Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 31 a 41 di 41

Discussione: Prime proposte in sondaggio

  1. #31
    Utente livello Bronze
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    187
    Citazione Originariamente Scritto da essepi2 Visualizza Messaggio
    Quello che non riesco a capire e’ qual’e’ l’articolo delle norme sul cabotaggio che proibisce a Costa di fare crociere su porti italiani.
    È scritto tutto abbastanza chiaramente nell'articolo che hai postato.
    La legge è così e confermo che i codici delle leggi sono quelli riportati, può sembrare strano per chi non è del settore, ma è così. Come in tutte le cose, ci sono pro e contro. Ad esempio, Costa usufruisce di certi sgravi fiscali. Non si può avere "la botte piena e la moglie ubriaca", magari pensandolo per amore di compagnia.

    Spesso si pensa che debba essere tutto concesso solo per una questione di bandiera, magari contestando le compagnie che hanno bandiera "di comodo". Ma quella italiana ha i suoi vantaggi e a qualcuno fa comodo, altrimenti Costa avrebbe già cambiato. Non dimentichiamolo.


    • Pubblicità


        
       

  2. #32
    Super Moderatore L'avatar di Rodolfo
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    38,102
    Città
    Venezia
    Si tratta solo di una idea per ovviare alle restrizioni di legge che penalizzano Costa.
    Chissà se fosse possibile una sosta temporanea di "un ora", senza sbarchi ovviamente, in acque territoriali straniere, vedi Malta ad esempio, alla stessa stregua di Ensenada per le navi che operano nelle acque statunitensi.
    Un semplice ragionamento.
    Chi va per mare naviga, chi sta a terra giudica.

    Rodolfo
    ### Moderatore Globale ###

  3. #33
    Co-Fondatore L'avatar di essepi2
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    7,911
    Crociere effettuate
    70
    Citazione Originariamente Scritto da Dani97 Visualizza Messaggio
    È scritto tutto abbastanza chiaramente nell'articolo che hai postato.
    La legge è così e confermo che i codici delle leggi sono quelli riportati, può sembrare strano per chi non è del settore, ma è così. Come in tutte le cose, ci sono pro e contro. Ad esempio, Costa usufruisce di certi sgravi fiscali. Non si può avere "la botte piena e la moglie ubriaca", magari pensandolo per amore di compagnia.

    Spesso si pensa che debba essere tutto concesso solo per una questione di bandiera, magari contestando le compagnie che hanno bandiera "di comodo". Ma quella italiana ha i suoi vantaggi e a qualcuno fa comodo, altrimenti Costa avrebbe già cambiato. Non dimentichiamolo.
    Forse Costa ha le sue ragioni che non sono principalmente fiscali: semplice ragionamento sul perche’ MSC e Silversea hanno scelto diversamente.
    Costa sfrutta la ton tax, molto vantaggiosa rispetto al sistema fiscale normalmente a noi, ma molto svantaggiosa confrontata con quelle applicate dagli stati a tassazione praticamente nulla ( Bahamas, Malta, Panama, etc. ). Io penso che in Costa ci sia stata, fino ad oggi, anche una strategia di immagine e rappresentativita’; chiaramente con questa crisi le cose potrebbero cambiare in fretta quanto a bandiere.
    So che per i marittimi, ad ogni livello ed indipendentemente dalla nazionalita’, delle compagnie con bandiere di comodo cambiano anche i contratti di assunzione che non prevedono piu’ alcuna forma di previdenza o scudo sociale: cifre mediamente piu’ alte, ma nessuna garanzia.
    Maurizio
    Co-fondatore di Crocieristi.it

  4. #34
    Co-Fondatore L'avatar di essepi2
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    7,911
    Crociere effettuate
    70
    Citazione Originariamente Scritto da Rodolfo Visualizza Messaggio
    Si tratta solo di una idea per ovviare alle restrizioni di legge che penalizzano Costa.
    Chissà se fosse possibile una sosta temporanea di "un ora", senza sbarchi ovviamente, in acque territoriali straniere, vedi Malta ad esempio, alla stessa stregua di Ensenada per le navi che operano nelle acque statunitensi.
    Un semplice ragionamento.
    Basterebbe la Corsica, territorio francese. Forse basta il passaggio in acque straniere.
    Maurizio
    Co-fondatore di Crocieristi.it

  5. #35
    Super Moderatore L'avatar di Rodolfo
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    38,102
    Città
    Venezia
    SÌ certo; Malta era un esempio. Anche sul versante Adriatico potrebbero esserci delle analogie.
    Chi va per mare naviga, chi sta a terra giudica.

    Rodolfo
    ### Moderatore Globale ###

  6. #36
    Co-Fondatore L'avatar di essepi2
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    7,911
    Crociere effettuate
    70
    Citazione Originariamente Scritto da Rodolfo Visualizza Messaggio
    SÌ certo; Malta era un esempio. Anche sul versante Adriatico potrebbero esserci delle analogie.
    Se cosi’ si potesse anche senza modifiche alle regole su cabotaggio Costa avrebbe una buona opportunita’.
    Maurizio
    Co-fondatore di Crocieristi.it

  7. #37
    Super Moderatore L'avatar di Rodolfo
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    38,102
    Città
    Venezia
    Non lo so se sia fattibile; mi era venuta l'idea. E varebbe per uno stato comunitario? O dovrebbe essere extra comunitario?
    Chi va per mare naviga, chi sta a terra giudica.

    Rodolfo
    ### Moderatore Globale ###

  8. #38
    Utente livello Gold L'avatar di Gabriele C.
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Messaggi
    3,526
    Città
    Roma
    Crociere effettuate
    22
    Citazione Originariamente Scritto da pitt76 Visualizza Messaggio
    Ma qualcuno di voi ha modo di sapere se qualcuno del settore sta avendo contatti con le amministrazioni e con il Governo in particolare?

    C'è qualcuno che sta rappresentando gli interessi delle compagnie ai tavoli? Ma soprattutto, ci sono tavoli aperti al MISE o in qualunque altro posto che conti?
    Esiste Confitarma, la "Confindustria" degli armatori.
    So da fonte certa che stanno lavorando proprio su deroghe delle norme riguardo il cabotaggio, come peraltro riportato nell'articolo linkato.

    Citazione Originariamente Scritto da essepi2 Visualizza Messaggio
    Io ritengo che in situazioni eccezionali ci debbano essere anche misure eccezionali che scavalchino temporaneamente alcune leggi...
    Gli addetti ai lavori si sono dichiarati "possibilisti"...
    "Lo spettacolo del mare provoca sempre un'impressione profonda: esso è l'immagine di quell'infinito
    che attira incessantemente il pensiero e nel quale il pensiero incessantemente si perde"
    (Madame de Stael)

  9. #39
    Super Moderatore L'avatar di Rodolfo
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    38,102
    Città
    Venezia
    È positivo che ci siano dei contatti per rimuovere certi ostacoli che possono penalizzare una compagnia piuttosto che un'altra, proprio per l'eccezionalità del momento che stiamo vivendo.
    Tutto ciò riguarda il problema del cabotaggio e chissà che al tavolo delle trattative si sviluppi tutto il restante pacchetto di provvedimenti economici, organizzativi, le linee guida, il "vademecum" cui accennava Tiziano.
    Chi va per mare naviga, chi sta a terra giudica.

    Rodolfo
    ### Moderatore Globale ###

  10. #40
    Utente livello Bronze
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    187
    Citazione Originariamente Scritto da Rodolfo Visualizza Messaggio
    Non lo so se sia fattibile; mi era venuta l'idea. E varebbe per uno stato comunitario? O dovrebbe essere extra comunitario?
    Sarebbe una buona opportunità, ma non sono sicuro che basti solo una toccata in navigazione nelle acque di uno stato estero (comunitario o extra che sia).
    Ad esempio: i traghetti Genova-Olbia fanno comunque cabotaggio anche se transitano nelle acque francesi della Corsica.
    Penso che per far sì che che ci sia l'interruzione tra tratte di cabotaggio, si debba far pratica di arrivo con le autorità dello stato estero e/o magari potrebbe bastare una sosta alla fonda al largo di qualche località estera.

    Comunque, anche modificando le leggi di cabotaggio....
    https://www.shipmag.it/in-italia-cro...-nella-fase-2/

    Msc, si ritroverebbe in vantaggio anche in questa situazione. Anche se, onestamente, mi auguro che riprendano quando ci sia la certezza assoluta dei 0 contagi e morti.

  11. #41
    Utente livello Bronze L'avatar di pitt76
    Data Registrazione
    Apr 2011
    Messaggi
    411
    Città
    Roma
    Crociere effettuate
    7
    Citazione Originariamente Scritto da Gabriele C. Visualizza Messaggio
    Esiste Confitarma, la "Confindustria" degli armatori.
    So da fonte certa che stanno lavorando proprio su deroghe delle norme riguardo il cabotaggio, come peraltro riportato nell'articolo linkato.
    Beh, speriamo facciano valere tutto il peso degli interessi generali legati al mondo crocieristico su sto benedetto tavolo, almeno per ottenere qualcosa alle porte di una (auspicata?) ripartenza.
    Giramondo, perché viaggiare è vitale.
    Quando voglio una vacanza anche dai viaggi mi concedo una crociera. Chi fa solo crociere, non sa cosa significhi viaggiare
    .


    • Pubblicità


        
       

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •