• Benvenuto\a sul forum di Crocieristi.it, la più grande community italiana sulle crociere.

    Prendi confidenza con il forum leggendo le discussioni presenti, o ricerca l'argomento che più ti interessa attraverso l'apposito form. Per partecipare al forum è necessario registrarsi, ovviamente la registrazione è gratuita e non obbligatoria, non registrarti se per te non è davvero utile. Per eseguire eventuali cancellazioni il tempo previsto è di una settimana.

    Ricorda che il regolamento vieta l'uso di due o più nickname differenti relativi alla stessa persona. Se nel frattempo hai cambiato l'indirizzo e-mail di registrazione contattaci attraverso questo form e specifica il tuo problema assieme alla tua username, la tua vecchia e-mail ed il tuo nuovo indirizzo.

    Hai dimenticato la password? clicca qui

    Per qualsiasi problema TECNICO puoi contattare lo Staff attraverso questo form spiegando DETTAGLIATAMENTE il tuo problema
  • Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio ed i cookie stessi.
  • Ospite, seguici anche sui social!
    Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram Seguici su YouTube

  • Ti andrebbe di condividere sui social, assieme a noi, le tue fotografie ed i tuoi video? Clicca qui!

  • Ciao Ospite e benvenuto su Crocieristi.it, siamo davvero felici di averti a bordo!

    ti invitiamo a leggere il regolamento per una migliore convivenza con gli altri utenti (clicca qui) mentre qui trovi qualche dritta sull'utilizzo del forum

    e poi... che ne dici di presentarti? Clicca qui per accedere alla sezione "il mio primo messaggio" ed apri un nuovo argomento!

Il momento giusto per le piccole navi.

capricorno

Super Moderatore
Secondo questo articolo, cresce l'interesse verso il mercato del lusso e delle navi di spedizione.

Ponant: il momento giusto per le piccole navi​

Il comandante Charcot

Abbiamo sempre costruito la flotta, tuttavia, il mercato si è sviluppato in un certo modo con alcune preferenze che giocano abbastanza bene e favorevolmente per il nostro portafoglio di prodotti", ha affermato Navin Sawhney, CEO di Ponant Americas.
Con il nuovo Le Commandant Charcot, più Paul Gauguin, la flotta conta 13 navi.
"Coprimiamo ogni destinazione e offriamo al mercato qualcosa di straordinario con ospiti in un ambiente ristretto e in un gruppo più piccolo", ha affermato.
Le spedizioni in un ambiente di lusso in angoli remoti del globo stanno rispondendo bene alle esigenze di oggi, ha spiegato Sawhney, poiché gli ospiti stanno cercando di investire in esperienze arricchenti e in una comprensione più profonda dei luoghi che visitano, cercando quell'esperienza trasformativa su un piccolo nave.
"Le persone sono anche consapevoli di viaggiare in modo responsabile", ha detto Sawhney. "Uscendo dalla pandemia, ciò che conta sono le esperienze di marca".
La flotta di piccole navi della compagnia si adatta a questa idea ed è ora completata da Le Commandant Charcot, che opera a GNL e batterie.
"È un punto di svolta ed è davvero esemplare di ciò che può fare in termini di viaggio responsabile", ha affermato.
Charcot
Con itinerari selvaggi offerti con Le Commandant Charcot, tra cui lunghi viaggi in Antartide, visite al Polo Nord e Groenlandia orientale, Ponant ha un pezzo di hardware che nessun altro può eguagliare.
A bordo, la nave ha due laboratori scientifici, sia umidi che asciutti.
"L'idea è di coinvolgere l'ospite come partecipante a ciò che questi scienziati stanno imparando e di partecipare a studi ed esperimenti", ha detto Sawhney.
La nave sarà commercializzata intorno al suo hardware, al prodotto di lusso e al fatto che con esso l'azienda può introdurre destinazioni non visitate frequentemente.
In tutta la flotta, il principale punto di forza è il mix di schieramento e destinazione, ha affermato Sawhney, combinato con piccole navi di lusso.
Prossimo
Guardando indietro al 2019, l'ultimo anno di piena operatività di Ponant, la compagnia ha sostanzialmente raddoppiato le sue dimensioni con la consegna di Le Commandant Charcot e altre navi Explorer.
“La sfida più grande sarà portare più nuovi ospiti nell'ovile. La seconda sfida sarà fornire le esperienze poco affollate che promettiamo con una piccola nave".
L'adattamento alle esigenze del mercato e la vicinanza a clienti e potenziali clienti saranno fondamentali per la crescita futura, ha affermato Sawhney.



fonte Cruise Indusrty
 

essepi2

Co-Fondatore
Certamente anche nella situazione attuale, chi aveva i soldi prima, li ha anche ora!
Sono compagnie con crociere destinate ad una clientela ricca, piu’ o meno eterogenea; se spendi 40/70/100000 euro l’anno per le crociere e’ perche’ sei veramente abbiente.
Probabilmente ci sara’ anche una parte di clientela che saltuariamente, facendo una scelta di qualita’ a scapito della quantita’, se ne serve, ma sono la minoranza.
Se Ponant, Silversea, Seabourn, etc., su itinerari normali, non Expedition, possono essere alla portata di parecchie persone, le crociere Expedition sono veramente per persone abbienti.
 

Steve74

Well-known member
La maggioranza delle navi da esplorazione fa itinerari interessanti e particolari ma in una sistemazione ampia con balcone (no royal, grand o owners suite) si spendo 30.000 euro in due persone, più le escursioni sovente irripetibili ed uniche.
Altro problema è la lingua a bordo che è quasi esclusivamente inglese e molto più raramente tedesco e francese.
 

Certamente anche nella situazione attuale, chi aveva i soldi prima, li ha anche ora!
Sono compagnie con crociere destinate ad una clientela ricca, piu’ o meno eterogenea; se spendi 40/70/100000 euro l’anno per le crociere e’ perche’ sei veramente abbiente.
Probabilmente ci sara’ anche una parte di clientela che saltuariamente, facendo una scelta di qualita’ a scapito della quantita’, se ne serve, ma sono la minoranza.
Se Ponant, Silversea, Seabourn, etc., su itinerari normali, non Expedition, possono essere alla portata di parecchie persone, le crociere Expedition sono veramente per persone abbienti.
mi trovo nel più ampio e totale accordo con ogni sillaba. la penso esattamente nella stessa identica maniera. quelle navi, quelle compagnie sono un altro mercato, un pubblico completamente diverso che, senza voler offendere nessuno, ci mancherebbe, anche quando è a terra vive una vita che non ha niente a che vedere con quella che magari vivo io o tanti altri come me.
 

Top