• Benvenuto\a sul forum di Crocieristi.it, la più grande community italiana sulle crociere.

    Prendi confidenza con il forum leggendo le discussioni presenti, o ricerca l'argomento che più ti interessa attraverso l'apposito form. Per partecipare al forum è necessario registrarsi, ovviamente la registrazione è gratuita e non obbligatoria, non registrarti se per te non è davvero utile. Per eseguire eventuali cancellazioni il tempo previsto è di una settimana.

    Ricorda che il regolamento vieta l'uso di due o più nickname differenti relativi alla stessa persona. Se nel frattempo hai cambiato l'indirizzo e-mail di registrazione contattaci attraverso questo form e specifica il tuo problema assieme alla tua username, la tua vecchia e-mail ed il tuo nuovo indirizzo.

    Hai dimenticato la password? clicca qui

    Per qualsiasi problema TECNICO puoi contattare lo Staff attraverso questo form spiegando DETTAGLIATAMENTE il tuo problema
  • Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio ed i cookie stessi.
  • Ospite, seguici anche sui social!
    Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram Seguici su YouTube

  • Ti andrebbe di condividere sui social, assieme a noi, le tue fotografie ed i tuoi video? Clicca qui!

  • Ciao Ospite e benvenuto su Crocieristi.it, siamo davvero felici di averti a bordo!

    ti invitiamo a leggere il regolamento per una migliore convivenza con gli altri utenti (clicca qui) mentre qui trovi qualche dritta sull'utilizzo del forum

    e poi... che ne dici di presentarti? Clicca qui per accedere alla sezione "il mio primo messaggio" ed apri un nuovo argomento!

Lavorare su una nave: a chi piacerebbe?

andreas

New member
Re: Lavorare su una nave: a chi piacerebbe?

subzer0 ha detto:
alla fine ho deciso di imbarcarmi.

oggi ho fatto vaccinazioni e visite varie, mercoledì ho la prova di nuoto e voga e poi attendo la matricola e il rilascio del libretto.


e poi...

dove imbarchi?
 

andreas

New member
Re: Lavorare su una nave: a chi piacerebbe?

Magellano ha detto:
andreas ha detto:
tayla_74 ha detto:
Posso parlare per me, avevo vissuto la crociera sia come crew che come pax, l'ultima crociera che ho fatto e' stata quella con Costa Serena a capodanno, e posso dire che e' molto meglio vivere la nave come crew.

immagino...
certo deve essere difficile vivere spensierati quando si sa il lavoro che c'è dietro...

non vedo l'ora di provare anche io a fare una crociera da pax :mrgreen: mangiare al buffet di mezzanotte deve essere fantastico!

Vabbè dai, diciamo mangiare subito, perchè dopo mezzora dall'orario di apertura si può... :wink:

si hai ragione, intendevo viverlo in maniera diversa... e strafogarmi senza vergogna :mrgreen:
 

Magellano

Utente livello Platinum
Re: Lavorare su una nave: a chi piacerebbe?

:wink: Questo è vero.. Però vivresti comunque una crociera completamente diversa dal semplice pax.. Da una parte apprezzi molto di più tante piccole cose, dall'altra ti accorgi di piccole mancanze o cose che non vanno che un crocierista non avrebbe modo di notare.
 

U

unochenavigaverament

Guest
Re: Lavorare su una nave: a chi piacerebbe?

nostromo ha detto:
Ricordo ancora oggi il dolore che vidi negli occhi di un Terzo ufficiale, che per tutti gli otto mesi dei Caraibi aveva parlato
del suo bambino che aveva lasciato con meno di un anno, ed arrivati finalmente a Genova lui era corso ad abbracciarlo ed il bimbo urlando non avva voluto andargli in braccio ( non lo aveva ricordato era normale ) ma lui veramente aveva sofferto.
Poi Un veccchio Capo Commisssario vicini alla pensione che mi diceva come attendeva con terrore quel giorno, non aveva amici a terra , non aveva famiglia, e, sue parole, avrebbe passato i suoi giorni passeggiando al porto a guardare le navi dove ormai era la sua vita. Ed un mio altro capo che mi diceva come non vi fosse nessuna familiarita' con suo figlio,
cresciuto con lui lontano, e come si rendesse conto che, quando era a casa, la sua presenza " disturbasse" un ritmo di vita
impostato senza di lui.
queste sono le mie paure e i miei pensieri dal primo giorno che ho messo piede su una nave, e per rendersi conto di non avere piu' amici a casa e di essere una eccezione nel contesto della routine giornaliera dei tuoi cari.........non serve arrivare alla pensione
 

T

tano

Guest
Re: Lavorare su una nave: a chi piacerebbe?

Ciao Nostromo, ciao Unochenaviga.

Sicuramente vivere lontani si diventa, meglio dire uno si sente come estraneo, ma credo che se uno ha fatto le cose con amore e con cuore, si sia coltivato bene.
Credo che per chi lavora lontano bisogna avere fortuna di trovare una buona moglie, che inculchi l´amore del padre lontano, che ci sia molto rispetto, valore di sacrificio e riconoscenza.
Anche gli amici, specialmente coloro d´infanzia o di scuola, secondo me sono quelli che ti rimangono di piú, perche con coloro hai vissuto un periodo di vita inocente.

Un saluto.
 

Yashodara

New member
Re: Lavorare su una nave: a chi piacerebbe?

tano ha detto:
Ciao Nostromo, ciao Unochenaviga.

Sicuramente vivere lontani si diventa, meglio dire uno si sente come estraneo, ma credo che se uno ha fatto le cose con amore e con cuore, si sia coltivato bene.
Credo che per chi lavora lontano bisogna avere fortuna di trovare una buona moglie, che inculchi l´amore del padre lontano, che ci sia molto rispetto, valore di sacrificio e riconoscenza.
Anche gli amici, specialmente coloro d´infanzia o di scuola, secondo me sono quelli che ti rimangono di piú, perche con coloro hai vissuto un periodo di vita inocente.

Un saluto.

Sono perfettamente d'accordo con te su tutto. È proprio così, per tutti quelli che fanno lavori che li portano a spostarsi. Lo svantaggio è essere lontani dalla famiglia, dagli amici d'infanzia, la difficoltà a trovare un partner di vita, il dover sottoporre la famiglia a periodici cambiamenti radicali. Ma anche i vantaggi sono molti!!! Secondo me dipende dal carattere, per questi tipi di vita si deve essere portati e se è il caso non si soffrirà di non poter passare tutti i Natali con genitori, fratelli, cugini e parenti. Si apprezzeranno le volte che ciò avverrà e ci si farà carico di pregi e difetti della vita che si è scelta, con la consapevolezza che probabilmente in altro modo non si sarebbe stati felici.
 

subzer0

New member
Re: Lavorare su una nave: a chi piacerebbe?

andreas ha detto:
subzer0 ha detto:
alla fine ho deciso di imbarcarmi.

oggi ho fatto vaccinazioni e visite varie, mercoledì ho la prova di nuoto e voga e poi attendo la matricola e il rilascio del libretto.


e poi...

dove imbarchi?


non sò ancora
 

pmanlio

Active member
Re: Lavorare su una nave: a chi piacerebbe?

subzer0 ha detto:
alla fine ho deciso di imbarcarmi.

oggi ho fatto vaccinazioni e visite varie, mercoledì ho la prova di nuoto e voga e poi attendo la matricola e il rilascio del libretto.


e poi...


In bocca al lupo!! Sicuramente è una scelta che ha un gran vantaggio, vedrai con i tuoi occhi, e con il tuo cuore, e non deciderai in base a cosa dette da altri!!

Buon viaggio!!

Manlio
 

danix96

New member
Re: Lavorare su una nave: a chi piacerebbe?

a me personalmente piace fare il crocierista!! :mrgreen: ma credo che mi piacerebbe lavorare su una nave... :roll:
 

subzer0

New member
Re: Lavorare su una nave: a chi piacerebbe?

non avete idea dei dubbi che mi attanagliano ora che davvero realizzo che tra 3 mesi potrei essere in mare lontano dalla mia ragazza.

ho dei momenti in cui non vedo l'ora di partire, momenti in cui l'idea di lasciarla a casa da sola a piangere per me mi seppellisce.

sono davvero in confusione.

penso che tutto sommato, sono 5 mesi, potrei provare e poi vedere se davvero è la vita che fà per me oppure no, ma se così non fosse avrei lasciato un lavoro sicuro per ritrovarmi senza occupazione.

ho bisogno dei vostri pareri...


vi ringrazio anticipatamente.
 

pmanlio

Active member
Re: Lavorare su una nave: a chi piacerebbe?

Subzer, ormai credo che ognuno ti abbia detto quello che poteva..

Non credo che basteranno pochi mesi per rovinare un rapporto d'amore (diverso è se scegli di farlo a vita), per il resto, lavoro sicuro ecc. ormai è tutto in mano tua, sei nella condizione del comandante, decidi da solo dopo aver sentito tutti..

E' triste, ma è anche un modo di crescere..

In bocca al lupo!!

Manlio
 

Rodolfo

Super Moderatore
Re: Lavorare su una nave: a chi piacerebbe?

Io credo che le sensazioni che stai vivendo sono assolutamente normali; sarebbe strano il contrario.
Da una parte gli affetti, dall'altra il desiderio di provare una cosa cui tieni. Sei nella normalità più assoluta.

Detto questo mi rendo conto delle difficoltà in cui ti dibatti e c'è una sola soluzione da prendere; decidere in un senso o nell'altro. Un po' un salto nel vuoto, ma tutto ciò fa parte delle scelte cui siamo chiamati costantemente a prendere nella vita, anche di più difficili di questa.
(Ma che la tua ragazza rimanga sola a piangere è un tuo scrupolo o una probabile realtà?)

Molto dipende dal tuo carattere e da quello che cerchi per il tuo futuro; a quanto tieni ad una possibile vita sul mare, che ti ricordo essere dura.

Io son sempre restio nel dar consigli, specialmente in queste situazioni, ma uno strappo alla regola posso farlo.

Se tu fossi mio figlio, ti consiglierei di provare. Fra qualche mese potrai dire se ne valeva la pena o meno; in quel momento avrai in mano più elementi utili per prendere una decisione definitiva. Non abbandonare l'occasione, potresti pentirtene per il futuro. E la tua ragazza deve capire ed aiutarti.
 

andreas

New member
Re: Lavorare su una nave: a chi piacerebbe?

subzer0 ha detto:
non avete idea dei dubbi che mi attanagliano ora che davvero realizzo che tra 3 mesi potrei essere in mare lontano dalla mia ragazza.

ho dei momenti in cui non vedo l'ora di partire, momenti in cui l'idea di lasciarla a casa da sola a piangere per me mi seppellisce.

sono davvero in confusione.

penso che tutto sommato, sono 5 mesi, potrei provare e poi vedere se davvero è la vita che fà per me oppure no, ma se così non fosse avrei lasciato un lavoro sicuro per ritrovarmi senza occupazione.

ho bisogno dei vostri pareri...


vi ringrazio anticipatamente.

é una scelta che stò facendo anche io in questi giorni, con la mia ragazza, siamo arrivati a decidere che farò un ultimo imbarco, e poi basta. Questo perchè abbiamo deciso che non si può vivere una relazione, fare figli, stando lontani per tutto quel tempo. Una coppia ha bisogno anche della quotidianità.

Se la relazione è matura, 4/5 mesi senza vedersi non dovrebbero logorare un rapporto, se così fosse, significherebbe che il rapporto non era abbastanza maturo.

parere personale eh...
ciao
 

Magellano

Utente livello Platinum
Re: Lavorare su una nave: a chi piacerebbe?

Entrambe le considerazioni sono verissime. Purtroppo partire su una nave è un'attrazione fortissima per chi la prova ed è difficile da spiegare. La compagna, non comprendendo, considera come un volersi distaccare da lei o uno scarso interesse il voler partire. Purtroppo vi è un'incompatibilità naturale ed imbarcarsi è per forza una forzatura. E' vero, come dite, che 4-5 mesi non alterano un rapporto maturo, anche se lo turbano e profondamente, soprattutto nelle fasi che precedono la partenza. Ma dobbiamo anche comprendere che la compagna non sa, e nemmeno noi in fondo, se si tratta veramente di 5 mesi o se sarà una vita intera. E allora tutto si complica. Il giorno in cui parti ti senti un traditore, un egoista. Ma dall'altra parte c'è il mare e c'è la nave, maledettamente attraente anche se tutti sanno che non è un paradiso ma un luogo duro, senza tempo e senza spazio. Da una parte ci sentiamo in diritto di poterlo provare, la vita è una e non avremo un'altra possibilità. Dall'altra partendo lasciamo una parte di noi. E questo vale anche per la famiglia, un padre o una madre. Dare consigli è difficilissimo, sulla bilancia ci sono pesi che si equivalgono, anche se talvolta prevale l'uno e tavolta l'altro. Tuttavia un suggerimento mi sento di darlo: se queste riflessioni si fanno alla base, prima di aver intrapreso qualunque mossa, si è a tempo a convincersi a lasciar perdere e fare una vita normale. A volte il normale lo paragoniamo alla monotonia, alla routine, alla banalità. Ma qui normale si intende vera, ampia, completa. Se invece, come nel caso di alcuni utenti che qui scrivono, ci si è già mossi, ci sieti vicini, avete già messo un piede in quella nave... Allora partite. Alla fine se quella non è la vostra vita avrete perso solo qualche mese lontano dall'amata e questo non è molto in una vita. Se invece vi prende e vi ammalarete del ferro, allora avrete intrapreso una vita diversa ma è quella giusta per voi.
 

londonian84

New member
Re: Lavorare su una nave: a chi piacerebbe?

Premetto ho letto questa discussione tutta di un fiato e nei racconti di alcuni di voi...ho rivisto me stesso, figlio di marittimo...il mio dolore, la mancanza di un padre, la mia ancora nonostante sia in pensione non accettazione della sua persona...
e ora mi ritrovo a vivere la sua stessa vita...sono riuscito a passare i colloqui per una mansione sulla nave Costa...desktop publisher...mansione che già mi hanno spiegato anche se non mi sono chiare tnt cose...
e mi trovo qui ad un lato a gioire e dall'altro ad avere paura e a farmi domande del tipo: "farò amicizie?" e "la mia vita che ne sarà"???

ma poi mi rispondo che quest'esperienza mi cambierà la vita quindi consiglio a Sub di farla e godersela....come va va!!!!

Come già ho scritto in un altra pagina, questo forum è stato importante per me e vi ringrazio molto perchè le vostre storie,i vostri racconti mi hanno aiutato a capire la cosa giusta da fare
 

Magellano

Utente livello Platinum
Re: Lavorare su una nave: a chi piacerebbe?

londonian84 ha detto:
mansione che già mi hanno spiegato anche se non mi sono chiare tnt cose...

Quali? Dove possiamo e sappiamo volentieri ti spieghiamo.. :wink:
 

londonian84

New member
Re: Lavorare su una nave: a chi piacerebbe?

Magellano...sempre così' gentile nonostante ti stia intasando il forum,...

Per ciò che riguarda la mansione, ho capito che devo fattivamente tradurre e organizzare attraverso un programma ad hoc le pubblicazioni di bordo(menù, today e foglietti vari)...solo che mi è stato parlato di 11 h lavorative...e ad essere sincero credo che tradurre e organizzare queste cose richieda meno tempo dato che in linea di massima il menù è quello e l'itinerario col programma sempre lo stesso e che quindi credo sia già salvato sul pc...

non so quindi se ha altre mansioni...se collaborerò con altre persone o lavorerò da solo...

e poi c'è tt la questione vita in nave...cabine,se la divido con altri della mia stessa mansione
orari di lavoro e di pausa,
eventualità di uscire

che per me sono un totale mistero...:) poichè questa è l'unica mansione della quale nn leggo da nessuna parte

giuro nn ti intaso più il forum:)
 

pmanlio

Active member
Re: Lavorare su una nave: a chi piacerebbe?

Londonian, a quanto ne so quella mansione è effettivamente tosta, perchè sei solo (siete tu ed il direttore di crociera) e perchè va fatto in più lingue..
Per quello che ne saccio richiede effettivamente molte ore di lavoro.
Undici forse son troppe, magari te lo hanno detto per 'spaventarti' e vedere se ci tieni davvero, ma saranno comunque, se di meno, ore impegnative..

Salutoni!
Manlio
 

londonian84

New member
Re: Lavorare su una nave: a chi piacerebbe?

Mmm Manlio speriamo tu ti sbagli..:)anche se mi sembra impossibile sia da solo...cioè io conosco inglese spagnolo e un pò di francese...e il tedesco chi lo copre???
aspetto Magellano...lui sa sempre tutto:)
 

Top