è la poca cura del particolare, il che dev'essere un necessario compromesso a fronte dela grandiosità e dall'enorme numero di cose da fare e di spazi da gestire. Si da molta più importanza ad offrire attività e svaghi agli ospiti senza forse fare attenzione alla qualità; non ne faccio un lamento, diciamo che me lo immaginavo, però è di sicuro un elemento che va valutato al momento di scegliere che tipo di crociera fare. Tornando alla cabina, ci sono due elementi molto positivi, come la disponibilità di scaffali e cassetti nell'armadio e nel resto della cabina e le dimensioni della doccia, ma anche uno fortemente negativo come la pulizia e la manutenzione: ho già detto della moquette, ma anche elementi come la tenda bucherellata, la porta del terrazzo che non chiudeva bene, la biancheria consumata erano da risistemare con urgenza. Ultima annotazione per il divano letto, che veniva aperto e sul quale venivano distesi 2 lenzuoli sopra, senza neanche rincalzarle nemmeno un pò: già i nostri bambini, che sono ancora piccoli, si ritrovavano tutte le mattine a dormire sopra il divano con tutta la biancheria accartocciata, non voglio immaginare qualcuno di più grande....

    [IMG]20181105_131234 [/IMG]

    [IMG]20181105_131207[/IMG]

    Come si può vedere dalle foto, posto che comunque era il primo giorno e quindi la nave non era in pieno funzionamento, non ci sono mai ambienti affollati: incredibilmente si riesce a fare sempre tutto quello che si vuole (se si evita di andare al buffet Windjammer alle 13 ed alle 19) senza particolari code, dal gelato gratis ad attrazioni come la zip line o il pattinaggio.

    [IMG]IMG_20181105_165844[/IMG]

    [IMG]IMG_20181105_165557[/IMG]

    [IMG]IMG_20181105_165534[/IMG]

    Questo era il teatro prima dell'esercitazione di sicurezza, anzi dello "show di sicurezza". Neanche per gli spettacoli abbiamo mai avuto problemi, anche perché li avevo già prenotati tutti da casa. Comunque c'erano sempre dei posti disponibili per chi arrivava senza prenotazione. La cosa positiva è che dopo 5 minuti dall'inizio chiudevano gli accessi, rendendo tutto molto più tranquillo.

    [IMG]20181105_160451[/IMG]

    [IMG]20181105_135019[/IMG]

    [IMG]IMG_20181105_134419[/IMG]

    [IMG]20181105_133308 [/IMG]

  13. #28
    Utente livello Gold L'avatar di dalsnibba
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    2,538
    Città
    Roma
    Crociere effettuate
    5
    Arrivo anche io... pronto a seguirti....
    Massimo

    ### Moderatore del forum ###

  14. #29
    Utente livello Bronze
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    295
    Città
    Arezzo
    Crociere effettuate
    9
    Citazione Originariamente Scritto da dalsnibba Visualizza Messaggio
    Arrivo anche io... pronto a seguirti....
    Benvenuto!

    Inviato dal mio SM-A520F utilizzando Tapatalk

  15. #30
    Utente livello Bronze
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    295
    Città
    Arezzo
    Crociere effettuate
    9
    6 Novembre

    Prima giornata piena di crociera ed è subito Navigazione! La nostra gentilissima Veronica ci lascia il Cruise Compass in Italiano, più comodo di certo, ma privo di molte informazioni rispetto a quello in inglese, 2 pagine contro le 4 dell'originale. Ci sono comunque le informazioni essenziali sugli orari e prendiamo qualche punto di riferimento per goderci al meglio la nave. Iniziamo con la colazione al buffet, andiamo prestissimo, sempre per l'eccitazione dei bambini che non possono sprecare il tempo a dormire, e viviamo una bella esperienza culinaria, grazie all'ampia varietà dei cibi presenti (come sempre mangeremo più del necessario ma in crociera è normale!) e poi facciamo una lunga passeggiata per la nave perché ancora è tutto chiuso. Alle 9 ci piazziamo alla piscina per bambini, grandissima, con anche 2 idromassaggi riscaldati aperti a tutti che con un po' di pazienza fa godere di un po' di relax anche a noi famiglie. C'è anche la piscina con la corrente circolare ma è fredda e dopo essere usciti dalla calda jacuzzi non è così divertente! A metà mattina vengono accesi i distributori gratuiti di gelato e il divertimento aumenta! Si arriva all'ora di pranzo in un'attimo e scegliamo ancora il buffet, vivibile nonostante il giorno di navigazione (andiamo comunque molto presto), e portandoci dietro due belle tazze di caffè americano, torniamo in cabina per il consueto riposino, oggi obbligatorio perché alla sera abbiamo prenotato lo spettacolo "Mamma Mia" , musical basato sulle canzoni degli Abba, di cui i miei bambini (soprattutto Michele, il piccolo) sono fan sfegatati in modo incomprensibile perché nessuno glie li ha volontariamente inculcati in testa.
    Nel pomeriggio prima andiamo al ponte aperto per vedere la Zip Line, che non possiamo al momento fare perché servono le scarpe chiuse, e poi guardare quei pazzi che provano a surfare sulla Flowrider a mio avviso pericolosissima, poi ci rechiamo al boardwalk per accontentare la voglia di giostra dei bambini. Alla fine il pomeriggio vola via, come è capitato con la mattina: questa nave è così grande che è impossibile annoiarsi. Forse anche troppo! Troppe attività e poco relax.
    Torniamo a prepararci per la serata di gala e andiamo per tempo al ristorante My Choice per capire come mai sulla nostra Sailpass c'è stato assegnato il secondo turno: qui ci spiegano che i posti in questo ristorante sono pochi e quando abbiamo prenotato erano già tutti occupati. Siamo dispiaciuti perché nessuno ci ha informato di questo, ma come ho già scritto, questo sarà un bene. Infatti arriviamo precisi precisi alle 20.00 al ristorante al nostro top tavolo italiano e chiediamo al cameriere di servirci velocemente perchè, abbiamo lo spettacolo al teatro, che è dall'altra parte della nave e qui non è un elemento trascurabile. Nonostante le dimensioni della sala riusciamo a mangiare antipasto, portata principale e dessert in meno di un'ora, anche senza aver l'impressioe di venir ingozzati. Bellissimo! Questo si ripeterà un po' tutte le sere, lasciandoci poi a fine cena del tempo per parlare tra di noi e conoscerci, per raccontarci il viaggio che per tutti è stato anticipato o proseguirà con un tour della Florida e magari organizzarci per i giorni seguenti. Niente da dire sul servizio, il cibo era "particolare" ma se si considera che praticamente siamo in America non era neanche male. Diciamo più quantità e meno particolarità, ma va benissimo così!
    Pronti per lo spettacolo, assistiamo ad una esibizione perfetta, che è praticamente la pedissequa riproduzione del Film di qualche anno fa, anche come durata! Infatti, alla fine del primo tempo diciamo ai bambini che lo spettacolo è finito (tanto non riuscivano a seguire la storia in inglese) e riusciamo a portarli a letto alle 23.00. Per il giorno dopo abbiamo prenotato un escursione con Royal Caribbean e la partenza è prevista alle 8.30: non vogliamo fare tardi!

    In conclusione, per una nave così grande una giornata di navigazione al primo giorno è l'ideale. Ma che fatica! Troppe cose da fare, troppe cose da vedere, questa crocierà è tutto fuor che l'ideale di relax in mezzo al mare!

    [IMG]20181106_065917 [/IMG]

    [IMG]IMG_20181106_120342 [/IMG]

    [IMG]20181106_122023 [/IMG]

    [IMG]IMG_20181106_131647 [/IMG]

    [IMG]20181106_182023[/IMG]

    [IMG]20181106_182100 [/IMG]


    • Pubblicità


        
       

Pagina 2 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •