Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Quebec City

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Quebec City

    Sto raccogliendo informazioni sullo scalo di Quebec City in Canada per la transatlantica del prossimo 16 settembre con Costa Atlantica.
    Mi sono fatto una panoramica d'insieme su alcuni siti:
    http://www.quebecregion.com/e/
    http://www.quebecweb.com/TOURISME/quebe ... roang.html
    http://www.quebec-travelguide.com/
    http://www.bonjourquebec.com/qc-en/villesquebec0.html
    http://www.capitaleculture.com/e/index.asp
    http://www.smq.qc.ca/mtd/
    Ogni suggerimento o informazione è benvenuto!
    Grazie
    Roberto

  • #2
    Re: Quebec City

    Io ci sono stato molti anni fa. La città è molto bella e piccola. Tutte le attrattive si trovano intorno allo Chateaux Frontenac, simbolo dela città, e molto vicine a dove attraccherà la nave, per cui a piedi si arriva dovunque ed in breve tempo. Da non perdere una serata a cena in uno dei locali intorno a Place Royal, di fronte al Frontenac.
    Ciao
    Maurizio
    Co-fondatore di Crocieristi.it

    Comment


    • #3
      Re: Quebec City

      Quebec è una bella cittadina, il cui centro storico è molto piccolo. Per la visita della città consiglio il fai da te: il molo di attracco è molto vicino al centro, proprio ai piedi dello Chateau Frontenac che si raggiunge a piedi in 10 minuti dalla nave. Attenzione però: le operazioni di imbarco e sbarco nave vengono effettuate in un altro molo, piu distante dal centro e dove ci sono le strutture per i controlli delle autorità locali e per lo sbarco/imbarco dei bagagli; in ogni caso, anche questo secondo molo non è così distante, e si può comunque raggiungere il centro facendo una passeggiata (non brevissima in verità) o al limite prendendo un taxi.
      Per quanto riguarda le escursioni organizzate, io ho fatto: 4402 - La campagna del Quebec, con la visita dei boscosi dintorni della città con gli spettacolari colori del foliage, la visita alle cascate di Montmorency (con incluso caffè e dolce presso un albergo vicino alla cascata: non male tra l'altro...), un giro all'Ile d'Orleans con dimostrazione di come viene prodotto lo sciroppo d'acero. Belli i panorami, abbastanza interessanti le visite, ma nulla più.
      Sconsiglio invece l'escursione a Montreal, meglio rimanere a visitare Quebec, che è molto più carina con le sue atmosfere europee.
      Roberto

      Comment


      • #4
        Re: Quebec City

        le cascate meritano la visita????? in quanto al fogliage più di tutto vedremo il fiorage....ah ah ah
        visto che sarà primavera
        1988 "La Palma" , 1997 Costa Marina, 2004 Costa Victoria,2005- 2006 Costa Fortuna
        2007 Costa Classica, 2008 Costa Concordia, 2009 Costa Marina, 2010 Costa Atlantica, 2012 2014 Costa Fascinosa, 2015 Costa Fortuna, 2016 Costa NeoClassica

        Comment


        • #5
          Re: Quebec City

          Riporto in versione Light rispetto a tutto il Diario) il resoconto dei nostri giorni a Quebec.

          "Quello che colpisce subito è il fascino da vecchio continente, ogni via si rende testimone della difficile sopravvivenza del Canada francese nel Canada britannico, una enclave francofona dove il 90 % dei 7 milioni e mezzo di abitanti vive a non più di 100 chilometri dalle coste e rivendica il titolo di città più europea del continente. Dal 1985 l’intero quartiere della città vecchia è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, essendo l’unico centro storico cinto da mura sul territorio del Nordamerica. Nel 1535 Jacques Cartier risalendo il fiume si imbattè in un villaggio urone chiamato Stradacona sulle rive di quello che gli amerindi chiamavano il “fiume che cammina”, ma le origini della prima colonia vengono datate 1608, quando Samuel de Champlain fondò l’insediamento francese chiamandolo appunto Québec riprendendo il termine algonchino “kébec” - dove il fiume si restringe - diventando il punto di riferimento della Nuova Francia. All’altezza di Quebec la percentuale delle acque salate è solo del 2% mentre verso l’estuario, dove la distanza fra le sponde raggiunge i 100 chilometri ha la stessa percentuale dell’oceano. La storia successiva all’approdo di Champlain, vede una serie di contese, a volte cruente tra Francia e Corona britannica per il dominio del territorio, concluse nel 1763 quando il Canada francese fu consegnato al Regno Unito e nel 1867 quando il Basso Canada fu unito alla Confederazione canadese. Le tradizioni sono comunque rimaste vive in questo territorio, anche se i movimenti separatisti non hanno mai avuto seguito sulla totalità della popolazione. Un elemento particolare della provincia del Quebec è la frase “Je me souviens” io mi ricordo, presente nello stemma provinciale, di fronte a molti ingressi di edifici istituzionali ed in tutte le targhe automobilistiche, per sottolineare sia l’emarginazione subita dalla popolazione francese, sia la coscienza della proprie origini.
          I Québecois rispetto agli altri canadesi sono più allegri, tolleranti, permissivi e liberali, amano la vita, aspirano alla felicità piuttosto che una vita improntata sul lavoro, amano l’amore, bevono più del canadese medio, tengono i bar aperti più a lungo, lavorano meno degli altri canadesi e dormono di più, sono più assenteisti sul lavoro e le ragioni sono per lo più legate all’attività sessuale!! Quasi quasi chiediamo asilo politico!
          La città è divisa in una parte alta sulla sommità di Cap Diamant , dominata dalla Citadelle, dallo Chateau Frontenac e dalla Terracce Dufferin che si affaccia sul fiume, ed una bassa caratterizzata dal vecchio porto e dalla zona commerciale di Place Royal e delle vie intorno. Nel 2008 in occasione dei 400 anni dalla fondazione, la città si è rifatta il maquillage e si presenta nella sua veste migliore!
          La città bassa ha come fulcro la Place Royal e la rue Petit Champlain ed i suggestivi vicoletti, pieni di negozi caratteristici, ristoranti intimi e dei soliti negozi di souvenir. Decidiamo di seguire le indicazioni della guida turistica piuttosto indipendente, tralasciando la piccola funicolare (per i pigri e gli anziani) che collega la città bassa alla Terrasse e ci “arrampichiamo” nella città alta, attraverso la scorciatoia della Escalier Casse- Cou ovvero “Scala scavezzacollo”, affidando la nostra fame ai sapori de “Aux Anciens Canadien”. Il locale occupa un edificio del 1676 chiamato Jacquet House, acquistata nel 1800 dallo scrittore Philippe de Gaspè, autore del romanzo di cui il ristorante porta ancora il nome. Il locale ha mantenuto la disposizione originaria con varie salette dall’atmosfera intima. Menù attento alla tradizione di campagna con specialità del Québec, fra le quali la Putine a base di patate e formaggio saporito ed i dolci a base di sciroppo d’acero.
          La mattina seguente il tempo non promette bene, si alternano nubi minacciose e relativa pioggia a brevi schiarite, ma noleggiamo un auto per visitare i dintorni di Québec . Non è necessario avere la patente internazionale.
          Decidiamo di addentrarci all’interno della regione seguendo lo storico “Chemin du Roy”. Non è poi così facile uscire dalla città e prendendo un’uscita stradale per un’altra ci ritroviamo fuori dai rumori cittadini in una dimensione rurale da favola. Abbiamo sbagliato strada ma questo percorso è bellissimo! Piccole fattorie ed immense distese d’erba interrotte da abetaie e da alberi dai toni caldi autunnali si susseguono, quindi ci lasciamo trasportare lungo questo itinerario, e ci emozioniamo come bambini quando vediamo numerosi piccoli stand lungo la carreggiata con zucche di ogni ordine di grandezza in vendita. Solo dopo più di un’ora torniamo sui nostri passi!!!
          Torniamo a Neuville, lungo lo Chemin, progettato come strada di collegamento lungo il fiume fra Quèbec e Montreal, il “fratello terrestre” del fiume San Lorenzo e completato nel 1731 dopo 7 anni di lavoro, per una lunghezza di 280 chilometri. A percorrerlo sono stati viaggiatori, militari, coloni del Nuovo Mondo, attraverso diligenze, calessi, carretti, quando da Québec a Montreal il percorso poteva durare da quattro ai sei giorni. Attualmente la strada rotabile segue la gran parte dell’antica traccia. Proprio a Neuville la prima sorpresa: passeggiamo fra vecchie dimore in pietra calcarea e legno, classificate monumenti storici, che si susseguono lungo la via degli aceri arrossati dall’autunno e personalizzate dai proprietari per l’imminente ricorrenza di Halloween. Il freddo e la fame prendono il sopravvento e lungo il percorso ci fermiamo in un delizioso bistro a Deshambault con soupe a l’onion e degustazione di formaggi e birre. Non siamo mai sazi di questa natura e nonostante nuvole basse, proseguiamo fino a Trois-Rivières una delle più antiche città del Nord America, purtroppo devastata da un incendio nel 1908. Visitiamo la svettante cattedrale dell’Assunzione in stile neogotico con vetrate fiorentine e decidiamo di rientrate in città .
          La mattina seguente per tutti i crocieristi sono in programma numerose escursioni, da quelle per i più pigri a percorsi di rafting, ma come terzo giorno a Quebec ci orientiamo molto bene da soli! La Costa “offre” le navette per il centro città a 6 euro. In realtà la passeggiata può essere fatta benissimo a piedi lungo un boulevard poco trafficato, pianeggiante e con un largo marciapiede da dividere con i ciclisti, ma per sfruttare meglio il tempo decidiamo per un taxi fino a Place Royal il cuore della città bassa, denominazione usata oggi per l’intero quartiere.
          Sulla piazza lastricata si affaccia la chiesa di Notre-Dame-des-Victoires e numerose case in pietra. Risalendo verso la città alta alcuni muri sono dipinti con giochi di trompe-l’oeil, la Francia è proprio dietro l’angolo! Percorriamo con passo lento la bella Terrasse Dufferin, una passerella di quasi mezzo chilometro con assi di legno, sovrastata dallo Chateau Frontenac, dal nome del Governatore della Nuova Francia, costruito nel 1893 dalla Canadian Pacific Railway e teatro dell’incontro fra gli strateghi alleati che pianificarono l’operazione Overland, cioè lo sbarco in Normandia! Godiamo di una magnifica vista sui tetti della città bassa, sul porto con ancorate l’Atlantica, la Queen Victoria e la Grand Princess e sulle sponde opposte del San Lorenzo. Dalla Terrazza si accede al percorso lungo le fortificazioni della Citadelle. Questa estesa struttura difensiva in cima allo sperone roccioso iniziata dai francesi a metà settecento e terminata dagli inglesi nel 1830 ha la classica forma a stella, di epoca barocca con dei bastioni sporgenti, fossati e terrapieni. Usufruiamo di una visita guidata tenuta da uno studente ed in lingua francese, visitando anche la polveriera convertita nel Museo del Reggimento. Tale fortificazione è infatti la sede del 22° Reggimento Reale, il prestigioso reggimento francofono dell’esercito canadese, distintosi nella prima e seconda guerra mondiale, in Corea ed attualmente in forza con azioni umanitarie presso teatri di guerra. Il loro blasone è il castoro con il già citato motto Je me souviens. Purtroppo il Cambio della Guardia e la Ritirata vengono proposte sono da giugno ad agosto. Dalle fortificazioni vediamo la Plaines d’ Abraham teatro della battaglia che mise fine al regime francese ed attraverso la Promenade des Gouverneur, una passerella sospesa alla parte anteriore dello sperone roccioso, rientriamo nella città alta, fermandoci a pranzo in uno dei bar con tavolini all’aperto della romantica Place d’Armes.
          Il pomeriggio è dedicato nuovamente alla città bassa ed allo shopping, il magasinage come dicono i quebecchesi. Acquistiamo prodotti gastronomici a base di acero, buffe magliette con orsi ed alci, quindi a piedi rientriamo in nave .

          Il mio consiglio è di effettuare escursioni da soli, noi abbiamo avuto la fortuna di arrivare un giorno prima dll'imbarco ma anche con i tempi stretti conviene muoversi con i propri tempi. La cascate possono essere visitate prendendo un taxi dal centro città , eventualmente facendosi portare sulla sommità scendendo poi a piedi lungo la scalinata.
          Francesca


          ### Crew Member ###


          Vivere per apparire è la maledizione di molti, viaggiare per essere è il privilegio di pochi !

          Comment


          • #6
            Re: Quebec City

            qualcuno di voi è stato in canada a marzo?? mi potete dare qualche informazione a riguardo??Noi faremo la crociera che parte da miami e risale la costa fino a quebec city(a marzo 2011).. mi potete dare qualcche consiglio? è buono come periodo?cosa si puo' vedere a marzo in canada?? Spero che qualcuno ci sia stato e potra' darmi delle info a riguardo.. :P Grazie

            Comment


            • #7
              Re: Quebec City

              Non sono mai stato a Québec in primavera, qualche informazione in generale la trovi qui:
              http://www.bonjourquebec.com/it-it/printemps2.html
              Roberto

              Comment


              • #8
                Re: Quebec City

                Originariamente Scritto da simonuccia1984
                qualcuno di voi è stato in canada a marzo?? mi potete dare qualche informazione a riguardo??Noi faremo la crociera che parte da miami e risale la costa fino a quebec city(a marzo 2011).. mi potete dare qualcche consiglio? è buono come periodo?cosa si puo' vedere a marzo in canada?? Spero che qualcuno ci sia stato e potra' darmi delle info a riguardo.. :P Grazie
                Puoi visitare la città, molto carina e a misura d'uomo. A marzo potrebbe fare ancora molto freddo e nevicare, quindi capi invernali necessari ( piumini o giacconi, cuffie, sciarpe e guanti; due giorni fa, minima -19 e massima -2! ).
                Appena fuori la città ci sono le cascate di Montmorency oppure noleggiando un'auto puoi fare "le chemin du Roi", una strada lungo le rive del San Lorenzo che si snoda in direzione Montreal.
                Ciao
                Maurizio
                Co-fondatore di Crocieristi.it

                Comment


                • #9
                  Re: Quebec City

                  Originariamente Scritto da simonuccia1984
                  qualcuno di voi è stato in canada a marzo?? mi potete dare qualche informazione a riguardo??Noi faremo la crociera che parte da miami e risale la costa fino a quebec city(a marzo 2011).. mi potete dare qualcche consiglio? è buono come periodo?cosa si puo' vedere a marzo in canada?? Spero che qualcuno ci sia stato e potra' darmi delle info a riguardo.. :P Grazie
                  Perchè non l'hai fatta quest'anno che andavamo assieme???
                  al ritorno ti racconto com'è il tempo in primavera intanto siamo a - 10 dalla partenza
                  ciao roby
                  1988 "La Palma" , 1997 Costa Marina, 2004 Costa Victoria,2005- 2006 Costa Fortuna
                  2007 Costa Classica, 2008 Costa Concordia, 2009 Costa Marina, 2010 Costa Atlantica, 2012 2014 Costa Fascinosa, 2015 Costa Fortuna, 2016 Costa NeoClassica

                  Comment


                  • #10
                    Re: Quebec City

                    Buona crociera Roberta !
                    Oggi a Quebec sono 3 gradi con pioggia , brrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr.
                    Sper che tu troverai un tempo più clemente , divertiti e al tuo ritorno racontaci come è andata , grazie .
                    Do not argue with an idiot . He will drag you down to his level and beat you with experience

                    Comment


                    • #11
                      Re: Quebec City

                      Eccomi di ritorno.......per quanto riguarda il tempo devo dire che non è stato per niente clemente..
                      da new york in su sempre nuvolo pioggia e freddo.....
                      a sydney e charlottetown c'erano due gradi e un freddo terribile a causa del vento
                      a quebec facevano 15 gradi e comunque alla sera era freschino......
                      da boston in su non c'era nenche una foglia negli alberi e un fiore nei giardini...tutto spoglio saranno stati
                      pochi giorni che era andata via la neve.....
                      se devo dare un consiglio credo che questo tipo di crociera sia molto migliore farla in autunno sia per il fogliage
                      che per le temperature
                      1988 "La Palma" , 1997 Costa Marina, 2004 Costa Victoria,2005- 2006 Costa Fortuna
                      2007 Costa Classica, 2008 Costa Concordia, 2009 Costa Marina, 2010 Costa Atlantica, 2012 2014 Costa Fascinosa, 2015 Costa Fortuna, 2016 Costa NeoClassica

                      Comment


                      • #12
                        Re: Quebec City

                        Originariamente Scritto da mariaefiglio
                        ho prenotato per ottobre 2011, il 22 per la precisione e leggendoti, allora, mi pare che come periodo sia migliore, quindi, anche se non credo che troveremo le temperature miti, avremo delle situazioni panoramiche colorate
                        ottima scelta non so che temperature ci siano a fine ottobre ma spero che qualche foglia la possiate vedere
                        1988 "La Palma" , 1997 Costa Marina, 2004 Costa Victoria,2005- 2006 Costa Fortuna
                        2007 Costa Classica, 2008 Costa Concordia, 2009 Costa Marina, 2010 Costa Atlantica, 2012 2014 Costa Fascinosa, 2015 Costa Fortuna, 2016 Costa NeoClassica

                        Comment


                        • #13
                          Re: Quebec City

                          anch'io
                          mio figlio è stato a New York tutto lo scorso agosto è mi dice che quanto meno eviteremo l'umidità estiva che ogni tanto è da infarto, che tenendo presente che partiremo dall'Italia il 22 ottobre e quindi imbarcheremo a Quebec City, in pratica il 23, sono convintissima che le temperature saranno semi invernali, almeno per noi siculi
                          a proposito, come da programma, ci sono quasi due giorni, dall'arrivo in aereoporto a Quebec al momento che la nave lasci il porto,tu cosa hai fatto?
                          quali escursioni propone Costa?

                          Comment


                          • #14
                            Re: Quebec City

                            noi abbiamo fatto l'escursione quebec storico e moderno...abbiamo visitato il centro poi siamo andati alle cascate montgomery....molto belle le cascate
                            ma sinceramente a parte il valore di fare un giro con la guida che ti racconta un pò di storia del centro ......il centro è veramente a pochi passi dalla nave e però calcola che se arrivi in aereo a montreal ci vogliono circa tre ore per arrivare a quebec....comunque per qualsiasi consiglio sono qua
                            1988 "La Palma" , 1997 Costa Marina, 2004 Costa Victoria,2005- 2006 Costa Fortuna
                            2007 Costa Classica, 2008 Costa Concordia, 2009 Costa Marina, 2010 Costa Atlantica, 2012 2014 Costa Fascinosa, 2015 Costa Fortuna, 2016 Costa NeoClassica

                            Comment


                            • #15
                              Re: Quebec City

                              Per avere notizie praticamente in tempo reale sulla situazione del foliage nella regione di Québec:
                              http://www.bonjourquebec.com/qc-en/symp ... eurs0.html
                              Il servizio ovviamente è attivo soltanto durante l'autunno...
                              Roberto

                              Comment

                              Working...
                              X