Advertising home TOP

Collapse

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Costa Deliziosa - Mare, sole e sorrisi - novembre 2015

Collapse
This topic is closed.
X
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • #16
    Lunedì 16 novembre, Trieste



    Ci sveglia una luce grigia, spenta, nessun’ alba rosata a rischiarare il cielo.
    Sono le ore 7, siamo già entrati in porto a Trieste

    ingresso a Trieste by luciana lu, su Flickr


    L’inevitabile malinconia per la crociera ormai giunta al termine e l’angoscia che evocano le immagini di Parigi che passano in tv sembrano concretizzarsi in questo cielo plumbeo, cupo, pesante.

    Durante la colazione, le chiacchiere con accento napoletano di una simpatica coppia conosciuta nei giorni scorsi mi fa tornare il buonumore.
    Scendiamo con il preciso programma di scoprire a piedi il centro di Trieste (abbiamo deciso che San Giusto e il Castello di Miramare li visiteremo una prossima volta).

    La città di Trieste appartiene ai miei ricordi di ragazzina, mio nonno materno la adorava, mi raccontava aneddoti vissuti in quella città, me la descriveva come una signora di grande fascino e di grande bellezza, con un allure d’altri tempi.
    Mi parlava di poeti e scrittori che sedevano nei suoi caffè storici, ricordo che cercammo sul vocabolario la definizione di “mitteleuropa”…..e chi se la dimentica più.
    Bene, ora questa signora è qui davanti a me e io immagino mio nonno, vestito di tutto punto con camicia bianca e gemelli e guanti e il suo inseparabile borsalino (ne aveva per tutte le stagioni), prendermi per mano e portarmi a passeggio.

    il palazzo Modello oggi palazzo del Municipio - Piazza Unità d'Italia by luciana lu, su Flickr

    Anche il cielo comincia ad aprirsi, sembra farmi l’occhietto

    il palazzo Modello oggi palazzo del Municipio by luciana lu, su Flickr


    Si può essere felici e malinconici allo stesso tempo? Io sì, posso

    Siamo in Piazza Unità d’Italia, una delle più grandi piazze d’Europa ad affacciarsi sul mare

    Piazza Unità d'Italia, Trieste by luciana lu, su Flickr


    Eleganti palazzi la contornano: il palazzo della compagnia di navigazione Lloyd Austriaco di Navigazione, poi Lloyd Triestino ed ora sede della Regione

    il palazzo della compagnia di navigazione Lloyd Austriaco di Navigazione, poi Lloyd Triestino, ed ora sede della Regione - Piazza Unità d'Italia by luciana lu, su Flickr


    Di fronte al lato aperto sul mare, Palazzo Modello sede del Comune

    palazzo del Municipio - Piazza Unità d'Italia by luciana lu, su Flickr

    palazzo del Municipio by luciana lu, su Flickr


    Questa è la Fontana dei Quattro Continenti


    Fontana dei Quattro Continenti (1751) by luciana lu, su Flickr

    Il mondo è rappresentato da quattro statue che richiamano i tratti delle persone che vivevano nei continenti allora conosciuti (Europa, Asia, Africa e America). Sulla sommità della fontana è presente una figura femminile alata e a braccia aperte che rappresenta Trieste.

    Giriamo a sinistra e arriviamo in Piazza della Borsa dove si trova il palazzo della Camera di Commercio e la fontana del Nettuno


    Piazza della Borsa , Trieste by luciana lu, su Flickr


    percorriamo l’elegante Galleria del Tergesteo con una copertura a intelaiatura metallica a sesto acuto

    Galleria Tergesteo (183. by luciana lu, su Flickr

    Galleria Tergesteo by luciana lu, su Flickr


    La piazza conserva l’edificio della Vecchia Borsa

    Vecchia Borsa , Trieste by luciana lu, su Flickr


    e altri bei palazzi

    particolari by luciana lu, su Flickr


    Su alcune facciate campeggiano rivendicazioni politico-territoriali

    Trieste libera by luciana lu, su Flickr

    Piazza della Borsa by luciana lu, su Flickr

    Svoltiamo verso il mare, siamo in Riva Tre Novembre

    Riva Tre Novembre, Trieste by luciana lu, su Flickr

    Riva Tre Novembre, segni del tempo by luciana lu, su Flickr


    Vi dice qualcosa?

    Riva Tre Novembre,Fincantieri by luciana lu, su Flickr


    A metà strada tra il Canal Grande e Piazza Unità, c’è la Chiesa Greco Ortodossa di San Nicolò, costruita a fine Settecento proprio in riva al mare perché allora Trieste era un porto importante per i traffici marittimi e vi approdavano molti commercianti greci.
    Entriamo, un ragazzo ci accoglie e ci dà il permesso di fotografare

    interno della Chiesa Ortodossa di S. Nicolò1 by luciana lu, su Flickr


    La chiesa è un tripudio di oro e di bellissime icone, di candelabri e affreschi

    interno della Chiesa Ortodossa di S. Nicolò2 by luciana lu, su Flickr

    interno della Chiesa Ortodossa di S. Nicolò3 by luciana lu, su Flickr


    Mi permetto qualche domanda a questo giovane di poche parole ma cortese, risponde senza farsi troppo pregare: ci spiega che è a navata unica con un bellissimo pavimento in nero e bianco.
    Ci fa notare le due balconate, una per le donne e una per il coro.

    interno della Chiesa Ortodossa di S. Nicolò4 by luciana lu, su Flickr

    interno della Chiesa Ortodossa di S. Nicolò5 by luciana lu, su Flickr
    La trovo bellissima!
    E’ stato gentilissimo, lo ringraziamo e usciamo.

    Proseguiamo fino al Canal Grande, è navigabile anche se oggi l’acqua arriva fin quasi all’arcata dei ponti

    Canal Grande, Trieste by luciana lu, su Flickr


    Ci troviamo nel cuore del Borgo Teresiano, in pieno centro città

    Canal Grande, palazzi by luciana lu, su Flickr


    Mi perdo ad osservare e fotografare i riflessi


    Canal Grande,riflessi by luciana lu, su Flickr

    Canal Grande, riva sinistra by luciana lu, su Flickr


    I colori sembrano usciti dalla tavolozza di un pittore


    disegni sull'acqua by luciana lu, su Flickr

    riflessi by luciana lu, su Flickr


    Alla fine del canale si trova la piazza con la Chiesa di S. Antonio di Padova

    interno della Chiesa di S. Antonio by luciana lu, su Flickr

    Chiesa di S. Antonio, Trieste by luciana lu, su Flickr


    Proprio davanti stanno finendo di allestire il mercatino natalizio

    Trieste, mercatino di Natale by luciana lu, su Flickr


    Pochi passi e arriviamo alla Chiesa Serbortodossa di San Spiridione

    Chiesa Ortodossa di S. Spiridione by luciana lu, su Flickr

    interno della Chiesa Ortodossa di S. Spiridione4 by luciana lu, su Flickr


    Qui troviamo diversi fedeli, per cui cerchiamo di non disturbare.
    Notiamo che tutti pregano partendo dall’accensione di sottili e lunghe candele, ci spiegano che sono per le anime dei defunti.

    interno della Chiesa Ortodossa di S. Spiridione by luciana lu, su Flickr


    Anche questa chiesa ha un interno riccamente decorato, modanature in oro e candelabri in argento massiccio, icone e lampadari enormi

    interno della Chiesa Ortodossa di S. Spiridione1 by luciana lu, su Flickr

    interno della Chiesa Ortodossa di S. Spiridione3 by luciana lu, su Flickr


    sul soffitto a cupola spicca un magnifico colore azzurro

    interno della Chiesa Ortodossa di S. Spiridione2 by luciana lu, su Flickr


    Siamo affascinati da ciò che stiamo scoprendo e, anche oggi, preferiamo vedere “poco” ma osservare e “gustare” a lungo….

    Facciamo una passeggiata nelle vie del centro, pulite, ordinate, piene di bei negozi, oggi perfino gli odiati piccioni sembrano darmi meno fastidio del solito.
    Ritorniamo in piazza Unità d’Italia, in un angolo sono state accesi dei lumini in memoria delle vittime di Parigi

    Piazza Unità d'Italia,omaggio alle vittime di Parigi by luciana lu, su Flickr

    .....senza parole.... by luciana lu, su Flickr


    E’ uscito un bel sole come a volerci ricordare che la vita continua, che abbiamo il dovere di andare avanti nonostante nel mondo accadano fatti di una violenza inaudita…

    Costa Deliziosa da Piazza Unità d'Italia by luciana lu, su Flickr

    Palazzo del Governo - Piazza Unità d'Italia by luciana lu, su Flickr

    Palazzo del Governo by luciana lu, su Flickr


    Come intimo, silenzioso omaggio al mio adorato nonno, entriamo nel Caffe degli Specchi, al pianterreno di Palazzo Stratti.

    Caffè degli Specchi, un storico caffè triestino in Piazza Unità d'Italia by luciana lu, su Flickr

    interno del Caffè degli Specchi by luciana lu, su Flickr


    E’uno degli storici caffè della città: inaugurato nel 1839, era frequentato da artisti e scrittori quali Joyce, Svevo e Kafka.
    Durante la Seconda Guerra Mondiale, il caffé venne requisito dalle forze militari e adibito ad alloggio per truppe, magazzino e stalla. Nel 1945 gli angloamericani lo utilizzarono come quartier generale per la marina britannica: fino al 1954, anno in cui Trieste venne annessa all’Italia, il caffé permetteva l’ingresso ai triestini solamente accompagnati da militari britannici.

    interno del Caffè degli Specchi, uno storico caffè triestino in Piazza Unità d'Italia by luciana lu, su Flickr


    Ordiniamo degli aperitivi (si è aggiunta a noi una coppia di amici crocieristi), il tipico spritz, caffè e vari stuzzichini


    interno del Caffè degli Specchi, piccolo aperitivo by luciana lu, su Flickr


    Il locale è bellissimo, si sta tanto bene che ordiniamo ancora qualche sfiziosità fino a farlo diventare un mini-pranzo.
    Rientriamo al porto, passando sotto una galleria noto che sul soffitto pendono dei falchi finti, ad alta voce mi chiedo se funzionino e allontanino i piccioni.

    ingresso per l'imbarco,scacciapiccioni by luciana lu, su Flickr


    Alle mie spalle sopraggiunge un funzionario del porto che subito risponde :”per niente!”
    Si presenta, ci dà il benvenuto nella sua Trieste, si dice felice dell’opportunità di questo scalo inaspettato da parte di Costa (la settimana scorsa per gli stessi motivi era in porto Mediterranea), ci chiede se la città ci sia piaciuta, ci spiega che vogliono fare di tutto per dare ai crocieristi la migliore delle accoglienze…..proprio come a Spalato, mi sussurra Stelvio.

    Il pomeriggio trascorre tra valigie da preparare, messaggi e telefonate in cui ci chiedono come sia stata la crociera, un magnifico tramonto che mi godo senza poterlo fotografare (ero appunto al telefono), uno spuntino al buffet, un ultimo acquisto nei negozi di bordo.
    Arriva l’ora di cena, ci ritroviamo in pizzeria con Manlio e Laura che si sono imbarcati oggi.
    Trascorriamo un paio d’ore chiacchierando di navi e crociere, la serata finisce presto perché sono stanchissimi dal lungo viaggio; noi andiamo a salutare e ringraziare i nostri amici musicisti e poi a nanna, domani si sbarca.





    Continua…..
    Luciana

    Di fronte al mare la felicità è un’idea semplice. (J. C. Izzo)

    Comment


    • #17
      Martedì 17 novembre, Bari (sbarco)



      Mi sveglio, come al solito, piuttosto presto, stamattina sbarchiamo, dobbiamo lasciare la cabina alle 9.30 anche se l’arrivo in porto a Bari è previsto alle 13.30.
      Il cielo è grigio, come il mio umore…..la vacanza è finita, si tornerà presto alla routine quotidiana, un po’ di malinconia è inevitabile.

      nuvole by luciana lu, su Flickr


      A colazione salutiamo e ringraziamo i camerieri, soprattutto il mio giovane amico “di pugno”che stamattina decide di abbracciarmi…..ecco in cosa consiste la forza di Costa, a bordo ti fanno sentire coccolato, i sorrisi da parte del personale si sprecano e pure i ringraziamenti, anche se mi stupisco, siamo noi che li ringraziamo per averci permesso di vivere 12 giorni splendidi.
      Salutiamo il cabinista, un ragazzo che ha fatto più del suo dovere, si è dimostrato solerte ed efficiente prevenendo ogni nostro bisogno.

      Mi affaccio sul balcone a salutare il mare, il mio rito di sempre

      in navigazione verso Bari by luciana lu, su Flickr

      ciao, mare by luciana lu, su Flickr


      Proviamo a chiamare Manlio, ma non lo troviamo in cabina, pensiamo (erroneamente!) che ci incontreremo senz’altro in giro per la nave.
      Lasciamo i bagagli a mano in discoteca

      Discoteca Sharazad by luciana lu, su Flickr

      Discoteca Sharazad1 by luciana lu, su Flickr


      e facciamo una passeggiata tra i vari saloni

      Lounge Bar Alcazar by luciana lu, su Flickr

      Lounge Bar Alcazar... by luciana lu, su Flickr

      ristorante Samsara by luciana lu, su Flickr

      la Cappella by luciana lu, su Flickr

      Squok Club by luciana lu, su Flickr

      galleria negozi by luciana lu, su Flickr

      Costa Deliziosa, foto d'epoca by luciana lu, su Flickr


      Come ho già detto, questa su Deliziosa è stata per noi la terza volta, foto agli interni non ne ho scattate moltissime.

      Grand Bar Mirabilis by luciana lu, su Flickr

      Grand Bar Mirabilis..... by luciana lu, su Flickr

      Grand Bar Mirabilis, colori by luciana lu, su Flickr


      Incontriamo i signori di Isernia, ci invitano a sederci con loro a far due chiacchiere, il tempo passa piacevolmente e di Manlio e Laura neanche l’ombra.
      Ogni tanto provo a telefonare sia in cabina che al cellulare, ma non prende.
      Purtroppo dobbiamo rinunciare a un’ultima passeggiata sui ponti esterni perché Stelvio ha un po’ di raffreddore, non vorrei farlo ammalare e averlo sulla coscienza
      Le ore trascorrono veloci, ci affacciamo al buffet, anche se non ho voglia di assaggiare nulla.

      Risorante Buffet Muscadins by luciana lu, su Flickr


      E’ giunta l’ora di recarci in teatro per lo sbarco, finalmente riesco a sentire Manlio al cellulare…..incredibilmente siamo sulla stessa nave e non siamo riusciti a incrociarci!
      Purtroppo, col senno di poi, abbiamo sbagliato a non darci appuntamento la sera prima con un orario e un luogo ben precisi.

      E’ arrivato il momento di sbarcare……ciao, Deliziosa!

      Costa Deliziosa by luciana lu, su Flickr



      A questo punto accade qualcosa che mi ha colpita e lasciata piacevolmente stupefatta.
      Come ho raccontato all’inizio del diario, all’imbarco avevamo conosciuto due ragazzini, Alessia e Matteo, ci avevano colpiti per la loro educazione, dolcissimi e con un modo di sorridere da allargarti il cuore.
      Li abbiamo incontrati diverse volte in giro per la nave e poi al teatro in attesa di sbarcare.
      Baci e abbracci. E già qui ho commentato con Stelvio che non li avremmo dimenticati facilmente.
      Sbarchiamo, recuperiamo le valigie e saliamo sulla navetta del parcheggio che è venuta a prenderci.
      Matteo mi chiama e tutto timido mi chiede se possiamo rimanere in contatto, la madre mi dice che prima non aveva trovato il coraggio di farlo: sono così carini, teneri, ma certo che mi fa piacere restare in contatto!
      Loro hanno lasciato la macchina nello stesso parcheggio, andiamo tutti insieme.
      Alessia è malinconica per la fine della crociera, cerco alcuni gadget che avevo portato con me per ricordo e glieli regalo.
      Si commuovono, il ragazzino mi abbraccia piangendo seguito dalla sorellina e dalla mamma.
      Ho provato a resistere, ma mi commuovo anche io.
      Finale perfetto di una crociera che ci ha regalato tante emozioni e tanti incontri da custodire nel cuore.





      FINE
      Luciana

      Di fronte al mare la felicità è un’idea semplice. (J. C. Izzo)

      Comment

      Working...
      X