• Benvenuto\a sul forum di Crocieristi.it, la più grande community italiana sulle crociere.

    Prendi confidenza con il forum leggendo le discussioni presenti, o ricerca l'argomento che più ti interessa attraverso l'apposito form. Per partecipare al forum è necessario registrarsi, ovviamente la registrazione è gratuita e non obbligatoria, non registrarti se per te non è davvero utile. Per eseguire eventuali cancellazioni il tempo previsto è di una settimana.

    Ricorda che il regolamento vieta l'uso di due o più nickname differenti relativi alla stessa persona. Se nel frattempo hai cambiato l'indirizzo e-mail di registrazione contattaci attraverso questo form e specifica il tuo problema assieme alla tua username, la tua vecchia e-mail ed il tuo nuovo indirizzo.

    Hai dimenticato la password? clicca qui

    Per qualsiasi problema TECNICO puoi contattare lo Staff attraverso questo form spiegando DETTAGLIATAMENTE il tuo problema
  • Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio ed i cookie stessi.
  • Ospite, seguici anche sui social!
    Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram Seguici su YouTube

  • Ti andrebbe di condividere sui social, assieme a noi, le tue fotografie ed i tuoi video? Clicca qui!

  • Ciao Ospite e benvenuto su Crocieristi.it, siamo davvero felici di averti a bordo!

    ti invitiamo a leggere il regolamento per una migliore convivenza con gli altri utenti (clicca qui) mentre qui trovi qualche dritta sull'utilizzo del forum

    e poi... che ne dici di presentarti? Clicca qui per accedere alla sezione "il mio primo messaggio" ed apri un nuovo argomento!

- Colori d'autunno, il mio viaggio su Costa Firenze - ottobre 2022

capricorno

Super Moderatore
" Nel viaggio c'è un certo sapore di libertà, di semplicità....
un certo fascino dell'orizzonte senza limiti.
del percorso senza ritorno,
della notte senza tetto,
della vita senza il superfluo."
( T.Monod )





IMG_20221030_065234.jpg







Cagliari - 31 ottobre -

Oggi saremo a Cagliari.
La giornata di ieri è trascorsa in un battibaleno, in un crescendo di aspettative per i prossimi scali.
il giorno quasi ci assale....primissima volta che non mi sveglio presto a salutare l'alba che a volte l'anticipo di molto.... è meraviglioso vedere le sfumature del cielo e del mare che prendono vita...
Oggi invece guardando fuori siamo già quasi in arrivo....il sole fa capolino tra le nubi e il porto è lì silenzioso che ci attende, in una città che pare assopita....


IMG-20221031-WA0037.jpgIMG-20221031-WA0036.jpg


Si preannuncia una giornata calda e lo sarà.
Cagliari scalo non nuovo per me ma , come dico sempre, non tutto si conosce ed è sempre un piacere ripercorrere i propri passi . In una precedente crociera ci siamo diretti verso la zona in cui sorge il Santuario dedicato alla Madonna di Bonaria, me ne avevano tanto parlato amici qui sul forum. Ad attendermi in porto due amiche del forum di Cagliari. Una gioia immensa poter abbracciare e dare un volto a coloro con cui si scambiano pensieri, emozioni via web. In quell'occasione mi sono affidata a loro e mi hanno fatto fare un percorso naturalistico molto bello. Avrete capito quale ... Poetto e l'area naturalistica protetta in cui oramai hanno preso casa i felicotteri rosa. Cagliari poi è stata una visione dall'alto del monte.
Oggi cercheremo di entrare tra le sue mura e scoprirla per quanto possibile,in questa giornata , in cui mi affiderò ai pochi appunti presi prima di partire ma come sempre accade mi lascerò guidare " là dove lo sguardo mi porta"....


Con calma la colazione al ristorante lasciando scendere gli escursionisti in modo da essere meno affollata la discesa. La sorpresa che ci attende fuori, un bus sottobordo che ci condurrà al di fuori dell'area portuale e che ritroveremo al ritorno per il percorso inverso, gratuito naturalmente.
Io ricordavo di essere scesa a piedi e di aver raggiunto l'uscita, ma mi rendo conto che l'attracco è in un molo, forse nuovo, un poco più lontano. Poco importa in breve siamo fuori risparmiando anche fatica, le gambe ci serviranno poi per girare in città.

Non aspettatevi un terminal, qui non c'è e neppure un servizio informazioni sul posto, per trovare l'ufficio del turismo dovrete attraversare la piazza antistante ed entrare in questa struttura. A piano terra troverete l'ufficio e il personale, gentilissimo che vi aiuterà nei vari percorsi , dando anche qualche nozione artistica.


IMG_20221031_093330.jpg

Ci incamminiamo poco distante da qui, per la nostra esplorazione della città.....


IMG_20221031_093344.jpg






Continua.....
 

Ultima modifica:

capricorno

Super Moderatore
tzfSurr.jpg




Cagliari ha diversi luoghi d'interesse, oltre ai monumenti, zone archeologiche, musei e centri d'arte, teatri, giardini e parchi sarà difficile fare scelte, ma scelte bisogna pur farne. Ci concentreremo sul centro storico.

Suddiviso in quattro quartieri: Castello, Marina, Stampace e Villanova.

Al quartiere Castello appartiene la cittadella fortificata è il cuore pulsante della vita culturale come il Palazzo della città, la Cittadella dei Musei, il Ghetto e la Cattedrale di Santa Maria. Arroccata sul colle, i suoi fianchi sono fasciati da muraglioni di pietra bianca. Si gira a piedi di stradina in stradina, fra piccoli negozi, botteghe artigiane e lungo il percorso dei Bastioni di Saint Remy e di Santa Croce, dove si affacciano caffè e locali notturni.

Il quartiere Marina è il caratteristico reticolato di strette viuzze che si aprono sulla via Roma e sul porto. oggi quartiere multietnico per eccellenza e meta ideale per una passeggiata, per godere del patrimonio storico e religioso, per lo shopping nelle rinomate vie del centro o per concedersi una pausa ristoratrice in uno dei tanti bar e ristoranti con i tavolini all'aperto.

Il quartiere Stampace, arte, archeologia, natura e fede sono le parole chiave di un itinerario a Stampace, quartiere custode della devozione a Sant'Efisio. Parte da qui la processione che dal 1° al 4 maggio onora un voto solenne di quattro secoli fa e che coinvolge i fedeli dell'intera isola. Qui si trova anche il più importante edificio pubblico dell'isola in epoca romana: l'Anfiteatro. Ha sede qui anche l'orto botanico, giardino inaugurato nel 1866, oggi centro di studi dove è possibile osservare ficus secolari e specie vegetali di tutto il mondo.

Il quartiere Villanova è il quartiere delle esclusive boutique e raffinate botteghe antiche, dalla street art passando per le architetture di Art Nouveau. Villanova oggi è un quartiere dai mille volti ma fortemente ancorato ad una lunga tradizione spirituale. E' teatro delle suggestive tradizioni della settimana santa e ospita la Basilica di San Saturnino, la più antica chiesa della città.

Da queste premesse vi rendete conto di quanto ci sia e naturalmente qualcosa resterà per la prossima volta qui.
Lo scalo quest'oggi non è lungo come i precedenti , dalle 07.00 alle 16.30 orario di partenza.


Si parte incamminandoci verso piazza Jenne, da lì procederemo per primo verso il quartiere Stampace, uno dei più antichi della città. Cominciamo da qui poichè poi ci dovremo spostare lassù......




3cjg8cl.jpg






Lasciando la piazza ci dirigiamo seguendo la nostra mappa, verso un quartiere fatto di case variopinte e vicoli stretti, sembra più una borgata di paese che una città. Qua e là si intravvedono cortili con panni stesi al sole e vasi di basilico sui davanzali....in questo quartiere ci sono numerose chiese molto antiche. La prima ci appare quasi all'istante , molto scenografica tra le case....





RVE4pzb.jpg


qM6EhEE.jpg

IMG_20221031_100332~2.jpg

qUqZSOH.jpg










Chiesa di Sant'Anna.


X6YYj91.jpg








La chiesa si trova nell'antico quartiere Stampace, formatosi in età medievale e importante per la Chiesa di Sant'Efisio, poco distante da essa.
Fu costruita nel 1785, sul luogo in cui sorgeva una chiesa documentata sin dal 1263. Il progetto dell'Architetto piemontese Giuseppe Viana, giunto a Cagliari nel 1770, dopo il successo avuto per la realizzazione della Chiesa del Carmine ad Oristano; ottenne qui il titolo di Architetto Regio per il Regno di Sardegna.

La maestosa chiesa di S. Anna presenta con evidenzia, i tratti del rococò piemontese e ricorda il duomo di Carignano, presso Torino. La fabbrica nel corso degli anni subì rallentamenti per mancanza di fondi. fu bombardata pesantemente durante la guerra e gli accurati rifacimenti le hanno restituito l'aspetto originario. L'edificio si inserisce scenograficamente tra le case del quartiere, preceduto da ampie e sinuose scalinate. La maestosa facciata curvilinea con la parte centrale concava, è divisa in due ordini da una cornice aggettante. Nella parte inferiore, inserite nella parte concava, due coppie di colonne con capitelli ionici inquadrano il portone sormontato da un timpano spezzato a cui corrisponde, nell'ordine superiore, un rosone.

La parte superiore appare invece più luminosa e leggera da cui emergono arretrate rispetto al prospetto, due poderose torri campanarie. Internamente la chiesa presenta un unico grande ambiente, coperto da tre cupole differenti per forma e larghezza. Molto bello e scenografico l'altare.


iEOB8gf.jpg



YJIHB6S.jpg



SJV02zl.jpg



27pZpoe.jpg

IMG_20221031_095445.jpg





A pochi passi dalla chiesa di Sant'Anna vi è l'antica chiesa di Sant' Efisio.


IMG_20221031_101406.jpg


Santo patrono della Sardegna, sorge su un'antica fabbrica, secondo la tradizione luogo della sua carcerazione dovrebbe risalire al 430 d. C.
Purtroppo era chiusa, possiamo solo ammirarne la semplice facciata separata da tre ordini di lesene ioniche, che reca al centro il portale inquadrato da una cornice e sormontato da un timpano curvilineo.

Dalla informazioni che in precedenza avevo preso, risulta che sotto all'attuale chiesa esiste un ipogeo, scavato in profondità nella roccia calcarea, che secondo la tradizione sarebbe il carcere del Santo guerriero sarebbe stato torturato prima di essere decapitato a Nora....peccato veramente di non averli visitati.
stessa sorte per la Chiesa di Santa Restituita , adiacente e chiaramente in uno stato di abbandono.


Vw9jcNv.jpg





Mi viene da fare un paragone con la realtà trovata in altre località italiane dove a cura di volontari o di associazioni i beni del territorio, specie quelli di grande rilevanza storica, vengono resi fruibili al pubblico...basterebbe poco....


Un'ultima chiesa sempre in questo quartiere, subisce la stessa sorte : Chiesa di San Michele

MiHtr9x.jpg


RrW8YqI.jpg







Fu eretta tra il 1664 e 1712, anch'essa nel quartiere Stampace nel centro storico cittadino, si trova alla sommità di una via dove fa da scenario l'esuberante facciata barocca del complesso. Questa versa in condizioni veramente precarie e fatiscenti. Un cartello recita " chiusa per restauro ".........










continua....
 

Ultima modifica:

capricorno

Super Moderatore
efvUHyu.jpg



Il quartiere Castello è il più antico di Cagliari. Essendo uno dei quattro quartieri storici esso raggruppa i principali interessi da vedere della città come la Cattedrale o il Bastione di Sant Remy. Questo quartiere situato su una collina, ospitava i nobili Sardi e le persone benestanti.

Fortificato nel corso del tempo dai Pisani, dagli Aragonesi e dagli Spagnoli è stato il quartier generale delle autorità militari, religiose e civili. Dopo la seconda guerra mondiale le postazioni delle principali istituzioni sarde, furono trasferite qui. Scoprire a piedi le sue piccole strade è davvero molti piacevole, solo i residenti hanno accesso con le auto.

Dato che il quartiere si affaccia su Cagliari e sul mare da quassù si possono cogliere alcuni fantastici punti panoramici lungo i bastioni.

Ci incamminiamo dunque in salita, ovviamente, per cercare un varco , una strada che ci indichi la direzione migliore da prendere. Una lunghissima scalinata ci si para innanzi ma....vicino alla chiesetta antica di Santa Chiara, un varco tra le mura e un cartello indica : ascensore. Un po' titubanti ci avviciniamo non sapendo se funziona, non funziona , dato che molte persone arrivano qui e fanno dietrofront....proviamo e funziona!! In men che non si dica risparmio di 100 scalini!!
Arriviamo ad un terrapieno da cui partono i contrafforti in pietra che fasciano l'intero quartiere, ci dirigiamo senza indugio e a vista verso una torre che si svelerà come essere la Torre dell'elefante.


AbKjDpd.jpg



67Oubbh.jpg



psU7KiK.jpg



pjASTtI.jpg



J9Cy15X.jpg



ix9hx0u.jpg



fN0IXfX.jpg




3OfpEKo.jpg





Esiste ad onor del vero un'altra Torre quella di San Pancrazio che non siamo riusciti a raggiungere, posta esattamente all'altro capo rispetto alla nostra posizione.
Sono ambedue due torri Pisane costruite nel 14° secolo. È possibile salire sulla loro sommità per ammirare il panorama. Quella dell' Elefante oggi è chiusa!

Proseguiamo....dopo aver scattato qualche foto al panorama e anche la chiesa vicina alla torre che presenta una bella facciata è chiusa!
Sicuramente il quartiere Castello merita una seconda visita, poiché ha ben altro da offrire e per poter vedere ciò che non abbiamo trovato disponibile per diversi motivi. Le sue vie strette si prestano molto al girovagare, quello che piace a me, così un po' senza una meta ben precisa. Bisogna mettere in conto la fatica, qui è tutto in salita!!


LNAvMy0.jpg



2T0ggVQ.jpg




Un aneddoto simpatico sulla generosa disponibilità degli abitanti. Una volta giunti oltre la torre dell'Elefante, seguendo la cartina si arriva ad un certo punto in un dedalo vero e proprio di vicoli e qui ci vengono dei dubbi sul dove proseguire per raggiungere la Cattedrale.

Per toglierceli attiviamo Google Maps, ma è peggio.... confusione totale tra il segnale che si perde con poco campo nei vicoli, e Google che sembra impazzito facendoci retrocedere e facendoci scendere. Ma non è possibile?? La cattedrale è sopra, non sotto!!
A questo punto si avvicina un signore che ci dice :" qua si deve sempre salire, ogni strada che sale è quella giusta"....parole sante! Uno dopo l'altro imbocchiamo vicoli rigorosamente in salita e lì c'è la Cattedrale.


KG8JG7Y.jpg




Continua....
 

Gabriele C.

Well-known member
Cagliari ha molto da offrire, tra centro storico, spiagge, luoghi sacri, e dintorni con storia e arte...Alcuni poco conosciuti, per una visita completa occorre appunto documentarsi prima.

Bella passeggiata, Oriana, peccato per alcune chiese e torri chiuse. Nel leggerti, mi sembra comunque che la visita del capoluogo sardo ti sia piaciuta.
 

capricorno

Super Moderatore
Cagliari ha molto da offrire, tra centro storico, spiagge, luoghi sacri, e dintorni con storia e arte...Alcuni poco conosciuti, per una visita completa occorre appunto documentarsi prima.

Bella passeggiata, Oriana, peccato per alcune chiese e torri chiuse. Nel leggerti, mi sembra comunque che la visita del capoluogo sardo ti sia piaciuta.
Si Gabriele, molto e di sicuro ci ritornerò appena ce ne fosse l'opportunità.

Come tu sai amo molto l'archeologia e qui vicino oltre ai nuraghi c'è il sito archeologico di Nora. Ancora una volta delusione totale per le escursioni proposte, Nora neppure contemplata, il nuraghe abbinato ad una degustazione, come dire: sacro e profano... ovviamente dando più risalto al profano.

Dovrò organizzarmi , come al solito , per conto mio se voglio qualcosa in più.
Cara Oriana è bello leggere questo tua diario di viaggio!
Grazie Steve.
 

capricorno

Super Moderatore
Piazza di Palazzo è il luogo dove si trova il Palazzo Reale, il Palazzo episcopale e la cattedrale. I palazzi chiusi e totalmente ricoperti da ponteggi, non abbiamo potuto apprezzarli neppure da fuori.


La Cattedrale di Santa Maria.




PQx6Amj.jpg







Una delle attrazioni da non perdere, ci appare quasi d'improvviso in tutta la sua sfolgorante e chiara bellezza in un contesto buio di case fatiscenti.
Fu edificata nel 13° sec.ma si è gradualmente deteriorata nel corso dei secoli. Tuttavia la facciata rifatta negli anni 30, ha mantenuto lo stile Pisano originale.

All'inizio lo stile barocco domina grazie alla moltitudine di affreschi e sculture. Nella cripta è possibile vedere le 179 reliquie dei martiri, trovate durante gli scavi nei pressi della Basilica di San Saturnino e anche alcune tombe di casa di Savoia.

La sua pianta è a croce latina con dettagli aggiuntivi nel transetto aggiunto nel XIV secolo dai Catalano -Aragonesi dopo aver preso possesso del Castel di Castro, l'attuale quartiere Castello. I nuovi dominatori dotarono la chiesa di due portali laterali modificando l:impianto fatto dai predecessori Pisani. Nel 1612 furono edificati il nuovo Presbiterio e la Cripta/Santuario dei martiri cagliaritani. Ulteriori modifiche interessarono le raffinate cappelle trecentesche, murate per rinforzare i muri perimetrali che svolgevano la funzione di sostegno delle volte e della cupola.


BcPk6s9.jpg



4S5frXN.jpg



DZsRtO1.jpg



MXgqsCn.jpg





Nel 1674 furono completati i lavori di restauro che conferirono al Duomo una fisionomia totalmente nuova e slanciata, esaltando la suggestione e la maestosità, in linea con i canoni del barocco. Dell'impianto originario Pisano si conservò solo la torre campanaria e infine nel 1700, l'antica facciata romanica ispirata alle Cattedrali di Lucca e Pisa, fu sostituita da quella barocca che a sua volta venne demolita negli anni 30, per optare per il nuovo stile Neo-Romanico, volto a ripristinare l'antico e originario prospetto Romanico-Pisano, caratterizzato dal sistema del finto loggiato che vediamo in facciata.


X9bUB50.jpg



KQC6frd.jpg


Per gli amanti dell'arte, mi permetto di inserire un link di comparazione di stile tra questa facciata della cattedrale di Cagliari, con le facciate delle cattedrali di Pisa e Lucca.


https://forum.crocieristi.it/threads/beauty-will-save-the-world.1835041/


È un 3d di un altro mio viaggio.

La facciata esterna è stata costruita con pietra calcarea del colle di Bonaria. Gli elementi originali rimasti sono : i bracci dei transetti, o due rosoni. All'interno, ai lati del portale d'ingresso, sono situati due pulpito derivati da un unico ambone (1158) opera del Maestro Guglielmo di Innsbruck, eseguito per il Duomo di Pisa e donato in seguito alla Cattedrale. La cripta, completamente scavata nella roccia, presenta decorazioni in stucco barocco di tipo siciliano, una rara e sorprendente opera del panorama isolano.



s8mbQci.jpg


La Cripta.


377nAa9.jpg



Nh6wDeh.jpg



bix01lf.jpg



P5ShEzn.jpg



weUjsG1.jpg



Altre immagini...


PloX4Ge.jpg



DIvnoxG.jpg




5F82gDI.jpg



o5yEQ0X.jpg


La piazzetta antistante la cattedrale...

IMG_20221031_104708~2.jpg

IMG_20221031_104444.jpg





Continua....
 

Ultima modifica:

capricorno

Super Moderatore
0tevzc0.jpg




c6INPbi.jpg



HRbhxYF.jpg



wNrjTqO.jpg



iaWlMzq.jpg


IMG_20221031_105125~2.jpg

IMG_20221031_110817~2.jpgIMG_20221031_110608~2.jpg




Una visita decisamente interessante.





Ci immergiamo tra i vicoli di questo quartiere per raggiungere un altro luogo iconico della città.....

IMG_20221031_113118.jpg

IMG_20221031_113125.jpg




Continua......
 

Ultima modifica:

Gabriele C.

Well-known member
Gran bella chiesa, la Cattedrale di Cagliari, non la conoscevo. Mi hanno colpito in particolare per la loro bellezza il pulpito in marmo, con quella scaletta slanciata e finemente decorata, e le due colonne tortili dell'altare laterale con la statua della Madonna e il Bambino.

Mi chiedo perchè i primi costruttori dell'edificio, così ricco e elaborato, non abbiano scelto una piazza un pò più ampia e luminosa, come la maggior parte delle Cattedrali. Peccato...
Mi viene però in mente adesso che non è la sola ad essere così "sacrificata": avete mai visto la cattedrale di Ruvo di Puglia, piccola e stretta tra altri edifici, ma di uno stile e decorazioni uniche e spettacolari?
 

Rodolfo

Super Moderatore
Ai tuoi commenti ormai siamo abituati, ma anche la qualità delle tue fotografie non sono da meno.

Anche io sono stato colpito dalle immagini della Cattedrale
 

Ultima modifica:

capricorno

Super Moderatore
Gran bella chiesa, la Cattedrale di Cagliari, non la conoscevo. Mi hanno colpito in particolare per la loro bellezza il pulpito in marmo, con quella scaletta slanciata e finemente decorata, e le due colonne tortili dell'altare laterale con la statua della Madonna e il Bambino.

Mi chiedo perchè i primi costruttori dell'edificio, così ricco e elaborato, non abbiano scelto una piazza un pò più ampia e luminosa, come la maggior parte delle Cattedrali. Peccato...
Mi viene però in mente adesso che non è la sola ad essere così "sacrificata": avete mai visto la cattedrale di Ruvo di Puglia, piccola e stretta tra altri edifici, ma di uno stile e decorazioni uniche e spettacolari?
Credo che il luogo, la sua conformità non dà altri spazi. Bisognerebbe essere lì per rendersi conto che ogni centimetro di suolo è stato sfruttato. La cattedrale è sul punto più alto ma tra lei e la piccola piazzetta sottostante, vi è chiamiamolo un terrapieno dove è stato costruito il Palazzo di città ( quello dipinto di rosa , nelle foto) , si trova ad un livello inferiore rispetto la cattedrale e così la fila di case che si rincorrono lungo i due assi in posizioni opposte. Anticamente poi si sa di certo che i nuclei abitativi crescevano attorno o ad una chiesa o ad un castello. Questo è sicuramente un borgo molto antico e sfruttato tutto in altezza per la conformità del territorio. È molto interessante ed avendo più tempo credo che possa riservare nuove scoperte. Noi abbiamo, come solitamente , cercato di farci una panoramica generale della città per poi approfondirne in futuro,le conoscenze.

Diciamo che a volte le chiese più " sacrificate" negli spazi sono quelle più suggestive.
 

Top