• Benvenuto\a sul forum di Crocieristi.it, la più grande community italiana sulle crociere.

    Prendi confidenza con il forum leggendo le discussioni presenti, o ricerca l'argomento che più ti interessa attraverso l'apposito form. Per partecipare al forum è necessario registrarsi, ovviamente la registrazione è gratuita e non obbligatoria, non registrarti se per te non è davvero utile. Per eseguire eventuali cancellazioni il tempo previsto è di una settimana.

    Ricorda che il regolamento vieta l'uso di due o più nickname differenti relativi alla stessa persona. Se nel frattempo hai cambiato l'indirizzo e-mail di registrazione contattaci attraverso questo form e specifica il tuo problema assieme alla tua username, la tua vecchia e-mail ed il tuo nuovo indirizzo.

    Hai dimenticato la password? clicca qui

    Per qualsiasi problema TECNICO puoi contattare lo Staff attraverso questo form spiegando DETTAGLIATAMENTE il tuo problema
  • Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio ed i cookie stessi.
  • Ospite, seguici anche sui social!
    Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram Seguici su YouTube

  • Ti andrebbe di condividere sui social, assieme a noi, le tue fotografie ed i tuoi video? Clicca qui!

  • Ciao Ospite e benvenuto su Crocieristi.it, siamo davvero felici di averti a bordo!

    ti invitiamo a leggere il regolamento per una migliore convivenza con gli altri utenti (clicca qui) mentre qui trovi qualche dritta sull'utilizzo del forum

    e poi... che ne dici di presentarti? Clicca qui per accedere alla sezione "il mio primo messaggio" ed apri un nuovo argomento!

Charlottetown

robyanto

New member
Re: Charlottetown

Spero che i crocieristi che sono ritornati dalla bellissima crociera, scrivano qualcosa sulle escursioni
grazie Roberta
 

Roberto B.

Active member
Re: Charlottetown

Cokj72 ha detto:
robyanto ha detto:
Spero che i crocieristi che sono ritornati dalla bellissima crociera, scrivano qualcosa sulle escursioni
grazie Roberta
forse ancora non tornano :roll: :roll: :?:
... purtoppo, almeno per quanto mi riguarda, sono tornato :( Eccome se sono tornato :cry:
Non mi ci fate pensare... :?

Tornando alle escursioni: Charlottetown è molto piccola e non presenta delle grandi attrattive. Esiste un unico molo per l'attracco delle navi da crociera, di conseguenza quando ci sono più navi presenti lo sbarco avviene in rada con le lance.
Molto bella la navigazione turistica durante l'ingresso nella baia di Charlottetown, con le sue scogliere di un colore rosso scuro che contrastano con il verde dei boschi e dei pascoli dell'isola.
Interessante, ma non entusiasmante, l'escursione Tour panoramico dell'isola e Confederation Bridge: si percorrono circa 40 km nel verde della campagna, si visita il ponte che unisce l'isola alla terraferma (New Brunswick), si fa sosta presso un caratteristico paesino di non più di 4 case.
 

robyanto

New member
Re: Charlottetown

ma dal porto si può accedere facilmente a charlottetown a piedi per girare un pò la cittadina.?
 

cirellina

New member
Re: Charlottetown

Sintesi della nostra giornata in città!

La capitale nonché unico vero nucleo urbano della Prince Edward Island, venne fondata nel 1765 dal britannico capitano Holland per sostituire la preesistente capitale francese ed in onore della consorte del re Giorgio III.
L’isola, la più piccola provincia del Canada, fa parte insieme alla Nova Scotia, Newfoundland e New Brunswick delle Provincie Marittime del Canada, è famosa per essere stata la culla della Confederazione. Infatti presso Charlottetown ebbe luogo un incontro fra i politici delle Maritimes cui fecero irruzione alcuni rappresentanti del British Nord America Act per evidenziare la necessità di creare una confederazione di tutte le colonie con poteri centrali da Ottawa ma forti poteri locali. Tale decisione fu sancita dal British Nord America Act del 1867, anche se l’isola ne entrò a far parte solo nel 1873. Chiamata anche provincia giardino vive per lo più di agricoltura, turismo e pesca.
E’ divisa naturalmente in tre zone: la parte orientale (Kings County) con spiagge appartate e piccoli villaggi di pescatori, la parte centrale (Queen County) con la campagna verdeggiante celebrata dalla scrittrice Lucy Maud Montgomery e la parte occidentale (Prince County) noto per la storia degli Acadiani e degli indigeni mi’kmaq
Lo sbarco avviene in lancia, essendo già in porto due navi. Usciamo con comodo quando sono terminate le uscite delle escursioni guidate senza fare la fila. Le strutture del porto turistico sono a pochi metri dalla Founder Hall, vecchia stazione ferroviaria in mattoni rossi a fianco dall’ufficio turistico.
La nostra intenzione principale era vedere il Confederation Bridge, il ponte marino a campata continua più lungo del mondo (13 chilometri su acque soggette a gelo ed alto 60 metri per consentire il passaggio delle navi) una fantastica opera di ingegneria che collega l’isola con la terraferma dal 1997, quindi andare dall’altra parte dell’isola per vedere le famose spiagge di arenaria rossa. Alla fine abbiamo rinunciato alle opere dell’uomo a favore dello spettacolo della natura e con due signore di Milano abbiamo noleggiato un taxi per 3 ore (per 50 $cad a coppia) e ci siamo riempiti gli occhi per il fascino bucolico e l’atmosfera rilassata dell’isola. Seguendo strade deserte della campagna centrale siamo arrivati a Cavendish, nel parco nazionale più piccolo del Canada, che si snoda in una stretta fascia lunga 40 chilometri sulla costa settentrionale. Le dune spesso sono raggiungibili tramite passerelle per non rovinare l’ecosistema e sono caratterizzate dal colore rosso scuro dell’arenaria e da altre rocce sedimentarie e friabili che in molti punti cedono facilmente attraverso l’erosione del mare. Appena dietro le dune ci sono laghi salmastri, foreste e paludi e balza all’occhio il contrasto tra l’arenaria, il verde scuro delle foreste ed i campi verdeggianti coltivati ed immensi campi da golf. Cavendish è anche famoso per aver dato i natali alla scrittrice Montgomery autrice del personaggio di Anna dai capelli rossi , il cui ricordo è diventato più che altro una potente operazione di marketing commerciale!
Rientriamo in città e continuiamo la visita dopo esserci ristoranti con un enorme cappuccino bollente al caramello (era la medium size!). La città ha conservato il disegno urbano originario, con la planimetria a scacchiera. C’è il sole ma tira un forte vento, passeggiamo lungo il Victoria Park, dove si erge il neoclassico e candido edificio della Governement House, residenza del Vicegovernatore e da dove vediamo in lontananza la nostra nave, quindi rientriamo in centro dove il vento è meno impetuoso. Dei gentilissimi vigili del Fuoco ci aprono le porte della loro stazione per ammirare da vicino i “bestioni rossi”. Visitiamo la basilica di St. Dunstan di fronte alla Province House , il Parlamento Provinciale e passeggiamo per le vie con i palazzi di mattoni rossi in stile vittoriano.

La cittadina si può tranquillamente girare a piedi. La lancia arriva porpio a circa 100 metri dall'ufficio informazioni!
 

M

maumor

Guest
Re: Charlottetown

Noi abbiamo nolleggiato un fuoristrada e abbiamo girato l'isola in lungo e largo.. ne vale la pena.. il costo del noleggio poi è ridicolo rapportato alle escursioni. :D
 

robyanto

New member
Re: Charlottetown

molto carina la cittadina ...abbiamo attraccato al porto ma faceva molto freddo
abbiamo girato da soli sennò le escursioni ti portavano a vedere il ponte della confederazione
e la casa di anna dai capelli rossi
 

Dani64

New member
Re: Charlottetown

Che ne pensate di questa escursione proposta da Costa:

TOUR ESCLUSIVO DELL'ISOLA DI PRINCE EDWARD
Descrizione
Abbandoneremo i sentieri più battuti per vivere alcune delle esperienze più autentiche dell'Isola di Prince Edward nella regione orientale della provincia. Il tour parte dall'unica industria vinicola dell'isola, la Rossignol Winery, dove assaggeremo una serie di vini dalle particolari caratteristiche determinate dal clima marino. La degustazione prevede anche una visita dell'azienda, ancora in attività. Ci recheremo poi all'Inn at Bay Fortune per pranzare. Questa ex colonia per artisti è stata trasformata in una locanda con ristorante pluripremiata che si vanta del fatto che tutti gli ingredienti e i prodotti serviti provengono da un'area entro un raggio di 160 km dalla struttura. Il pesce, la carne, le erbe e i prodotti agricoli più freschi vengono combinati per dare vita a un'esperienza gastronomica peculiare dell'isola. Ormai da diverso tempo la pubblicazione "Where to Eat in Canada" annovera l'Inn at Bay Fortune tra i 30 migliori ristoranti del Paese. È poi la volta del Greenwich National Park, dove avremo l'opportunità di immergerci in una dimensione ecologica senza paragoni. Il parco nazionale è rinomato per il suo enorme sistema dunale, che non mancherà di lasciarci senza parole: si tratta infatti di un eccezionale esempio delle bellezze naturali della costa settentrionale dell'isola.

Sono mooolto tentata ;)
 

masca1973

Member
Prima di tutto un saluto...

volevo sapere quando partirai per la crociera che visita Charlottetown.

1000 grazie

Che ne pensate di questa escursione proposta da Costa:

TOUR ESCLUSIVO DELL'ISOLA DI PRINCE EDWARD
Descrizione
Abbandoneremo i sentieri più battuti per vivere alcune delle esperienze più autentiche dell'Isola di Prince Edward nella regione orientale della provincia. Il tour parte dall'unica industria vinicola dell'isola, la Rossignol Winery, dove assaggeremo una serie di vini dalle particolari caratteristiche determinate dal clima marino. La degustazione prevede anche una visita dell'azienda, ancora in attività. Ci recheremo poi all'Inn at Bay Fortune per pranzare. Questa ex colonia per artisti è stata trasformata in una locanda con ristorante pluripremiata che si vanta del fatto che tutti gli ingredienti e i prodotti serviti provengono da un'area entro un raggio di 160 km dalla struttura. Il pesce, la carne, le erbe e i prodotti agricoli più freschi vengono combinati per dare vita a un'esperienza gastronomica peculiare dell'isola. Ormai da diverso tempo la pubblicazione "Where to Eat in Canada" annovera l'Inn at Bay Fortune tra i 30 migliori ristoranti del Paese. È poi la volta del Greenwich National Park, dove avremo l'opportunità di immergerci in una dimensione ecologica senza paragoni. Il parco nazionale è rinomato per il suo enorme sistema dunale, che non mancherà di lasciarci senza parole: si tratta infatti di un eccezionale esempio delle bellezze naturali della costa settentrionale dell'isola.

Sono mooolto tentata ;)
 

Top