• Benvenuto\a sul forum di Crocieristi.it, la più grande community italiana sulle crociere.

    Prendi confidenza con il forum leggendo le discussioni presenti, o ricerca l'argomento che più ti interessa attraverso l'apposito form. Per partecipare al forum è necessario registrarsi, ovviamente la registrazione è gratuita e non obbligatoria, non registrarti se per te non è davvero utile. Per eseguire eventuali cancellazioni il tempo previsto è di una settimana.

    Ricorda che il regolamento vieta l'uso di due o più nickname differenti relativi alla stessa persona. Se nel frattempo hai cambiato l'indirizzo e-mail di registrazione contattaci attraverso questo form e specifica il tuo problema assieme alla tua username, la tua vecchia e-mail ed il tuo nuovo indirizzo.

    Hai dimenticato la password? clicca qui

    Per qualsiasi problema TECNICO puoi contattare lo Staff attraverso questo form spiegando DETTAGLIATAMENTE il tuo problema
  • Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio ed i cookie stessi.
  • Ospite, seguici anche sui social!
    Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram Seguici su YouTube

  • Ti andrebbe di condividere sui social, assieme a noi, le tue fotografie ed i tuoi video? Clicca qui!

  • Ciao Ospite e benvenuto su Crocieristi.it, siamo davvero felici di averti a bordo!

    ti invitiamo a leggere il regolamento per una migliore convivenza con gli altri utenti (clicca qui) mentre qui trovi qualche dritta sull'utilizzo del forum

    e poi... che ne dici di presentarti? Clicca qui per accedere alla sezione "il mio primo messaggio" ed apri un nuovo argomento!

Una ricetta al giorno

Crys

Active member
Veramente caruccia quelle linea di piatti, barattoli ed utensili da cucina... mi piace...
 

mariaefiglio

Active member
bene, nel pomeriggio, aggiungo per concludere, le ricette dei due secondi e dei dolci, tanto vitello tonnato e stracciatella le ho postate già un paio di volte
 

mariaefiglio

Active member
ho capito! allora ricetta del

Vitello tonnato

ingredienti
1 carota
2 coste di sedano
1 cipolla
2 foglie di alloro
30 g di prezzemolo
4 g di pepe nero
250 ml di vino bianco secco
Sale
700 g di carne di vitello, taglio magatello o girello o come si chiama nella vostra regione, in un unico pezzo
2 uova sode (di misura grande)
120 ml di olio di oliva
1 osso di manzo (giova solo per insaporire se, non volete non usatelo)
2 litri di acqua o brodo
20 g di capperi dissalati
3 filetti di acciuga
100 grammi di tonno sott’olio sgocciolato
Mezzo limone


Scegliere una pentola che possa contenere 2 litri d’acqua (o brodo), le verdure ben pulite e tagliate grossolanamente a pezzi, la carne e l’osso di manzo.
Aggiungere un pizzico di sale, il pepe, le foglie di alloro, il prezzemolo ed il vino bianco.
Portare a bollore a fuoco moderato e cuocere per circa 2 ore. Eventualmente eliminare la schiuma che affiora.
Una volta cotto il magatello, togliere il pezzo di carne dall’acqua (o brodo) e farla raffreddare su un piatto in modo da poterla successivamente affettare sottilmente, disponendo le fette su un vassoio o piatto da portata.
Nel frattempo che la carne si raffredda, passare a preparare la salsa.
Mettere in un frullatore le uova sode sbriciolate, il tonno sgocciolato, i filetti di acciuga e i capperi.
Aggiungere due o tre cucchiai di fondo di cottura passato al setaccio e portare il frullatore sulla prima velocità.
Mentre il frullatore è azionato, aggiugere l’olio a filo, molto lentamente, finchè tutto il composto non sarà ben montato, e si otterrà una salsa ben amalgamata.
Prima di fermare il frullatore aggiungere il succo di mezzo limone.
Disporre le fettine di vitello tagliate sottili sul piatto da portata, ricoprire ciascuna fettina con una colata di questa salsa tonnata e cospargere tutta la superficie aiutandosi con il dorso di un cucchiaio.
Conservare in frigo ricoprendo con pellicola trasparente fino al momento di servire

DSCN5046_zpsc61c8a9f.jpg


e adesso passiamo al primo secondo

Calamari ripieni al sugo

ingredienti
15 calamari non grandi, già puliti e interi, con le loro brancie a parte
un litro di passata di pomodoro
due spicchi di aglio
un mazzetto di prezzemolo
150 g di pane raffermo messo a bagno nel latte
50 g di mollica di pane grattugiata
8 pomodorini
una manciata di capperi
una presa di zucchero
un pezzetto di peperoncino
olio extravergine di oliva
sale e pepe

Innanzitutto facciamo il sugo: mettere in una capiente padella antiaderente 5 cucchiai di olio e uno spicchio di aglio in camicia (con la buccia e leggermente schiacciato) e farlo rosolare bene (senza bruciarlo!!).
Aggiungere la passata di pomodoro, il peperoncino, un pizzico di zucchero e aggiustare di sale.
Coprire e fare cuocere il tutto a fuoco basso per 15 minuti, poi togliere l’aglio e il peperoncino.
Nel frattempo preparare i calamari: tritare a pezzetti le codine e metterle in un padellino antiaderente con lo spicchio di aglio tritato e 2 cucchiai di olio.
Fare soffriggere il tutto per 5 minuti e aggiungervi un poco di prezzemolo tritato finemente.
Mettere le codine in una ciotola, aggiungere il pan grattato, la mollica di pane strizzata dal latte, il pomodoro che avrete privato della pelle e dei semi e tagliato a quarti, il prezzemolo e i capperi tritati.
Aggiustare di sale e di pepe e aggiungere tanto olio quanto basta ad ottenere un impasto ancora sgranato ma soffice.
Riempire con questo impasto i calamari, se necessario aiutandovi con un cucchiaino ma fate attenzione a non riempirli troppo altrimenti in cottura potrebbero spaccarsi.
Chiuderli con uno stuzzicadenti e metterli nel sugo.
Fare cuocere i calamari dentro il sugo di pomodoro per 15-20 minuti e quando saranno cotti, a fuoco spento, aggiungere al sugo un poco di prezzemolo tritato.
Servire i calamari insieme al loro sugo e alle patate lesse condite con un filo d’olio, guarnendo con un poco di prezzemolo tritato.

DSCN5020_zpsbd3bb345.jpg


DSCN5023_zps355cd037.jpg


DSCN5065_zps5d5e1e16.jpg
 

Ultima modifica:

mariaefiglio

Active member
di niente quando si può
e adesso il secondo "secondo"

Arrosto di tacchino con mortadella

ingredienti
2 fette per un totale di 1 kg circa di coscia di tacchino aperto a libro, pulita dal grasso e disossata
100 g di mortadella a fette non troppo sottili
250 g di erbette lessate e ben strizzate ( bietole e spinaci)
60 g di parmigiano grattugiato
1 panino anche del giorno prima
latte q.b.
1 uovo
olio extravergine d'oliva
maggiorana
peperoncino
brodo vegetale q.b. anche di quelli pronti
burro
sale
pepe

Insaporite in una noce di burro con il peperoncino gli spinaci e le bietole lessati e strizzati, poi salateli, allontanate dal calore e unite il pane ammollato nel latte, il formaggio e l'uovo.
Battete la carne con il batticarne per assottigliarla, salatela,pepatela, adagiate le fette di mortadella e distribuite la farcia alle erbette.
Arrotolate con delicatezza la carne e inseritela nella rete.
Aromatizzate la carne con le foglie di maggiorana.
Trasferite l'arrosto in una pirofila unta, ungetelo con un filo d'olio e infornate a 200° cuocendo per 40 minuti.
Durante la cottura girare l'arrosto e bagnatelo con il brodo caldo.
Quando l'arrosto sarà cotto, sfornate e lasciate raffreddare.
Vi consiglio di preparare l'arrosto il giorno prima, in modo da riuscire a tagliarlo a fette perfette, che porrete in una pirofila da forno e da tavola, a riscaldare per 13/15 minuti a 150° prima di servire.

DSCN5024_zps4919496a.jpg


DSCN5025_zpsc741e54d.jpg


DSCN5029_zps1475f83a.jpg


DSCN5030_zps9e3ad9df.jpg
 

mariaefiglio

Active member
bene e adesso i dolci e finiamo con il menù dei miei 55 anni
ragazze poi, se ne parla dopo la crociera su Diadema, me ne vado in vacanza


Torta ricotta e limone

ingredienti
per la base:
1 uovo
1 tuorlo
85 g di farina
50 g di zucchero
buccia di 1/2 di limone
1/2 cucchiaio di lievito

per lo sciroppo:
70 g di succo di limone
70 g di acqua
120 g di zucchero
4 g di colla di pesce
1 limone

per la farcia:
250 g di ricotta di pecora
250 g di panna
100 g di zucchero a velo

per la decorazione:
frutta fresca e sciroppata

Incominciate a preparare la base montando l'uovo e il tuorlo con lo zucchero e aromatizzate con la buccia grattugiata del limone.
All'impasto aggiungete la farina e il lievito setacciati.
Versate in uno stampo rotondo di cm 20 imburrato e infarinato e infornate a 180° per 12/14 minuti.
Pareggiate la torta fredda e trasferitela nuovamente nello stampo foderato con pellicola trasparente.
Mentre la base è in forno preparate lo sciroppo facendo sobbollire per 5 minuti l'acqua con lo zucchero e il succo di limone.
Allontanate dal calore, ponetene 50 g in una ciotola e scioglietevi la colla di pesce già ammollata in acqua fredda e ben strizzata, poi aromatizzate con la buccia grattugiata del limone.
Quando la base e lo sciroppo sono ormai freddi passiamo a preparare la farcia e quindi sbattete la ricotta con lo zucchero a velo, unite poco alla volta i 50 g di sciroppo con la colla di pesce e miscelate.
Montate la panna e unitela alla ricotta.
Bagnate la superficie della torta con lo sciroppo rimasto.
Ricoprite con la massa di ricotta e livellate.
Ponete in frigo per 3-4 ore.
Prima di servire, sformate il dolce sul piatto da portata, quindi guarnite la superficie con la frutta a fettine.
Io ho usato dall'esterno verso l'interno, lime, albicocche sciroppate, fragole, kiwi e per finire un bel fragolone.

DSCN5031_zps247dc397.jpg


DSCN5032_zps4de6e619.jpg





Mini cannoli siciliani al pistacchio

ingredienti
per le mini "scocce":

200 gr di farina
1 tuorlo d'uovo
2 cucchiai di zucchero
50 gr di burro
un pizzico di sale
un pizzico di vaniglia
buccia di 1 limone non trattato
mezzo bicchiere di marsala
1 Kg e mezzo di strutto
1 limone intero
2 albumi

farcia:
350 g di ricotta di pecora freschissima passata al setaccio
50 g di pasta o crema di pistacchio
100 g di zucchero a velo
1 limone

per decorare:
cioccolato grattugiato
granella di pistacchio

Incominciate a fare le "scocce", almeno 4 giorni prima di doverle usare
Versate in una scodella la farina, lo zucchero, il tuorlo d’uovo (non freddo di frigorifero), il burro fuso a bagnomaria, la vaniglia, la scorza di limone e il sale.
Impastate come se si stessero facendo i biscotti poi aggiungete il marsala.
Lavorate bene, il composto che si presenta appiccicoso.
Create delle piccole palline con la pasta, stirarle aiutandosi con un mattarello o con la macchina per tirare la sfoglia.
Montate a neve gli albumi facendo attenzione che non smontino.
Avvolgete il disco attorno ad una formina per cannoli, (meglio se di canna) con un pizzico degli albumi montati a neve appiccicate i due lembi (si usa come fosse colla).
Riporre in un tegame lo strutto, metterlo sul fuoco, si scioglierà.
Lasciarlo scaldare fino a farlo bollire.
Aggiungete il limone nello strutto fino a quando non si sarà rosolato e a questo punto potete friggere i cannoli nello strutto liquefatto, appena i cannoli saranno dorati metterli a scolare nella carta assorbente.
La dose consentirà di ottenere circa 20 cannoli, che appena freddi mettete a conservare in una scatola di latta.
Il giorno che dovete servire i cannoli, preparate la farcia mescolando la ricotta con lo zucchero a velo.
Unite la pasta di pistacchio e aromatizzate con la buccia grattugiata del limone e mescolate bene.
Coprite la ciotola con la pellicola e ponete in frigo.
Poco prima di servire, ponete la farcia in un sac a poche e farcite i cannoli.
Cospargete le estremità di alcuni cannoli con la granella di pistacchio, altre con il cioccolato fondente grattugiato.
I cannoli vanno consumati in breve tempo.

DSCN5026_zps0cb73190.jpg


DSCN5027_zps5d58be55.jpg


DSCN5028_zpsace55f4d.jpg


DSCN5062_zps9042565d.jpg
 

barbara80

Active member
Maria....
sarai mica in dieta da rientro vero?
mi mancano le tue ricette meravigliose
 

mariaefiglio

Active member
no, dovevo rimettermi un po' dal dispiacere del rientro, sai com'è! e proprio per stasera, visto che il cacao è antidepressivo ho preparato una torta semplicissima ma (forse) buonissima
appena metto avanti le cavie ve la posto
 

barbara80

Active member
io ieri sera ho provato a fare i cookies all'orzo solubile....
avevo dell'orzo della nota marca da finire...mi sono stufata di berlo nel latte e ho trovato una valida alternativa: buonissimi!!!
 

lillj

Well-known member
Ho bisogno di un consiglio da Maria.
Vorrei comperare l'impastatrice, vedo dalle tue ricette che la usi. Ti trovi bene? E' difficile da usare? Se puoi dammi qualche dritta. Grazie
 

mariaefiglio

Active member
con la mia mi trovo benissimo, ormai ha 16 anni ma lavora benissimo ed è facilissima da usare ed è molto maneggevole
adesso ce ne di splendide, partono da 3 kg per arrivare a 20 kg, intendendo per kg l'impasto finale, a seconda del bisogno familiare e poi ci sono le planetarie che, hanno anche altre funzioni e anche queste sono facili sia nel funzionamento che nel maneggio
 

cuochina

New member
Ciao Maria!! Come è venuta la torta al cioccolato :p bellissime le tue ricette, devo provare la torta ricotta e limone! Appena sperimento ti faccio sapere ;)
 

lillj

Well-known member
Prenderei una piccola, siamo in tre in famiglia. Non riesco più ad impastare a mano, e la pasta pronta non piace.
 

mariaefiglio

Active member
Ciao Maria!! Come è venuta la torta al cioccolato :p bellissime le tue ricette, devo provare la torta ricotta e limone! Appena sperimento ti faccio sapere ;)

ciao tesoro, bello riincontrarti qui
la torta è venuta benissimo, sofficissima e giustamente umida, più tardi posto la ricetta
un salutone al simpatico marito

Prenderei una piccola, siamo in tre in famiglia. Non riesco più ad impastare a mano, e la pasta pronta non piace.

la pasta pronta, al 80% è passata di lievito e giustamente il gusto ne risente, anche le migliori sono sempre conservate in modo poco adeguato , meglio prepararla a casa, il risultato è normalmente migliore sotto tanti punti di vista
ci sono impastatrici-planetarie di notissima marca che, incontrerà sicuramente i tuoi gusti, l'ultimissimo modello, costa un po' di più ma, cucina pure anche se personalmente, ne farei a meno ma, se si lavora e si ha pochissimo tempo si potrebbe fare un pensierino altrimenti, solo l'impastatrice.
Si risparmia sui costi e si hanno ottimi risultati.
In ogni caso, e vale per tutti gli elettrodomestici casalinghi, l'importante, è usarli e sperimentarli fino ad arrivare a conoscerne bene le funzionabilità.
 

mariaefiglio

Active member
ed eccomi con la ricetta della

Torta semplice mix di formaggi

ingredienti:
100 g di robiola
100 g di ricotta (io ho usato di pecora)
100 g di mascarpone
60 g di burro morbido
200 g di zucchero di canna
200 g di uova sgusciate
260 g di farina
20 g di cacao
semi di 1 stecca di vaniglia
1 bustina di lievito
2 pizzico di sale

e per decorare
poco zucchero a velo
gelatina di albicocche
scagliette di cioccolato

Unite 100 g di zucchero di canna e le uova, mescolate brevemente, lasciate riposare il composto per 10 minuti, poi montatelo bene.
A parte sbattere insieme la robiola, la ricotta, il mascarpone, il burro e gli altri 100 g di zucchero di canna.
Rendere il tutto molto soffice e sempre continuando a sbattere, unite le uova montate, poi con gradualità, mescolando dal basso verso l'alto con una frustina a mano, inglobate la farina, il cacao, il lievito e il sale setacciati e i semi di vaniglia.
Versate tutto nello stampo di cm 24 di diametro, imburrato e spolverato con farina e passate in forno a 175° per 35/38minuti.
Sfornate e sformatela torta sulla gratella a raffreddare.
Pennellate il bordo con la gelatina di albicocche e ricopritelo con le scagliette di cioccolato, poi spolverate leggermente la superficie con pochissimo zucchero a velo

DSCN5306_zps2016b049.jpg


DSCN5312_zps58cf51a1.jpg


DSCN5307_zps804c9915.jpg


di una morbidezza estrema e poi è anche buonissima


avete visto le foto del pane che ho postato nei 3 mondi?
 

Crys

Active member
Ciao Maria, ho visto ho visto e anche notato che è subito sparita una pagnottella...
Un'informazione riguardo la torta... ma la dose delle uova è in grammi, a quanto corrisponderebbe in numero e grandezza di uova?? Più o meno ovviamente...
E poi, quando dici di montare le uova con lo zucchero, intendi a mano o con le fruste elettriche??
Mi ha ispirato tantissimo e la vorrei preparare magari questo week.. domani compro gli ingredienti che mi mancano..
La vaniglia in stecche in quale reparto del super la trovo?? Se non la trovassi, una bustina di vanillina va bene lo stesso, oppure non ci azzecca nulla???
Grazie in anticipo per le risposte... :)
 

mariaefiglio

Active member
ciao Cristina
allora, per le uova sono pesate sgusciate e sono grammi
normalmente un uovo normale, quindi di media pezzatura, pesa intorno ai 50 g
per montare le uova è consigliabile sempre usare le fruste elettriche, più veloci e con miglior risultato
la vaniglia in stecche la trovi tranquillamente nel reparto dei prodotti per pasticceria e si differenzia dalla vanillina sia nel risultato che nei componenti, mentre la stecca è il frutto della pianta della vaniglia del Madagascar, quindi totalmente naturale, la vanillina in bustine è un prodotto chimico che si utilizza principalmente per aumentare il profumo del dolce, se puoi, ti consiglio di usare i semi della bacca di vaniglia, vedrai che il risultato sarà più ottimale
 

Crys

Active member
Ok, allora seguo i tuoi consigli, anzi magari esco oggi durante la pausa e vado già a comprare gli ingredienti..
Io per i dolci non sono portatissima, speriamo bene...
 

Top