• Benvenuto\a sul forum di Crocieristi.it, la più grande community italiana sulle crociere.

    Prendi confidenza con il forum leggendo le discussioni presenti, o ricerca l'argomento che più ti interessa attraverso l'apposito form. Per partecipare al forum è necessario registrarsi, ovviamente la registrazione è gratuita e non obbligatoria, non registrarti se per te non è davvero utile. Per eseguire eventuali cancellazioni il tempo previsto è di una settimana.

    Ricorda che il regolamento vieta l'uso di due o più nickname differenti relativi alla stessa persona. Se nel frattempo hai cambiato l'indirizzo e-mail di registrazione contattaci attraverso questo form e specifica il tuo problema assieme alla tua username, la tua vecchia e-mail ed il tuo nuovo indirizzo.

    Hai dimenticato la password? clicca qui

    Per qualsiasi problema TECNICO puoi contattare lo Staff attraverso questo form spiegando DETTAGLIATAMENTE il tuo problema
  • Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio ed i cookie stessi.
  • Ospite, seguici anche sui social!
    Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram Seguici su YouTube

  • Ti andrebbe di condividere sui social, assieme a noi, le tue fotografie ed i tuoi video? Clicca qui!

  • Ciao Ospite e benvenuto su Crocieristi.it, siamo davvero felici di averti a bordo!

    ti invitiamo a leggere il regolamento per una migliore convivenza con gli altri utenti (clicca qui) mentre qui trovi qualche dritta sull'utilizzo del forum

    e poi... che ne dici di presentarti? Clicca qui per accedere alla sezione "il mio primo messaggio" ed apri un nuovo argomento!

Costa Fortuna - Leggende d’Islanda - luglio 2015

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.

DrPianale

New member
Ciao carissimi

E' talmente tanto tempo che non ho tempo (gioco di parole) di fare uno dei miei soliti (foto)diari che non mi ricordavo neppure più la gioia di condividere impressioni o immagini con voi. O forse perché da qualche anno avevo fatto crociere "normali" che non mi avevano dato lo stimolo di impegnarmi tanto a sistemare le mie migliaia di foto, appunti e ricordi...

Togliamoci via subito le due o tre cose su cuoi posso dire che la crociere non è stata da 10 e lode.

1) La Costa Fortuna comincia a sentire il peso dei suoi 12 anni in alcuni particolari di arredamento come le moquette dei corridoi che appaiono in alcuni punti, specie ai piani bassi, un pochino lise... per il resto nulla da dire.
2) La crociera tocca alcuni scali in cui, più che le dimensioni della nave (la Fortuna è la più "piccola" delle "grandi"), crea qualche problema gestire 3.000 passeggeri a terra perché oggettivamente i paesi sono piccoli e più adeguati, rimanendo in Costa, a delle navi delle dimensioni neoCollection (infatti l'anno prossimo la stessa crociera la fa la neoRomantica). Anche alcune escursioni, fatte magari da 10 pullman che vanno negli stessi PICCOLI posti, sono "difficili", più per autisti e guide che devono sincronizzarsi fra loro che per i passeggeri.
3) Più di 1000 passeggeri a bordo era Gold o Gold Pearl, quindi, con il 40% di passeggeri "privilegiati"...i privilegi come la discesa a terra privilegiata per le escursioni non c'erano...e so che più di una persona non è riuscita a prenotare la cena club (ma questo è un problema a monte).

Il resto....tutto perfetto e all'altezza di quello che dovrebbe essere Costa.

Nota di merito all'equipaggio che ho trovato più gentile e sorridente del solito e al cibo che grazie ai menu neocollection (ma con orari fissi) ha raggiunto vette di eccellenza per una crociera non "neo"

I passeggeri erano circa 3000, con la quasi totalità delle cabine occupate, ma ovviamente non da 3 o 4 persone, e il mix di nazionalità era piuttosto variegato. Germanofoni (Tedeschi, Austriaci, ecc) in maggioranza, ma non così tanti da essere sicuramente im maggioranza assoluta come mi era capitato nel 2010 quando su Magica avevo fatto Islanda e Svalbard partendo da Kiel. Dopo i tedeschi c'erano i francesi e gli olandesi (che approfittano dell'Home Port a Amsterdam) e poi spagnoli e italiani.

Itinerario...ottimo, ottimo, ottimo... complice il bel tempo (mai una goccia di pioggia tranne il pomeriggio alle Isole Faroe) è stata una gioia per gli occhi e per i sensi (io soffro il caldo!)

Altra nota di merito alla cabina, che sono delle rarissime e bellissime (IMHO) "esterne con veranda" che esistono solo al ponte 11 delle "vecchiette" Magica e Fortuna e che al posto del balcone aperto hanno la vetrata completa a chiudere e lo spazio del balcone diventa proprio una veranda interna con tavolino e poltrone (al posto delle sdraio)...e quando si va al nord meglio godersi il panorama dietro la vetrata che fuori al freddo! ;)

20150722_142437.jpg


Insomma....potrei dire tantissimo, ma lo dirò con le immagini nelle prossime puntate, qui sotto l'itinerario e se ci sono domanda, sono qui!

leggende-d-islanda.png
 

DrPianale

New member
Giorno 1 - MILANO Linate–> AMSTERDAM (Olanda) – Mercoledì 22 luglio

La nostra crociera inizia su un volo KLM, un una caldissima e affollata mattinata all’Aeroporto di Milano Linate, partiti passiamo sopra il Lago di Como e attraversiamo l’umida calura sopra le Alpi.

20150722_111031.jpg


20150722_111601.jpg



Le pianure fra Germana e Francia ci lasciano e appare la costa olandese del Mare del Nord

20150722_114028.jpg


20150722_121138.jpg


20150722_121202.jpg


20150722_121412.jpg



Ci prepariamo all’atterraggio ad Amsterdam e l’aereo passa proprio sopra l’aeroporto Schiphol

20150722_122148.jpg


20150722_123251.jpg



La navetta ci prende all’Aeroporto e ci porta in città all’imbarco al Palacrociere su Costa Fortuna

20150722_141110.jpg


20150722_142025.jpg



Finalmente a bordo!

20150722_144956.jpg


20150722_145033_stitch.jpg



Di fianco a noi, fermi, il solito traffico di chiatte e navi da crociera fluviali

20150722_162122.jpg


2015-07-22-079.jpg



Sono le 17 in punto quando Costa Fortuna lascia la banchina di Amsterdam passando davanti al centro di Amsterdam e alla zona della stazione e alle tante navi da crociera ormeggiate al terminal delle navi fluviali del Reno

2015-07-22-091.jpg


2015-07-22-094.jpg


2015-07-22-098.jpg


2015-07-22-108_stitch.jpg



Costa Fortuna inizia a percorrere il canale che porta verso il mare del Nord, in mezzo a campi coltivati, ville e strade che passano sotto il canale.

20150722_190603.jpg


20150722_192807.jpg


20150722_191457.jpg


20150722_193421.jpg


20150722_194513.jpg



Arriviamo nell’area delle chiuse di IJmuiden, dove attendiamo un po’ prima di uscire dal canale verso il Mare del Nord. Costa Fortuna lentamente entra nella chiusa che sembra persino più piccola e stretta di lei.

20150722_195844_002.jpg


20150722_195034.jpg


20150722_195554.jpg


20150722_200636.jpg



Si apre! Con manovra millimetrica Costa Fortuna scivola verso il mare aperto passando di fianco a una zona industriale non particolarmente bella da vedere…

20150722_202559.jpg


20150722_202752_001.jpg



La lunga spiaggia sabbiosa della costa olandese e poi il faro, siamo in mare aperto verso nord

20150722_204537_stitch.jpg


20150722_204732.jpg


20150722_205229.jpg



Tutti i dettagli e le foto delle giornata sono qui: Volo, imbarco e partenza da Amsterdam
 

DrPianale

New member
Giorno 2 - Navigazione – Giovedì 23 luglio

Giorno 2 - Navigazione – Giovedì 23 luglio

Giorno 2 - Navigazione – Giovedì 23 luglio

Giornata tranquilla di navigazione nel Mare del Nord verso le Shetland

20150723_105329.jpg


20150723_105436.jpg


20150723_111935.jpg


20150723_143906.jpg



A sera, arrivati in prossimità delle coste scozzesi, ci godiamo il tramonto e il traffico di navi petroliere e piattaforme di estrazione

20150723_204039.jpg


20150723_204101.jpg



Serata in giro per Costa Fortuna, dove spiccano sul soffitto dell’atrio i modelli di tutta la flotta Costa nel 2003 e il modellino del Rex di fronte alla reception

20150723_201907.jpg


20150724_000921.jpg



Tutte le foto e i dettagli sono qui: https://drpianale.wordpress.com/201...slanda-con-costa-fortuna-navigazione-2-di-15/
 

DrPianale

New member
Crociera 2015 – “Leggende d’Islanda” con Costa Fortuna – Lerwick (3 di 15)

Crociera 2015 – “Leggende d’Islanda” con Costa Fortuna – Lerwick (3 di 15)

LERWICK (Scozia) – Venerdì 24 luglio

La prima tappa della crociera è a Lerwick, capitale delle Isole Shetland (Scozia), il tempo è bello e facciamo la seguente escursione di mezza giornata che era saltata per il vento forte nel 2010, quando ero già stato sull’isola con Costa Magica.

ESCURSIONE NATURALISTICA ALL’ISOLA DI MOUSA

Questa escursione è l’ideale per coloro che desiderano conoscere da vicino la natura di un’isola incontaminata abitata da foche e uccelli marini e visitare un torrione di origine preistorica risalente all’età del ferro fra i meglio conservati della Gran Bretagna. Questa escursione esclusiva ci consentirà di penetrare l’essenza di una delle isole più particolari dell’arcipelago delle Shetland. Partendo da Lerwick , ci dirigeremo verso sud lungo la strada costiera stretta tra il mare e le colline del South Mainland. Durante il tragitto per Sandwick incroceremo numerose piccoli centri urbani. Giunti a destinazione, saremo accolti dallo skipper che ci condurrà a bordo del battello diretto alla vicina isola disabitata di Mousa. Durante la traversata con un pizzico di fortuna potremo avvistare i branchi di foche e di focene per cui l’isola è famosa. Le specie di focena a rischio d’estinzione si riparano nello stretto di Mousa da maggio a settembre. Sbarcati sull’isola, visiteremo il celebre Mousa Broch, uno dei più imponenti torrioni di origine preistorica della Scozia. Alto tredici metri (il più alto e meglio conservato di tutta la Gran Bretagna), deve aver assunto molto presumibilmente svariati scopi: fra questi la difesa militare e, data la maestosità, un rilevante valore simbolico. Avremo modo di ammirarne le fattezze misteriose e di interrogarci sulla sua altezza inusitata e sull’incredibile stato di conservazione. Per quale ragione fu costruito? C’è sempre e solo stato questo torrione o esso rappresenta l’unico resto di un antico insediamento? Lungo il tragitto incroceremo un punto panoramico dal quale è possibile avvistare numerose specie di uccelli marini come la sterna coda lunga, lo stercorario maggiore e il labbo, senza contare che l’isola ospita anche circa seicento coppie di procellarie notturne. Per quanto concerne la fauna protetta, insomma, Mousa è un vero e proprio paradiso. Coloro che non sono interessati, potranno visitare e scattare numerose fotografie della e dalla torre, da cui si gode una serie di vedute magnifiche su scenari incontaminati. Risaliti a bordo del battello, faremo ritorno a Lerwick


Costa Fortuna si ferma nella baia davanti a Lerwick sull’isola di Mainland

dscf0010_stitch.jpg


dscf0001_stitch_thumb.jpg


dscf0012.jpg



Con la lancia scendiamo a terra e comincia l’escursione percorrendo l’isola verso sud lungo la costa, fra verdi prati di pascolo per le pecore e spiagge e insenatura

dscf0014_stitch.jpg


dscf0027.jpg


dscf0030_stitch.jpg


dscf0041.jpg



Arriviamo al piccolo approdo di Leebitten, dove sul molo ci aspetta il battello per portarci sull’isola di Mousa

dscf0059_stitch.jpg


dscf0051_stitch_thumb.jpg


dscf0055_stitch.jpg



Salpiamo e ci dirigiamo verso l’isola nostra meta

dscf0072_stitch.jpg


dscf0077.jpg



Dopo 20 minuti, attracchiamo e veniamo accolti dai principali abitanti dell’isola: le pecore

dscf0078.jpg



L’unica costruzione sull’isola è questa casa di pietra dove vivono la coppia di guardiani dei greggi che pascolano liberi. Da qui ci incamminiamo lungo i sentieri, fra pecore, uccelli e resti dei pasti degli uccelli che fanno cadere i crostacei dall’alto per spaccarne il guscio e mangiare l’interno.

dscf0080_stitch.jpg


dscf0087_stitch.jpg


dscf0092.jpg


dscf0095.jpg


dscf0101.jpg


dscf0109.jpg



Ecco il Broch dell’isola di Mousa, il più alto e meglio conservato di tutta la Gran Bretagna.

dscf0113_stitch.jpg


dscf0127.jpg



L’interno è spoglio e aperto sul tetto e si può salire in cima con delle strette e buie scale

dscf01311.jpg


dscf0134.jpg



Oltre il Broch, altre scogliere e colonie di uccelli che si godono il panorama

dscf01361.jpg


20150724_113906.jpg


dscf01591.jpg


dscf0151_stitch.jpg


dscf01551.jpg


dscf0162.jpg


dscf0165.jpg



Da una delle colline più alte dell’isola si gode uno stupendo panorama a 360°

dscf0168_stitch.jpg


dscf0171_stitch.jpg



Tornando verso il “porto” incontriamo la coppia di guardiani intenta a raccogliere torba con la pala

dscf0184.jpg



In lontananza la Costa Fortuna e una petroliera

dscf0189.jpg


20150724_121302_stitch.jpg


20150724_122825_stitch.jpg



Sul molo, pronti per tornare indietro, una foca ci viene a salutare incuriosita

20150724_123638.jpg


dscf0194.jpg



Scendiamo dal piccolo battello e ripercorriamo la strada verso Lerwick

20150724_131039.jpg


20150724_130844.jpg


dscf0213.jpg


dscf0224.jpg



Entrando a Lerwick il pullman fa un piccolo giro turistico della cittadina

dscf02351.jpg


dscf0246.jpg


dscf02383.jpg



L’escursione termina in centro al Lerwick, sul molo principale e approfittiamo per fare un giro per il centro della città

20150724_135056.jpg


20150724_144445.jpg


20150724_135234.jpg


20150724_1405581.jpg


20150724_140603.jpg


20150724_144431_stitch.jpg


20150724_144702.jpg


20150724_145821.jpg


20150724_150810.jpg


20150724_150753.jpg


20150724_151815.jpg



Sosta al pub per una Guiness, e ed è tempo di rimbarcarci con la lancia

dscf02501.jpg


dscf02561.jpg



Alle 18 Costa Fortuna lascia Lerwick e salutiamo le coste delle Shetland puntando verso nord ovest

20150724_162923.jpg


dscf02681.jpg



Tutti i dettagli e le foto della giornata sono qui: https://drpianale.wordpress.com/201...e-dislanda-con-costa-fortuna-lerwick-3-di-15/
 

DrPianale

New member
“Leggende d’Islanda” con Costa Fortuna – navigazione (4 di 15)

“Leggende d’Islanda” con Costa Fortuna – navigazione (4 di 15)

Navigazione – Sabato 25 luglio​

Prosegue la navigazione verso nord, in direzione Islanda, il sole non c’è, ma il Mare di Norvegia è calmo e c’è la visita delle cucine di Costa Fortuna che inizia a termina al ristorante Raffaello

20150725_095947.jpg


20150725_100521_stitch.jpg



20150725_103733.jpg


20150725_104119.jpg



Le coste dell’Islanda non sono più tanto lontane, da pomeriggio veniamo seguiti da vari uccelli marini

dscf0279.jpg



Le giornate ormai sono molto lunghe, è ancora chiaro alle 22,30 quando cominciamo a navigare avvolti nella nebbia con la sirena della nave che periodicamente si fa sentire

20150725_223020.jpg
 

DrPianale

New member
“Leggende d’Islanda” con Costa Fortuna – Seydisfjordur

“Leggende d’Islanda” con Costa Fortuna – Seydisfjordur

Seyðisfjörður (Islanda) – Domenica 26 luglio

L’Islanda ci accoglie nel migliore dei modi! Splende il sole (ma ci sono 6 gradi!) a Seyðisfjörður, piccolo villaggio situato alla fine Eastfjords dove Costa Fortuna si ferma e noi scegliamo la seguente escursione giornaliera


SULLE ORME DEGLI ELFI: L’INCANTEVOLE PAESINO DI BAKKAGEROI E VISITA A UNA COLONIA DI UCCELLI

Lasceremo Seyðisfjörður per imboccare una strada serpeggiante che ci condurrà oltre il valico di Fjardarheidi, costellato da numerose piccole cascate. Oltrepasseremo Egilsstaðir, importante centro economico dell’Islanda orientale, e proseguiremo alla volta del fiordo Borgarfjörður Eystri, rinomato per l’incantevole bellezza del paesaggio. Ci attende una sosta fotografica alla Croce di Njardvikurskridur (Njardvikurscree), un punto difficile da oltrepassare che, secondo un’antica leggenda, sarebbe infestato dagli spiriti.Il placido paesino di Bakkagerði, con una popolazione di circa 100 abitanti, è considerato la casa della colonia più nutrita di Huldufólk, il cosiddetto popolo nascosto del folclore islandese. Accanto al paese si erge un’alta collina rocciosa denominata Alfaborg (ovvero, "la città degli elfi"), da cui il fiordo di Borgarfjörður prende il nome. La chiesa, che sorge a poca distanza dal paese, vanta un bellissimo altare dipinto nel 1914 dal rinomato artista Kjarval, originario di Alfaborg. Una delle mete più gettonate dai visitatori che si avventurano fino a Bakkagerði è Lindarbakki, una curatissima casetta coperta da un prato, a buon diritto considerata un vanto dell’intera comunità. Le parti più antiche risalgono al 1899 e sono state parzialmente rinnovate alcuni anni fa. Nei pressi del porticciolo di Hafnarholmi, avremo occasione di osservare decine di specie di uccelli, tra cui pulcinelle di mare, procellarie artiche e gabbiani tridattili. Come riconoscimento per la cura delle strutture e l’accessibilità ottimale, Hafnarholmi si è aggiudicata la Bandiera blu internazionale. Bastano pochi passi per raggiungere la piattaforma di osservazione, ricca di cartelli informativi sulle specie aviarie che popolano la zona. Prima di fare ritorno a Seyðisfjörður, faremo sosta in un negozietto dove acquistare souvenir realizzati a mano dalla comunità di Borgarfjörður.Gusteremo il pranzo in un ristorante locale.


20150726_090907_stitch2.jpg


20150726_091311_stitch.jpg


20150726_091447.jpg



Scendiamo a terra, saliamo sul pullman ce dovrà fare più di 90km per raggiungere la meta. Dopo aver attraversato Seyðisfjörður imbocchiamo una vallata che ci conduce salendo al valico di Fjardarheidi

dscf0290.jpg


dscf0294.jpg


dscf0311_stitch.jpg



In cima al valico il paesaggio diventa brullo e ghiacciato, come è ancora quasi totalmente ghiacciato il lago artificiale che passiamo

dscf0328.jpg



Scendiamo nella larga valle Egilsstaðir e veniamo avvolti dalla nebbia delle nubi basse…il paesaggio e la strada scompaiono

20150726_094355.jpg


20150726_094622.jpg



Più in basso la nebbia si dirada e inizia la lunga e larga valle del fiume e del lago Lagarfljót, tutta coltivata e piena di fattorie

dscf0348.jpg



La strada lungo la valle non è tutta asfaltata e di fianco a noi i meandri del fiume

dscf0360.jpg


dscf0366.jpg



In fondo alla valle, un lago e il mare, deserto… saliamo di nuovo per attraversare la montagna e scendere verso il fiordo di Borgarfjörður

dscf0383_stitch.jpg


dscf0387.jpg


dscf0393.jpg



Il paesaggio torna a essere brullo, con il mare che si vede in basso sotto di noi

dscf0406_stitch.jpg


20150726_105342.jpg



Quando la strada si avvicina alla costa, si notano delle balene che nuotano increspando l’acqua vicine alla riva e arriviamo alla croce di Njardvikurskridur posizionata in un punto panoramico di rocce vulcaniche nere

dscf0417.jpg


dscf0420.jpg


20150726_110821_stitch.jpg


20150726_110843_stitch.jpg



Arriviamo infine al piccolo paese di Borgarfjörður, decisamente affollato perché la sera e la notte precedente c’è stato un importantissimo festival di musica tradizionale Islandese dedicato agli elfi

dscf0428.jpg


dscf0430.jpg



Lasciamo il paese per dirigerci verso la colonia di pulcinella di mare (Puffin in inglese, Lundi in Islandese), meta del nostro tour

20150726_142916.jpg



Ed eccoli qui, al porticciolo di Hafnarholmi, migliaia di paffin e altri uccelli i posa per noi. Probabilmente abituati alla presenza di umani si lasciano fotografare a pochi passi di distanza, più che in altre colonie che vedremo nei prossimi giorni

dscf0435.jpg


dscf0437.jpg


dscf0442.jpg


dscf0445.jpg


20150726_122655.jpg


dscf0446.jpg


dscf0447.jpg


20150726_122909_stitch.jpg


dscf04491.jpg


dscf0451.jpg


20150726_123522_stitch.jpg



Torniamo a Borgarfjörður per il pranzo (compreso)

dscf0452.jpg


20150726_132335.jpg



Finito il pranzo, giro turistico del piccolo paese (mentre i turisti Islandesi se ne vanno)

20150726_142030.jpg


20150726_142215.jpg


20150726_143023_stitch.jpg


20150726_143710.jpg



Sosta alla collina degli elfi: Alfaborg, meta del festival

20150726_144826.jpg


20150726_144841.jpg



Cala di nuovo la nebbia che arriva dal mare, riprendiamo il pullman per tornare indietro

dscf0464.jpg


dscf0466_stitch.jpg



Di nuovo lungo la valle del fiume Lagarfljót, la nebbia lascia il posto al sole

dscf0492.jpg



Arriviamo a Egilsstaðir per fare una piccola sosta, e ci sembra una metropoli rispetto a quello che abbiamo appena visto…

dscf0503.jpg


dscf0506.jpg



Risaliamo verso il passo di Fjardarheidi

dscf0511_stitch.jpg


dscf0523_stitch.jpg



E scendiamo verso Seyðisfjörður dove ci aspetta la nave

dscf0541.jpg


dscf0552.jpg


dscf0554.jpg



Rimane il tempo per un giro da soli per il piccolo paese

dscf0574.jpg


dscf0579.jpg


dscf0557_stitch.jpg


dscf0561_stitch.jpg


dscf0576.jpg


dscf0569_stitch.jpg



Si sale a bordo e Costa Fortuna lascia il fiordo di Seyðisfjörður

dscf0585_stitch.jpg


dscf0590.jpg


dscf0592.jpg


dscf0594_stitch.jpg



La nebbia marina avvolge il panorama, si alzerà verso mezzanotte regalandoci uno splendido (non) tramonto polare, dato che stiamo navigando così a nord che ormai la notte buia non esiste più

dscf0604_stitch.jpg


dscf0626.jpg


20150727_002058_stitch.jpg



Tutti i dettagli e le foto della giornata sono qui: Escursione: “Sulle orme degli Elfi: l’incantevole paesino di Bakkageroi e visita a una colonia di uccelli” e giro libero a Seyðisfjörður
 

DrPianale

New member
“Leggende d’Islanda” con Costa Fortuna – Akureyri

“Leggende d’Islanda” con Costa Fortuna – Akureyri

AKUREYRI (Islanda) – Domenica 26 luglio

Giornata completa ad Akureyri, il mattino ci dedichiamo a un giro libero del centro cittadino, mentre per il pomeriggio abbiamo prenotato l’escursione

WHALE WATCHING FROM AKUREYRI

L’Islanda è una delle migliori località per ammirare le balene. L’abbondante vita marittima nelle acque circostanti Akureyri fornisce un’area di alimentazione che attrae più di venti specie di balene, delfini e focene. La barca per l’ osservazione le balene dista solo pochi metri a piedi dal porto di Akureyri. Dopo che i membri dell’equipaggio vi avranno dato il benvenuto, l’avventura avrá inizio. La barca salperà dalle acque del fiordo Eyjafjordur e i passeggeri potranno ammirare la bellezza delle alte montagne innevate che delineano il finale del fiordo. La guida informerá i passeggeri rigurdo le molteplici specie che possono essere viste durante il viaggio e cercherá di coinvolgervi nell’avvistamento di questi giganti dell’oceano. Naturalmente, come tutta la natura selvaggia, la visione non puó essere assicurata, anche se la probabilitá di osservare le balene da Akureyri è eccellente; ha il 95% di successo per quanto riguarda l avvistamento. Molte specie sono state avvistate da questo punto, incluse le specie di pinne blu, megattere e altre. Il miglior periodo per ammirare le balene in Islanda è dalla fine della primavera fino alla fine dell’estate. (Maggio-Settembre).



Costa Fortuna attracca in fondo all’Eyjafjörður, il fiordo più lungo dell’Islanda centro-settentrionale, a due passi dal centro cittadino

20150727_093758_stitch_thumb.jpg



Dall’altro parte del porto e della nave l’aeroporto, da cui partono e atterrano aerei civili e militari che sfiorano il fumaiolo della nostra nave!

dscf0636.jpg


20150727_092510.jpg



Scendiamo liberamente a piedi verso il centro

dscf0638.jpg



Il centro cittadino, molto carino e tranquillo

dscf0650_stitch.jpg


dscf0653.jpg


dscf0654.jpg



Pochi passi in cima a una scalinata la Akureyrarkirkja , la chiesa luterana della città dalla cui sommità si gode un panorama stupendo sulla città, il fiordo e la Costa Fortuna che riempie l’orizzonte

dscf0664.jpg


dscf0666.jpg


dscf0667_stitch.jpg



L’interno, spoglio, della Akureyrarkirkja

20150727_110453.jpg


20150727_110430.jpg



Scendiamo per tornare in centro

20150727_110645_stitch.jpg


20150727_110824_stitch.jpg


20150727_113947.jpg


20150727_114144_stitch.jpg



Torniamo alla nave per il pranzo a bordo

20150727_114930.jpg



Nel primo pomeriggio il tempo migliora, e scendiamo per andare a fare l’escursione di avvistamento balene

dscf0712.jpg


dscf0710.jpg



Saliamo sulla nostra barca (e insieme a noi ne parte una più “classica” per la stessa escursione) e cominciamo a percorrere il fiordo Eyjafjörður verso un punto più distante dalla città e più largo

dscf0710.jpg


dscf0721.jpg


dscf0728.jpg


20150727_142027_stitch.jpg



Eccole le due balene, maschio e femmina, inizia la “caccia” all’avvistamento più ravvicinato che durerà più di un ora di sbuffi, pinne, immersioni e emersioni

dscf0743.jpg


dscf0745.jpg


dscf0749.jpg


20150727_144552.jpg


dscf0762.jpg


20150727_150611.jpg


dscf0804.jpg



Dopo quasi due ore di “spettacolo” (e di freddo e vento) il pilota inverte la rotta e torniamo verso Akureyri

20150727_162112.jpg


dscf0816.jpg


20150727_162911_stitch.jpg



Scendiamo dalla barca e c’è il tempo di andarsi a bere una bella cioccolata calda con la panna in uno dei tanti bar del centro

2015-07-27-119.jpg



Non c’è molta gente e torniamo verso la nave, e mentre da noi per le strade del centro ci sono i piccioni, lì passeggiano tranquille le sterne artiche

dscf0819.jpg


dscf0821.jpg



Costa Fortuna parte da Akureyri e percorre il lungo Eyjafjörður verso il Mare Glaciale Artico…ormai siamo talmente a nord che la luce del sole e le nuvole “giocano” fra loro fino alle 22 e oltre

dscf0829.jpg


20150727_200509_stitch.jpg


20150727_204201_stitch.jpg



Il fiordo finisce, entriamo in mare aperto e in quel punto dell’Islanda settentrionale superiamo il Circolo Polare Artico

20150727_213657_stitch.jpg



Tutte le foto e i dettagli della giornata sono qui: Visita libera di Akureyri ed escursione: “Whale Watching” e navigazione lungo il Eyjafjörður
 

DrPianale

New member
ISAFJORD (Islanda) – Martedì 28 luglio​

E’ mattino presto quando Costa Fortuna entra nella scenografica zona dei fiordi occidentali e si ferma nell’nell’Isafjord davanti alla cittadina di Isafjordur. Per il mattino scegliamo la seguente escursione:


ESCURSIONE VIA MARE A HESTEYRI ALLA SCOPERTA DEI FIORDI

Questa rilassante escursione via mare, della durata di 70 minuti per tratta, ci condurrà alla scoperta della penisola di Hornstrandir, uno degli angoli più incontaminati e remoti d’Islanda. Oltre ad ammirare la bellezza del fiordo e una veduta del ghiacciaio di Drangajökull, avremo la possibilità di avvistare l’avifauna locale, per esempio pulcinelle di mare e sterne codalunga. Potrebbe persino capitarci di intravedere delle foche lungo la costa o, se saremo molto fortunati, delle balene che nuotano nel fiordo.Hesteyri, la nostra destinazione, è il punto più occidentale degli Jökulfirðir, i cosiddetti fiordi dei ghiacciai. Quasi privo di aree pianeggianti, questo territorio isolato è incorniciato da ripide scogliere con due bellissime montagne sullo sfondo. Parte di una riserva, è l’habitat ideale per le volpi artiche, che non di rado si lasciano avvistare.Fino agli anni ’50 del Novecento, Hesteyri è stata una piccola comunità dispersa che viveva grazie alla stazione baleniera e alla lavorazione di aringhe. Durante la nostra visita, potremo renderci conto di quanto fossero difficili le condizioni di vita per la popolazione residente, che abbandonò l’area dopo la chiusura degli stabilimenti per la lavorazione di aringhe, nel 1940. Una dozzina di case sono ancora utilizzate come residenze estive. Potremo scoprire di più sulla storia di questo luogo durante una passeggiata di 30 minuti, prima di fare sosta in quella che era la casa del medico locale per un leggero rinfresco. Infine, faremo ritorno all’imbarcazione diretta a Ísafjörður.


Costa Fortuna entra nella zona dei fiordi occidentali e si ferma nell’nell’Isafjord davanti alla cittadina di Isafjordur

20150728_071529_thumb.jpg


20150728_071738_thumb.jpg



Scendiamo in lancia e al piccolo porto di Isafjordur saliamo su un battello che ci condurrà fino all’isola di Hesteyri

dscf0851.jpg


dscf0856.jpg



Scendiamo a terra, l’isola è circondata fa foche sonnacchiose che si riposano sugli scogli

20150728_084412_stitch.jpg


dscf0869.jpg


Ci viene dato un bastone per persona, da sventolare sopra la testa, perché nel giro dell’isola non ci sono solo simpatici e innocui Puffin (le Pulcinella di Mare) e altre specie non “pericolose”, ma anche tantissime sterne artiche a coda lunga che attaccano aggressivamente le persone dall’alto che loro pensano stiano invadendo il territorio rischiando di schiacciare uova e pulcini.

dscf0863.jpg


dscf0880.jpg



Sull’isola vive una famiglia di agricoltori che raccoglie il fieno per le pecore presenti

dscf0873.jpg


20150728_085033_stitch.jpg


dscf0885.jpg


dscf0892.jpg


dscf0902.jpg


dscf0908.jpg



Torniamo verso il “centro” abitato

20150728_090614.jpg


20150728_091432.jpg


dscf0914.jpg


dscf0916.jpg


20150728_092025.jpg



Relax con dolci, torte e bevande calde nella casa più grande

20150728_092300.jpg



L’area più abitata e ossa di balena

20150728_094306.jpg


20150728_094041.jpg


20150728_095023_001_stitch.jpg



Il locale dove tosano le pecore e le “papere” da cortile

20150728_095250.jpg


dscf0938.jpg



Ci godiamo ancora un po’ di natura…

dscf0944.jpg


dscf0961.jpg


dscf0966.jpg



E tempo di tornare verso il piccolo porto.

20150728_101659_thumb.jpg


20150728_100122.jpg



Arriva la barca che ci riporta ad Isafjordur

20150728_101929.jpg


dscf0974.jpg


dscf0989.jpg



Mangiamo in un ristorante questa vecchia zona del porto (dove eravamo già stati nel 2010)

20150728_115055_stitch.jpg


20150728_124549_stitch.jpg


20150728_115650.jpg



Dopo mangiato, il tempo è notevolmente migliorato, e ci dedichiamo a un giro libero di Isafjordur partendo dall’area del porto…

20150728_134559_stitch.jpg


20150728_134719_stitch.jpg


20150728_134733.jpg



…fino ad arrivare al caratteristico centro città

20150728_140146.jpg


20150728_140533.jpg


20150728_141339.jpg


dscf1004_stitch.jpg



Costa Fortuna ci aspetta in rada, è tempo di tornare verso il porto per prendere la lancia

dscf1009_stitch.jpg


dscf1020.jpg



Partiamo dal “Palacrociere” per risalire su Fortuna

2015-07-28-126.jpg


dscf1029.jpg


dscf1042_stitch.jpg



A bordo, relax e sole caldo

dscf1056.jpg


dscf1057.jpg


dscf1052_stitch.jpg



Sono le 20 quando Costa Fortuna parte e naviga nei fiordi occidentali per tornare verso il mare aperto

20150728_195338_stitch.jpg


dscf1067.jpg


20150728_200055.jpg


20150728_200329_stitch.jpg


20150728_201910_stitch.jpg



Dopo le 22 il cielo è ancora chiaro, navighiamo nel Mar Glaciale Artico tenendo sulla sinistra le coste dell’Islanda

dscf1079.jpg


20150728_211155_stitch.jpg



Mezzanotte è passata, ma la notte non c’è…

20150729_000539.jpg



Tutte le foto e i dettagli della giornata sono qui: Escursione: “Escursione via mare a Hesteyri alla scoperta dei fiordi” e visita libera di Isafjordur
 

DrPianale

New member
Grundafjord (Islanda) – Mercoledì 29 luglio - PRIMA PARTE - MATTINO​

Una delle più belle e lunghe escursioni in assoluto, e la più bella (IMHO) fatta in Islanda la "spezzo" in due parti per renderla più fruibile


Giornata completa ad Grundafjord, nel lato nord della penisola occidentale di Snæfellsnes, dove passiamo la giornata completa con la seguente escursione (fatta al contrario rispetto a quanto scritto)


Escursione ‘IL FASCINO DELLA PENISOLA SI SNAEFELLSNES’

Partiti da Grundafjörður, attraverseremo numerosi paesini di pescatori incastonati lungo la suggestiva costa della penisola di Snaefellsnes. Ci dirigeremo verso Snæfellsjökull, il vulcano sormontato da un ghiacciaio e reso famoso dal grande scrittore francese Jules Verne nel romanzo "Viaggio al centro della terra". Oltre a questa cima, che è una delle aree di maggior interesse geologico del paese, la regione vanta importanti vette e vulcani.Effettueremo la prima sosta a Djúpalónssandur, dove
passeggeremo lungo una bella spiaggia di ciottoli, con il curioso rumore dei nostri passi in sottofondo. Oltre all’incanto del paesaggio, questa regione è ricca di interessanti leggende che le conferiscono un fascino misterioso. Dopo un breve percorso in pullman lungo le scogliere di Lóndrangar, arriveremo al paesino di pescatori di Arnarstapi, immerso in un suggestivo scenario caratterizzato da numerose formazioni laviche e dalla presenza di una grande varietà di uccelli. Avremo tempo a disposizione per esplorare la zona prima di salire nuovamente a bordo del nostro pullman alla volta di Búðir, che, oltre al bellissimo paesaggio lavico circostante, vanta una delle poche spiagge di sabbia gialla in Islanda. Qui avremo possibilità di gironzolare e di visitare Búðakirkja, una chiesetta ricca di fascino e di storia. Faremo sosta per il pranzo ad Arnarstapi oppure a Búðir. Da Búðir ci dirigeremo a Stykkishólmur, attraversando la penisola di Snaefellsnes.Lungo il percorso, ci fermeremo a Helgafell, la cosiddetta "Montagna sacra", un luogo molto importante nella letteratura e nella storia islandesi. Secondo la leggenda, questa altura di 73 metri è incantata e tutti coloro che arrivano in cima seguendo alcune semplici regole vedranno esauditi tre desideri. Il paese più grande della penisola di Snaefellsnes, Stykkishólmur è stato un importante centro amministrativo ed economico ed è noto per le sue bellissime case antiche, restaurate con grande gusto. Dopo una breve sosta a Stykkishólmur, faremo ritorno alla nave ormeggiata a Grundafjordur.



La giornata è splendida quando Costa Fortuna attracca in rada a Grundafjord

20150729_081710_stitch_thumb.jpg


20150729_081823_stitch.jpg


dscf1082.jpg



Scendiamo con le lance e inizia l’escursione

dscf1085.jpg



Usciamo dal piccolo paese e andiamo verso ovest, percorrendo la strada costiera, fra mare, laghi e monti

20150729_091228.jpg


dscf1093_stitch_thumb.jpg


dscf1097_stitch.jpg



Il paesaggio cambia, le montagne prima verdi, diventano nere di roccia vulcanica e la terra è una distesa brulla e desertica di vecchie colate laviche

dscf1102.jpg


20150729_091933.jpg


20150729_092251.jpg


20150729_092406.jpg



Arriviamo al villaggio di pescatori di Stykkishólmur dove facciamo una breve sosta per la colazione e un giro al piccolo porto, che comunque è base per navi da crociera come la Ocean Diamond. Il piccolo porto e dominato da una particolare roccia chiamata Stykkið ("il pezzo") da cui si ha una bella vista panoramica.

20150729_094534_stitch.jpg


20150729_100654_stitch_thumb.jpg


20150729_1011290_stitch.jpg


20150729_101824_stitch.jpg


20150729_102113.jpg


20150729_102420.jpg



Riprendiamo il pullman per dirigerci verso Helgafell, la "Montagna sacra" che ospita i resti di Guðrun Osvifsdóttir, eroina delle saghe islandesi.

dscf1133.jpg


dscf1135.jpg



Saliamo i 73 metri che portano alla cima, panoramicissima!

20150729_104937_thumb.jpg


20150729_105433_thumb.jpg


20150729_105713_thumb.jpg



Scendiamo e riprendiamo la strada, attraversando la penisola stretta penisola da nord verso sud

dscf1155.jpg


dscf1157.jpg



Arriviamo nel lato sud della penisola di Snæfellsnes, il paesaggio è più piatto, con le cime nere alle spalle

dscf1170.jpg


dscf1171.jpg


dscf1182.jpg


20150729_121024.jpg


dscf1191.jpg



Sosta nel microscopico paese di Búðir, che, oltre al bellissimo paesaggio lavico circostante, vanta una delle poche spiagge di sabbia gialla in Islanda. Visitiamo anche la chiesetta di Búðakirkja con il suo caratteristico cimitero di fianco

dscf1198.jpg


20150729_124646.jpg


20150729_122532_stitch.jpg


20150729_123006_stitch.jpg


20150729_123523_thumb.jpg


20150729_124756.jpg



Riprendiamo il pullman per dirigerci verso la sosta per il pranzo, di nuovo attraversiamo campi verdi e colate di lava

20150729_125755_stitch.jpg


dscf1209.jpg


20150729_131415.jpg



Sosta per il pranzo in un albergo sopra la scogliera di Lóndrangar con una vista splendida sul mare

20150729_143632.jpg


20150729_143608.jpg


20150729_133554_stitch.jpg


20150729_133614.jpg


dscf1231_stitch.jpg



FINE PRIMA PARTE - MATTINA, CONTINUA PER IL POMERIGGIO...
 

DrPianale

New member
Grundafjord (Islanda) – Mercoledì 29 luglio - SECONDA PARTE - POMERIGGIO


Finito il pranzo riprendiamo il pullman verso hArnarstapi

dscf1237.jpg


20150729_143935.jpg


dscf1244.jpg



Arrivati a Arnarstapi scendiamo a piedi per goderci il panorama del sentiero che passa sull’orlo delle scogliere vulcaniche

20150729_145116_thumb.jpg


20150729_145240_stitch.jpg


20150729_145623_stitch.jpg


dscf1248.jpg


20150729_150023_thumb.jpg


20150729_150222.jpg


20150729_150508.jpg


20150729_150559.jpg


dscf1253.jpg


20150729_151759_stitch.jpg


dscf1261_stitch.jpg


dscf1275_stitch.jpg


dscf1269_stitch.jpg


dscf1281.jpg



Lasciato Arnarstapi ci dirigiamo verso la punta della penisola di Snæfellsnes, sempre più vulcanica, passando accanto a delle formazioni laviche che hanno preso la forma di un Drakkar, la caratteristica nave a vela vichinga.

dscf1288.jpg


dscf1297.jpg


dscf1302.jpg


dscf1308_stitch.jpg


dscf1311.jpg



Sosta alla scogliera e spiaggia nera di Djúpalónssandur. Sulla spiaggia sono presenti dei massi, di pesi diversi, che venivano sollevati dai pescatori locali per definire la loro forza e il ruolo nel lavoro in mare.

dscf1313.jpg


dscf1315.jpg


dscf1317.jpg


dscf1322.jpg



La spiaggia vulcanica, con i resti di una nave naufragata durante una tempesta nel 1948

dscf1325_stitch_stitch_thumb.jpg


dscf1335_stitch.jpg


dscf1340_stitch.jpg


dscf1345_stitch.jpg


dscf1347_stitch.jpg


dscf1349_stitch.jpg


dscf1356_stitch.jpg



Le nuvole che lo coprivano, ora lasciano intravedere il ghiacciaio Snæfellsjökull che ricopre il vulcano Snæfell

dscf1363.jpg


dscf1365.jpg



Proseguiamo il nostro viaggio in pullman nella parte più estrema e selvaggia della penisola Snæfellsnes, sulla punta, vicino a Hellissandur passiamo vicino all’antenna radio Longwave (onda lunga) che è una delle costruzioni più alte dell’Europa occidentale.

dscf1366.jpg


dscf1369.jpg


dscf1370.jpg


dscf1378.jpg


dscf1379.jpg


dscf1387.jpg



La strada costiera ci riporta nel lato nord della penisola, meno vulcanico, e con diversi villaggi di pescatori

dscf1388.jpg


dscf1390.jpg


dscf1399.jpg


dscf1402.jpg


dscf1417.jpg


dscf1422_stitch.jpg


dscf1426_stitch.jpg



Tornati a Grundafjord l’escursione finisce e ci reimbarchiamo su Costa Fortuna che, più tardi, lascia la baia avvolta nella luce del lungo tramonto nordico

dscf1432_stitch.jpg


dscf1436_stitch.jpg


dscf1442_stitch.jpg


dscf1448.jpg


dscf1449.jpg


dscf1451.jpg


dscf1453_stitch.jpg


dscf1458_stitch.jpg


dscf1456.jpg



Usciti in mare, navighiamo nella baia di Faxaflòi verso sud…a sinistra della nave le montagne, a destra un meraviglio tramonto. Sono passate le 23, la notte è bianca.

20150729_212036.jpg


20150729_212127.jpg


20150729_224318.jpg


20150729_225615_stitch.jpg


FINE


Tutti i dettagli e le foto della giornata sono qui: Escursione: ‘Il fascino della penisola di Snaefellsnes” e partenza da Grundafjord
 

DrPianale

New member
REYKJAVIK (Islanda) – Giovedì 30 luglio

Costa Fortuna si ferma a Reykjavík per la giornata intera, non facciamo nessuna escursione e ci dedichiamo alla visita libera della capitale islandese.

Questa la vista dalla nave della città e sui fiordi e monti circostanti

20150730_102040_thumb.jpg


20150730_101958_thumb.jpg


dscf1464.jpg


dscf1475.jpg


dscf1469.jpg



Scendiamo dalla nave e il transfert ci conduce lungo la baia verso il centro, passando accanto allo yacht Octopus di Paul Allen, il cofondatore di Microsoft. Si scende di fronte alla costruzione del National Music & Conference Center

dscf1489.jpg


dscf1493.jpg



Passiamo davanti alla casa del Primo Ministro islandese

20150730_110928.jpg


dscf1498.jpg



Proseguiamo verso la cattedrale di Reykjavík che si trova nella zona più antica della città

20150730_111349.jpg


20150730_111834_stitch2.jpg


20150730_111803_stitch.jpg


20150730_112209_stitch.jpg


20150730_112051.jpg


20150730_112101.jpg


20150730_112140_stitch.jpg


20150730_112426.jpg



Ci avviamo verso il centralissimo lago Tjörnin, con le sue caratteristiche case e l’università

20150730_112713_stitch.jpg


20150730_112929_stitch.jpg


20150730_113153_thumb.jpg


20150730_113227.jpg



Il lago è pieno di papere, oche artiche e varie specie di uccelli che si avvicinano nella speranza che i passanti gli diano qualcosa da mangiare

20150730_113411.jpg


20150730_114151.jpg


dscf1513.jpg



Torniamo verso il centro lungo la strada Lækjargata che collega il lago al porto

20150730_114547.jpg


20150730_114757.jpg


20150730_114625.jpg


20150730_115202_stitch.jpg



Percorriamo corso Hverfisgata dove si concentrano negozi, locali e ristoranti

20150730_115705_stitch.jpg


20150730_120438.jpg



Sosta per il pranzo in un panoramico locale all’inizio della Laugavegur, la “main street” che porta chiesa di Hallgrímur

dscf1515.jpg


20150730_133834.jpg


20150730_135743_stitch.jpg


20150730_135936.jpg


dscf1521.jpg


dscf1522.jpg



Ed ecco, in cima alla strada, la caratteristica Hallgrímskirkja, e la grande piazza con al centro la statua di Leif Erikson il primo europeo a sbarcare nelle Americhe

20150730_141747_stitch.jpg


20150730_141839.jpg


20150730_142009_stitch.jpg



L’interno della chiesa, con il suo organo, spoglio in puro stile nordico

20150730_142141_stitch.jpg


20150730_142314_stitch.jpg


20150730_142326.jpg


20150730_143002_stitch.jpg


dscf1525.jpg



Passiamo dietro la Hallgrímskirkja e riprendiamo la strada Hverfisgata dal punto più alto e esterno, quello meno commerciale e più residenziale, e andando verso il mare

20150730_143721.jpg


dscf1528.jpg


dscf1523.jpg


dscf1532.jpg


20150730_150716.jpg


dscf1535.jpg


20150730_151830.jpg


dscf1545.jpg


dscf1549.jpg


dscf1550.jpg


dscf1552.jpg


dscf1556.jpg



Torniamo al National Music & Conference Center per prendere la navetta per il porto

20150730_164116.jpg



Costa Fortuna salpa da Reykjavík ed entra nel golfo Faxaflói e saluta definitivamente le coste dell’Islanda

dscf1572.jpg


dscf1573_stitch.jpg


dscf1575_stitch.jpg


dscf1580_stitch.jpg


20150730_200120_stitch.jpg


20150730_195955.jpg



Tutte i dettagli e le foto della giornata sono qui: Visita libera di Reykjavik e partenza dall’Islanda
 

DrPianale

New member
Crociera 2015 – “Leggende d’Islanda” con Costa Fortuna – navigazione

Crociera 2015 – “Leggende d’Islanda” con Costa Fortuna – navigazione

Navigazione – Venerdì 31 luglio

Costa Fortuna procede verso sud, in pieno Atlantico settentrionale fra l’Islanda e le Fær Øer.

Il tempo e il mare non è dei migliori, c’è vento e si balla un po’

20150731_091713.jpg


20150731_105416.jpg


20150731_125623.jpg



Il tempo rimane così tutto il giorno, quindi relax completo per la nave

20150731_114027.jpg


20150731_131035.jpg


20150731_154434_stitch.jpg


20150731_172638_stitch.jpg


20150731_172538.jpg


20150731_220451_stitch.jpg


20150731_220748.jpg



Tutti i dettagli e le foto della giornata sono qui: Navigazione in Nord Atlantico
 

DrPianale

New member
TóRSHAVN (Danimarca – Isole Faroe) – Sabato 1 agosto


E’ una bella giornata di sole alle isole Fær Øer dove Costa Fortuna attracca nel piccolo fiordo di Kollafjørður

(e non in rada nella capitale Tórshavn ), per la mattina abbiamo in programma la seguente escursione


PAESAGGI E SAPORI DELLE ISOLE FÆR ØER

A Tórshavn saliremo a bordo del nostro pullman per un percorso di 50 minuti che ci condurrà, oltrepassando placidi villaggi, all’antica stazione baleniera di Við Áir. L’unico ponte sull’Atlantico, come viene talvolta definito, collega l’isola di Eysturoy con l’isola più grande di Streymoy attraverso il canale di Sundini, talmente stretto che il rapido passaggio delle correnti generate dalle maree genera dei curiosi mulinelli. Superato il paesino di Eiði, attraverseremo le montagne diretti al villaggio di Gjógv e, lungo il tragitto, potremo ammirare due particolarissimi faraglioni, Risin og Kellingin (il gigante e la strega). Oltrepassata Slættaratindur, la montagna più alta delle isole Fær Øer, con i suoi 909 metri di altitudine, ci troveremo alla gola di Gjógv: lunga circa 188 metri, costituisce uno splendido porto naturale dove vedremo ormeggiata la flotta peschereccia locale. Faremo sosta nel piccolo albergo del villaggio per un rinfresco a base di frittelle e tè o caffè. Al ritorno, imboccheremo la via di montagna, sostando in un belvedere per goderci una veduta dall’alto della capitale Tórshavn.



20150801_104712_thumb.jpg


20150801_105049.jpg



Scendiamo dalla nave e cominciamo a muoverci lungo i bordi, fra piccoli centri abitati, campi coltivati e montagne fino ad attraversare il ponte che collega le due isole principali

20150801_102318.jpg


20150801_102335.jpg


20150801_103458.jpg


dscf1601.jpg



La strada lascia il bordo del fiordo, sale e dopo una galleria si apre un altopiano con piccoli laghi che scende verso verso il mare

20150801_104124.jpg


20150801_104358.jpg



La strada scende e sotto di noi si vede il piccolo paese di Gjógv, tempo comincia a diventare nuvoloso, ma non piove

20150801_105746.jpg



Il pullman si ferma a Gjógv dove facciamo colazione con caffè e frittelle nell’ostello locale

20150801_121408.jpg


20150801_113443.jpg


20150801_113647.jpg



Dopo la pausa ristoro proseguiamo a piedi verso il mare e la caratteristica piccola gola che viene usata come approdo naturale

20150801_124458.jpg


20150801_114239.jpg



Dal mare risaliamo verso il piccolo centro abitato dove, approfittando della giornata prefestiva, i “locali” stanno facendo una piccola festa con i bambini che giocano nelle gelide acque del ruscello che attraversa il paese, come fosse una piscina.

20150801_114929_thumb.jpg


20150801_115938.jpg


20150801_120047.jpg


dscf1611.jpg



Il giro si conclude con la visita della piccola chiesa di a Gjógv dove, appesa sul soffitto, c’è un modellino di nave come ex voto dei marinai e pescatori locali

20150801_120801.jpg


20150801_120659.jpg


20150801_120853.jpg


20150801-0036.jpg



Il pullman riprende la sua strada, il tempo si sta facendo sempre più scuro..

dscf1649.jpg



Lungo il fiordo passiamo di nuovo affianco alla Costa Fortuna prima di risalire lungo la montagna

dscf1670.jpg


20150801_135253.jpg


dscf1634.jpg



Su un altopiano arriviamo a un punto panoramico dove ci fermiamo per ammirare i due particolarissimi faraglioni, Risin og Kellingin (il gigante e la strega).

20150801_130208.jpg


dscf1641.jpg


dscf1642.jpg



Comincia a piovere, il pullman ci porta verso la capitale, scendo dalle colline verso il porto dove l’escursione guidata finisce.

dscf1681_stitch.jpg



Iniziamo la visita libera della capitale Tórshavn, parendo dall’area vicino al porto dove facciamo una sosta per mangiare fish and cips

2015-08-01-137.jpg



Dopo pranzo piove ancora e riprendiamo la visita

dscf1694_stitch.jpg


dscf1704_stitch.jpg


20150801_161308_stitch.jpg


dscf1708_stitch.jpg


20150801_162806_stitch.jpg



Proseguiamo visitando la piccola penisola di Tinganes, la parte vecchia della città, che è ancora costituita da piccole case di legno, alcune con 500 anni di età

dscf1714.jpg


20150801_164004_stitch.jpg


20150801_164122_thumb.jpg


20150801_164236.jpg


20150801_164353.jpg


dscf1718_stitch.jpg


dscf1716.jpg


dscf1722.jpg


dscf1724_stitch.jpg



Torniamo verso il centro “moderno”, che il sabato pomeriggio risulta curiosamente quasi deserto…

dscf1729_stitch.jpg


dscf1738.jpg


dscf1740.jpg


dscf1741.jpg


dscf1750_stitch.jpg



Nel tardo pomeriggio prendiamo la navetta che ci riporta alla Costa Fortuna

dscf1758.jpg



Alle 22 Costa Fortuna parte dal piccolo fiordo di Kollafjørður e molto lentamente si dirige verso l’Atlantico aperto.

20150801_224029_thumb.jpg


20150801_224137_thumb.jpg


20150801_230009.jpg


20150801_230101.jpg


20150801_230746_thumb.jpg


20150801_232242.jpg




tutte le foto e i dettagli della giornata sono qui: Escursione: “Paesaggi e sapori delle isole Faer Øer” e visita libera di Tórshavn
 

DrPianale

New member
Navigazione – Domenica 2 agosto​

La navigazione procede verso sud, fra le Fær Øer e la Scozia. Il tempo è splendido e l’Atlantico calmissimo

20150802_115001_stitch.jpg



Particolare dell’atrio centrale con tutte le navi Costa sul soffitto

20150802_134725.jpg



Sono rovesciate, ma girando la foto l’effetto rimane notevole e piacevole

20150802_134631.jpg


20150802_133402.jpg



Particolare dei negozi

20150802_134941_stitch.jpg



Il teatro Rex

20150802_140359.jpg



Le passeggiate esterne al ponte 3

20150802_155822.jpg


20150802_155812.jpg



Le targhe commemorative

20150802_160727.jpg



La discoteca Vulcania

20150802_160945.jpg



La cappella di bordo

20150802_161200.jpg



Ci avviciniamo alle coste dell’estremo nord della Scozia

20150802_192441_stitch.jpg



Serata di gala e dell’arrivederci…

20150802_185514_stitch.jpg


20150802_224435.jpg


20150802_232010.jpg



Tutte le foto e i dettagli della giornata sono qui: Navigazione
 

DrPianale

New member
INVERGORDON (Scozia) – Lunedì 3 agosto

Costa Fortuna attracca a Invergordon, in Scozia, dove scendiamo per fare l’escursione giornaliera.

UNA GIORNATA LUNGHO LE SPONDE DI LOCH NESS

Questo tour prevede un’escursione della durata di una giornata lungo le sponde di Loch Ness, il lago più famoso di Scozia, alla ricerca del mitico mostro Nessie che l’ha reso celebre in tutto il mondo. Da Invergordon ci dirigeremo verso sud-ovest, seguendo le rive dell’incantevole Stretto di Cromarty, per poi attraversare Muir of Ord e Beauly ("luogo meraviglioso"), con le suggestive rovine dell’abbazia, e infine raggiungere lo stupendo Loch Ness scendendo lungo il ripido versante di una collina. Si tratta del lago d’acqua dolce più profondo della Gran Bretagna, i cui torbidi fondali hanno dato origine a spaventose leggende e a terrificanti avvistamenti di strane creature, tra cui il suo abitante più famoso, il mostro di Loch Ness. Passeremo davanti al Castello di Urquhart (XIV secolo), che vanta una posizione invidiabile sulle sponde dello specchio d’acqua. Proseguendo verso sud, lungo le sponde alberate del lago, arriveremo a una delle cittadine più grandi della zona, Fort Augustus, originariamente costruita come uno dei quattro forti del governo di Hannover nel tentativo di placare gli insubordinati Highlander giacobiti durante le deportazioni del XVIII secolo. Oggi ospita molti cacciatori di Nessie, negozi di souvenir e il celebre sistema di chiuse del Canale di Caledonia. Dopo un po’ di tempo libero a Fort Augustus, partiremo verso nord lungo l’altra sponda del lago. La prima parte del percorso si snoda attraverso paesaggi spogli e selvaggi, che regalano panorami mozzafiato. Raggiungeremo quindi il villaggio di Foyers, dove ci fermeremo ad ammirare le spumeggianti cascate, immerse in una foresta di pini della Caledonia. Più a nord torneremo a costeggiare il lago, scorgendo il Castello di Urquhart sulla riva opposta. A Dores, dove si trova l’unica spiaggia, è prevista una sosta fotografica. Grazie alla spettacolare posizione panoramica sul lago, questa è la nostra ultima possibilità di avvistare Nessie. L’ultima tappa dell’escursione ci porterà a Inverness, capoluogo delle Highlands. Al termine di una breve visita della città, avremo a disposizione un po’ di tempo per girovagare liberamente per le strade prima di fare ritorno a Invergordon per imbarcarci.



Quando Costa Fortuna attracca c’è la bassa marea e il tempo non è perfetto, ma alle nubi si alterna il sole. Nella baia di Invergordon ci sono diverse piattaforme petrolifere in attesa di riparazioni in quanto l’area è dedicata alla cantieristica delle piattaforme del Mare del Nord

20150803_085414_thumb.jpg


20150803_085530_thumb.jpg


20150803_085649.jpg


dscf1774.jpg



Scendiamo dalla nave e con il pullman percorriamo lo Stretto di Cromarty verso sud

dscf1777_stitch.jpg


dscf1785.jpg


dscf1792.jpg


dscf1790.jpg



Un ponte autostradale attraversa lo stretto e il percorso prosegue tra piccoli paesi e la ondulata campagna scozzese

dscf1793.jpg


dscf1803.jpg


dscf1808.jpg


dscf1816.jpg


dscf1825_stitch.jpg


dscf1831.jpg



Sosta a Drumnadrochit

20150803_105355_stitch.jpg


dscf1841.jpg


dscf1842.jpg


dscf1845_stitch.jpg


20150803_105408_stitch.jpg



Ripartiamo e di fronte a noi si apre la valle con il Loch Ness

dscf1852.jpg


dscf1854_stitch.jpg



Passiamo, senza fermarci, di fianco al Castello di Urquhart

dscf1856.jpg


dscf1857.jpg



L’escursione prosegue lungo le sponde del lago, dove ogni tanto ci fermiamo per dei photo stop

20150803_111527.jpg


20150803_111540.jpg


20150803_113352_stitch.jpg


20150803_113216.jpg



Ci fermiamo per il pranzo e tempo libero a Fort Augustus , sull’estremità sud del Loch Ness, dove ci sono le chiuse del Canale di Caledonia

20150803_115051.jpg


20150803_122446_thumb.jpg


20150803_122939.jpg


20150803_123118.jpg


20150803_123918.jpg


20150803_123926_stitch.jpg


20150803_124046_stitch.jpg


20150803_124627_stitch.jpg


20150803_125904_stitch.jpg


20150803_130133.jpg


20150803_130900.jpg


20150803_130230.jpg


20150803_130925.jpg



Ci rimettiamo in marcia, lasciamo il lago e saliamo verso un altopiano spoglio e selvaggio, che regala panorami mozzafiato sulle Highland scozzesi

dscf1876.jpg


dscf1881.jpg


20150803_132605.jpg


dscf1882.jpg


20150803_133430_stitch.jpg


20150803_133404.jpg



Pausa fotografica nel punto più alto e panoramico, ci siamo solo noi e il vento

20150803_134157_thumb.jpg


dscf1888.jpg



Il percorso prosegue fino ad arrivare a…

dscf1895.jpg


dscf1899_stitch.jpg



… le cascate di Foyers, alte 62 metri e immerse nel bosco

20150803_140830.jpg


20150803_140844.jpg


20150803_141610_stitch.jpg


20150803_142203_stitch.jpg


20150803_143200_stitch.jpg


20150803_143301_stitch.jpg



Riprendiamo il pullman che percorre la sponda sud del Loch Ness fino a fermarci a Dores, per poi ripartire

dscf1907.jpg


dscf1921_stitch.jpg


dscf1927.jpg


dscf1939.jpg


20150803_150758.jpg


20150803_150632_thumb.jpg


dscf1945.jpg



Arriviamo a Inverness è situata alla foce del fiume Ness

dscf1954.jpg


dscf1956.jpg


20150803_154552_stitch.jpg


20150803_154757.jpg



Si scende dal pullman per la visita libera di Inverness, il suo castello e suo lungofiume

20150803_155242.jpg


20150803_155305.jpg


20150803_155729.jpg


20150803_155426_stitch.jpg


dscf1960_stitch.jpg


dscf1962_stitch.jpg


dscf1968_stitch.jpg


dscf1971_stitch.jpg



Il centro cittadino

dscf1975.jpg


dscf1978.jpg


dscf1980_stitch.jpg


dscf1987.jpg


20150803_160855.jpg


dscf1991.jpg


dscf1994_stitch.jpg


dscf1998.jpg


dscf2004_stitch.jpg



Ultima parte del viaggio, lasciamo Inverness e torniamo verso Invergordon attraversando la campagna scozzese e poi lungo le sponde dello Stretto di Cromarty

dscf2018.jpg


dscf2020.jpg


dscf2032.jpg


dscf2047.jpg


dscf2050.jpg


dscf2060_stitch.jpg


dscf2080.jpg



Invergordon

dscf2083.jpg


dscf2085.jpg


dscf2088.jpg


dscf2090.jpg


dscf2092.jpg


dscf2091.jpg



Risaliamo su Costa Fortuna

dscf2097_stitch.jpg


dscf2107_stitch.jpg


dscf2113.jpg



E’ tempo di partire, sul molo una banda in costume scozzese e cornamuse suona per noi

20150803_190137_stitch.jpg


20150803_191156.jpg


dscf2116.jpg


20150803_191730.jpg


20150803_191258_thumb.jpg



Per uscire verso il mare del nord, bisogna percorrere una parte dello Stretto di Cromarty , di fianco alle piattaforme petrolifere

20150803_192310_thumb.jpg


20150803_192513.jpg


20150803_193155.jpg


20150803_193410_stitch.jpg



Alla foce dello Stretto c’è il piccolo paese di Cromarty

dscf2130.jpg


dscf2131.jpg


dscf2132.jpg


20150803_193730.jpg


dscf2143.jpg


20150803_194513.jpg


20150803_194024_thumb.jpg


20150803_194650_thumb.jpg



Costa Fortuna lascia lo Stretto e navighiamo verso sud di fianco alle coste Scozzesi

dscf2161.jpg


dscf2168.jpg


dscf2171.jpg



Al tramonto ci allontaniamo dalla terra...

20150803_211909.jpg



Tutte le foto e dettagli della giornata sono qui: Escursione: “Una giornata intera lungo le sponde di Loch Ness” e partenza con navigazione lungo lo Stretto di Cromarty
 

DrPianale

New member
Navigazione – Martedì 4 agosto


Costa Fortuna naviga verso l’Olanda nel Mare del Nord, il tempo è splendido e gli uccelli seguono la nave

20150804_105557.jpg


dscf2185.jpg



Particolari dell’atrio centrale con le navi della flotta Costa sul soffitto (al contrario)

20150804_110950.jpg


20150804_110809_thumb.jpg


20150802_133402.jpg



Il modellino della Michelangelo all’ingresso del ristorante di poppa e il soffitto sopra di lui con le migliori navi passeggeri Italiane (al contrario)

dscf0703_stitch.jpg


dscf0686.jpg


20150804_115138.jpg


20150804_115146.jpg


20150804_115153.jpg


20150804_115202.jpg



Il modellino del Rex di fianco alla reception

20150724_000903.jpg


20150724_000612.jpg


20150724_000645.jpg


20150724_000913.jpg



La sala giochi Mondo Virtuale

20150804_115028.jpg



La biblioteca

20150804_202611_thumb.jpg



Il Teatro Rex 1932

20150804_170820.jpg



E’ sera e ci godiamo l’ultimo tramonto sul mare…

20150804_191153.jpg


20150804_200851.jpg



Tutti i dettagli e le foto della giornata sono qui: Navigazione
 

DrPianale

New member
AMSTERDAM (Olanda) –> MILANO Linate – Mercoledì 5 agosto

Costa Fortuna attracca al porto di Amsterdam

20150805_085020.jpg


20150805_085131_thumb.jpg



Il transfer per l’aeroporto parte nel primo pomeriggio, abbiamo tutta la mattina libera a disposizione per fare un giro a piedi nel centro città

20150805_095541.jpg


20150805_100033_thumb.jpg




Arriviamo nel quartiere di fronte alla Stazione Centrale, all’inizio del Damrak

20150805_101637.jpg


20150805_101731_stitch.jpg


20150805_101858.jpg


20150805_101937.jpg


20150805_103809_stitch.jpg


20150805_103847_thumb.jpg


20150805_112717.jpg



Sosta in un locale sul canale, il tempo migliora ma è ora di tornare in nave per l’ultima volta

20150805_112717.jpg


20150805_113232.jpg


20150805_113841.jpg


20150805_114126.jpg


20150805_114138.jpg


20150805_114528.jpg


20150805_114959.jpg


20150805_115112.jpg



Il porto delle navi da crociera fluviali

20150805_115701.jpg


20150805_115701.jpg


20150805_120321.jpg



Il porto crocieristico

20150805_120342.jpg


20150805_120637_stitch.jpg


20150805_120842_stitch.jpg



Ultimo pranzo al self service di bordo

20150805_122222.jpg



Il transfert ci porta all’l’aeroporto Schiphol

20150805_140158.jpg


20150805_141032_stitch.jpg



In volo sopra le Alpi…

20150805_180446.jpg


Scendiamo verso l’aeroporto di Linate

20150805_182418.jpg


FINE

Tutte le foto e dettagli della giornata sono qui: Visita libera di Amsterdam e volo verso Linate
 

DrPianale

New member
Riprendo questa mia vecchia discussione perché oggi 16/03/17 come foto del giorno su Bing c'è il broch di Mousa :)

cattura.jpg


LERWICK (Scozia) – Venerdì 24 luglio



Ecco il Broch dell’isola di Mousa, il più alto e meglio conservato di tutta la Gran Bretagna.

dscf0113_stitch.jpg


dscf0127.jpg



L’interno è spoglio e aperto sul tetto e si può salire in cima con delle strette e buie scale

dscf01311.jpg


dscf0134.jpg
 

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top