• Benvenuto\a sul forum di Crocieristi.it, la più grande community italiana sulle crociere.

    Prendi confidenza con il forum leggendo le discussioni presenti, o ricerca l'argomento che più ti interessa attraverso l'apposito form. Per partecipare al forum è necessario registrarsi, ovviamente la registrazione è gratuita e non obbligatoria, non registrarti se per te non è davvero utile. Per eseguire eventuali cancellazioni il tempo previsto è di una settimana.

    Ricorda che il regolamento vieta l'uso di due o più nickname differenti relativi alla stessa persona. Se nel frattempo hai cambiato l'indirizzo e-mail di registrazione contattaci attraverso questo form e specifica il tuo problema assieme alla tua username, la tua vecchia e-mail ed il tuo nuovo indirizzo.

    Hai dimenticato la password? clicca qui

    Per qualsiasi problema TECNICO puoi contattare lo Staff attraverso questo form spiegando DETTAGLIATAMENTE il tuo problema
  • Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio ed i cookie stessi.
  • Ospite, seguici anche sui social!
    Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram Seguici su YouTube

  • Ti andrebbe di condividere sui social, assieme a noi, le tue fotografie ed i tuoi video? Clicca qui!

  • Ciao Ospite e benvenuto su Crocieristi.it, siamo davvero felici di averti a bordo!

    ti invitiamo a leggere il regolamento per una migliore convivenza con gli altri utenti (clicca qui) mentre qui trovi qualche dritta sull'utilizzo del forum

    e poi... che ne dici di presentarti? Clicca qui per accedere alla sezione "il mio primo messaggio" ed apri un nuovo argomento!

Capodanno 2013 su Costa Magica. Un collage di ricordi ed emozioni.

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.

fabiet

Member
Un collage?
E’ passato già più di un mese dallo sbarco. L’idea di scrivere un diario, come al solito breve, da parte mia c’era, credetemi. Fino ad ora, però, gli impegni e la pigrizia hanno preso il sopravvento. Così, per dare una scossa e non lasciar offuscare i bei ricordi, è nata l’idea di un diario-collage.
Sperando di non violare qualche norma della netiquette, posterò qualche spunto fotografico di questa crociera di capodanno su Costa Magica accompagnato da qualche nota di viaggio. Il tutto per condividere l’esperienza vissuta da me, e anche dai numerosi utenti del forum presenti a bordo.
Lo faccio, infatti, con l’auspicio che tutti loro abbiano il piacere e la voglia di contribuire. Insomma, io inizio e poi, continuate e aiutatemi voi!
Con alcuni, pochi per la verità, ci siamo anche incontrati all’appuntamento prefissato a bordo. E abbiamo, io e Loux, avuto il piacere di fare conoscenza con loro. Rispetto la riservatezza e non faccio nomi (...e neanche nickname) ma spero vivamente di poter leggere qui anche le vostre impressioni e di vedere le vostre foto, come d’altronde ci eravamo promessi di persona. Di altri forumisti presenti a bordo ho letto nei giorni scorsi qualche commento qua e là nel forum, e anche il loro contributo sarà molto gradito.
Non so se il risultato finale sarà un diario, ma penso che la tecnica del collage, per quanto richiamata impropriamente, renda abbastanza bene l’idea di voler inserire foto, pensieri, opinioni esperienze e curiosità.
Per cui, sotto a chi tocca!
La tecnica del collage è sovrapporre materiale, e quindi tutti possono incollare quel che vogliono se ritengono possa contribuire a render piacevole la lettura di questa specie di diario atipico.

6-IMG_8548_zps203b1cd0.jpg


La nave, l’itinerario, le aspettative.
La conferma della partenza è arrivata pochi giorni prima. Tutte le tessere del mosaico hanno combaciato, e l’obiettivo di trascorrere il capodanno in crociera con i nostri amici è stato raggiunto. Ci siamo conosciuti un capodanno di qualche anno fa su Costa Marina. Loro sono crocieristi solo a capodanno. Una specie rara e curiosa. Per fare una crociera insieme, dunque, non ci lasciano scelta e così questa è stata la terza fine dell’anno trascorsa insieme. La seconda su Costa Magica.
Costa Magica.
Questa nave non mi è mai piaciuta troppo. D’estate magari è più godibile. D'inverno però... Alla fine, comunque, ho sempre trascorso buone giornate a bordo e fatto piacevoli incontri.
Mi permetto un aneddoto, uno solo, tanto per stufarvi subito. Due anni fa siamo stati a bordo di Costa magica due volte a breve distanza, una a novembre e una a capodanno, ed avevamo conosciuto M. un giovane barista indonesiano. Ebbene, proprio lui, questa volta ci ha riconosciuti mentre passavamo nel salone chiamandoci ancora per nome. E’ stato un piacere incontrarlo di nuovo, lui, ancora lì, stessa nave ma nuovo bar. E con una nuova e bella fidanzata vietnamita, V., a bordo anche lei ("sulla nave ho trovato amore", dice lui), che ci ha immediatamente voluto presentare. E che c’è di strano, direte voi, se un barista ti riconosce a distanza di due anni, è solo il suo lavoro. In effetti non è strano per niente. Per me è però la dimostrazione che una nave da crociera non sarà mai solo un luogo di vacanza, inteso come una località marittima qualunque, dove si va per dimenticare la vita di tutti i giorni (e come le compagnie vorrebbero farci credere) ma resterà sempre un minuscolo - rispetto al mare su cui naviga – universo fatto di ferro, legno, cibo (vabbè!) e tante persone, ospiti ed equipaggio, tutti con i loro caratteri, personalità, esperienze ed aspettative. E alla fine, solo per "fare una crociera".
Ottimo l’itinerario, poi, con due soli homeports e luoghi di sicuro fascino da visitare con temperature invernali sì ma sempre piacevoli.
Una volta evitato l’effetto traghettone, per me la crociera non può che andar via liscia.
Undici giorni di durata sono l’ideale, e consentono di perdonare i disservizi tipici del primo giorno. Soprattutto quelli al ristorante, dove si sono ripetuti il secondo e anche l’ultimo giorno. In quest’ultimo caso, però, a causa delle deprecabili abitudini sociali dei nuovi imbarcati seduti intorno a noi… è stato solo pensando a loro e alla compagnia di cui avremmo fatto a meno che lo sbarco a Savona è risultato meno traumatico. Un momento di amarezza, invero, lo abbiamo vissuto avendo a portata di mano la Costa Deliziosa, pronta per il giro del mondo, senza poterci salire.
In sostanza, a parer mio la nave ha fatto il suo, e nonostante un pienone notevole.
Un plauso mio va alla conferenziera di bordo: i suoi incontri erano sempre seguitissimi, tanto che gli ultimi si sono tenuti a teatro. Un gran bel successo per lei e per la Costa, che mantiene però questo servizio solo su poche crociere. Non credo sia giusto trattare il crocierista che fa sette giorni come un pollo da bingo interessato solo allo shopping. Qualche informazione storica e culturale sui posti da visitare ritengo sia da garantire sempre e comunque. E i maggiori costi per il servizio rientrerebbero dalle escursioni guidate vendute in più a bordo a chi assiste e si appassiona.
Ho notato che la stragrande maggioranza dei crocieristi, anche nelle chiacchiere “da bagno turco”, esprimeva la propria soddisfazione per l’andamento della crociera in proporzione alla spesa sostenuta. Trovo che questo sia uno dei parametri da non dimenticare quando si danno giudizi. Non voglio pensare che costoro, una volta usciti dalle nebbie dell’hammam, amiche dell’anonimato, siano quelli che andavano ad ogni ora del giorno al desk per lamentarsi e per ricevere il cesto di frutta di scuse o qualche privilegio compensativo e che poi, arrivati a casa, scrivono raccomandate per uno sconto sulla prossima crociera. Se così fosse, e per qualcuno che ho conosciuto è così, perché non cambiare compagnia?
Bando alle polemiche, avrete capito che l’esperienza è stata più che positiva: amici, bel tempo, buon mare, a volte il sole, tanti incontri e posti meravigliosi, dove ritornare significa sempre vivere nuove emozioni. E questo, in ultimo va ancora ricordato, con la Costa Magica. Sempre con quella piacevole e rassicurante sensazione di trovarsi a casa propria che, è mia impressione, porta qualcuno ad avere eccessive pretese. La smetto di tediarvi e rispetto l’impegno preso.

Malta. La Valletta e Mdina.
L’ingresso in porto è sempre un’emozione. Questa volta troviamo una sorpresa. E che sorpresa! Sulla strada che porta al Victoria Gate ci imbattiamo nello splendido ascensore appena aperto. E’ pure gratis e non possiamo non approfittarne.

2-IMG_8552_zps32620cf7.jpg


I nostri amici, restii nonostante le nostre esortazioni, alla fine visitano la co-cattedrale di St John e naturalmente ne rimangono affascinati. Da fuori non sembra… bisogna entrare.
Con un bus di linea (il biglietto giornaliero conviene) ci rechiamo a Mdina, che merita sempre una passeggiata. Specie se la folla è da un’altra parte.

8-IMG_8520_zps90fdc97e.jpg


Come al solito, pochi acquisti e foto alle vetrine… D’altronde l’ombrellino è affascinante ma poco pratico.

1-IMG_8529_zps67199603.jpg


Nel piazzale degli autobus notiamo una presenza familiare. Chissà che numero era quel bus?

7-IMG_8540_zps6dec99a2.jpg


Ancora qualche giretto in città per ammirare il centro storico.

3-IMG_8554_zps5c894cbd.jpg


E poi di nuovo giù dai giardini con l’ascensore, che illuminato dà il meglio di sé.

4-IMG_8559_zpsb85560e5.jpg


L’opera, sebbene ardita, appare a mio profano giudizio ben integrata con la splendida fortificazione.

5-IMG_8560_zps08b071bf.jpg


La notte, con un’opera d’arte così, è ancora più dolce.

1-IMG_8583_zpsc79c82b0.jpg


Creta. Heraklion.
Non siamo mai stati a Creta e allora si punta la sveglia per una pronta discesa. Direzione Cnosso.
Mi accorgo che abbiamo compagnia: dobbiamo assolutamente anticipare i “norvegesi” stavolta, e non solo i temuti “costacei”.

2-IMG_8593_zps681b0cc9.jpg


Con un tempismo eccezionale scendiamo per primi e montiamo sulla prima navetta che ci conduce al porto. Notiamo un banchetto in allestimento, sembra un catering. Domandandoci per chi sarà mai, tiriamo dritti imperterriti verso la città e verso la stazione dei bus. Scopriremo l’indomani che si trattava di un luculliano benvenuto da parte della municipalità… per noi! E noi ce lo siamo perso.
Percorrendo il lungomare troviamo facilmente la stazione dei bus, facciamo il biglietto ma dobbiamo attendere, perché il primo parte non prima di 30 minuti.
Nel dubbio lo teniamo fermo

3-IMG_8596_zps5013cd9a.jpg


Arriviamo al sito di Cnosso in pochi minuti e troviamo una massa di gente. Entriamo abbastanza in fretta insinuandoci tra i gruppi e compiamo una visita piuttosto tranquilla nonostante l’affollamento.

4-IMG_8597_zpsafc13032.jpg


Il minotauro

5-IMG_8607_zps8dde4707.jpg


E le sue corna

6-IMG_8622_zpsed404a80.jpg


Sir Evans cosa ha fatto? Se lo chiedono in molti...

1-IMG_8640_zps4fc19a91.jpg


Il sito è molto interessante e, a me, piace molto anche così.

All’uscita la confusione nel piazzale tra taxi, auto, bus, gente, bancarelle è indicibile. Riusciamo a saltare sul primo autobus e ritorniamo in paese per un giro.
Subito al museo per completare la visita archeologica. In un’unica sala, temporaneamente causa lavori, tutto il meglio.
Il mitico disco di Festo

7-IMG_8658_zps8b161c55.jpg


Sempre forza Toro

9-IMG_8677_zpsbea689f2.jpg


Finito il giro, una bella passeggiata fino alla nave e… un bel colpo di spugna.

8-IMG_8704_zps2106018b.jpg



RODI.

Oggi ce la prendiamo comoda. E’ l’ultimo dell’anno e abbiamo sul taccuino poche cose da cercare.
Una passeggiata sul porto, in buona compagnia, per godersi qualche raggio di sole ci voleva proprio.

01-IMG_8725_zps31d68980.jpg


I celebri cervi senza corna? Sarà stato il colosso a prendergliele?

02-IMG_8746_zps28c20518.jpg


Un particolare della bella chiesa sul lungomare

03-IMG_8753_zpse1aa2524.jpg


Ed ecco che troviamo ciò che stavamo cercando. Il cimitero ottomano. Gusto macabro, forse, il mio. Ma un bel cimitero a volte ci vuole. Sempre in argomento, non vi dico l’esperienza avventurosa vissuta per raggiungere il cimitero delle Fontanelle a Napoli… Con la massima attenzione, se si va da soli, ma è assolutamente da visitare.
Questo ha un fascino decadente del tutto particolare. Forse perché quella ottomana è un’eredità ancora ingombrante da queste parti?

04-IMG_8761_zps477b3371.jpg


07-IMG_8757_zpsf346397f.jpg


05-IMG_8759_zps361415f4.jpg


06-IMG_8758_zps9d6a2f41.jpg


Fatto ritorno al centro percorriamo il sempre evocativo ippoton e ci andiamo a godere una birra seduti al sole

09-IMG_8771_zps175a21c2.jpg


Per poi far ritorno alla nave. Bisogna pure agghindarsi a festa.
Di questa foto mi incuriosiva la direzione contraria dell’Europa e della Grecia…

10-IMG_8792_zpsb07a77f5.jpg



IZMIR. Efeso.
Dopo poche ore di sonno ci svegliamo all’alba, ancora in compagnia di questo strano essere che abbiamo trovato sul letto.

01-IMG_8801_zps1949a758.jpg


Abbiamo fatto festa, abbiam mangiato e bevuto, ma si è a Izmir per la prima volta e che si fa? Non si scende? Decidiamo di ritornare a Efeso e prendiamo un taxista da mondiale rally che ci porta a destinazione in poco tempo. Siamo tra i primi e ci godiamo il sito in relativa tranquillità. Peccato per le nuvole che ci accompagnano.

La maestosa biblioteca di Celso

03-IMG_8829_zps870263e7.jpg


06-IMG_8864_zpsf7b26eef.jpg


05-IMG_8867_zps16a0607e.jpg


Mici efesini

02-IMG_8820_zps1fadd1c1.jpg


I sempre affascinanti gabinetti pubblici romani

04-IMG_8854_zpse5602151.jpg


La visita di questo spettacolare sito volge al termine

07-IMG_8877_zps1862fcd6.jpg


Facciamo ritorno a Smirne, città moderna e vastissima. Giusto in tempo per qualche vasca nel bazar antico, un intero quartiere di negozi frequentato esclusivamente dai locali.

Il celebre orologio

08-IMG_8888_zps033d1ac7.jpg


La moschea

09-IMG_8892_zpsfeabcd36.jpg


ATENE.
Nonostante sia questa la quarta volta che torno ad Atene scendiamo con impazienza. Ci sono parecchie cosette da fare nel nostro taccuino segreto.
La caccia ad un taxi con tassametro fuori dal porto si rivelerà un’impresa troppo difficile per noi. Pattuiamo quindi 15 euro, naturalmente senza ricevuta, e ci facciamo lasciare a Syntagma che fortunatamente è tranquilla. Tutta la città fortunatamente lo sarà per tutto il giorno.
Il programma è quello di seguire un itinerario a piedi da una guida turistica della mia amica: naturalmente verso la fine perdiamo la strada e proseguiamo. Ad Atene ormai non ci perdiamo.
Seguiamo il programma, giardini, zappeion, stadio e museo, tempio di Zeus… e sullo sfondo il Licabetto ci guarda invitante…

01-IMG_8919_zps0e06c929.jpg


L’acropoli è sempre lì, ma questa volta non saliamo.

02-IMG_8923_zps71c0e6a4.jpg


Visitiamo il museo dell’acropoli. Un allestimento spettacolare, e foto vietate all’interno. Purtroppo non ho potuto immortalare il celeberrimo moscoforo.

03-IMG_8924_zps0f505ee9.jpg


Angoli di pace nella metropoli. La Plaka.

04-IMG_8927_zps40426a0a.jpg


Ancora una passeggiata fino a Monastiraki, il mercatino, qualche acquisto, il museo della ceramica e poi una fame gal - attica. Il richiamo del souvlaki. Non possiamo più farne a meno e ogni vota torniamo. Prendiamo una fermata di metro e scendiamo a Omonia per raggiungere Livadia e i suoi spiedini da un euro. Sebbene sia ormai l’una passata, andranno bene lo stesso. Meglio di prima mattina però. Troviamo la serranda abbassata… la crisi ellenica? No, si è spostato di fronte, in un locale più moderno!

05-IMG_8935_zps8315e82b.jpg


Una volta sazi, ci riprende il tarlo del Licabetto. Sappiamo che la nave non aspetta ma decidiamo di provarci lo stesso. Con il taxi da Omonia a alla stazione sulla collina per euro 3,70 di tassametro.
La teleferica sotterranea costa la bellezza di 7 euro e parte ogni mezzora. Una sale e l’altra scende.

06-IMG_8939_zps43fe16c9.jpg


Stretti con i tempi arriviamo in cima. Atene da qui è tanta, tanta roba. Una spianata immensa di costruzioni. Peccato per la luce che non ha consentito foto migliori. E anche il fotografo poco portato… Un paio d’ore ancora… ma la nave, prima a scalare al Pireo nel 2013, non ci avrebbe aspettati.

10-IMG_8944_zpsedb45ba4.jpg


09-IMG_8942_zps7b98157f.jpg


In cima si trova un bar dalla collocazione unica

07-IMG_8973_zps5b030063.jpg


Si gode l’eccezionale vista sull’acropoli e sul Pireo

11-IMG_8953_zpsf46059a3.jpg


E ci si può ritemprare lo spirito in una chiesa fuori dal mondo

08-IMG_8966_zps0b65463d.jpg


A malincuore si deve scendere e, con un taxista allergico al tassametro ma con una Mercedes fiammante e cinque euro in più oltre ai canonici 15 (d’altronde eravamo in posizione che definire scomoda sarebbe stato poco) raggiungiamo il Pireo con qualche minuto d’anticipo, pronti per l’ora del the.

KATAKOLON.
Per chi non va a visitare il sito di Olimpia, il paese è quel che è. Lo si conosce. V’è da dire però che col tempo migliora.
Si trova così il modo di aggirarsi in solitudine sulla nave. Costa Magica ha pur dei lati piacevoli…

1-IMG_8987_zpsb62371e2.jpg


E degli angoli magici, da non perdere

3-IMG_9003_zps4a5e5749.jpg


Il mai troppo vituperato porto di Katakolon, qui quasi poetico

2-IMG_9000_zps6918c1c4.jpg


La prua minacciosa di Magica

7-IMG_8998_zpsa17a834d.jpg


E un bell’attracco

6-IMG_8996_zpsc0eb5623.jpg


Mi piace pensare che sia proprio lui, il Manila Boy…

4-IMG_9006_zps73956031.jpg


Gli ultimi pescatori di Katakolo?

5-IMG_9015_zps1a774050.jpg


Una passeggiata per negozi con un birretta Mithos per premio, questa volta senza i nostri calamari perché il ristorante è chiuso e si torna a bordo.


NAVIGAZIONE verso Civitavecchia.

Messa la prua verso casa, purtroppo, e incontriamo l’Etna innevato…

1-IMG_9029_zpsd080e079.jpg


2-IMG_9040_zpsf64dfae3.jpg


…e mare calmo che lascia il tempo di passeggiare sui ponti esterni

3-IMG_9047_zps56d5ff1c.jpg


Un particolare famigliare che non può mancare

4-IMG_9049_zps0b46a575.jpg


Come è ormai noto, per un’emergenza medica a bordo, appena superato lo stretto la nave ha eseguito una manovra per tornare a Messina.

5-IMG_9064_zps898317fa.jpg


Essendo quasi mezzogiorno mi sono portato sull’aletta del ponte di comando per vedere l’orologio del campanile.

6-IMG_9069_zpsd1896cf1.jpg


Malgrado la vicinanza non si vedeva nulla ma si poteva ascoltare tutta la sequenza dello spettacolo, dal leone e il gallo all’Ave Maria. Peccato che nessuno degnasse l’orologio di attenzione. Tutti erano affacciati a vedere lo sbarco dello sfortunato crocierista. Quando si parla della morbosità delle persone…
Ho apprezzato la breve sosta a Messina, città che mi è piaciuta assai quando a giugno l’ho visitata per la prima volta.

7-IMG_9075_zps7f9fa6dd.jpg


Ancora qualche gioia dalla navigazione

1-IMG_9080_zpsa1f9907b.jpg


Stromboli con la testa tra le nuvole

2-IMG_9087_zps99446384.jpg



CIVITAVECCHIA. ROMA.

Scendiamo tra i primi. Per secondi (ma solo perché non abbiamo abboccato e li abbiamo fatto fare la volata finale, a quei due crocieristi del tipo “son più veloce io, gné gné”) arriviamo in stazione. Treno regionale fino a Termini e poi metro per San Giovanni in Laterano. Meravigliosa. Non ci sono altre parole.

4-IMG_9119_zps0352639c.jpg


Il chiostro, oasi di pace in città

5-IMG_9121_zpsc10f7992.jpg


San Bartolomeo. Che capolavoro!

3-IMG_9111_zpsafee5f3d.jpg


Lo scranno papale, “poltrona” di grande attualità

6-IMG_9151_zps8c2a64dc.jpg


Dopo un lungo giro a piedi per la città, allietato dalla compagnia di amici e parenti incontrati sul percorso, con tanto di apporto dell’amica archeologa, ci avviamo verso la stazione San Pietro per rientrare. Non senza una discreta corsetta per salire stravolti su un treno stracolmo. Meno male che il deposito biciclette e bagagli era aperto e ci si siamo infilati dentro!

8-IMG_9219_zps217b0fd3.jpg


A Civitavecchia troviamo le nostre vecchie conoscenze, ormai sempre più spesso in tv

7-IMG_9228_zpsa0b71455.jpg


Tralasciamo la tristezza e gli stati d’animo contrastanti che accompagnano chiusura valige, saluti, treni, etc.

SAVONA

La mattina dello sbarco è triste di suo.
Trovarsi sotto il balcone Costa Deliziosa che sta per partire per il giro del mondo fa girare le… eliche. E non quelle di ricambio che stanno sulla prua della Deliziosa.

9-IMG_9238_zps1ac44b3a.jpg


Alla prossima.

E adesso, sotto a chi tocca!
Aiutatemi con questo collage!

Un saluto.

F.
 

gabriele e romina

Active member
Ciao,belle foto non c'è che dire, devo finire di leggere il diario

per il forza Toro lasciamo perdere:D:D

Saluti Gabriele
 

saskia

New member
Bravo, l'hai fatto proprio bene questo collage????
Ma è già finito????????
 

L

lia68

Guest
...ma che bello....su dai vogliamo altre foto...
 

P

patty56

Guest
Grazie Fabiet, letto tutto, coinvolgente.
 

ariosta88

New member
Complimenti per il diario e per le foto..ho lasciato un pezzo di cuore sulla Magica..nel lontano 2005....
 

drusa

Active member
Ebbene si... c'ero anch'io! Partita da Civitavecchia il 24 quest'anno abbiamo festeggiato in nave sia il Natale che Capodanno. Aspettavo che Fabiet desse il la per aggiungere qualcosina di mio. Molto poco in verità perchè per me e mio marito questa è stata una crociera di massimo relax con ritmi molto lenti...
Comincio con il raccontavi l'incontro al cigar bar. L'appuntamento era per il 26 subito dopo l'esercitazione degli imbarcanti a Savona. Per cui quando ritengo che l'esercitazione possa essere finita raggiungo il gran bar e mi accomodo in posizione strategica per tener d'occhio il bar l'Aquila. Il tempo passa... ogni volta che scorgo qualcuno che si avvicina all'entrata mi preparo a scattare ma i vari avventori si affacciano a porta chiusa e vanno via. Mah.... allora mi posiziono proprio davanti alla porta e aspetto. Dopo un pò vedo una coppia che si avvicina ed entra.... ed io al loro seguito. Ma sono stranieri!!!! Allora di nuovo fuori... un'altra coppia si avvicina, mi guarda e si dirige dentro il bar.... aspetto un pochino.. mi affaccio... mi guardano e non favellano per cui riesco e mi posiziono nuovamente davanti la porta.... Dopo qualche secondo vedo la porta aprirsi dall'interno e Lux pronuncia la parola magica "crocieristi?" Si si sono Drusa e quindi iniziamo a chiaccherare. DOpo un pochino ci raggiunge un'altra crocierista e rimaniamo a raccontarci piacevolmente anche se siamo solo in 4. Peccato per gli altri che non hanno potuto/voluto raggiungerci ;-)
 

fabiet

Member
R: Capodanno 2013 su Costa Magica. Un collage di ricordi ed emozioni.

R: Capodanno 2013 su Costa Magica. Un collage di ricordi ed emozioni.

Ciao Daniela!
Incolla! Incolla!
Continua tu!
F
 

drusa

Active member
Dopo le tue belle foto c'è poco da incollare..... intanto provo a passare qualche scatto su photobucket così magati domani contribuisco un pochino anch'io!
Un saluto
Daniela
 

fabiet

Member
R: Capodanno 2013 su Costa Magica. Un collage di ricordi ed emozioni.

R: Capodanno 2013 su Costa Magica. Un collage di ricordi ed emozioni.

Grazie a tutti!
Adesso aspettiamo Drusa e tutti gli altri.
Saluti.
F
 

Patrik

New member
Davvero un bel diario molto originale... Complimenti anche per le foto... :)
 

drusa

Active member
Allora vediamo.... nave già nota... itinerario anche.... diciamo che quindi le foto sono pochine!!!
Ma andiamo con ordine: imbarco la vigilia di Natale con un pò di ritardo per controlli di polizia (almeno questo ci è stato detto dalle hostess di terra) ma comunque senza problemi.
Grazie all'imbarco gold siamo tra i primi a bordo. Ci indirizziamo direttamente in cabina: è pronta e come al solito nonostante la richiesta per il primo turno di cena ci ritroviamo al secondo!
Mi sono vinta anche questa volta un'andata al ristorante per rivolgermi al maitre.
Seconda tappa il buffet, poi il bar per i pacchetti acqua e caffè e poi di nuovo in cabina a disfare i bagagli.
Abbiamo una prenotazione abbinata con quella dei nostri amici che si imbarcano a Savona il 26 per cui il maitre ci trova una sistemazione provvisoria per quella sera: un tavolo da due un pò sacrificato ma comunque al primo turno.
La cena della vigilia ha un menù speciale: lato sinistro il menù di un famoso chef, lato destro la proposta Costa.
La cosa positiva è che si potevano scegliere alcune portate a destra ed altre a sinistra! ;-)
Purtroppo essendo la prima sera non ci hanno consegnato il menù in cabina e la mia memoria lascia molto a desiderare...
l'unica cosa che ricordo è un ottimo timballo al parmigiano.

Passiamo la notte di Natale a Civitavecchia.... sensazione stranissima....

La mattina finalmente si riparte.
Per il pranzo di Natale da sottolineare una piccola defaillance dell'organizzazione Costa: avendo organizzato un buffet con "sorprese di Natale" immagino che si aspettassero una larghissima affluenza al ponte nove...
In realtà verso le 13.00 l'affluenza era tutta davanti all'unico ristorante aperto :)....
Per fortuna hanno capito quasi subito il problema, hanno aperto anche l'altro ristorante, richiamato alcuni camerieri dal buffet e deviato i crocieristi in attesa del pranzo verso il secondo ristorante....

Il 26 a Savona, classico giro con negozi ed edicole rigorosamente chiusi.
Il tempo reggeva per cui lunghissima passeggiata in attesa che si imbarcassero i nostri amici.


Ma vediamo se riesco ad aggiungere un piccolo apporto fotografico....

Il primo porto di sbarco è La Valletta: scendiamo in autonomia e scopriamo la novità dell'ascensore già fotografato da Fabiet.
Prima tappa i giardini Upper Baracca

DSCN0403.jpg


poi una bella passeggiata per la Valletta....

L'unico porto nuovo di questo itinerario per me era Heraklion per cui l'unica escursione fatta con Costa è stata proprio questa e quindi per Cnosso abbiamo qualche foto in più....

dal nostro balcone appena svegli la Norwegian Jade che entra in porto

DSCN0408.jpg


e poi il palazzo

DSCN0411.jpg


DSCN0412.jpg


DSCN0413.jpg


DSCN0414.jpg


DSCN0416.jpg


DSCN0417.jpg


DSCN0418.jpg


E poi in città

DSCN0419.jpg


nella chiesa ortodossa si stava svolgendo la funzione religiosa: la guida ci ha informati che per quella giornata la durata della messa era di circa 3 ore!!!!!

DSCN0421.jpg


DSCN0422.jpg


Mio marito chiede alla guida cosa potevamo provare di particolare... qualcosa che i locali mangiano per colazione....
La risposta è stata caffè greco (che poi è quello turco) e bougazza!
Ok allora andiamo a cercare un bar per provare la bougazza..... Ma i bar qui intorno ci propongono solo nescaffé in tutte le salse...

Ad un certo punto notiamo un bar con i tavolini fuori dove si affollavano le persone che dopo 3 ore di funzione religiosa si erano meritate una bella colazione e ci avviciniamo.
Io e la mia amica andiamo in avanscoperta dentro il bar e chiediamo se hanno la bougazza. Ci rispondono di si.
Ed ecco quindi la nostra scelta:

Bougazza

DSCN0423.jpg


e caffè greco

DSCN0424.jpg


Devo dire che la bougazza nonostante fosse abbastanza doce non mi è affatto dispiaciuta... ;-)

E per questa sera vi lascio con due foto in notturna della Norvegian Jade......

DSCN0430.jpg


DSCN0438.jpg


Nella speranza di non avervi annoiato......
Buona notte
Daniela
 

flam

Active member
Bellissima questa vostra iniziativa!
Aspettiamo il tuo seguito Drusa!
 

agra

New member
Mi è piaciuto molto questo collage!!! Continuate così, grazie!!!
 

fernando59

Active member
Creta. Heraklion.
Non siamo mai stati a Creta e allora si punta la sveglia per una pronta discesa. Direzione Cnosso.
Mi accorgo che abbiamo compagnia: dobbiamo assolutamente anticipare i “norvegesi” stavolta, e non solo i temuti “costacei”.

2-IMG_8593_zps681b0cc9.jpg

Quel giorno a Heraklion c'eravamo anche noi, proprio sulla Jade. ;)

Complimenti per il "collage", vediamo come procede...
 

nadiuccia

New member
Bellissimo...mi piacerebbe tanto passare le feste di natale e capodanno in crociera.. ma x capodanno cosa hanno organizzato???:p
 

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top