Advertising home TOP

Collapse

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Attraversare il Tower Bridge di Londra con la Silver Wind

Collapse
This topic is closed.
X
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • #91
    Grazie Prof, ogni tuo diario una delizia! Itinerari mai banali e soprattutto raccontati con dovizia di particolari.
    La cura per ogni cosa lacqua salata: sudore, lacrime.....o il mare.

    Comment


    • #92
      Grazie ad Angela, luni59 e Carmen e benvenuti tra i lettori di questo diario
      prof

      Comment


      • #93
        La tappa successiva Oslo. Altre volte abbiamo toccato la bella capitale norvegese, per questa occasione puntiamo su due attrazioni finora trascurate: la Fortezza e la Opera House, i due simboli del vecchio e del nuovo di una citt elegante e affascinante
        prof

        Comment


        • #94
          La Fortezza (Akershus Slott) si trova su uno sperone roccioso proprio a difesa del porto. La costruzione inizi nel 1299 con molti suggestivi rimaneggiamenti. Oggi ospita ancora molte cerimonie, il mausoleo reale, alcuni spazi museali ed circondato da un bellissimo parco a disposizione di tutti. la Silver Wind attracca nei pressi e quindi raggiungiamo a piedi la Fortezza e ammiriamo il cortile rinascimentale, creato dopo un incendio nel 1527



          prof

          Comment


          • #95
            All'interno numerose sale spettacolari con arazzi e arredi che rievocano il passato

            Ecco la sala di Cristiano IV, oggi usata per ricevimenti governativi





            E il mausoleo con le tombe dei sovrani

            prof

            Comment


            • #96
              La nuova Opera House di Oslo stata inaugurata nel 2008 e realizzata dallo studio norvegese di architetti Snhetta (quelli per intenderci che hanno realizzato anche la nuova biblioteca ad Alessandria d'Egitto). E' stata utilizzata una enorme quantit di marmo bianco di Carrara e di granito nelle parti pi basse che possono venire a contatto con l'acqua. Non ci sono spigoli ortogonali ma sghembi, a creare l'effetto di lastre di ghiaccio che si sovrappongono. L’intento dei progettisti di ricreare un frammento di pack artico, una sorta di candido spezzone di banchisa. Un volume architettonico definito da una serie di piani inclinati per lo pi praticabili come terrazze pubbliche rivolte verso la baia (compreso il soffitto). L'accesso libero agli spazi e le pendenze non eccessive fanno da stimolo all’incontro e all’aggregazione della gente. Persino lo spiovente che finisce nel mare ha una inclinazione tale da diventare una sorta di solarium dove norvegesi e turisti possono anche distendersi a prendere il sole.





              Spettacolare la vista dall'alto

              prof

              Comment


              • #97
                Ed ecco il solarium spiovente...da cui si pu anche ammirare la Wind attraccata nelle vicinanze

                prof

                Comment


                • #98
                  Oltre al marmo di Carrara (ditte italiane specializzate hanno collaborato alla costruzione della Opera House) c' un altro ingrediente del nostro Paese che concorre a creare il fascino di questo angolo di Oslo. Nel 2010 stata infatti inaugurata l'installazione "She lies" ("Lei giace") di Monica Bonvicini, vincitrice di un concorso internazionale con 157 partecipanti. La scultura rappresenta idealmente una nave prigioniera del pack e si ispira al quadro "Il mare di ghiaccio" (in tedesco Das Eismeer) del pittore romantico Caspar David Friedrich (1824), attualmente custodito presso la Kunsthalle di Amburgo. L'artista ha quindi "tradotto" il dipinto in un'opera scultorea monumentale con una base di 13 x 13 metri dalla quale si innalza una costruzione in acciaio e vetro di 16 metri. Le variazioni delle condizioni meteo si riflettono sull'opera. E lo spettatore pu ammirare l'installazione sempre da una prospettiva diversa, in quanto in continuo movimento e pu ruotare attorno al suo asse a seconda dello spirare del vento e del moto delle onde.
                  Ecco l'installazione



                  e il quadro a cui si ispira

                  prof

                  Comment


                  • #99
                    A sorpresa, all'interno la sala principale dell'Opera House si presenta invece con i toni caldi del legno. L'ambiente dominato dalla presenza dei listelli di quercia, composti a formare rivestimenti dall’andamento sinuoso.

                    Last edited by prof; 08-August-2016, 15:24.
                    prof

                    Comment


                    • A poca distanza dalla Fortezza, si incontra la strada principale e pi elegante di Oslo, la Karl Johans Gate: una passeggiata piacevolissima, tenuta sotto controllo da poliziotti a cavallo, che si conclude con una piccola salita che porta al Palazzo Reale



                      prof

                      Comment


                      • La seconda tappa norvegese Kristiansand, deliziosa cittadina con un centro storico squadrato (chiamato appunto Kvadraturen, quadrilatero) dove impossibile perdersi. L'unico inconveniente stato che quel giorno attraccavano ben tre navi da crociera compresa la nostra, quindi lo sciame di turisti era davvero notevole....

                        prof

                        Comment


                        • Se avete bambini non perdetevi il Dyrepark, zoo e parco acquatico famosissimo in Norvegia. Se volete fare un giro a piedi in centro, tappe obbligate sono la Cattedrale



                          e il quartiere di Posebyen, tutto fatto di casette di legno in gran parte risalenti al Settecento

                          prof

                          Comment


                          • Tutto raggiungibile a piedi e interessante anche il quartiere vicino al porto, con canali e localini e un mercato del pesce coperto molto caratteristico
                            prof

                            Comment


                            • Anche Kristiandand ha una sua Opera House imponente, seconda in Norvegia solo a quella di Oslo. Inaugurata nel 2011, stata progettata dallo studio finalndese Ala Architects e comprende sia la sala concerti che un teatro. Costruita proprio sul mare (quel giorno la Disney Magic aveva attraccato sulla banchina proprio a pochi metri dalla Opera House), visibile da lontanissimo con la sua tipica facciata che riproduce le onde (in rovere locale), pronte a sommergere la grandissima vetrata



                              prof

                              Comment


                              • Complimenti non ho mai visto tanta meraviglia nell'architettura!!!!!

                                Comment

                                Working...
                                X