Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Il naufragio della concordia in una mostra a new york

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Il naufragio della concordia in una mostra a new york

    arte. il naufragio della concordia in una mostra a new york

    il naufragio dell'arte.

    la costa concordia, la nave da crociera affondata
    in gennaio davanti all'isola del giglio (grosseto) e arrivata sulle cronache di
    tutto il mondo, è l'oggetto di un'istallazione artistica di thomas
    hirschhorn
    esposta alla galleria gladstone di new york.

    http://jacopogiliberto.blog.ilsole24...ew-york-1.html

    (articolo in riproduzione riservata)
    "Nella nave piccola c'è la crociera buona"
    Le mie Crociere
    -
    Le mie Navi (da Crociera e non) - Le mie Escursioni e Visite libere in Crociera
    Cristian aka Dr. Pianale ### Co-Fondatore di Crocieristi.it ###

  • #2
    Immagino che per molti questo ricordo, passato così poco tempo, faccia parecchio male...

    Comment


    • #3
      Per me una pensata vergognosa,senza rispetto per nessuno......ma quale arte?

      Comment


      • #4
        Vorrei prima vedere, ma mi sa che , Sweetmartina e Mal di Mare abbiano ragione.

        Un saluto.

        Comment


        • #5
          Non vedo come lamvicenda possa assumere la forma dell'arte... Mah...
          Loredana

          ### Moderatrice del forum ###

          Tessera Associazione Crocieristi n. 119

          2008 Costa Magica, 2009 Costa Serena, 2010 Msc Splendida, 2011 RCCL Mariner OTS, 2012/2013 RCCL - Navigator OTS, 2014 Celebrity Reflection, 2014 Msc Splendida, 2015 Celebrity Reflection, 2016 Harmony OTS

          Comment


          • #6
            Che sia presto lo penso anche io..

            Originariamente Scritto da mal di mare Visualizza Messaggio
            Per me una pensata vergognosa,senza rispetto per nessuno......ma quale arte?
            Originariamente Scritto da CostaMagica Visualizza Messaggio
            Non vedo come la vicenda possa assumere la forma dell'arte... Mah...
            rispondo ad entrambe le domande con un ''Non lo so''..

            Se non ci fossero stati dei morti avrei risposto ''Si, è possibile..'' ma quei morti sono lì, ed almeno io avrei avuto i miei problemi a fare una cosa simile..

            Però vi chiedo, con il Titanic? Con il Titanic è stata fatta arte ed addirittura spettacolo, partendo da una vicenda in cui il numero dei morti parte con la cifra 'mille'..

            La differenza è che è passato del tempo..

            L'idea di base della installazione la posso capire ed anche condividere, e per una triste assurdità la nave di Farcus è forse più adatta di altre allo scopo che il tipo si è preposto, ma io non lo avrei mai fatto, anche se, da fotografo, credo che sarei stato perfettamente in grado di rappresentare quella idea..

            Un saluto
            Manlio

            Comment


            • #7
              Concordo in pieno con il pensiero di Pmanlio.

              E' presto, ma non dimentichiamo ciò che hanno fatto riguardo alla vicenda del Titanic.

              Comment


              • #8
                Originariamente Scritto da pmanlio Visualizza Messaggio
                Che sia presto lo penso anche io..





                rispondo ad entrambe le domande con un ''Non lo so''..

                Se non ci fossero stati dei morti avrei risposto ''Si, è possibile..'' ma quei morti sono lì, ed almeno io avrei avuto i miei problemi a fare una cosa simile..

                Però vi chiedo, con il Titanic? Con il Titanic è stata fatta arte ed addirittura spettacolo, partendo da una vicenda in cui il numero dei morti parte con la cifra 'mille'..

                La differenza è che è passato del tempo..

                L'idea di base della installazione la posso capire ed anche condividere, e per una triste assurdità la nave di Farcus è forse più adatta di altre allo scopo che il tipo si è preposto, ma io non lo avrei mai fatto, anche se, da fotografo, credo che sarei stato perfettamente in grado di rappresentare quella idea..

                Un saluto
                Manlio
                Manlio, comprendo bene ma fra cento anni ... forse...
                Loredana

                ### Moderatrice del forum ###

                Tessera Associazione Crocieristi n. 119

                2008 Costa Magica, 2009 Costa Serena, 2010 Msc Splendida, 2011 RCCL Mariner OTS, 2012/2013 RCCL - Navigator OTS, 2014 Celebrity Reflection, 2014 Msc Splendida, 2015 Celebrity Reflection, 2016 Harmony OTS

                Comment


                • #9
                  Originariamente Scritto da pmanlio Visualizza Messaggio
                  Che sia presto lo penso anche io..





                  rispondo ad entrambe le domande con un ''Non lo so''..

                  Se non ci fossero stati dei morti avrei risposto ''Si, è possibile..'' ma quei morti sono lì, ed almeno io avrei avuto i miei problemi a fare una cosa simile..

                  Però vi chiedo, con il Titanic? Con il Titanic è stata fatta arte ed addirittura spettacolo, partendo da una vicenda in cui il numero dei morti parte con la cifra 'mille'..

                  La differenza è che è passato del tempo..

                  L'idea di base della installazione la posso capire ed anche condividere, e per una triste assurdità la nave di Farcus è forse più adatta di altre allo scopo che il tipo si è preposto, ma io non lo avrei mai fatto, anche se, da fotografo, credo che sarei stato perfettamente in grado di rappresentare quella idea..

                  Un saluto
                  Manlio
                  Manlio, comprendo bene ma fra cento anni ... forse...
                  Loredana

                  ### Moderatrice del forum ###

                  Tessera Associazione Crocieristi n. 119

                  2008 Costa Magica, 2009 Costa Serena, 2010 Msc Splendida, 2011 RCCL Mariner OTS, 2012/2013 RCCL - Navigator OTS, 2014 Celebrity Reflection, 2014 Msc Splendida, 2015 Celebrity Reflection, 2016 Harmony OTS

                  Comment


                  • #10
                    Originariamente Scritto da pmanlio Visualizza Messaggio
                    Che sia presto lo penso anche io..





                    rispondo ad entrambe le domande con un ''Non lo so''..

                    Se non ci fossero stati dei morti avrei risposto ''Si, è possibile..'' ma quei morti sono lì, ed almeno io avrei avuto i miei problemi a fare una cosa simile..

                    Però vi chiedo, con il Titanic? Con il Titanic è stata fatta arte ed addirittura spettacolo, partendo da una vicenda in cui il numero dei morti parte con la cifra 'mille'..

                    La differenza è che è passato del tempo..

                    L'idea di base della installazione la posso capire ed anche condividere, e per una triste assurdità la nave di Farcus è forse più adatta di altre allo scopo che il tipo si è preposto, ma io non lo avrei mai fatto, anche se, da fotografo, credo che sarei stato perfettamente in grado di rappresentare quella idea..

                    Un saluto
                    Manlio
                    Manilo, sono d'accordo con te.
                    Carnival Valor 2008 Caraibi ~ Carnival Victory 2010 Caraibi ~ RCC Navigator 2011 ~ RCC Freedom 2011 Caraibi ~ RCC Splendour 2012 Grecia e Turchia ~ OASIS OF THE SEAS 2012 Caraibi ~ RCC Liberty 2013 Med. Occ. ~ Celebrity Reflection 2014 Grecia e Turchia - Costa Victoria 2018 Baleari, Italia, Spagna - Msc Seaside 2019 Caraibi

                    Comment


                    • #11
                      Mi sembra che Hirschhorn abbia voluto rappresentare il "disastro contemporaneo" e la precarietà della società moderna, che probabilmente è quasi arrivata al limite della catastrofe. Il suo messaggio è contro il mito del 'too big to fail' (troppo grande per fallire), per dimostrare al contrario che "il troppo grande" è invece destinato a fallire.
                      Da una parte pone il banale, il bello, il comodo che appaiono falsamente accoglienti ed insieme la loro lapide. E' la nostra grande società moderna, con tante persone come non ci sono mai state prima sulla terra, senza più solidi sistemi economici, etici, o religiosi, con tanti stati falliti e la progressiva distruzione degli habitat. Una civiltà dove la tecnologia e sempre più grande fino ad essere ormai "simile a un dio" ma i sentimenti e le emozioni sono tornati indietro all'età della pietra e le istituzioni al medioevo. Il pericolo che incombe è quello dell'autodistruzione. Ci sono tanti simboli in questa rappresentazione, la nave Concordia grande e bella, i libri di Marx, la riproduzione del quadro "La zattera della medusa" che rappresenta un reale naufragio passato e mette in evidenza i naufraghi, che saremo noi nel disperato tentativo di salvarci da questo inferno in cui viviamo.
                      Io credo che Hirschhorn abbia fatto bene a lanciare ora questo messaggio, sperando anzi che non sia già troppo tardi.
                      Un saluto
                      "Il mondo è un libro e quelli che non viaggiano ne leggono solo una pagina" - Sant'Agostino

                      Comment


                      • #12
                        ancora peggio dei piccioni colorati ..........

                        che tristezza.........

                        Comment


                        • #13
                          Esatto davvero che tristezza !!!!!!
                          "Il mondo è un libro e quelli che non viaggiano ne leggono solo una pagina" - Sant'Agostino

                          Comment


                          • #14
                            Premesso che non mi intendo assolutamente di arte, figuriamoci quella moderna, mi pongo alcuni interrogativi.

                            Già il titolo dato all'articolo mi pare emblematico "Il naufragio dell'arte".
                            Poi trovo termini del tutto opinabili sulla desrcrizione degli interni tipo "pareti orpellosamente decorate" oppure "mobilio mediocramente piccoloborghese" che leggendo mi pare che descrivano più un bordello che gli interni di una nave da crociera, comunque non è questo il punto.

                            L'unica foto che vedo è quella dell'artista (presumo) che raffigura un ambiente interno della nave rovesciato con giubbotti di salvataggio, piatti ecc.

                            Ora mi chiedo. Come ha fatto "l'artista" a salire sul relitto e ad entrare in quegli ambienti?
                            Non dovrebbe essere l'intero relitto interdetto? Chi lo ha autorizzato? Per quale scopo o per quale tornaconto?

                            Oppure si tratta di fotografie fatte dagli stessi operatrori, soccorritori, addetti al recupero?
                            In questo caso sarebbe solo una mostra fotografica di immagini non sue ed allestita in un certo modo

                            Mah, rimango perplesso in ogni caso

                            Comment


                            • #15
                              Il solo nominare la Concordia si capisce fa male a tutti e fa tornare alla mente brutti momenti e si può certamente discutere sull’opportunità di aver scelto la Concordia come simbolo e come titolo dell’allestimento artistico di cui si parla.
                              Ciò che ne risulta è che per il tipo di messaggio che voleva lanciare l’artista, posso anche dirti “purtroppo”, forse la Concordia era il simbolo più adatto. Lui stesso dice che avrebbe potuto rappresentare una catastrofe naturale, uno tsunami, ma non avrebbe avuto lo stesso significato, perché è l’uomo e non la natura che sta distruggendo la nostra società.
                              I termini a cui ti riferisci naufragio dell’arte, pareti orpellosamente decorate, mobilio mediocramente piccolo borghese sono stati coniati dai critici d’arte per descrivere l’allestimento, ma c’è un perché.
                              In due righe … l’autore ha voluto rappresentare con la metafora Concordia anche il naufragio dell’arte, un mondo dove le gallerie, le mostre, le biennali sono sempre più sfarzose, mentre lo spazio per gli artisti è sempre più piccolo, siamo in un mondo alla rovescia (qui la metafora della concordia rovesciata) dove l’arte è guidata dal sistema, dall’economia, dalla contrattazione invece che dagli artisti.
                              L’autore nell’allestimento usa materiali che diano il senso dell’eccesso, “orpellosamente decorate” e del borghese con la sua apparente e fuorviante bellezza, ai quali aggiunge in contrapposizione i libri di Marx, per rappresentare il “bordello” che è oggi la nostra società, un mondo alla rovescia.
                              Per il resto, della Concordia non c’è nulla di materiale ( è stata utilizzata come simbolo e per dare il titolo all’allestimento), le foto sono sempre quelle dell’allestimento creato da Hirschhorn e probabilmente le persone fotografate sono semplici visitatori della mostra.
                              Ti posso anche aggiungere che l’artista è rimasto molto colpito dalla frase di De Falco “ vada a bordo c….” , che ha interpretato come l’ordine dato a tutti noi uomini di risalire e rimanere sulla nave, di stare cioè forzatamente dentro questa società che si avvia alla distruzione …...senza nessuna possibilità di fuga.
                              La tristezza è tanta, per la Concordia, per il nostro mondo, per il tipo di uomini che siamo diventati
                              Questo è quanto, ognuno a questo punto è poi libero di apprezzarla o meno, ma temo che non abbia nulla a che vedere con i piccioni colorati di Venezia.
                              Un saluto
                              "Il mondo è un libro e quelli che non viaggiano ne leggono solo una pagina" - Sant'Agostino

                              Comment

                              Working...
                              X