Advertising home TOP

Collapse

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Niente ripartenza per le crociere di Ponant in Nuova Zelanda.

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Niente ripartenza per le crociere di Ponant in Nuova Zelanda.

    30 Gennaio 2021.


    - La Nuova Zelanda respinge i marittimi stranieri, niente ripartenza per le crociere Ponant.


    Wellington - Stop imprevisto, per la compagnia francese Ponant , che aveva pianificato la ripresa delle crociere in Nuova Zelanda per l'8 febbraio con itinerari riservati a cittadini neozelandesi.
    Le autorità locali hanno impedito l'ingresso nel Paese a diversi lavoratori assunti da Ponant, ufficialmente per problemi legati al mancato rispetto sulle leggi dell'immigrazione.

    Un 'accusa pesante, immediatamente contestata dalla New Zeland Cruise Association. Resta il fatto che, senza una parte dell'equipaggio e nell'ovvia impossibilità di sostituire in pochi giorni i marittimi rifiutati dalle autorità con personale neozelandese, per Ponant la ripresa dell'attività è tecnicamente impossibile.

    Si tratta solo dell'ultimo episodio in ordine di tempo che colpisce il settore cruise dall'inizio della pandemia. Responsabilità delle compagnie a parte, è del tutto evidente che l'assenza di regole comuni e di accordi internazionali sui protocolli anti-Covid e sulla gestione degli equipaggi rischia di trasformare il 2021 in un altro anno da incubo per l'industria crocieristica.







    fonte: https://www.shipmag.it/la-nuova-zela...ociere-ponant/
    Oriana

    ### Moderatrice del forum ###

    " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

  • #2
    Un articolo di Crew Center che approfondisce e forse chiarisce un po' di più cosa ci sia dietro il provvedimento e su che basi "assurde" si basa il rifiuto delle Autorità.
    Per chi lo vuol leggere.

    http://crew-center.com/new-zealand-t...e-ship-workers
    a Zelanda sta cercando di accettare un lavoro come equipaggio dopo aver bandito i lavoratori stranieri delle navi da crociera?

    4 febbraio 2021
    Il destino dell'equipaggio a bordo della nave da crociera Ponant Le Laperouse, che proviene da diversi paesi, rimane molto incerto dopo che le autorità neozelandesi per l'immigrazione hanno negato loro il visto d'ingresso. Le Laperouse avrebbe dovuto iniziare la prima delle sette crociere previste da Auckland l'8 febbraio, dopo aver ricevuto il permesso dal Ministero della Salute neozelandese di operare nelle acque neozelandesi, solo per i kiwi. Il problema è sorto una settimana fa quando la nave è arrivata al largo delle coste della Nuova Zelanda e l'Immigration NZ ha negato i visti a 61 dei 90 membri dell'equipaggio, in quanto non classificati come “equipaggio essenziale” che lavorava nei reparti alberghieri della nave.

    Come riportano i media locali, le autorità per l'immigrazione hanno negato i visti ai membri dell'equipaggio, la maggior parte dei quali provenienti dall'Indonesia e dalle Filippine che lavorano nel dipartimento alberghiero, sulla base del fatto che non sono essenziali per le crociere. Tuttavia, poiché la nave doveva iniziare i viaggi con ospiti a capacità ridotta, questi equipaggi sono necessari per servire i passeggeri e svolgere i loro compiti regolari. Quindi in questo caso non si applica la regola dell'unico equipaggio essenziale che naviga su una nave con ospiti. Non è fisicamente possibile e non ha senso, ad esempio, il capitano o l'ingegnere capo cucinare e servire i pasti ai passeggeri durante la guida della nave.

    Ponant è ben noto al mercato neozelandese con partenze regolari negli ultimi sette anni, quindi la compagnia ha familiarità con le regole e le normative di questo paese. Ponant ha affermato che il manifesto dell'equipaggio e tutte le richieste necessarie sono state inviate alle autorità neozelandesi l'8 gennaio, come è consuetudine e come è sempre stato fatto in passato. Il 27 gennaio la compagnia è stata informata che le domande di visto per gli ufficiali del dipartimento alberghiero e l'equipaggio di Le Laperouse non erano considerate critiche per l'ingresso della nave in Nuova Zelanda e le domande sono state rifiutate.
    Allora cosa c'è dietro l'errata interpretazione del termine "equipaggio essenziale" da parte dell'Immigrazioneneozelandesee del Ministero della Salute e della stessa Ponant Cruises? Si tratta solo di un errore amministrativo di cui l'operatore di crociera e l'equipaggio sopporteranno le conseguenze e le perdite finanziarie? Le risposte a queste domande potremmo non sapere mai.
    Ciò che sorprende sono le reazioni scioccanti e le possibili "soluzioni al problema" da parte dell'Unione marittima della Nuova Zelanda (MUNZ), The Merchant Service Guild (MSG), così come altri leader sindacali in questo paese.
    Il segretario assistente Craig Harrison MUNZ ha applaudito il divieto del governo affermando che i posti di lavoro sulle navi da crociera avrebbero dovuto essere riservati ai "giovani neozelandesi che stanno lottando per ottenere posizioni". Ha esortato il Ponant ad arruolare il sindacato per agire essenzialmente come un'agenzia di reclutamento e trovare personale locale per sostituire i 61 membri dell'equipaggio straniero.
    La NZ Merchant Service Guild Industrial Union of Workers (MSG) ha avanzato una proposta che l'intero equipaggio di Le Lapérouse, compreso il 29 equipaggio essenziale che è stato approvato per i visti, dovrebbe essere sostituito da neozelandesi. In un tra le due guerre il vicepresidente di MSG Ian McLeod ha detto a Radio NZ che "l'equipaggio non residente può rimanere a bordo per un paio di settimane per addestrare i neozelandesi" e poi tornare a casa. Tutte le navi dovrebbero "utilizzare persone neozelandesi con equipaggi neozelandesi", ha concluso Ian McLeod.
    La Nuova Zelanda è così disperata da prendere questi 61 posti di lavoro dall'equipaggio dei paesi in via di sviluppo e darli ai loro cittadini? All'equipaggio che ha un disperato bisogno di questi lavori per sfamare le proprie famiglie viene impedito di guadagnarsi da vivere unicamente a causa della propria nazionalità.
    I sindacati hanno il diritto di lottare per i diritti dei propri lavoratori, ma non è questo il modo per farlo. I lavoratori migranti non sono responsabili della disoccupazione, che è aumentata vertiginosamente in Nuova Zelanda come in tutti i paesi, tra la pandemia Covid-19 e la peggiore crisi economica.
    All'inizio di questa settimana, il notiziario "Stuff" di News Zealand ha rilasciato un'intervista con Sarina Bratton, presidente di Ponant per l'Asia del Pacifico, che ha affermato che la compagnia di crociere stava cercando di assumere altri 20 Kiwi per soddisfare i requisiti di immigrazione, ma la maggior parte di quelli con esperienza marittima lo era già lavorando su superyacht per l'America's Cup. Bratton ha detto che Ponant stava ancora parlando con le autorità dell'immigrazione per ottenere i visti per 41 membri dell'equipaggio, tuttavia, se vengono rifiutati, l'intera stagione di crociere verrà annullata.









    Chi va per mare naviga, chi sta a terra giudica.

    Rodolfo
    ### Moderatore Globale ###

    Comment


    • #3
      Articolo chiarissimo, ora si spiega tutto.
      Grazie Rodolfo.
      Oriana

      ### Moderatrice del forum ###

      " Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà."

      Comment

      Working...
      X