Pagina 14 di 15 PrimaPrima ... 412131415 UltimaUltima
Risultati da 196 a 210 di 225

Discussione: - " Il fascino del Nilo e le suggestioni del deserto..." viaggiando nel tempo...

  1. #196
    Utente livello Gold
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    3,060
    Città
    Monza
    Crociere effettuate
    23
    Questa sosta l'aspetto piu' di ogni altra cosa.

    Quando visitai Abu Simbel fu uno spettacolo unico...................ora lo rivedo grazie a te!


    • Pubblicità


        
       

  2. #197
    Utente livello Gold L'avatar di Didi
    Data Registrazione
    Nov 2013
    Messaggi
    2,103
    Città
    milano
    Sai Oriana ci sono luoghi dove le stelle si notano in modo così evidente che ti fanno comprendere come mai gli antichi fossero così esperti in astrologia.
    In compenso quando sono andata in Brasile ho chiesto a tutti in nave e a terra di indicarmi quale fosse la Croce del Sud e nessuno é stato in grado di farlo.
    Questa indifferenza ed ignoranza moderna mi é spiaciuta molto.

  3. #198
    Utente livello Junior
    Data Registrazione
    Jun 2018
    Messaggi
    35
    Città
    Svizzera
    Crociere effettuate
    4
    Citazione Originariamente Scritto da Didi Visualizza Messaggio
    ...quando sono andata in Brasile ho chiesto a tutti in nave e a terra di indicarmi quale fosse la Croce del Sud e nessuno é stato in grado di farlo...
    Anche noi eravamo sulla Fascinosa in 2017.
    E anch’io cercavo la Croce del Sud... e non l’avevo vistato.

    All’equinozio, a Rio de Janeiro, la Croce del Sud è bassa sopra l’orizzonte, a 24°.
    Con la luna a tre quarti e l’aria umida notturna sopra l'acqua, non era visibile.

    Più al Nord, presso l'equatore, la Croce era sotto l’orizzonte, quindi sempre invisibile.
    Ultima modifica di Urs; 12-February-2020 alle 03:31

  4. #199
    Utente livello Platinum L'avatar di capricorno
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    7,028
    Città
    Monza
    Crociere effettuate
    22
    Citazione Originariamente Scritto da Didi Visualizza Messaggio
    Sai Oriana ci sono luoghi dove le stelle si notano in modo così evidente che ti fanno comprendere come mai gli antichi fossero così esperti in astrologia.
    In compenso quando sono andata in Brasile ho chiesto a tutti in nave e a terra di indicarmi quale fosse la Croce del Sud e nessuno é stato in grado di farlo.
    Questa indifferenza ed ignoranza moderna mi é spiaciuta molto.
    Citazione Originariamente Scritto da Urs Visualizza Messaggio
    Anche noi eravamo sulla Fascinosa in 2017.
    E anch’io cercavo la Croce del Sud... e non l’avevo vistato.

    All’equinozio, a Rio de Janeiro, la Croce del Sud è bassa sopra l’orizzonte, a 24°.
    Con la luna a tre quarti e l’aria umida notturna sopra l'acqua, non era visibile.

    Più al Nord, presso l'equatore, la Croce era sotto l’orizzonte, quindi sempre invisibile.
    Non sono la sola a cui interessano costellazioni e stelle, mi fa piacere...sono in buona compagnia allora

    Certamente gli Egizi erano grandi osservatori del cielo, e a quelli più attenti apparve evidente che le stelle erano in movimento. Io spostamento lento delle costellazioni, portò a pensare che come il Sole e la Luna, anche le stelle fossero esseri viventi. Questa osservazione continua, rivelò che alcune stelle nel loro moto, andavano a scomparire sotto l'orizzonte restando invisibili per lunghi periodi. L'osservazione del cielo non era fine a se stessa, ma notarono che l'inizio delle inondazioni del Nilo, avveniva con la comparsa nel cielo di una stella luminosissima: Sirio.
    Allora le costellazioni venivano rappresentate sotto forma di animali, ad esempio: un ippopotamo umanizzato con sulla schiena un coccodrillo, rappresentava la costellazione del Dragone; l'Orsa Maggiore veniva rappresentata da un toro ( Set); Iside coincideva invece con Sirio ed Osiride con la costellazione di Orione.

    Oggi naturalmente le costellazioni osservate dagli Egizi hanno una posizione completamente diversa, ma alcuni studi legati all'archeologia hanno appurato per esempio che le Piramidi erano orientate secondo i punti cardinali, ed un'apertura obbliqua correva dall'interno verso l'esterno diretta in modo che la stella Polare, risplendesse continuamente sulla tomba situata all'interno della gigantesca costruzione.
    Altri condotti, due precisamente, partivano con inclinazioni tali da puntare uno sulla costellazione del Dragone e l' altro verso la cintura di Orione.
    Il loro scopo? Permettere all' anima del Faraone di uscire verso le stelle e verso Osiride.
    Quindi​: le Piramidi non sono posizionate a caso sulla piana di Giza, ma rispettano delle leggi che univano in relazione tra loro cielo e terra...." ciò che è nel cielo è anche sulla terra ".

    Chiudo questa piccola parentesi, nata dalla curiosità di ciascuno di voi ...una curiosità che ci accomuna ma se volete approfondire esistono diversi testi che illustrano molto bene questo tema.


    A presto con Abu Simbel.




    ....il Viaggio continua....
    Oriana

    ### Moderatrice del forum ###

    " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

  5. #200
    Utente livello Gold L'avatar di billoby
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    2,030
    Città
    Celle Ligure (SV)
    Crociere effettuate
    17
    Buonasera a tutti,
    in attesa della magnifica e tanto attesa tappa di Abu Simbel, in corso di elaborazione, mostrerei anch'io qualche immagine relativa al viaggio in pieno deserto che ci porterà a destinazione.
    Mai avrei immaginato il mio stato d'animo nel percorrere chilometri e chilometri di strada immersi nel "nulla".... ma certamente un "nulla" affascinante....

    Queste due foto forse più mi hanno chiarito quanto avevo nel mio immaginario prima di partire, ma non credevo che la realtà mi avrebbe cosi tanto colpito..






    Ancora altri scatti...




    La sorta di "autogrill" già descritto dalla nostra Oriana.




    Un'utile forma di riciclo.




    C'è chi si rifocilla...




    Targa locale.




    Dopo la breve sosta la marcia riparte..










    Qualche rara macchia verde.















    .... il Viaggio continua...
    Ultima modifica di capricorno; 18-February-2020 alle 22:25
    Costa Serena - Costa Mediterranea - Costa Atlantica - Costa Atlantica - Costa Favolosa - Costa Pacifica - Costa Fascinosa - Costa Diadema - Allure of the Seas - MSC Preziosa - Costa neoClassica - Msc Meraviglia - Costa Deliziosa - Costa neoRiviera - MSC Seaview

  6. #201
    Utente livello Platinum L'avatar di capricorno
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    7,028
    Città
    Monza
    Crociere effettuate
    22
    - Ramesse II -














    *********





    - Il nome Ramesse, fu portato da una serie di Faraoni che regnarono nell'Egitto al tempo della XIX e XX dinastia, nella seconda metà del Nuovo Regno tra il 1290/1090 a.C. circa.

    Il nome Ramesse significa : - " Ra lo ha creato "-





    Questo è il cartiglio in cui è scritto in caratteri geroglifici il suo nome.
    Non tutti furono gloriosi quanto Ramesse II, ma nell'insieme i sovrani ramessidi, da Ramesse I a Ramesse IX, segnarono la storia del paese lasciando impronte riconoscibili nell'arte, nell'architettura, nelle istituzioni religiose e culturali, nell'organizzazione sociale e nell'amministrazione del Regno. Due tra i Ramesse, in particolare, hanno assunto dimensioni leggendarie.

    Il primo: Ramesse II, che regnò per ben 66 anni e morì all'età di oltre 80. Durante il suo regno l'Egitto ebbe una grande espansione territoriale. La sua maggiore impresa, la guerra contro gli Ittiti, che ebbe luogo a Quadesh. Per porvi termine, Ramesse II concluse un matrimonio con una principessa Ittita, aprendo un periodo di prosperità per il paese.

    Le sue realizzazioni architettoniche furono grandiose, ad Abu Simbel, Luxor, e in molti altri luoghi egli fece erigere immensi santuari per la gloria di Ra, di Amon e della propria persona divinizzata.

    L'altro grande Ramesse, fu il terzo di questo nome. Colui che fece costruire il proprio tempio funerario a Medinet Habu ( Luxor). Ma Ramesse III ereditò un regno instabile, che lo portò a combattere con tutti i popoli vicini, la sua fine disegnata da un complotto ordito all'interno del suo stesso harem.
    Gli ultimi Ramesse videro il declino del paese, l'amministrazione era in preda alla corruzione ,mentre nelle tante tombe della Valle dei Re, profanazioni e saccheggi avvenivano indisturbati.

    Di tutte le immense opere che Ramsses II ha donato al suo paese, la più imponente è sicuramente i templi di Abu Simbel.






    - Abu Simbel -












    *********


    - Situato a 280 km.a sud di Assuan, colpisce sia per la sua architettura monumentale, sia per la sua storia.
    Là nel cuore delle montagne di arenaria, Ramesse Il, fece scavare due templi rupestri destinati a dominare il Nilo con facciate maestose.

    Il più importante dedicato ad Amon-Ra, Ptah, e Ramesse II divinizzato. Riprende adattandoli i principali elementi di un tempio edificato: facciata che evoca un pilone ornato da 4 statue colossali che rappresentano il faraone seduto; pronao fiancheggiato da statue del re in posizione eretta; sala ipostila e santuario contenente le statue sedute, anch'esse intagliate nella roccia, delle quattro divinità.


    Inutile dirvi la sorpresa e l'emozione.
    La sorpresa.....si, perchè al momento della partenza per questa avventura, immaginavo di trovare il mondo quaggiù, mi immaginavo molta gente e di conseguenza la non possibilità di visita ottimale. Invece con mia grande sorpresa, e gioia, sul piazzale immenso dove vengono accolti i bus, nessuno...solo noi e qualche taxi.

    Scendiamo....

    Subito una folata di caldo ci investe, il sole è molto forte quaggiù e la luce abbagliante. Inforcati occhiali da sole e cappellino, ci avviamo al Centro Visitatori in attesa che il nostro accompagnatore espleti le formalità d'ingresso.
    Il Centro Visitatori si avvale di un sistema informativo a ciclo continuo, dove vengono proiettate tutte le fasi di smontaggio e spostamento dei due templi. Filmati in bianco e nero molto suggestivi. L'ambiente è fresco e nell'attesa ci guardiamo attorno, alle pareti altrettante immagini del sito nel pieno dei lavori.

    Uscendo ci avviamo seguendo le indicazioni della nostra guida che in effetti ci consiglia di arrivare non dal sentiero segnato, ma da una via secondaria....e sicuramente ha avuto ragione.....in questo modo il sito si rivela dall'alto e l'impatto è più suggestivo........









    In avvicinamento, le prime iscrizioni del Tempio Grande....





    ...ci raccontano la storia narrata, attraverso le immagini, che troveremo una volta entrati nel Tempio Grande dedicato principalmente alla gloria terrena di Ramsess, alle sue vittorie sugli Ittiti nella battaglia di Quadesh.






    Questo Tempio è sicuramente uno dei luoghi di culto più famosi di tutto l'Egitto. Costruito sulla riva occidentale del Nilo dal Faraone Ramesse, era chiamato dagli egizi semplicemente " Tempio di Ramesse Meriamon "....che significa : Ramesse l'amato di Amon.
    Dal fiume per mezzo di un imbarcadero in pietra si arrivava di fronte al portale che dava accesso al cortile anteriore, dove attraverso una scala di nove gradini, divisi in due da una stretta rampa, si giungeva ad una terrazza.....si arrivava, perchè come ben sapete la posizione attuale dei templi non è più quella che era in origine.
    Verso la fine degli anni 60 grazie ad un'opera di ingegneria eccezionale, i templi furono letteralmente tagliati in blocchi e ricostruiti 65 metri più a monte, inseriti in due colline artificiali e posizionate ad arte tenendo conto dell'orientamento indispensabile per permettere ai raggi solari, come avevano pianificato gli architetti del faraone, di giungere nelle remote profondità del tempio( sbagliando di soli due gradi l'orientamento ).Qui in una cella risiedono le quattro divinità: Ptah Menfita, Amon- Ra Tebano, Ra-Harakhti Eliopolitano e lo stesso Ramesse divinizzato.

    Un filmato d'epoca che evoca gli eventi.




    Un pò di storia....

    Il tempio fu riscoperto agli inizi del 1800 dall'esploratore svizzero J.L.Burckhardt, primo europeo che riuscì, travestendosi da arabo, a visitare il sito. Pochi anni dopo l'italiano G.B.Belzoni riuscì a liberare l'entrata del tempio dalla sabbia, aprendo così alla schiera dei viaggiatori, tra i quali figurano celebrità quali l'imperatore Massimiliano di Baviera e Gustave Flaubert, che accompagnato da un fotografo, ha lasciato ai posteri preziosi scatti fotografici della facciata, in una suggestiva immagine quando ancora era in parte sommersa dalle sabbie del deserto.



    Un interessante filmato che spiega il grande lavoro fatto dall'Unesco per il salvataggio dei templi.










    A presto....il Viaggio continua.....
    Ultima modifica di capricorno; 19-February-2020 alle 13:25
    Oriana

    ### Moderatrice del forum ###

    " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

  7. #202
    Utente livello Platinum L'avatar di capricorno
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    7,028
    Città
    Monza
    Crociere effettuate
    22
    Riprendiamo il viaggio, dopo le interruzioni non volute.
    A presto!
    Oriana

    ### Moderatrice del forum ###

    " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

  8. #203
    Utente livello Gold L'avatar di Blueyes
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Messaggi
    2,375
    Città
    Chioggia (VE)
    Crociere effettuate
    10½
    Citazione Originariamente Scritto da capricorno Visualizza Messaggio
    Riprendiamo il viaggio, dopo le interruzioni non volute.
    A presto!
    Sempre a bordo ( almeno finché non mi cacciano giù per... polpovirus )
    ...errare è umano, ma per fare veramente casino serve la password di root!
    -----
    IO alla Crociera del Decennale c'ero. E tu, dove eri????
    -----
    "CROCIERISTI.IT", per fare di una crociera la TUA crociera! ™®©

    Se riesci a leggere questo non hai bisogno di occhiali

  9. #204
    Utente livello Platinum L'avatar di capricorno
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    7,028
    Città
    Monza
    Crociere effettuate
    22
    Mai come ora si ha il desiderio di evadere, di cambiare anche solo per un attimo la realtà che ci circonda.

    A questo serve ricordare....

    "L'emozione è tangibile sui nostri volti ed il passo si velocizza tanto è il desiderio di essere a tu per tu con questi grandi colossi...e credetemi non si sa più da che parte guardare tanto è bello tutto ciò che ci circonda."





    "Su consiglio della nostra guida e per ottimizzare il tempo di visita, dopo uno sguardo d'insieme ci dirigiamo verso il Tempio Piccolo dedicato da Ramesse alla dea Hathor e alla sua grande sposa reale: Nefertari."













    Il tempio è posto non lontano dal Tempio Grande. Non era la prima volta che un tempio veniva dedicato ad una regina, ma in questo caso ( forse unico) le statue raffiguranti la donna scolpite sulla facciata del tempio, sono alte quanto i simulacri del re.
    Su ciascun lato dell'ingresso si aprono tre nicchie nelle quali furono ricavate sei statue alte 10 metri, interamente e direttamente ricavate dalla roccia. Quattro raffigurano il sovrano e due la regina. Il sovrano è rappresentato con il classico gonnellino corto, ma viene ritratto con diverse corone: la doppia, simbolo dell'Unione dell'Alto e Basso Egitto, quella bianca dell'Alto Egitto e un copricapo composto da corna di ariete sormontate dal disco solare con due alte piume di struzzo.
    La regina invece, è rappresentata con una curiosa acconciatura: un disco solare affiancato da due alte piume poste tra le corna della dea Hathor.

    Ambedue i sovrani sono raffigurati in piedi con la gamba sinistra leggermente avanzata....come se le sculture stessero per uscire dalla loro sede per camminare verso di noi.
    Accanto ad ogni statua sono scolpiti i simulacri che rappresentano ( in scala ridotta) i figli della coppia, i principi Raherunemef, Amonherkhpshef, Meriatum e Merira e le principesse Henuttawy e Meritamon....queste ultime sono stranamente più alte dei principi forse per il fatto che tutto il tempio è dedicato ad una sorta di esaltazione alla femminilità.
    Le statue sono separate le une dalle altre, da contrafforti inclinati ricoperti da geroglifici.







    Sono abbastanza complessi questi templi al loro interno... complesso il Tempio Piccolo ,ma mai come lo sarà il Tempio Grande.




    Seguiamo anche qui il consiglio della nostra guida di restare poco tempo in questo tempio per dedicarne di più all'altro....lo comprenderemo alla fine delle visite il perché...

    Le spiegazioni ci sono state fornite parte sul bus, e parte all'arrivo sul piazzale del sito, in quanto per le guide non è concesso di entrare all'interno dei templi, sempre per il discorso di limitare le emissioni di umidità che deteriorano sul lungo termine le decorazioni poste all'interno.


    Entriamo.....

    " Suggestivo l' ingresso, ove un guardiano tiene aperta una porta...minuscola se messa a confronto con l'imponenza dell'opera.....i dettagli...come sempre mi incuriosiscono...nella toppa una chiave, la chiave della vita.... è suggestivo venga utilizzata anche qui....come a rivelare ciò che si nasconde tra le profondità del tempio....."




    "....oltre la soglia sovrastata da un fregio formato da urei, si accede ad un ingresso che introduce ad una sala a tre navate divise da due fila di tre pilastri hathorici, riproducono infatti il volto della dea Hathor. Sul fondo di questo ambiente, in corrispondenza delle navate, tre aperture introducono a un vestibolo trasversale ricco di rilievi, che mostrano Nefertari incoronata dalle dee Hathor e Iside, acconciata con lo stesso copricapo identico a quello che portano le dee stesse: il disco solare con due piume tra le corna bovine.
    Cosa significa questo: Nefertari accumunata alle dee quindi innalzata a dea, alla pari di Hathor e Iside.

















    Ai lati del vestibolo si aprono due piccoli ambienti privi di decorazioni, mentre una porta centrale dà accesso alla cella, il fulcro del santuario, sulla cui parete di fondo una nicchia reca l'effige della dea Hathor in sembianze vaccine.
    Tutta le decorazioni incise sulle pareti del Tempio Piccolo hanno per lo più carattere religioso. In alcune, poste sulla parete all'ingresso del tempio, sono ritratti il re che rende omaggio a Hathor, e Nefertari che rende omaggio a Iside.




























    Non si conosce l'anno di inizio dei templi e delle loro decorazioni, ma si sa quando fu probabilmente terminata la decorazione del tempio Piccolo, verso l'anno XXXIV, epoca in cui il sovrano aveva già perduto le due grandi spose reali: Nefertari e Isinofret, e aveva sposato la figlia primogenita, Bentanat che era ancora viva quando venne costruito un altro tempio Nubiano a Wadi es- Sebua, nel quale la donna viene rappresentata come regina.

    Una storia affascinante quella della civiltà egizia, intrecciata da miti e leggende ma anche ben documentata da reperti che ci svelano molto di questi antichi re.

    Purtroppo non vi è certezza di quando questo tempio sia stato del tutto abbandonato....il tempo poi con la sabbia del deserto, coprì quasi tutto l'edificio, rimaneva fuori solo la testa e le spalle di una delle statue del colosso...rimanendo così celato fino alla sua riscoperta, nel XIX secolo.


    "Usciamo dalla splendida penombra e dalle suggestioni meravigliose che l'interno di questo tempio ci ha dato....crediamo di aver visto cose meravigliose, ma non abbiamo fatto bene i conti con ciò che poi di lì a poco vedremo..."





    ....il Viaggio continua.......
    Ultima modifica di capricorno; 03-April-2020 alle 21:33
    Oriana

    ### Moderatrice del forum ###

    " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

  10. #205
    Utente livello Platinum L'avatar di capricorno
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    7,028
    Città
    Monza
    Crociere effettuate
    22
    ...e si prosegue verso il Tempio Grande...















    " Già di per sè è imponente solo visto da lontano, ma avvicinandosi si ha un qualche remoto senso di sottomissione vedendo le imponenti sculture che si innalzano al di sopra delle nostre teste. Nulla qui è in dimensione " umana" , tutto è esageratamente importante è impossibile da capire...sul come hanno fatto a pensare e costruire una simile opera!
    Pensate alle sole dimensioni della bocca di uno di questi colossi, misura un metro...vi lascio pensare a tutto il resto..."















    Sicuramente questo tempio è uno dei luoghi di culto più famosi di tutto l'Egitto. Chiamato dagli Egizi semplicemente " tempio di Ramesse Meriamon"...ovvero: Ramesse, l'amato di Amon.

    La facciata del tempio è interamente scolpita nella roccia ed il suo interno scavato per intero nella roccia. L'architetto del faraone rinunciò all'usuale pilone dei templi Egizi, trasformando l' intera parete rocciosa della montagna in un basamento a terrazze sul quale si ergono le 4 statue del re, raffigurato seduto.

    Le statue lo ritraggono con il gonnellino corto, il copricapo " nemes", la doppia corona con l'ureo frontale e la barba posticcia.















    In dimensioni minori vengono rappresentati, accanto alle gambe dei colossi, i simulacri dei parenti del sovrano: Nefertari la grande sposa reale, la regina Mutuia, sposa di Sethi I nonché madre di Ramesse, le principesse Bentanat, Nebettaui e Meritamon.


















    Il tempio è orientato esattamente verso est, misura ben 63 metri di lunghezza, dal bordo del basamento esterno sino alla parete di fondo che ospita la cella del santuario.





    Una grafica planimetrica per farvi capire la complessità dell'opera, non solo scultorea di facciata, ma ciò che è stato lo scavo interno alla roccia!


    Come abbiamo visto ,nei post precedenti , spiegavo della concezione degli egizi di costruire i templi a " cannocchiale", cioè partendo dall'esterno molto grande, imponente e luminoso ( facciate, grandi piloni d'ingresso) ad un susseguirsi di stanze più piccole e di intensità meno luminosa, fino alla completa oscurità.
    Ebbene anche qui, in Abu Simbel è stata utilizzata la stessa tecnica.



    Vogliamo entrare?....












    .....il Viaggio continua....
    Oriana

    ### Moderatrice del forum ###

    " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

  11. #206
    Utente livello Platinum L'avatar di capricorno
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    7,028
    Città
    Monza
    Crociere effettuate
    22


    " È da restare letteralmente senza fiato, man mano che ci avviciniamo i colossi ci sovrastano con una immensità tale che restiamo per lo più ammutoliti...
    Anche le iscrizioni, sono grandi, profonde...le immaginavo appena in rilievo, ma la realtà è ben altra cosa....







    Sopra l'ingresso del tempio è scolpita una nicchia contenente un gruppo scultoreo che rappresenta il " prenome" di Ramesse II, in scrittura crittografica....una sorta di rebus : User-maat-ra. È la statua di Ra con membra umane e testa di falco, con accanto la dea Maat, concezione egizia della giustizia e dell'ordine.









    In questo rilievo , scolpito sulla zoccolatura di uno dei colossi, sono raffigurati prigionieri nubiani posti simbolicamente sotto i piedi del re, legati e vestiti con i loro abiti tradizionali: un gonnellino sorretto da una tracolla e una sciarpa che ricade sul davanti.




    Uno sguardo all'insieme, poi ne varchiamo la soglia....
















    " Dobbiamo dapprima fare uno sforzo per abituarci alla semioscurità del luogo che ci appare in tutta la sua autorevolezza.....





    ....come nei templi visti ad Edfu e non solo, anche in quello di Abu Simbel il pavimento sale leggermente, il soffitto si abbassa e le pareti si stringono man mano che ci si avvicina alla cella di fondo, o sancta sanctorum, che ospitava la barca sacra della divinità. Di pari passo anche la luce si modula, dalla semioscurità al buio più profondo nei luoghi più profondi del tempio.


    Superato l' ingresso, si entra in un ambiente ( primo atrio) diviso in tre navate da otto pilastri alti 10 metri, raffigurazioni del sovrano sotto l'aspetto del dio Osiride. La navata centrale misura il doppio di quelle laterali, mentre i pilastri sono architravati.













    Una particolarità: i pilastri di destra " indossano" la doppia corona, mentre quelli di sinistra che li fronteggiano, la corona bianca dell'Alto Egitto.

    Il soffitto del primo atrio è splendido!
    Vengono rappresentati immagini di avvoltoi incoronati con le ali spiegate che reggono negli artigli due ventagli di piume per proteggere i cartigli del sovrano.





    Dal primo ambiente, attraverso una porta che sicuramente in origine doveva avere due battenti, si accede al secondo atrio, di minori dimensioni, diviso in tre navate da quattro pilastri che su ogni facciata presentano scene in cui il re viene accolto ed abbracciato dagli dei. Procedendo verso il fondo, si arriva ad un vestibolo trasversale ed infine a due celle laterali ed al sancta sanctorum, dove sono rappresentate sulla parete di fondo, in grandezza naturale, le statue degli dèi: Ptah di Menfi e Amon- Ra di Tebe, di Ramesse Il divinizzato e del dio Ra-Horakhty di Heliopoli, seduti su una bassa panca anch'essa ricavata nella roccia come le statue.















    Ma non si conclude qui. Come descritto visivamente dalla planimetria nel post precedente a quest'ultimo, dal primo atrio, attraverso due aperture laterali, si accede ad altre sale. Gruppi di magazzini disposti " a pettine" rispetto all'asse centrale del tempio. Trattasi di 8 ambienti destinati al deposito di oggetti per il culto, ma anche laboratori magici.
    Sono molto bui, le immagini rendono poco anche per il motivo che all'interno del tempio è vietato utilizzare la macchina fotografica, ma è consentito l'uso del cellulare... ovviamente senza flash.































    E qui tutto assume un'aria di mistero, misto a stupore...le pareti sono mirabilmente decorate e non solo, anche il soffitto ha subito l'analoga scelta non restando nudo. Le decorazioni finissime, di particolare fattura, risplendono di pagliuzze dorate nella oscurità più completa. Saggio anche il tipo di illuminazione soffusa che rende il fascino e l'alone di mistero che aleggia in queste profondità...

    I colori vivaci che abbellivano in origine i rilievi del tempio, sono andati perduti ma ugualmente ciò che resta è meraviglioso ai nostri occhi e manifesta ancora una volta la grandezza di questa civiltà, che amava circondarsi della bellezza per essere ancora più in sintonia con la bellezza del creato che li circondava.
    Acuti osservatori gli antichi Egizi, nulla restava di incompiuto ai loro occhi che sapevano ben rappresentare il mondo, animale e vegetale e che ai giorni nostri ci offrono uno spaccato della loro vita, una vita legata all'armonia....ed è per questa ragione che la loro arte, il loro modo di essere ci appaga i sensi e la mente.........


    Vi avevo preannunciato che saremmo rimasti molto tempo in questo tempio, la nostra guida ci aveva preavvisati che le meraviglie qui erano tali da renderci quasi prigionieri da non aver la forza di uscire.



    A presto....il Viaggio continua......
    Oriana

    ### Moderatrice del forum ###

    " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

  12. #207
    Utente livello Bronze L'avatar di Maryb
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    289
    Città
    Varese
    Crociere effettuate
    5
    Ciao!!! Dopo mesi di inattività qui sul forum devo dire che ho scelto il diario perfetto per le mie ricerche.
    Mi sto letteralmente emozionando, giuro con le lacrime eh eh eh, e sono solo all'inizio di questo diario che promette moooolto bene.
    Avete una capacità di racconto eccezionale, complimenti!
    Avrei voluto scrivervi alla fine della lettura ma avevo l'esigenza di condividere con voi le belle sensazioni che mi trasmettete.

    Grazie in anticipo, sono sicura che sarà un viaggio fantastico!
    Mille e una nota Savona, Marsiglia, Barcellona _ Costa Favolosa 2016 •Dolci piccole Antille e La magia dei Caraibi _Costa Magica 2017
    Caraibi, Antille & Cuba _ Msc Armonia 2018 •Stati Uniti , Giamaica, Aruba, Colombia ,Panama ,Messico _ Msc Divina 2018 •L'Oriente, fra spiagge e cultura Costa Fortuna 2019

  13. #208
    Utente livello Platinum L'avatar di capricorno
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    7,028
    Città
    Monza
    Crociere effettuate
    22
    Citazione Originariamente Scritto da Maryb Visualizza Messaggio
    Ciao!!! Dopo mesi di inattività qui sul forum devo dire che ho scelto il diario perfetto per le mie ricerche.
    Mi sto letteralmente emozionando, giuro con le lacrime eh eh eh, e sono solo all'inizio di questo diario che promette moooolto bene.
    Avete una capacità di racconto eccezionale, complimenti!
    Avrei voluto scrivervi alla fine della lettura ma avevo l'esigenza di condividere con voi le belle sensazioni che mi trasmettete.

    Grazie in anticipo, sono sicura che sarà un viaggio fantastico!
    Ciao Mary!!! Grazie anche a nome di Davide e bentrovata sul forum. Sei rientrata in un periodo un po' strano, ovunque qui si parla solo ed esclusivamente di covid19, purtroppo questa è la realtà.
    Sono e siamo , parlo sempre anche per Davide, contenti che la lettura di questo diario possa in parte alleggerire il contesto della situazione in cui tutti ci troviamo e a portare un po' di spensieratezza continuando a viaggiare, anche se in modo diverso, aiuta.


    Anzi, se mi è concesso, desiderio formulare un'incoraggiamento a tutti gli utenti nel condividere i loro viaggi, servirà a tutti per farci compagnia, ma soprattutto a se stessi.

    Mary, se aspettavi la fine per scrivere eh eh eh.. è lontana, ma prometto di continuare presto. Ciaoo!
    Oriana

    ### Moderatrice del forum ###

    " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

  14. #209
    Utente livello Bronze
    Data Registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    280
    Città
    In provincia di siena
    Crociere effettuate
    4
    E' bello poter viaggiare anche solo con la fantasia aiuta in questo periodo ad andare avanti!!

  15. #210
    Utente livello Bronze L'avatar di Maryb
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    289
    Città
    Varese
    Crociere effettuate
    5
    Citazione Originariamente Scritto da capricorno Visualizza Messaggio
    Ciao
    Mary, se aspettavi la fine per scrivere eh eh eh.. è lontana, ma prometto di continuare presto. Ciaoo!
    Accipicchia, eccomi alla "fine"... va benissimo così, attendere il seguito metterà ancora più brio
    Mille e una nota Savona, Marsiglia, Barcellona _ Costa Favolosa 2016 •Dolci piccole Antille e La magia dei Caraibi _Costa Magica 2017
    Caraibi, Antille & Cuba _ Msc Armonia 2018 •Stati Uniti , Giamaica, Aruba, Colombia ,Panama ,Messico _ Msc Divina 2018 •L'Oriente, fra spiagge e cultura Costa Fortuna 2019


    • Pubblicità


        
       

Pagina 14 di 15 PrimaPrima ... 412131415 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •